mercoledì 18 ott
  • Pizzino premiato per la satira a Forte dei Marmi

    Pizzino, il giornale satirico diretto da Gianpiero Caldarella (che è stato anche ospite su Rosalio), ha vinto il XXXIV Premio Forte dei Marmi per la Satira politica.

    La giuria ha motivato così: «Una risata li seppellirà? Forse no, ma se il pizzo e i pizzini dei boss finiranno nel dimenticatoio un po’ di merito l’avranno anche quelli di Pizzino, rivista palermitana di satira che affronta a spron battuto temi caldissimi, soprattutto per la Sicilia. E lo fa con la convinzione che solo suscitando indignazione e rabbia si possa rompere ogni tabù, e guardare ad un futuro migliore. Senza banalizzare, senza usare perifrasi, e senza paura».

    Tra gli altri premiati Beppe Braida (satira in tv), Pat Carra (grafica italiana), Stefano Bartezzaghi (per il libro “Non ne ho la più squallida idea”), “Che tempo fa” (programma tv), Maurizio Milani (cabaret), Giancarlo Santalmassi (giornalismo), Beppe Grillo (web), Max Giusti (parodia) ecc.

    Palermo
  • 14 commenti a “Pizzino premiato per la satira a Forte dei Marmi”

    1. Tantissimi auguri a Gianpiero e a tutta la redazione di PIZZINO. Siete bravi, pungenti ed efficaci…e non e’ per niente facile!

    2. pequod e l’intero comitato addiopizzo
      rende omaggio a PIZZINO e a Gianpiero
      BRAVI!

    3. Pizzino è illegibile e noioso, sempre lo stesso brodo scritto con l’intenzione di rivolgersi sempre allo stesso target di gente che se la racconta da dieci anni a questa parte. E’ un progetto più vecchio di quanto voglio apparire.
      Decisamente non consigliabile e fuori misura.

      … menomale che c’è addiopizzo che riceve pacche sulle spalle e si strugge su quante magliette fare.

      l’antimafia è ggiovane!

    4. e tu che fai ggiovane anita se ggiovane sei?????????????
      comunque pensala come ti pare e se t’interessa una maglietta……… a disposizione

    5. io non sono giovine… ma una maglietta me la regali lo stesso? 😉

    6. certo non mi autoreferenzio con addiopizzo e non mi faccio testimonial dappertutto. Parlate solo di magliette ai banchetti,e quelle volte che vi ho sentiti potevate lasciare il microfono a che ci lavore sul serio con l’antiracket, espertissimi per il resto.
      Attenzione le magliette stingono.

    7. ma ti è venuto mai in mente che se adesso si parla di pizzo qualcoa addiopizzo l’avrà pur fatto…o no?
      ma perchè non rispondi?
      ma tu che fai a parte criticare …..?
      le magliette stringono? mi dispiace ,può darsi che sei tu che hai messo qualche chiletto in più?
      ciao ciao anita

    8. Stingono le magliette stingono, scoloriscono và!
      Se poi, a causa del sudore, oltre a perdere colore stringono questo è un altro paio di maniche.
      Approposito le magliette sono a mezze maniche?

    9. totò,anita scusatemi
      stingono avete ragione c’è stata una partita che avete ragione voi scoloriscono.
      purtroppo ne avevamo vendute già.
      che dirvi ? 5 euro per finanziare la nostra attività ne valeva la pena? se pensate di no beh! mi dispiace!
      ciao

    10. comunque se venite al prossimo banchetto ( forse alla festa dell’unità …)ve le cambio.
      ………………….

    11. Nulla da ridire sull’attività di addiopizzo.
      Siete stati i fautori della più efficace campagna pubblicitaria di tutti i tempi a Palermo.
      Una sola cosa vi chiedo: continuate a mettere gli striscioni sui cavalcavia perché dei vari: rosy ti amo, cuore mio sei la mia vita, allora lo hai capito o no che ti amo e buon compleanno trottolino, non se ne può più.

    12. buongiorno a tutti, diciamo che sono il direttore di Pizzino. Più che commentare volevo complimentarmi con anita, che qualcosa mi dice che ho la fortuna di conoscere. Cara Anita, credo che tu sia stata troppo generosa nei confronti dell’immondo fogliaccio di satira e questo per più motivi.
      1. hai nascosto con troppa modestia le tue doti di critica mass-mediologica, nonchè letteraria. La tua apparente stroncatura somiglia più a una semina, quindi forse darà buoni frutti. Perchè? ora mi spiego e vengo:
      1a.pizzino è illegibile, ma nessuno ha detto che lo si debba leggere, noi abbiamo consigliato di farne un uso da tappezzeria (o da “stuiapiedi” all’occorrenza). Il solo fatto di pensare che qualcuno lo possa leggere e poi ci rinunci, magari per noia, ci riempie di gioia. E poi la noia è la base di ogni sana sortita nonchè la premessa di ogni stupefacente amplesso.
      2a. è sempre lo stesso brodo, tu dici. Verissimo! Noi ricordiamo sempre ai nostri lettori di sucarsi tutto il brodo possibile e diffidare dal leccare i culi. Questione di gusti
      3a. da dieci anni? magari fosse vero. E’ passato solo un anno e mezzo. Ci metterei la firma se fosse vecchio di dieci anni, ma certamente tutta questa vecchiaia non può eccitare i lettori di giovani testate come ad esempio il giornale di sicilia, libere, audaci e indipendenti da più di un secolo nonchè meritorie dell’evoluzione e dei cambiamenti positivi di questa nostra amata terra.
      4a. Pizzino è (o ha) un progetto? Non direi proprio. Piuttosto è un oggetto arraffazzonato e senza testa, quindi certamente potrai consigliarci tu qual’è il progetto che hai in testa per Pizzino

      2. Sappiamo che ci vuoi bene, nonostante tutto e sai che questo amore è ricambiato, ma preferisci non darlo a vedere.

      basta così. un saluto a tony e ai lettori di questo blog e un messaggio ad anita: spero di incontrarti presto. Chissà che non possiamo scambiarci commenti più affettuosi.
      Potenza del vis à vis.
      baciamo le mani
      gianpiero

    13. Ricambio il saluto. 😉

    14. RICCHEZZA

      Ricchezza dei diversi stati al momento della unificazione ( in milioni lire oro ) :
      Regno delle Due Sicilie: 443,2
      Lombardia: 8,1
      Ducato di Modena: 0,4
      Romagna Marche Umbria: 55,3
      Parma Piacenza: 1,2
      Roma: 35,3
      Piemonte Liguria Sardegna: 27,0
      Toscana : 84,2
      Veneto: 12,7
      [Fonte «La scienza delle finanze» di Saverio Nitti citato da Harold Acton: «Gli ultimi borboni di Napoli». Giunti Editore]

    Lascia un commento (policy dei commenti)