lunedì 21 ago
  • Ufficio Oggetti Smarriti

    “Signora venga, qualcosa c’è”. Non sapevo cosa pensare… Perché non dirmi al telefono esattamente cosa avevano trovato? Un documento, il portafoglio vuoto, o pieno, una carta di credito…mi chiedevo se valesse la pena di avventurarmi nelle strade di un quartiere a me quasi sconosciuto come quello di Brancaccio, senza sapere cosa era stato ritrovato del mio portafoglio, smarrito un mese fa. E se avessi ritrovato soltanto un documento già sostituito? Una carta bloccata? Avrei perso del tempo inutilmente…un collega del mio ufficio, anche il mio comunale, come quello – incredibilmente – degli Oggetti Smarriti, mi aveva suscitato il sospetto che potesse esserci del marcio, e che mi avrebbero fatto ritrovare soltanto ciò che non poteva far gola a nessuno…figuriamoci!

    “L’ufficio si trova in via Macello accanto al lavaggio dell’Amat”… Ma che posto sarà, mi chiedevo…no, non potevo rinunziare senza sapere cosa avevano trovato…e senza conoscere quel luogo…un ufficio comunale dove ti fanno trovare quello che hai perduto…può essere mai?…A Palermo? E come poteva funzionare una cosa simile?
    Chiesi molte volte informazioni, nessuno dei passanti di via dei Picciotti, dietro il San Paolo Palace conosceva quell’Ufficio, ma il macello si, lo conoscevano e mi indicarono laggiù a sinistra. Non c’era alcuna targa che denominasse quella traversa, via Macello, mi inoltrai…vidi che la strada si spegneva su un terreno incolto e ricoperto d’immondizie…ero incredula, quasi spaventata…Ma sulla destra c’era un grande cancello,( anche quello senza alcuna targa), con ai due lati due cartelli stradali arrugginiti, quelli di pericolo generico…i triangoli col punto esclamativo…e seduto su un lato un povero barbone con lo sguardo perduto, che fumava a testa bassa con un bocchino nero tra le dita annerite, in realtà sembrava l’ingresso di un ospedale psichiatrico…incredibile….ma siamo a Palermo…la realtà sembra spesso sogno.
    Quel cancello si apriva su una specie di portineria dove alcuni individui mi indicarono in modo vago l’ufficio che cercavo ma infilai la porta sbagliata e percorsi inquieta una squallida scala nella vana ricerca del mio ufficio, ritrovandomi in un appartamento fatto di stanze vuote …c’era qualcuno però e senza sapere chi cavolo fosse segui docilmente le sue indicazioni: dovevo scendere e andare più avanti…a destra dove un cartello con scritto UFFICI mi indicava forse l’ingresso giusto…

    Sempre più stralunata , ma decisa a trovare l’ufficio smarrito, attraversai l’ingresso, notando a sinistra un cesso, l’unico con la porta aperta, invitante, e poi tante porte chiuse e anonime… sentivo comunque di essere vicina alla meta…di fronte c’era movimento…doveva essere là! L’UFFICIO OGGETTI SMARRITI! Sì l’avevo trovato… Finalmente!…riconobbi i luoghi tipici degli uffici comunali e le persone…gli addetti si misero subito a disposizione erano gentili e attenti, mi mostrarono il portafoglio con documenti carte e altro…mi pareva impossibile, su quel tavolo tra le loro mani c’erano quelle piccole cose importanti che credevo perdute per sempre , in quel posto dimenticato da dio. E iniziarono il rito della consegna redigendo meticolosamente un vero e proprio verbale di cui avrebbero informato gli uffici di polizia. Avevo trovato quasi tutto!
    Mi sembrò un miracolo…in un luogo perduto, in una strada senza uscita, in un quartiere anonimo, c’era un ufficio oggetti smarriti che funzionava con un computer! Dopo avere risalito il fiume verso la sua origine, quasi come in Apocalypse now, mi ritrovai nel cuore pulsante della mia città, un po’ smarrita, un po’ perduta ma sempre incredibilmente viva…
    Mi spiegarono come funziona : chiunque trovi un oggetto perduto può imbucarlo cosi’ com’è in una cassetta postale. Il postino lo farà avere all’ufficio O.S. che lo inserirà in un elenco con tutti i dati in attesa che venga reclamato…mi sembrò geniale e funzionava!…perà’…avrebbero dovuto contattarmi…ma pazienza…lo avevo fatto io leggendo il numero di telefono in polizia… Meglio di niente! Come si dice a Palermo? Siamo nati per soffrire…

