venerdì 20 ott
  • Alessandra Siragusa si candida alle primarie

    Alessandra Siragusa

    Alessandra Siragusa, che aveva in un primo momento rifiutato la candidatura per le primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra, ha annunciato oggi di avere cambiato idea. I Democratici di Sinistra di Palermo, sostenitori della prima ora della sua candidatura insieme a diverse associazioni, formalizzeranno il loro appoggio venerdì dopo la direzione provinciale del partito.

    Le primarie si svolgeranno il 4 febbraio e gli altri candidati finora sono Giusto Catania (candidato da Rifondazione Comunista – Sinistra Europea) e Leoluca Orlando (candidato da Italia dei Valori e dalla Margherita).

    AGGIORNAMENTO: i Ds sosterranno la candidatura della Siragusa.

    Palermo
  • 13 commenti a “Alessandra Siragusa si candida alle primarie”

    1. Direi che la Siragusa finora sembrerebbe meritarsi il soprannome dato a John Kerry alle elezioni americane: “flip-flop”! 😀

    2. NN MI INTERESSO DI POLITICA ma se nn ha deciso prima di candidarsi è soltanto x i retroscena che ci sn dietro una simile situazione… ha sempre lavorato cn leoluca orlando ed è strano vederla contro di lui. la conosco ed è una grandissima donna! ma qualcuno s aquando sn queste elezioni che devo tornare x darle il mio voto??……..votate la Siragusa….IL POTERE ALLE DONNE!!!!

    3. vabbè dai… tanto fino al 4 febbraio c’è tempo per ritirarsi e poi ricandidarsi almeno altre due volte perdendo 2000-3000 voti ad ogni giro di boa….

    4. il problema nostro è che pensiamo che le primarie servano per mettere l’uno contro l’altro.
      lo pensiamo noi elettori, lo pensano anche un po’ i dirigenti di partito.

      secondo me questa moda delle primarie porta solo ad uno sciupo di risorse.

      ps: (oggi sono in vena di ps) odio sempre di piì la politica partitica

    5. tu che dispensi soprannomi agli altri, che genere di soprannome pensi di meritarti Siino ?
      Dattene uno – ma non essere ne’ gentile ne severo, sii Siino!

    6. Prima si candida, poi non si candida, poi si ricandida. Che dire.
      E’ candida o ci fa?

    7. Dammene uno tu, Lolita, ma per e-mail perché sarebbe off-topic. 🙂

    8. do it yourself in your blog!
      dattene uno tu nella tua piazza, quella di rosalio !
      vediamo di cosa sei capace !

    9. il mio candidato ideale è De Gregorio, votato con la lista degli ‘Italiani nel Mondo’ 😀

    10. Attenzione Smasho: De Gregorio non va alle primarie ma direttamente alle amministrative. 🙂

    11. Neanche sei mesi fa abbiamo rieletto il Sindaco di Cagliari e si sono svolte le primarie, tra quattro papabili, per designare il candidato dell’ Ulivo.
      Ho partecipato più che attivamente a quell’evento e vi posso dire lati positivi e negativi.Positiva la straordinaria partecipazione di cittadini mai visti prima, cioè faccie nuove, famiglie con il nonnò e il nipote diciottenne che potevano esprimere la loro opinione, insomma, in breve, una reale ed ampia partecipazione di tanta gente che di questi tempi è grasso che cola, a prescindere dagli orientamenti.
      Partecipare alla politica è già un successo.
      Negativa è stata invece l’imposizione da parte dell’Ulivo del nome dell’aspirante sindaco di sinistra, scelto dalle segreterie di DS e Margherita ma antipaticissimo ai militanti delle sezioni e alla gente senza tessera, ma simpatizzante.
      Morale, primarie praticamente inutili e elezioni vinte a mani basse dal Sindaco del centrodestra uscente.
      Ne volete più ?

      Giovannu

    12. Giovannu, infatti in questo le primarie della sinistra sono assolutamente inutili. Alle primarie nazionali tutti hanno votato Prodi, infatti.
      Una farsa di falsa democrazia,e molto dirigismo partitico. Che la smettano!

    13. Non capisco cosa ci sia di male a valutare le situazioni che ti circondano. Solo gli stupidi non cambiano mai idea!! Sulla inutità delle primarie a Palermo ero d’accordo fino a che la siragusa non era candidata: Orlando autonominatosi vicerè di Palermo sfidava Catania (recuperato perchè senò le primarie non si facevano). Vi ricordate che dopo la sua sconfitta alle regionali,Orlando, investito del ruolo di capo dell’opposizione se n’è andato in giro per il mondo a vendere libri e fare film fregandosene di cosa aveva lasciato alle sue spalle? (classico metodo se non i fanno vincere non gioco più. Piuttosto che criticare chi si mette in gioco valuterei attentamente la classe dirigente che copre incarichi di rilievo e non vuole rischiare

    Lascia un commento (policy dei commenti)