mercoledì 18 ott
  • Pippo Pollina allo Spasimo

    Stasera alle 21:30 nel complesso di Santa Maria dello Spasimo (via dello Spasimo, 13) si terrà il concerto di Pippo Pollina. Ad accompagnarlo nella sua data palermitana la band Palermo Acoustic Quartet composta da Gaspare Palazzolo (fiati), Luca Lo Bianco (basso), Toti Denaro (batteria) ed Enzo Sutera (chitarre).

    Ingresso libero sino a esaurimento posti.

    Pippo Pollina

    Palermo
  • 9 commenti a “Pippo Pollina allo Spasimo”

    1. ho assistito al concerto del cantautore pippo pollina e devo dire di esser rimasto al quanto allibito, una musica vecchia, datata, una scrittura altrettanto vuota e ormai fuori contesto,insopportabile poi la continua necessita’ di parlare e raccontare le storie dei pezzi, per esempio quella di chiaramonte gulfi, non mi stupisce che sia apprezzato piu’ fuori che in italia, e’ noto che in paesi come svizzera germania etc, i gusti musicali di massa siano veramente ridicoli, vedi il notevole successo che ha ramazzotti o altri fantocci che il nostro mercato esporta, beh allora meno male che c’e la fuga di cervelli e spero che pollina resti dove sta dato che da quello che che ho letto, si e’ trasferito da anni in svizzera.
      marco
      un appassionato di musica deluso

    2. caro marco…
      ho assistito anche io all’interessante,poetico e travolgente spettacolo,in un contesto straordinario e con una professionalita’ e una passione fuori dal comune…a palermo,in italia …ovunque!la gente che crede in quello che fa..si ostina a spiegare e a rendere partecipe tutti..un cantautore che ti spiega gli aneddoti che hanno portato alla nascita di un suo pezzo,cerca di coinvolgerti, in quelle che sono state le sue emozioni,al momento della nascita della sua composizione..mi piacerebbe che tu mi spiegassi meglio cosa significa per te “musica vecchia”,e “fuori contesto” … a quale contesto ti riferisci?credo che ogni individuo abbia il SUO di contesto,quello di massa poi è quello che alza il polverone..quello che esportiamo..se volevi un cantautore adatto al contesto dell’italia del nostro tempo, dovevi andare ad un concerto di gigi d’alessio(senza voler nulla togliere) ..è quello che in italia oggi fa contesto!!poi scusami , ma mi sembra abbastanza PRESUNTUOSO giudicare ridicolo il gusto di due intere nazioni!!
      se non gradisci pippo pollina,ti inviterei a restare a casa tua o ad andare altrove tu…non lui a restare dove sta…perchè qui c’è gente che lo vuole!!
      ce ne fossero …di “fantocci”come lui…
      daniela

    3. cara daniela..
      ho ormai superato i 50 e non ho avuto la fortuna di insistere con la musica dato che anni fa suonavo anche io a livello semiprofessionale e ho anche avuto la possibilita’ di suonare con un gruppo rock un po in giro per l’europa, con il furgone scassato come si faceva ai tempi..anche oggi il lavoro di imprenditore mi consente di viaggiare spessissimo e di toccare con mano anche le culture musicali musicali odierne soprattutto quelle di massa, e ci tengo a precisare “di massa”,ti ripeto sono un grande appassionato,ho visto grandi aritsti in concerto dagli anni 70 a oggi,paul simon,Elvis costello, peter gabriel, sting, U2, Queen, Genesis, B.Dylan,per non citare i nostri F.deGregori, Fossati,De andre’, Guccini, Gaber, etc…etc…quando parlo di musica e testi fuori contesto parlo di un contesto attuale, di “tutti”, il contesto in cui viviamo,non quello del singolo,per quanto mi riguarda e’ importante che la musica rifletta e sia espressione del contesto in cui nasce, che sia quindi attuale..quella di pollina, sa molto di cantautorato fine anni 80,che sinceramente puo’ funzionare all’estero dove persino pupo e cutugno sono delle celebrita’ per non dire delle icone dell'”italianita’” ma proprio qui in italia, dove le cose sono cambiate e si sono evolute, per fortuna il minestrone di pollina “arriquariato” non attecchisce,se non in piccola parte, trovo molto piu’ attuali C.Consoli che per scelta vive ancora in sicilia, M.Venuti, altro nostro siciliano, Battiato,come siciliani, e tra i piu giovani anche i Subsonica, gruppo torinese molto interessante, ma a rinfrescare il cantautorato anno 80 ci sono gia’ gli originali, i vari de gregori, dalla etc..basta andare ai loro concerti.
      ma comunque e per fortuna
      e sempre questione di gusti
      a presto
      marco

