venerdì 21 lug

Archivio di gennaio 2006

  • Papadopulo, salvaci tu

    E quindi da stasera, nell’assalto al Milan in Coppa Italia, il Palermo sarà guidato in panchina da un nuovo allenatore. Del Neri, anzi il “signor” Del Neri, è ormai un residuato bellico. Ora c’è Papadopulo — quanto ci metterà a diventare “signore” anche lui? — uno che con il cognome che si ritrova qualche raccomandazione con l’Altissimo dovrà pure averla. Basterà a proteggerlo dalle intemperie di Zamparini? Chi può dirlo. Se il presidente ne ha cacciati 32 in una quindicina di anni, cosa gli impedisce di fare al più presto 33? Che poi, come i cabalisti sanno bene, 33 è pure un numero “divino” — gli anni di Cristo — cosa che con un Papadopulo fa giusto pendant. «Viri ca stu Papadopulo è uno buono — commentano gli amici dal signor Franco (senza virgolette, per carità) — questo prende i giocatori e li sbatte al muro. Senza chiacchiere». Naturalmente è quanto dicevano la scorsa estate anche per Del Neri — non ancora degradato a “signore — e che diranno per Novellino, il prossimo della lista secondo quanto ci raccontano i padroni del mercato. Continua »

    Ghiaccioli...online!
  • Lello Arena alla Biblioteca comunale

    Oggi alle 18:00 Lello Arena e Luca De Filippo incontreranno il pubblico nei locali della Biblioteca Comunale (piazza Casa Professa, 1). L’iniziativa s’inserisce nel ciclo di appuntamenti culturali promossi dall’associazione Amici del Teatro Biondo, in collaborazione con la stessa biblioteca, che vedono la partecipazione dei protagonisti della stagione teatrale 2005/2006.

    Palermo
  • “Oh tv…”, conferenza stampa

    Oggi alle ore 11:00 si svolgerà la conferenza stampa di presentazione di Oh tv dal cuore acceso, non m’avessi mai offeso, il nuovo spettacolo di Giuseppe Sorgi che vedrà in scena Il Gruppetto per la regia di Pippo Spicuzza. Lo spettacolo, una parodia della tv, debutterà sabato 4 febbraio al Teatro Orione e replicherà, tutti i sabato e domenica di febbraio.

    Palermo
  • Seguirà la degustazione

    Oggi mi hanno invitato alla presentazione di un libro, in una libreria. Nell’invito è specificato: “seguirà una degustazione”. Perché se si parla di cultura, deve poi seguire un piccolo rinfresco? Cosa c’entra il mangiare? C’entra. Con quella piccola frase aggiuntiva è scongiurato il rischio di vedere la sala vuota. Per mangiare gratis i palermitani si muovono in massa, a qualunque livello d’istruzione. Avete visto la “festa del pane” in questi giorni? Scendendo da Porta Nuova verso i Quattro Canti nel tardo pomeriggio avrete notato una ressa enorme verso Piazza Bologni. Si ha l’impressione che regalino banconote e invece distribuiscono assaggini di pane e pizza, della stessa taglia di quelli che noi a casa destiniamo alla netturbe dopo un’abbuffata.

    Bisognerebbe indagare l’istinto atavico che spinge il palermitano a palpitare ogni qualvolta può mangiare a sbafo. Sembra che quello che è gratis sia anche più buono. Deve essere un retaggio culturale, la preoccupazione ad accaparrare ogni briciola, di quei nostri antenati che dovevano sgobbare una giornata nel latifondo per guadagnare una pagnotta o forse è l’ansia di non rimanere escluso laddove c’è qualcosa da guadagnare, seppure si tratti di un modesto pasto. Una precisazione che tutti gli organizzatori sanno: la degustazione deve seguire non precedere l’evento. Non è la gratitudine che spingerà il pubblico palermitano a restare in sala ad ascoltare l’autore, ma l’aspettativa di essere saziato.

    Palermo
  • Intimidazioni

    Venerdì notte a Corleone è stata incendiata l’auto di Dario Paternostro. Giornalista e sindacalista della CGIL, autore del libro “I corleonesi. Storia dei golpisti di Cosa Nostra” distribuito dall’Unità, Paternostro collabora con Narcomafie e dirige un giornale on line, Città Nuove.

    Certo l’intimidazione ha una valenza locale, ma forse è il caso di domandarsi se il messaggio non sia rivolto anche su scala più generale. Continua »

    Ospiti
  • Tenco per Jazz al Metropolitan

    Luigi Tenco rivive grazie al pianoforte di Enrico Pieranunzi e alla voce di Ada Montellanico nella rassegna Jazz al Metropolitan che stasera alle 21:30 vedrà di scena al Metropolitan (viale Strasburgo, 358) Danza di una ninfa – Tributo a Luigi Tenco. L’ingresso intero costa 22 euro, ridotto con Metropolitan Card a 17 euro compresi diritti di prevendita.

