mercoledì 20 set
  • Ode a Guidolin

    Ho sempre avuto un debole per Francesco Guidolin. Lo dico subito, così chi vuole si può preparare a sputarmi addosso che tanto ormai ci sono abituato. Mi piace molto come allenatore (in fin dei conti ci ha portato prima in A e poi in Europa) ma soprattutto come uomo. E qui — lo dico alle mie donne — il fattore estetico non c’entra proprio nulla. Mi piace la sua capacità di incassatore, la sua freddezza, il self-control davanti a tutte le porcherie che gli sono state rovesciate contro in queste tre stagioni (quasi) in cui ha guidato la squadra rosanero. Il suo datore di lavoro gli ha detto nell’ordine che è uno sfigato, che porta attasso, che non capisce niente di pallone, che non ride mai (gravissimo per un tecnico, ne converrete), che non ha le palle e chissà quant’altro. Lui, Francesco, ha sempre fatto finta di non sentire, è andato avanti per la sua strada e non si è mai lasciato andare a una polemica che sia una contro il danaroso signore venuto dal nord.
    Lo so, l’obiezione del tifoso è sempre la stessa: visto che Guidolin guadagna un milione e 300 mila euro all’anno, ci manca pure che si mette a rispondere al suo presidente. Obiezione che, onestamente, non condivido. La dignità di una persona non ha prezzo e nulla, ma proprio nulla, autorizza un padrone (parola che mi dà l’orticaria, ma quello è) a maltrattare a mezzo stampa un suo dipendente. Al limite può alzare il telefono e vomitargli contro improperi. Ma farlo sul giornale o in tv è, a mio parere, sgradevole e quantomeno poco elegante. Detto ciò Francesco Guidolin avrà anche le sue colpe, a un certo punto non ne ha capito più niente, ma sentirsi bastonato un giorno sì e l’altro pure non avrà di certo giovato alla sua psiche.
    Nel girone d’andata, quando il Milan faceva ridere mezza Europa, il presidente rossonero ha sempre difeso il suo allenatore e non si è mai permesso di insultarlo per i risultati negativi. Poi, a gennaio, gli ha comprato i due giocatori che il tecnico aveva richiesto e il Milan ha ripreso a volare centrando in carrozza l’obiettivo Champions. Nel momento più difficile della stagione, invece, Guidolin è stato lasciato solo e quando ha chiesto un attaccante (Cruz) e due esterni (Buscè e Semioli) la società ha risposto prendendogli uno sconosciuto (Matusiak) e due interni (Giacomazzi e Ciaramitaro). Insomma, se qualche volta il nostro presidente prendesse spunto dal collega rossonero farebbe meno bile e vincerebbe qualcosa dopo vent’anni e passa di allenatori licenziati e magre figure in Italia e in Europa.
    Certo che tornare su Rosalio dopo un anno e fare l’apologia di Silvio Berlusconi non era esattamente quello che immaginavo soltanto qualche settimana fa. Ma i quaranta incombono e forse comincio a sentirmi vecchio. Un abbraccio a tutti i lettori di questo blog e speriamo di divertirci insieme ancora a lungo. Ah, dimenticavo, grazie a Tony che mi ha richiamato. Speriamo che non se ne penta…

    Ghiaccioli...online!
  • 35 commenti a “Ode a Guidolin”

    1. Finalmente posso uscire allo scoperto. Ho condiviso il tuo stesso sentimento di simpatia umana e stima in clandestinità. Un giorno mi è saltato in testa di mandargli un sms di incoraggiamento. Mi ha richiamato per ringraziarmi. Quanti altri signori del pallone l’avrebbero fatto? Io sto con lui, anche se non è facile a Palermo. Qui la gente sta sempre dietro il carro più grande: che sia di Santa Rosalia o di Zamparini.

    2. Lucio, come non essere d’accordo con te? a Guidolin do il merito di essere arrivato da Signore ed essersene andato da Gran Signore.
      Mai una parola in più. Mai ha risposto alle provocazioni di Zampa. Per quanto mi riguarda dal punto di vista umano ha dato lezione di vita.
      Discorso diverso dal punto di vista tecnico: perchè se è vero che lui a gennaio ha chiesto coppe e Zampa gli ha risposto a mazze, ma è pur vero che, credo, che non abbia saputo gestire al meglio uno spogliatoio che (forse mie fantasie) si frantumava giorno dopo giorno. Le dichiarazioni di Corini e Fontana dicono tutto.
      L’unica vera pecca che ho sempre dato a Guidolin è la mancanza di “coraggio” tecnico. Per il resto lo rimpiangeremo a vita… vero Roberto? 🙂

    3. Caro sig. Luca, le condivido, anche se alla fine si propone la tesi “tutti colpevoli, nessun colpevole”…

    4. Guidolin quest’anno doveva portarci in Champions e basta era unìoccasione unica senza la juve e con le penalizzazioni, invece lui ha continuato a dire che si trattava di un sogno, certo sogno con quel girone di ritorno disastroso…non scherziamo dai GRAZIE A GUIDOLIN

    5. GRAZIE A GUIDOLIN PER averci portato in A, ma io al contrario di Lucio Luca sono del parere che PAlermo abbia bisogno di un allenatore piu’ passionale, lui è troppo bravo a spegnere gli entusiasmi, la gente ha bisogno di sognare, come nel calcio anche in altre cose nella vita, ma lui ha i piedi piantati troppo in terra…RIPETO GRAZIE A GUIDOLIN ma si doveva cambiare pagina, il suo ritorno nno ci doveva essere perchè lo stesso guidolin ci aveva abbandonato il primo anno in maniera “strana” (preferiva Firenze che poi lo scartò per Prandelli)…..FORZA PALERMO….Vorrei dire a Roberto Puglisi che è vero che a Palermo si sale facilmene nel carro di convenienza, ma come si fa a scendere dal carro di Zamparini?? Nonostante i suoi errori che sono tanti rimane un grandissimo presidente….

