sabato 16 dic
  • Inaugura PaLab

    Oggi alle 19:00 inaugura PaLab, il contenitore culturale patrocinato dal Comune di Palermo in via Fondaco all’Albergheria (pressi piazza della Vittoria, fra via dei Biscottari e via Porta di Castro). PaLab promuove la cultura multidisciplinare e multietnica partendo dalla realtà siciliana e palermitana (PaLab: Palermo/Laboratorio), confrontandosi con culture diverse e lontane. Gli obiettivi sono mostre, incontri, laboratori tematici per adulti e bambini, workshop d’arte, grafica e fotografia, di arti visive e cinematografiche, rappresentazioni musicali e teatrali. PaLab riserva due aree della galleria come spazio/aggregazione: una caffetteria, pensata e allestita con uno sguardo al design più stream e un ristorante su base siciliana ed internazionale.

    “La città intima”

    La mostra che inaugura il nuovo spazio è La città intima, che percorre spazi pubblici, edifici e stanze della metropoli contemporanea raccontando nuovi comportamenti, stili di vita, i sogni ad occhi aperti attraverso cui le persone interpretano i media, la moda e l’intrattenimento digitale esibendosi nella vita di tutti i giorni. Gli autori in mostra sono Luca Diffuse, che ricerca su temi come le tecnologie digitali, i nuovi comportamenti e i linguaggi artistici, Daniel Egnéus, artista svedese che ha creato lo stile “quotidiano-straordinario” e Mariella Tesse, architetto premiata in numerosi concorsi.

    La mostra rimarrà visitabile fino all’1 luglio dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 a mezzanotte. Ingresso libero.

    Palermo
  • 3 commenti a “Inaugura PaLab”

    1. ieri pomeriggio, verso le ore 17.30, decido con un’amica di andare a visitare questo nuovo spazio espositivo, signori era chiuso!!! Dopo aver fatto un breve ed invano giro alla ricerca di qualcosa dì interessante da vedere,ci rendiamo conto che la grande metropoli palermitana a quell’ora del pomeriggio di una domenica primaverile, altro non offriva che la possibilità di andare a visitare, per la seconda volta, la mostra a Palazzo S. Elia, La famosa collezione dello zar NIcola I. Già durante la prima visita ero rimasta sconcertata per la cattiva e mortificante illuminazione, cosa fondamentale per una mostra di quadri.Ero rimasta anche perplessa dalla presenza massiccia dei vigili del fuoco, che con ascia a seguito conferiscono un’atmosfera horror al contesto.
      La mia amica non aveva ancora avuto il piacere di vedere la mostra, così ci siamo decise ad andare inconsapevoli che una nuova esperienza era lì ad attenderci.
      PAlermo è una città, dove tutto è possibile, questo lo sappiamo, e con questo spirito abbiamo vissuto quanto sto per raccontarvi.All’ingresso, veniamo bloccate da un signore addetto alla sicurezza, che ci chiede di consegnargli le borse perchè, a suo dire, troppo voluminose. Specifico che la mia, era la stessa della volta precedente, e nessuno mi aveva bloccata. Poco dopo, lo stesso signore ferma una signora anziana,una vecchietta,con una borsa dalle dimenzioni ridotte e le chiede la stessa cosa. Ci avviamo verso le sale, private delle nostre borse, e chiedendoci da cosa nascesse tale richiesta visto che molte signore avevano delle borse più grandi delle nostre e si muovevano tarnquillamente nelle sale.
      Abbiamo pensato: forse per motivi di sicurezza antiterrorismo? e la vecchietta? e perchè solo alcune delle borse? Neanche potevamo pensare al furto, perchè come si fa a mettere una tela dentro una borsa?
      Alla fine del nostro giro, siamo ritornate a recuperare le borse, io e la mia amica con occhio sospetto abbiamo osservato il signore, un tipo dall’aspetto losco, che ce le restituiva,e alla nostra domanda perchè a noi? lui ha risposto,che le borse grandi non possono entrare in sala, perchè un movimento brusco avrebbe potuto far cadere le opere! Ma come sarebbe potuto accadere? visto che le tele erano tutte appese e anche ad una certa altezza?
      Siamo uscite un pò sconcertate e con il dubbio che lui avesse soltanto voluto trafugare nelle nostre borse…

    2. In risposta al commento di Annalisa, volevo solo informare che Palab al momento non sarà visitabile la Domenica in quanto mancano ancora dei presupposti necessari per garantire un servizio completo (il ristorante ad esempio aprirà solo tra una ventina di giorni), presto però questo spazio sarà fruibile in tutti i giorni della settimana, ci auguriamo il prima possibile.

    3. Un bel sito.
      Mi sono aggiunto ai vostri amici.
      Se programmerete qualche iniziativa,informatemi.
      Saluti

    Lascia un commento (policy dei commenti)