    Palermo
  • Forza Bogdani!

    Lo so che non sono la persona più adatta a parlare della sconfitta del Palermo di ieri: di calcio non ne capisco niente e vi confesso di non avere nemmeno tanta voglia di capirne.

    Il mio interesse invece è sulle cosiddette “comunicazioni sociali”, ovvero sul gigantesco sistema di messaggi che attraverso i mezzi di comunicazione influenza e per certi versi determina la nostra socialità.

    Ecco, la partita di ieri dal punto di vista della socialità ha qualche motivo di interesse per il suo essere rivelatrice di un movimento, ancora allo stato larvale ma che alla lunga non mancherà di mostrarsi nella sua evidenza, quello di una auspicabile e possibile integrazione sostanziale degli immigrati albanesi nella nostra comunità. Continua »

    Palermo
  • Mìn|chia

    Io me lo ricordo quel misto di stupore e imbarazzo nel pubblico del concerto di Jamiroquai al Foro Italico nel 2003. Jason Kay, che è uno un po’ burlone, volle “omaggiare” il pubblico palermitano esordendo con un «MINCHIA!» a mo’ di saluto. E gli andò bene; si prese un applauso gigante.

    Tempo fa, mentre giocavo a Grand Theft Auto III, rimasi sorpreso nel sentire in questo videogioco in inglese la mitica parola: «MINCHIA!». Ok, eravamo nella parte della città sotto il controllo dei malviventi siciliani…

    Insomma, mi sembra di capire che all’estero la parola suddetta sia un po’ sinonimo di sicilianità. Come la gente del concerto mi imbarazzo e sorrido. E vi giro il link a “la pagina minchia”.

    Palermo, Sicilia
  • Esonerato Del Neri

    Luigi Del Neri non è più l’allenatore del Palermo dopo la sconfitta subita contro il Siena stasera allo stadio Renzo Barbera.

    La squadra domani si allenerà agli ordini di Bordon. Domani verrà comunicato il nome del nuovo allenatore dei rosanero che, salvo clamorose sorprese dell’ultimora, dovrebbe essere Giuseppe Papadopulo.

    Palermo
  • I Buddenbrook da Libraria

    Oggi dalle 18:00 alle 20:00 da Libraria (via B. Ricasoli, 29) Leggere! – Incontri e aperitivo con autori e lettori intorno a grandi romanzi.

    Beatrice Monroy legge e racconta I Buddenbrook di Thomas Mann. Si tratta di un romanzo della prima giovinezza di Mann che ricostruisce la decadenza di una famiglia di commercianti tedeschi tracciando un affresco della condizione borghese.

    Palermo
  • Il pane in piazza a piazza Bologni

    Oggi prende il via a piazza Bologni la manifestazione Il pane in piazza, collegata alla terza edizione della Festa nazionale del pane. Durante le quattro giornate, dedicate ai prodotti tipici da forno, sono previste degustazioni guidate dalle 8:00 alle 11:00 e dalle 17:00 alle 21:00 di pane casereccio condito con olio, brioches con cioccolato, uvetta e scorza d’arancia, crostate, sfincione, pizza e biscotti della tradizione palermitana. Il pubblico potrà seguire le fasi della lavorazione del pane.

    La manifestazione è organizzata dall’Associazione Provinciale Panificatori con il supporto dell’assessorato alle Attività produttive e proseguirà fino a martedì 31.

    Palermo
  • Moni Ovadia e la Giornata della memoria

    Arbeit macht frei

    Oggi è la Giornata della memoria. Anche Palermo commemora la liberazione dei prigionieri di Auschwitz, data simbolo della Shoah.

    Alle ore 17:00 a palazzo Steri (piazza Marina) si terrà La sindrome di Caino: incontro con Moni Ovadia, coordinato da Rita Calabrese con l’intervento di Giuseppe Silvestri, Patrizia Lendinara e Michele Cometa.

    Alle 21:15 verrà messo in scena al Metropolitan (viale Strasburgo, 358 – ingresso intero 35 euro, ridotto 25 euro) Goles. Concerto per cantare l’esilio, spettacolo ideato, diretto e interpretato da Moni Ovadia, affiancato dalla voce recitante di Lee Colbert .

    AGGIORNAMENTO: Moni Ovadia non ha potuto raggiungere Palermo per le cattive condizioni atmosferiche.

    Palermo
  • Othello presenta Cerco pace da EXPA

    Oggi alle 19:30 da EXPA conferenza stampa per la presentazione di Cerco pace, il cd che segna il ritorno del rapper palermitano Othello a.k.a. Eddie Palermo.

