sabato 19 ago
  • 10 commenti a “La matematica è un’opinione”

    1. Sarà un semplice problema di arrotondamenti, magari i decimali non vengono visualizzati. Basta che le percentuali siano 43,6%, 6,7% e 49,7% e il conto torna. Va bene lamentarsi di tutto come ogni tipico siciliano, ma ora non mi sembra il caso di farne un dramma…

    2. I dati saranno stati effettuati con l’approssimazione….nel libro Metodologia e Tecnica della Ricerca Sociale di Corbetta si sostiene che un sondaggio a volte è necessario farlo al 101%…

    3. Mi spiace Walter ma Corbetta scrive in Corbetta, Gasperoni, Pisati, Statistica per la ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 2001, 75 (nota n.1) «a causa degli arrotondamenti può succedere che la somma delle percentuali faccia 99,9 oppure 100,1» e non 101. 😉

    4. va be, a voi non sa di presa per il MULO questo sondaggio?

    5. NO PONTE
      5 euro maglietta ( manichi cutti)
      7 euro borsa……….
      15 euro felpa…..
      3.50 euro matita……
      20 euro giubbino anti pioggia….
      Facitivi sti cunti prima di cuntari.
      saluti

    6. A me sembra invece interessante sottolineare che il 57% (decimale più, decimale meno) dei votanti è contrario a che il ponte si faccia adesso e, fra questi contrari, la schiacciante maggioranza è per non farlo MAI.

      Tenuto conto che sarebbero 5 mld di euro che potrebbero essere destinati ad altro (che so, raddoppio della linea ferroviaria PA-ME, infrastrutture autostradali, portuali e aeroportuali) non mi sembra un dato di poco conto.

      D’altronde, a che serve il ponte se per fare in treno PA-ME ci si impiega 4 ore per coprire una distanza di 230 km?

      Insomma, un qualunque bonus paterfamilias di media diligenza, prima d’accattarisi ‘a Ferrari, forse s’accatta a casa…

      Peccato però che, al punto della procedura di gara in cui siamo, decidere di non fare il ponte costerebbe, in termini di penali da corrispondere all’ATI aggiudicataria, ‘na poco di centinara di milioni di euro (per ritrovarsi comunque senza ponte).

      Quindi forse alla fine il ponte si farà lo stesso.

      Promemoria: ricordarsi di comprare azioni della società capocordata, perchè tanto, in un modo o nell’altro, la pila se la intascherà.

      Saluti dall’altra sponda dello stretto.

    7. Credo che questo sondaggio non valga proprio nulla.
      Io stesso, che sono contrario al Ponte, ho votato 3 volte con lo stesso indirizzo e-mail e dalla stessa postazione e il sistema ogni volta non mi riconosce e mi fa passare.
      Perché non fare un sondaggio vero?

    8. comunque ora tutto e’ tornato normale! vincono, sommandoli, i si 51% contro 49% di un solo no! Il presidente puo’ stoppare il sondaggio, avendo ottenuto quello che cercava, oppure lo trucca ancora un po’?

    9. Notiziola fresca fresca:

      18.04.2007 14:52:00 Infrastrutture, a Sicilia/Calabria 3 mld nuove risorse-Di Pietro

      ROMA, 18 aprile (Reuters) – E’ stato raggiunto oggi al
      ministero delle Infrastrutture un accordo con le Regioni Sicilia
      e Calabria per la ripartizione di quasi 3 miliardi di risorse
      finanziarie da destinare allo sviluppo di infrastrutture. Lo

      hanno annunciato in una conferenza stampa il ministro Antonio Di
      Pietro e i governatori delle Regioni Sicilia, Salvatore Cuffaro,
      e Calabria, Agazio Loiero.
      “Ho chiesto ai due governatori di darci indicazioni sulle
      opere che ritengono prioritario
      realizzare con i fondi a
      disposizione. Fedeli al principio del federalismo responsabile,
      vogliamo infatti concertare con loro quali infrastrutture
      realizzare, sia con i fondi per la viabilità secondaria, sia con
      quelli ex Ponte”, ha spiegato Di
      Pietro, riferendosi sia ai
      fondi già previsti nella Finanziaria sia a quelli che derivano
      dal fondo Fintecna che erano destinati alla realizzazione del
      Ponte sullo Stretto di Messina che il governo ha deciso di non
      portare avanti.
      In particolare
      da risorse stanziate dal comma 1152 della
      Finanziaria per la viabilità secondaria, alla Sicilia andranno
      1.050 milioni di euro e alla Calabria 450 milioni. Dai fondi ex
      Ponte, ma che Cuffaro ancora favorevole al progetto definisce
      “ancora pro-Ponte”,
      la Sicilia avrà oltre 950 milioni e la
      Calabria, contraria al progetto, 415 milioni.
      Il 9 maggio, ha detto Di Pietro, ci sarà la definizione
      completa delle opere che si vuole realizzare con queste risorse.
      Questi fondi, ha sottolineato il
      ministro, “mirano a cercare
      di riequilibrare lo squilibrio infrastrutturale tra Nord e Sud
      d’Italia” e si aggiungono ai fondi già stanziati dal governo per
      queste due regioni, per la Salerno Reggio Calabria, con il
      quadro strategico nazionale e con
      gli accordi con Anas e Reti
      ferroviarie.
      ***
      Morale: solo Totò Kiss Kiss è ancora convinto che il Ponte si farà.

    Lascia un commento (policy dei commenti)