    Ospiti
  • 16 commenti a “Ufficio Oggetti Smarriti”

    1. Cara Vita, ho condiviso con te il difficile itinerario da seguire per arrivare in quell’ufficio che si è ridotto in quelle quattro stanze del macello vecchio dopo essere stato a lungo ospitato al mercato ittico.Certo un cammino positivo, dal mare alla terra ferma vera e propria. Ma la volta in cui ci andai, per recuperare qualcosa che mi dissero doveva forse appartenere a me, la mia sola preoccupazione fu che vi potessi ritrovare ciò che avevo buttato via per dare un senso diverso – come si suole dire – a quel che resta del giorno.

    2. nella mente e nella memoria tutti abbiamo un “ufficio oggetti smarriti” e a volte basta uno “squillo” per riattivare un ricordo e ritrovare pezzi della nostra vita ,ritrovare colori sapori ed emozioni;uno “squillo”…e ripercorriamo i tortuosi corridoi della memoria e troviamo bello o brutto un angolo che ci parla di noi e della nostra storia….uno squarcio e subito li ritroviamo le sfumature della Vita

    3. Un volta anch’io ebbi un’esperienza simile. Ero studente universitario, allora, e dimenticai sul mitico 101 una borsa stile etnico,con dentro occhiali da sole, appunti universitari(per me importantissimi),penne e altro.
      Quando nel pomeriggio mi accorsi della distrazione mi recai alla stazione centrale dove mi spiegarono come arrivare alla “rimessa autobus” e mi sconsigliarono di farlo a quell’orario (era quasi buio).
      L’indomani, dopo un lungo peregrinare, arrivai in quel mitico “dimenticatoio di oggetti”. Un simpatico addetto mi chiese una descrizione dettagliata della borsa e del suo contenuto, mi fece entrare in una sala dove c’era di tutto, ma davvero di tutto (borse, ombrelli, valigie, occhiali, scatole, scarpe, radio, cosmetici) e dopo 2 minuti mi restituì la mia amata, intatta e con tutto il suo contenuto.
      Fu forse l’unico episodio in 6 anni in cui benedì l’efficienza e il grande senso civico della nostra città.

    4. dove posso trovare l’ufficio degli oggetti smarriti???

    5. …come si dice a Palermo, col caldo, siamo nati per
      soffriggere…

    6. ciao a tutti, vorrei un consiglio io ho smarrito la mia valigia, non so in realtà se si tratta di furto o smarrimento, so soltanto che non l’ho piu ritrovata e conteneva parecchie cose, adesso mi sto chiedendo e possibile che qualcuno abbia ritrovato qualcosa e l’abbia portata li?
      aiutatemi voi che avete già contattato questo posto.

    7. Grazie a tutti x le informazioni ricavate dal blog in merito all’ufficio oggetti smarriti.
      In realtà a me e mia moglie, a causa di una breve distrazione, è stata trafugata la borsa a Sant’Elia (Porticello)l scorso 5 settembre 2009 con: cellulari, potafogli, macchina fotografica, denaro e quant’altro.
      Certamente chi ha preso la borsa aveva tutta l’intenzione di ricavarne qualcosa tra gli oggetti presenti nella borsa, ma spero abbia avuto un pò di compassione e almeno la card con le foto dell’estate o anche i cellulari con i relativi numeri memorizzati, che abbiamo tempestivamente bloccato, li abbiano fatti ritrovare o imbucato nelle cassete della posta. Utopia…?
      Lunedì mi recherò all’ufficio da Voi commentato.
      grazie e speriamo bene.
      A presto

    8. anche su internet si pubblica il numero di telefono degli oggetti smarriti, ma risulta inesistente , qualcuno sa spiegarmi come mai e se volessi chiamare per sapere se hanno trovato o meno il portafogli che mi hanno rubato ,soprattutto i documenti come devo fare? Prima di avviarmi per la via Macello che fra l’altro io non so dove si trova e per quel che leggo nei commenti precedenti non è così facile ad arrivarci. Grazie

    9. Cara Vita, ho appena chiamato l’ufficio O.S. e anche a me hanno detto : Si, qualcosa c’è… sono contento e fiducioso, spero come te di ritrovare almeno le foto delle mie figlie e di mia moglie a cui sono immensamente affezionato. I documenti si possono duplicare i ricordi no. Non ci speravo proprio… se fossi stato di presenza avrei abbracciato quell’impiegato che mi ha dato quel laconico messaggio. Ora non vedo l’ora di andarci, poi ti dirò cosa mi hanno ritrovato. Ciao