    4. ..a rinfrescare il cantautorato anni 80 ci sono già gli originali scrivi… non ti passa neanche per un solo istante per la mente che pippo pollina potrebbe avere alle spalle una carriera ventennale? cosa c’è di diverso tra lui e de gregori? la fama? la notorietà?
      dal tuo discorso sembra che de gregori abbia il tuo consenso nel proporre musica datata.. mentre pippo ,chissà per quale motivo ,è diverso e non puo’!
      che io sappia ha cominciato da giovanissimo e ha collaborato proprio con uno degli esempi che mi hai fatto…battiato!(in finnegan’s wake) in un suo concerto ,mi pare normale che esegua anche pezzi piu’ vecchiotti del suo repertorio.. non è che un cantautore col passare degli anni deve buttar via i pezzi vecchi…
      comunque ti diro’ io ho solo 26 anni , ascolto i subsonica, carmen consoli, venuti, ivan segreto (altro siciliano che non hai citato, ma che forse troveresti altrettanto datato) ,ascolto musica rock, metal , nu metal e hardcore,jazz ,blues,elettronica … sono un’artista e non mi sento affatto datata o nostalgica… eppure la musica di pippo pollina a me piace… e pure tanto!e ripeto ,la musica che oggi è adatta per la “massa” come hai detto tu… è quella di d’alessio e della tatangelo… siamo nell’era delle lecciso , di costantino ,dei reality, di povia che vince il festival di sanremo con “vorrei avere il becco”…
      a mio parere meglio la ricerca del “diverso”.. della qualità…
      e poi se pollina ha scelto di abitare a zurigo ..credo che siano pure fattacci suoi.. carmen consoli che ha scelto di restare in sicilia non credo che sia da considerare martire e devota della sua terra ,avra’ anche lei i suoi motivi..dopotutto la fama e la notorietà le ha ottenute a sanremo e fuori dalla sicilia…una volta ottenuta la fama è facile poter scegliere di vivere dove le pare!
      cmq w i 50 enni alternativi e le 26 enni datate allora!!

    5. eheh, sei molto simpatica,
      per carita’ non vorrei portare la polemica all’infinito, tuttavia e’ giusto ricordare che pollina ha registrato il suo primo disco da solista nell’87, mentre de gregori nel 72, c’e una bella differenza non foss’altro perche’ degregori ha scritto delle canzoni che fanno ormai parte della storia della canzone d’autore italiana,
      rimmel,la donna cannone etc mentre pollina mi sa che di strada ancora ne deve fare.. oggi de gregori stenta un po’ effettivamente ma apprezzo la sua voglia di rinnovarsi, pollina paga un enorme tributo a lui e credo anche a fossati, del quale a mio parere imita spudoratamente lo stile di scrittura musicale e dei testi, ma comunque..ivan segreto? certo che so chi e’, mia figlia e’ una sua fan, lo trovo interessante devo dire.. ma ancora troppo giovane,
      in ogni caso
      w la sicilia

    6. …però… devo dire che mi sembri abbastanza preparato sulla vita e la storia di pollina.. non è che c’è del personale nelle tue critiche?
      cmq la differenza tra de gregori e pollina mi era gia’ evidente… a me infatti de gregori non piace ,ma conosco la sua musica.. chi non la conosce?ripeto fama non vuol dire qualità… abbiamo un’infinità di esempi a riguardo!
      ma per dover di cronaca …de gregori nasce nel 1951…pippo pollina nasce nel 1963… rifletti sulle date di nascita grazie che de gregori ha inciso prima è piu’ grande di 13 anni!! pippo pollina registra il suo primo disco da solista a 24 anni ,de gregori a 21…non ci vedo cosi’ tanta differenza… pippo pollina viene dall’esperienza degli agricantus in quegli anni…e poi dall’esperienza come giornalista…prima deve affrontare una marea di difficoltà ,che credo che de gregori neanche si immagini! pippo pollina paga il tributo a tutti quelli che nella sua esperienza di vita lo hanno ispirato… come de gregori si sarà ispirato a qualcun’altro … come tutti gli esseri umani credo… dire che de gregori oggi stenta un po’… ma vuole rinnovarsi … questo si che è ridicolo.. de gregori è finito piu’ di 15 anni fa… adesso se la scanticchia cercando di vendicchiare quelle 100 al massimo 150 copie per poter apparecchiare…sono lontani i tempi dei capolavori.. rimmel ,la donna cannone… ecc… questi sono i tempi di “celestino”!!
      mentre pollina come dici tu ,ancora ha strada davanti a sè …non si è ancora ridotto alle canzoni demenziali grazie al cielo!!
      cmq hai ragione … inutile portare avanti all’infinito questa polemica…
      semplicemente gusti…
      e invece di dire w la sicilia …io direi w tutti quelli che credono in quello che fanno , in qualsiasi parte del mondo!!

    7. ..brava vedo che anche tu sei informata..
      no nulla di personale, ritengo che anche il peggior de gregori abbia comunque uno spessore artistico superiore a quello di pollina, non e’ vero che e’ finito 15 anni fa, forse gli ultimi 2 album denotano una carenza di creativita’, ma da uno che ha gia’ dato tanto e’ comprensibile,comunque, in bocca al pippo allora, cioe’..al lupo

    8. De gustibus non est disputandum

    9. Dove sono finiti i 50 enni divorziati, single o in coppia ma che amano stare in compagnia e divertirsi con musica e discoteca?
      Vorrei riunirli tutti invece di stare a casa e dire sono sola/o…

    Lascia un commento (policy dei commenti)