venerdì 24 nov
  • Record di introiti per le multe a Palermo

    Palermo risulta prima in una classifica de Il Sole 24 ORE per il rapporto tra multe e imposte. Gli introiti delle multe sono pari al 32% delle entrate fiscali comunali.

    AGGIORNAMENTO: l’assessore al Bilancio del Comune, Sebastiano Bavetta, ha dichiarato che le multe a Palermo sono nella media nazionale e che il dato è influenzato dalla pressione fiscale che sarebbe molto bassa. Il comandate dei Vigili Urbani, Michele Pedicone, ha tenuto a chiarire che le multe vengono elevate in base alle infrazioni accertate e non per presunte esigenze di bilancio.

    Palermo
  • 8 commenti a “Record di introiti per le multe a Palermo”

    1. acc……… ma il calcolo è fatto sui presunti introiti o sul pagato ??? Ho seri dubbi ………

    2. Sebastiano Bavetta…il mio prof!!!

    3. dunque…
      se palermo ha il dato piu’ alto fra le citta’ italiane e questo dato e’ in media con le altre citta’, allora tutte presentano lo stesso valore e ci troviamo di fronte ad una distribuzione degenere ?

      mah!

    4. Strano! Se fosse vero …. vorrebbe dire che i miliardi di cartelloni pubblicitari affissi in tutti i buchi e marciapiedi liberi della città non pagano le tasse (almeno non al Comune) e che anche ici e le altre tasse sono evase alla grande!

    5. INFATTI I CARTELLONI PUBBLICITARI SONO PER L’85% ABUSIVI. ma hai visto che schifo c’è in giro per palermo?? vengono attaccati persino negli alberi e nella cartellonistica stradale!! di certo dai cartelloni pubblicitari ha introiti irrilevanti. dovrebbero applicare per davvero la sanzione che prevede 400 euro comminati per ogni manifesto abusivo (quelli dei POLITICI INCLUSI!!)

    6. affissioni decorose e tutela del suolo pubblico sono concetti validi solo per via libertà.

    7. la riflessione é doppia, o noi palermitani siamo i più indisciplinati, o quelli che hanno meno servizxi in assoluto e quindi cercano di sopravvivere, come si può, oppure, forse, il dubbio che molte delle infrazioni contestate siano poco legittime, e mi spiace contraddire pedicone, mi viene.
      Quindi i casi sono tre, forse concorrenti.
      Probabilmente concorrenti, direi.

    8. >Intanto invito tutti coloro cui sono arrivate certe cartelle multe a fare ricorso, laddove fatte dagli ausiliari per compiti che non gli spettano.
      Gli ausiliari hano il solo compito di verificare se uno é regolare nelle zone a pagamento o meno. Qualunque altra effrazione rilevata dagli ausiliari, non é legittima, ci sono numerose sentenze di cassazione, che é facile trovare in rete.
      per informazione di tutti.
      Non é che inciti alla disobbedienza civile, ma siccome siamo una città senza servizi in merito, si abusa della condizione di minorità di servizi, facendoceli pagare, come cittadini inadempienti, quando é la città ed il governo comunale ad essere inadempiente.

    Lascia un commento (policy dei commenti)