    10. Cara Vita, sono andato all’Ufficio O.S. e ho ritrovato tutto. Proprio così, il portafoglio intero con documenti, foto, ricevute postali ecc.ecc, tutto, tranne naturalmente i soldi.
      Un Ufficio che tra molte difficoltà funziona bene, e (tra l’altro) con impiegati gentili e disponili. Certo, potrebbe funzionare meglio, se fosse più pubblicizzato, in molti ignorano la sua esistenza.
      Grazie e auguro a tutti di ritrovare i vostri oggetti smarriti.

    11. chi avesse trovato un portafoglio the bridge color cuoio con documenti può cortesemente contattarmi via email. grazie per la collaborazione.

    12. Due giorni fa sono andato al Forum Palermo in località Roccella, ma per una volta ho parcheggiato su pressante insistenza di un mio amico la macchina all’esterno dell’area parcheggio che è sorvegliata del Centro Commerciale, ma non esternamente, ovviamente. Ecco, solitamente quando vado lì ormai stato per decine e decine di volte parcheggio all’interno dell’area sorvegliata del Forum, sto ore a girare per il Forum tranquillo sempre con uno zainetto che conteneva dei cellulari vecchi di cui uno con una Sim PoisteMobile (già sospesa), una carta credito PostePay in disuso dalla quale ho recuperato tutto il credito prima di farla bloccare, un telepass ricaricabile con 17,60 € di credito non ancora bloccato, un gps navigatore tomtom one regional v2, chiavi di una macchina vecchia, un catalogo Ikea, e perfino una fotocamera Olympus μ 7020 . L’unica volta che parcheggiai all’esterno dell’area sorvegliata giusto giusto, ma sempre su assurda insistenza del mio amico (che ormai penso abbia capito perchè non parcheggio mai fuori) ho subìto un furto in meno di un’ora dal momento del posteggio al ritorno in macchina da MediaWorld, con lo sportello lato passeggero il cui montante è stato piegato con forza (senza rompere vetri) per aprire la sicura ed accedere al pianale che copriva il bagagliaio da dentro. Purtroppo nello zainetto che usavo come borsa per portarmi appresso strumenti di guida ci stava pure il Libretto Di Circolazione della macchina che guido. Se esiste un ufficio del genre mi auguro di ritrovare almeno una parte degli oggetti rubati, il cui furto è avvenuto dal bagagliaio di una Panda in corso dei mille 1, traversa di via Laudicina, nel quartiere ROCCELLA. Roccella sta oltre Btrancaccio. Non do la colpa al mio amico nè tanto meno a me stesso, ma lui è stato determinante per quersto spiacevolissimo evento. I ladri di Roccella ora mi hanno fatto “tornare all’età della pietra”.
      Contattatemi via email se avete info da comunicarmi per favore, mi tornerebbe utile. Grazie.

    13. dove si trova l’ufficio o.s.??

    14. gentilmente una mia amica inglese ha perso il passaporto non puo’ tornare a londra..se qualcuno lo avesso trovato il nome e’ Emily lewcock mi puo’ gentilemente contattare…grazie

    15. Un mese fa ho subito uno scippo…non vi dico i guai e le spese che ne sono seguiti,perchè dentro la borsa oltre ai documenti avevo anche le chiavi di casa e della macchina!Per venti euro che avevo dentro portafogli,ne ho spesi 200,00 per toppa di casa,documenti,mettere la macchina in sicurezza…
      A un certo punto qualcuno cominciò a dirmi di provare a passare da questo uffico,ma nessuno sapeva dove si trovasse.Ho cercato su internet ed è venuto fuori indirizzo,orari di ricevimento e pure numero di telefono,mi sono armata di speranza e sono andata,indovinate? ho trovato quasi tutto!!CHIAVI,DOCUMENTI,AGENDINA,BIGLIETTI DA VISITA,FOTO DI FAMIGLIA,PURE PILLOLA PER LA PRESSIONE!
      Nonostante ormai avessi rifatto tutto è stato bello ritrovare le MIE COSE,ero commossa!

    16. mi fa tanto piacere leggere commenti positivi io il 20 del cm ho lasciato un borsone verde e un sacchetto di carta con delle foto la cui ci tenevo tanto spero che chi abbia trovato questi oggetti li porti a questo ufficio che già ho contatatò

    Lascia un commento (policy dei commenti)