sabato 18 nov
  • I senzatetto occupano la Cattedrale

    I senzatetto di Palermo del “Comitato di lotta per la casa – 12 luglio” hanno occupato stamattina la Cattedrale di Palermo. Chiedono che il Comune assegni ai senzatetto immobili confiscati alla mafia e rimasti finora inutilizzati.

    Il sindaco Diego Cammarata, chiedendo al prefetto Giosuè Marino una riunione urgente del Comitato per l’ordine e la sicurezza, ha dichiarato «Ho ripetuto in diverse occasioni che non intendo incontrare quanti utilizzano la pressione di piazza e fanno violenza alla città per far valere le loro ragioni. Tanto più quando oggetto di questa violenza è il simbolo più sacro della città, la Cattedrale di Palermo. Avvertiamo in maniera forte il disagio di quanti sono in difficoltà e ci chiedono una casa. Da quattro anni e mezzo questo problema è al centro della nostra attenzione ed abbiamo fatto tutto il possibile per trovare soluzioni adeguate».

    AGGIORNAMENTO: il Comune ha precisato che tutti gli alloggi confiscati alla mafia e consegnatigli dall’l’Agenzia del demanio (37) sono già stati assegnati ai senzatetto in questi anni.

    Palermo
  • 7 commenti a “I senzatetto occupano la Cattedrale”

    1. Devo dire che sono d’accordo con il sindaco, almeno in questa occasione.
      Vi racconto questo nanetto, mia sorella che fa la guida turistica, si é trovata in cattedrale all’epoca della prima occupazione con tanto di uomo incatenato alla sdraio, che aveva comunicato, che se non facevano niente si sarebbe ucciso (pare che non sia successo, e per carità, nessuno se lo augura), con donna, a detta della mia sorella, molto robusta di corporatura (leggasi florida ed in carne), che diceva, stiamo morendo di fame (cosa apparentemente contraddetta dalla sua evidente floridità), a fare da commento, ed i turisti spagnoli, divertiti a fotografare il tutto.
      Che dire?

    2. Cosa é un nanetto?

      Cmq potrebbero avere trovato un lavoro 🙂

    3. Credo che un nanetto sia un aneddoto…

    4. Come diceva il buon Nino Frassica

    5. Sebastiano, appunto, il punto é che ormai per trovare un lavoro, invece di cercarselo, sforzarsi, provare a vedere cosa si può fare, ci si incatena, e si ricatta una città o le amministrazioni, aspettando che te lo portino direttamente. Un bel lavoro pubblico, da precario, mi prendo lo stipendo e non faccio nulla.
      Questo si chiama sussidio estorto con il ricatto, e non lavoro.

    6. Voglia di Assistenzialismo o Rivendicazioni corrette?

      Difficile esprimersi se non si è nelle medesime condizioni, ma credo che
      alcuni (spero non tutti) si inseriscano in queste proteste rivendicando
      diritti non acquisiti, e magari poi rientrano pure nella No Tax Area….

    7. Marco, correte in cosa, queste rivendicazioni?
      Nell’avere la qualifica di ex-detenuto, e che lo sia sia perché si presupponga che lo stato non ti daà possibilità?
      una volta la gente che voleva lavorare, andava in giro e ci provava. Si iniziava dal poco, dal pochissimo, e si arrivava a cose notevoli, se si voleva fare, se si avevano obiettivi.
      Spero che nessuno, marco, abbia lavoro in questo modo. Sarò cruda. Ma ilmotivo é detto sopra.

    Lascia un commento (policy dei commenti)