sabato 21 ott
  • Zamparini-shock, lascia Palermo?

    «Mi hanno riferito che l’arbitro ha condizionato pesantemente la partita. Me ne vado dal calcio e questa volta non scherzo, tanto è vero che sto cercando un nuovo presidente per il Palermo». È la dichiarazione rilasciata da Maurizio Zamparini, presidente del Palermo dopo la sconfitta di oggi a Messina.

    Anche il sito ufficiale del Palermo riporta una dichiarazione netta e definisce Nicola Ayroldi «in malafede e inadeguato ad arbitrare in un campionato professionistico».

    Palermo
  • 13 commenti a “Zamparini-shock, lascia Palermo?”

    1. Calciopoli ? ? ? Moggiopoli ??? Sicurezza negli stadi ??? Calcio = Sport ???? E’ tutto un mega sporco business e siamo arrivati alla frutta. W GLI SPORT MINORI ove ci sono pochi interessi e pertanto gli atleti si sacrificano solo e soltanto per la loro soddisfazione personale.

    2. Non posso che concordare con Maurizio .

    3. ….se Zamparini lascia davvero può dispiacermi perchè IL MARCIO ne gioirebbe. Però se i vari FRANZA, SPINELLI, POZZO, etc .etc. etc. lasciassero tutti insieme incodizionatamente allora si che ci potrebbe essere una vera svolta. Ma questo caso limite è soltanto un’UTOPIA.

    4. Effettivamente è stata una partita scandalosa!sfido che Zamparini (e anche tutta Palermo), sia così amareggiato!Spero solo che la squadra non ne soffra ancora di più…

    5. Ora basta! No ne posso più!
      E’ da anni che il sistema calcio è diventato uno schifo!
      Bilanci falsati, fidejussioni, passaporti falsi, arbitri corrotti, punizioni ridicole… e per cambiare le cose hanno rieletto Matarrese! E’ dalla partita contro il Catania che non vado più allo stadio. Non si può passare sopra i cadaveri…
      E dopo tutti sti casini comanda ancoa Galliani?? Luinon ci vuole fra le prime 4 e gli arbitri abbassano la testa?
      BASTA! Ho deciso di restituire il mio abbonamento alla Società. Che ne facciano quello che vogliono… io con questo calcio ho chiuso!
      Roberta

    6. Quando il palermo vinceva ho sentito dire che era l’anno dello scudetto. Adesso che il palermo perde sento i fischi allo stadio perché ci eravamo illusi di vincere lo scudetto (poveri illusi.) Quando il palermo è trattato male dagli arbitri (a quale squadra non è capitato?) sento Zamparini che vuole lasciare il calcio. Secondo me dovremmo stare tutti un po’ più tranquilli. Zampa in testa, e se vuole andare via che lo faccia ma in silenzio. Non capisce che così facendo non fa altro che fomentare le tifoserie contro tutti e tutto?

    7. E’ vero che il mondo del calcio é popolato da furbi e traffichini di ogni sorta,ma é lo stesso ambiente dove per sviste degli arbitri il Palermo ha beneficiato di punti non meritati a Catania ,Bergamo,con il Messina all’andata,e forse in altre circostanze poco chiare.E’ vero pure che il Palermo é stato penalizzato in altre circostanze(inter,lazio,Messina)ma tra errori a favore e contro il Palermo sicuramente non é in deficit.
      Zamparini é una contraddizione vivente.
      A palermo é stato accolto come un RE Intoccabile dai tifosi.E come certi RE comanda a distanza(mi ricorda qualcosa!) e delega ad altri l’ordinaria amministrazione.Oggi rilascia dichiarazioni dal Brasile dove non vede la partita del Palermo.In effetti lui che é un self made man abilissimo imprenditore di successo a cui tutto riesce nel mondo di furbi del calcio fa la parte del presidente ricco scemo.Perché? Il Palermo da otto turni gioca come una squadretta senza gioco di squadra,senza idee,senza motivazioni e sano agonismo.L’allenatore é un maestro del training autogeno al contrario,uno che frena gli entusiasmi e quindi le capacità espressive dei suoi calciatori,cosa che ha già dimostrato in passato nella sua carriera.Guidolin propone un calcio noioso,ripetitivo sparagnino che alla lunga,se i solisti di talento mancano o non rendono,vengono fuori tutte le pecche del suo non gioco.
      Guidolin e Foschi riferiscono al presidente distante che le colpe della mediocrità attuale sono dovute a turno al pubblico palermitano ostile o agli arbitri indegni guidati da poteri occulti.
      E il RE MAURIZIO lontano ci crede,o fa finta di crederci.

