martedì 22 ago
  • Il Comune contro il racket

    Nel corso della riunione di ieri del tavolo permanente antiracket il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha annunciato l’istituzione di un apposito capitolo di bilancio con risorse, che verranno man mano incrementate, destinate ad aiutare quanti presenteranno denunce circostanziate di tentativi di estorsione. Previsto per chi sporgerà denuncia l’abbattimento del 50 per cento della Tarsu, la tassa sui rifiuti solidi urbani, per un quinquennio, e un contributo una tantum di 5 mila euro a fondo perduto.

    A disposizione del “tavolo” anche risorse per la comunicazione.

    Palermo
  • 5 commenti a “Il Comune contro il racket”

    1. Ma pensa istituisce nuovi capitoli di bilancio per finanziare nuove, sacrosante, necessità ma “dimentica” di finanziare capitoli già esistenti con somme gia incassate e che obbligatoriamente deve deliberare e trasmettere !Io ce l’ho messa tutta la volontà per capire come ragiona ma non ci riesco.

    2. guido spiegati meglio
      io non ho capito la tua opinione.
      mi sembra che l’iniziativa sia lodevole
      mi sembra che di fronte ad una presa di posizione così forte da parte del comune ci sarebbero dovuti essere titoli a caratteri cubitali sulle prime pagine dei quotidiani locali….invece…

    3. cerco di spiegarmi un pò meglio perchè se mi spiego completamente rischio di finire nella rete del querelatore !Ci sono dei capitoli di bilancio in cui far convogliare soldi già prestabiliti da altre leggi e che l’amministrazione comunale deve solo vedere a quanto ammonta l’importo, deliberarlo ed utilizzarlo per le spese previste.Ebbene sono parecchi anni che il comune è inadempiente e non mi riferisco solo a questa amministrazione ma al tempo della precedente mi occupavo di altro rispetto adesso.Spero di essere stato più chiaro.

    4. Fumus electionis

    5. forse chi è colpito dal fenomeno bisognerebbe aiutarlo con ben altro, magari togliendole tutte le tasse, magari dando un pò di protezione, no il 50% della tassa sulla munnizza, mi sembra una presa in giro nei confronti di chi, per denunciare un fatto così grave rischia la vita propria e dei familiari.buh!!
      come funziona però?vai al comune e dici “senta io ho ricevuto la tassa della munnizza per intero, ma c’è un errore: ho diritto allo sconto signorina!!!!io ho denunciato il racket!!muah ma cuomuarraggiuna!!!”

    Lascia un commento (policy dei commenti)