    Hanno collaborato a Cerco pace Bassi Maestro, Rido, Dj Yaner, Giampiero “Rock” Militello, Umberto Porcaro, Mad Buddy, Gaspare Palazzolo, Dino Triassim, Antonio Zarcone e tutti i Combomastas’.

    Il 29 gennaio al Zsa Zsa Monamour ci sarà la presentazione vera e propria, con l’esibizione live di Othello e della sua crew. Il 3 Febbraio Othello ripeterà la presentazione, in occasione dell’uscita del disco, al Rolling Stones di Milano e sono in programma anche le tappe presso le Messaggerie Musicali di Roma e la FNAC di Torino.

    Othello - Cerco pace

    Palermo
  • Racconti delle crepe al Blow up

    Oggi alle ore 19:00 al Blow up (piazza S. Anna, 18) presentazione del libro Racconti delle crepe – Antologia dell’inquietudine di Andrea Gullotta. Verranno letti alcuni brani tratti dall’opera con il commento musicale degli Akkura.

    Andrea è nato a Taranto e vive a Palermo da otto anni. Ha iniziato a scrivere nel dicembre 2002 al termine di un lungo viaggio.

    La serata del Blow up continuerà alle 22:30 con i Famelika e gli Iridyum.

    Palermo
  • Si commemorano i giornalisti uccisi

    Oggi, anniversario dell’omicidio di Mario Francese, viene celebrata la memoria dei giornalisti uccisi dalla mafia e morti per la libertà di informazione. Sono diverse le iniziative in programma.

    Alle ore 10:00 è prevista, a cura della sezione siciliana dell’Unione cronisti italiani, l’inaugurazione di un cippo in viale Campania, nel luogo in cui il 26 gennaio 1979 fu assassinato Mario Francese.

    Alle 11:30 sarà intitolato memoria di Francese il laboratorio della scuola di giornalismo della Facoltà di Scienze della Formazione (viale delle Scienze, edificio 15). Interverranno tra gli altri il segretario del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Vittorio Roidi, e il presidente del Consiglio siciliano, Franco Nicastro; il preside della facoltà, Patrizia Lendinara; il direttore della scuola di giornalismo, Antonio La Spina, e il direttore del laboratorio e della testata Ateneonline, Natale Conti. Continua »

    Palermo
  • La Spartenza – preview

    Preview pellicole Bordonaro

    “Sono soddisfatto della mia vita passata, un po’ male un po’ bene. Sento il dovere ringraziare Dio ed all’età di 79 anni e 2 mese porto attermini la storia della mia vita passata”.

    Si chiude così il poetico diario di Tommaso Bordonaro nato a Bolognetta all’inizio del Novecento da una famiglia di “bassa contizione povera quasi nella miseria”, primogenito di sette figli maschi che dovranno trovare da vivere in una Sicilia avara di terra e di lavoro. Con una scrittura secca, dolorosa e ibrida, da contadino appena alfabetizzato che mischia genialmente siciliano italiano e inglese, Bordonaro ci ha lasciato un’epica narrazione di lotta per la sopravvivenza, durata una vita intera, in cui ricorrono amore (iniziando da quello della prima moglie: “il mio cuore ne ha amato uno solo cuore, non vuole amarni un altro”) e morte. Nel mezzo di questa lunga esistenza: la “spartenza”, l’emigrazione negli Stati Uniti, espressa nel diario con questo vocabolo che ne sintentizza le due caratteristiche peculiari: la partenza per un nuovo mondo e la divisione dai propri cari e dalla propria terra. Continua »

    Palermo, Sicilia
  • Carissimo fratello Salvatore (n.6)

    Carissimo fratello Salvatore,
    qua siamo tutti malati. In primis perché c’è un freddo che cadono uccelli morti. Minchia fratello, non fare le solite battute che uccidi un uomo morto…. A monte Cuccio c’è la neve e qua tutti i palermitani hanno il cervello findus che ce lo conserviamo per quando aggiorna il tempo. Naturalmente, a parte io, qui sono tutti allittichiati: Rosetta ogni sera si mente davanti al vacile con la manta è si fa il vicsvapurum perché ha il naso chiuso. Desirè ha 39 di febbre e Geiar ha la peri artrite ma non lo capisco perché dice che ci fa male la spalla. Ma allora che c’entrano i piedi? E comunque non era di questa malatia che ti volevo parlare. Lo sai come sono io: ogni cosa che mi succede o che vedo io poi ci penso perché uno deve pensare sempre perché se no uno poi finisce che ci regala la testa agli altri. Continua »

    Carissimo fratello Salvatore