    8. Se non sono stato capace di farlo intuire,preciso che sono un estimatore di Zamparini.Per la sua storia e perché lo considero una sorta di Artista Matto
      (definizione che per me corrisponde a un apprezzamento).
      Pero’ non lo considero un RE e nemmeno un benefattore,quindi non faccio parte di coloro che esprimono riconoscenza tutti i giorni.
      Per me tra Zamparini e i palermitani é in atto uno scambio,lui fa l’imprenditore di successo che beneficia di un ritorno d’immagine enorme,i palermitani gli versano 55-60 milioni l’anno per soddisfare una passione e gli consentono di fare bene il suo lavoro.

    9. Sono d’accordo con Gigi (soprattutto ultimo post) e con Toto. D’altra parte Matarrese è stato assai lodato da Zampa come il vecchio che ritorna… E se vogliamo un calcio vecchio, eccoci accontentati.

    10. Avevo sempre detto he se un terreno non é piú fertile gli si da fuoco per uccidere ed eliminare i parassiti,perció ..prego,chi lancia la prima pietra?…comincio io!!! datemi un fiammifero!! se non lo fate voi residenti lo faccio io da emigrato…..

      Turiddu

    11. Sono d’accordo con Gigi, anche se non bisogna dimenticare che il Calcio e’, non solo da oggi, diventato un evento gestito e manipolato da organizzazione che se non fossi in un sito pubblico non esiterei a definire mafiose, quando per mafia non si intende necessariamente quella che viviamo quotidianamente in Sicilia.
      Credo anche che Zamparini se ne vada, se veramente se ne andra’, non tanto per il Calcio malato, infatti se avesse voluto veramente contribuire a curarlo non avrebbe votato Matarrese in Lega, bensi’ poiche’ non ha piu’ quelle motivazioni che aveva al momento in cui , da buon imprenditore decise di acquistare il Palermo.
      Non so che futuro attendera’ questa squadra di cui, come alcuni di voi sanno, sono tifosissimo, ma credo che questo futuro lo si sia cominciato a costruire da qualche mese e penso che presto, al piu’ tardi a fine Maggio, sapremo chi e’ il nuovo gruppo che ha acquistato il Palermo.
      Non credo che Zamparini possa vendere tutti i giocatori e regalare la squadra al sindaco , come ha lasciato intendere.
      Dalla vendita dei giocatori non ricaverebbe il totale del suo investimento ( il prezzo dei cartellini dei giocatori si sta svalutando di anno in anno). L’unico modo che ha per recuperare il capitale investito e’ quello di cedere l’intero pacchetto azionario ad un altro gruppo che per forza di cose avra’ un potenziale di investimento economico-finanziario superiore al nostro buon Zampa.
      Magari sara’ un gruppo straniero, forse spagnolo, oppure russo. Credo che sia spagnolo, e credo che in panchina si siedera’ Marcello Lippi.Per gli appassionati di questo svago, che appositamente non sto chiamando sport, se sono tifosi del Palermo, il divertimento potrebbe presto veramente cominciare.

    12. Maurizio (Londoner)
      se cosi fosse ti dico francamente che preferisco di gran lunga Zamparini e la sua dolce Pazzia. Tu sai perché lo considero Artista Matto,e perché mi intriga.
      Spagnoli? Russi? E lo sport?
      A questo punto se mi viene la voglia, l’astinenza, me ne vado al Malvagno a giocare,vuoi venire pure tu? La mia autonomia attuale é di 25 minuti,la tua?
      L’autonomia di Puglisi non la conosco.

    13. Signor Puglisi,
      se Giullare leggesse gli ultimi post nei quali lei si é interessato ai miei post non crederebbe ai suoi occhi.Mi riferisco a questo spazio e soprattutto alla pagina riguardante i nuovi cantanti profeti accompagnati dai nuovi “professionisti dell’antimafia”.
      Continuando di questo passo va a finire che da “nemici dichiarati”(pero’ lei sa che io amo “eccessivamente” gli animali e sono incapace di detestare i miei Simili Umani) tra un anno ci ritroviamo a mangiare arancine al bar L’Albatro.
      Magari dopo piu’ o meno lunghe discussioni ci accorgeremmo che né lei né io cambieremo mai qualcosa su terra ma ci limitiamo semplicemente(?) a giocare con le parole,i colori,gli oggetti,le note.

    Lascia un commento (policy dei commenti)