mercoledì 18 ott
  • 10 commenti a “Barca a Mondello”

    1. immaginate di camminare lungo il tratto che và da mondello all’albaria, quando c’erano soltanto vegetazione, mare, e nessun rumore…

    2. …magari al tramonto, a piedi nudi sulla spiaggia deserta, con la salsedine sulla pelle e la brezza tra i capelli…

    3. si, e quand’è che si tromba?

    4. Complimenti questa foto è bellissima!
      Immaginerei Mondello senza le cabidonville! Signori quando ci mettiamo tutti insieme per lottare contro questo schifo?
      Il sito http://www.fascioemartello.it vuole intraprendere questa strada se qualcuno è con noi può scriverci a: postmaster@fascioemartello.it

    5. Bellissima !

    6. L’ultimo mese che ho trascorso a Palermo – fino al 9 novembre – ho (ri)scoperto la bellezza del clima autunnale. Ogni mattina, all’alba, me ne andavo a passeggiare da Valdesi a Mondello, andata e ritorno. A godere della luce ed i colori in incessante mutazione. Certe volte mi bloccavo, letteralmente, dall’estasi, provavo a spiegarmi con le parole i motivi (ed i criteri) di tanta bellezza; ma ad un certo punto il mio cervello si bloccava, dopo un paio di parole non ne voleva più sapere di cercare motivi definizioni aggettivi, non dovevo spiegarmi il senso di tutta quella bellezza, non dovevo.
      Ma alle ore 8 circa arrivavano i palermitani, come un’invasione… fine dell’estasi… anche le voci, il disordine, e i loro rumori cacofonici sembravano violentare la natura.
      Ammetto che per godere in pieno dello spettacolo naturale si deve fare astrazione, eliminare dalla propria vista il decoro urbano approssimativo, il disordine e la sporcizia lasciati dai palermitani in mezzo alle aiuole e sui marciapiedi dissestati.

    Lascia un commento (policy dei commenti)