    6. Non c’è bisogno di scendere. Basterebbe far sapere al conducente che, qualche volta, sbaglia pure lui.

    7. Confesso di essere un ammiratore di Lucio Luca. Ebbene si, ognuno ha le sue perversioni.
      Detto questo non si può però dire (giustamente) che quando le cose vanno male la colpa è anche e soprattutto del presidente e poi che “Guidolin ci ha portato in serie A e in Europa”. E coi soldi di chi?
      Al di la delle incontinenze verbali di Zampa, il sesto posto attuale, con questa rosa e le penalizzazioni altrui, è un vero flop. La scelta di rinunciare alle coppe demeziale, la gestione del dopo Amauri priva di logica.
      Poi il calcio è bello perchè ci sta tutto e il suo contrario.
      Saluti

    8. Marco, grazie, alle perversioni non si comanda. Una domanda: a Moratti ci sono voluti 18 anni e 1000 miliardi di lire per vincere un campionato. Come dire, non si vince con i soldi, ma con il lavoro. Detto ciò, ribadisco: Guidolin avrà commesso non uno ma centinaia di errori, ma questo non autorizza nessuno a insultarlo. Tanto meno il suo datore di lavoro che lo ha voluto a tutti i costi e gli ha offerto un ricco contratto di tre anni. Le cronache non ci hanno ancora riferito di pistole alla tempia puntate su Zamparini. E’ stata una sua libera scelta, e quando si fallisce nessuno si può tirare fuori. Il pesce puzza sempre dalla testa, o no?

    9. Lucio,
      a Moratti,lo scudetto non glielo hanno fatto vincere per i fatti “Moggiani” o “cupoliani”.Ce chi vince con i soldi,ma anche con il lavoro che gli fanno “gli amici” e come sdaprai in italia gli “amici degli amici” ce ne sono a bizzeffe,perció mi tengo stretto a Zamparini e rinuncio a chi non ha il coraggio di puntare su traguardi ambiti,cmq,grazie Guidolin,ma il tempo passa per tutti,credo che l´errore sia stato averlo richiamato a palermo,perché se Zamparini chiamava un allenatore “coraggioso” forse saremmo la sopra prima di Lazio e Milan.Saluti

      Turiddu

    10. Naturalmente quando posti “…mi piace la sua capacità di incassatore, la sua freddezza, il self-control…” escludi la reazione isterica contro la fiorentina, quando il “nostro” andò di brutto fuori di testa.
      Quella reazione possiamo inquadrarla – citando la Carmen nazionale – l’eccezione alla regola.

    11. Turiddo, finchè mi dici che Moggi ha condizionato i campionati, non posso che essere d’accordo… ma 18 anni… 1000 miliardi spesi… ammetterai che sono un po’ tanti, senza contare che mica Moggi è stato sempre alla Juve… via, diciamo che con Gresko, Centofanti e compagnia bella era dura vincere, Moggi o non Moggi… quanto alla reazione contro la Fiorentina, non c’entra granché con il mio post, io parlavo di doti di incassatore legate a tre anni di insulti del suo presidente… e comunque sono felice che Guidolin faccia discutere, evidentemente non è un tipo banale

    12. Uno mica può essere un signore, un campione di self-control a senso unico. Non puoi essere un esempio di razionalità quando il tuo interlocutore è il presidente e andare di matto quando hai a che fare con i colleghi.
      E non ditemi della tensione della partita perchè il nostro ha continuato anche a mente serena. Per non parlare di come spesso andava nel pallone nella gestione delle partite (sostituzioni, etc)
      Cmq sul fatto che Guidolin sia una persona colta ed intelligente e non banale: sottoscrivo!
      Saluti

    13. Ciao Lucio, sono nuovo del blog, complimenti per tutto, condivido in pieno la tua disamina su Guidolin e chi sa se torna a Palermo. Il Zamparini non è il Berlusca in quanto a “savoire faire” è un commerciante incallito. Senza di lui che faremmo?

    14. C’è riuscito, finalmente, Zampa a cacciare l’allenatore triste e, ormai, senza risultati. L’ho già detto in altri lidi e lo ribadisco qui da voi, Zamparini mi sta sugli zebedei – da sempre, anche quando era più popolare e benvoluto di Santa Rosalia e Cuffaro messi inieme, mi stava esattamente lì – e Guidolin, cavallo di ritorno, sapeva bene con chi (ri)avrebbe avuto a che fare, quindi non c’è molto da dire. Spero solo che non facciamo la fine del Venezia calcio, altra creatura amata e poi gettata dal grandissimo emmezzeta… chiedere ai tifosi del Venezia per informazioni e referenze. Certo, per chi vuole fare affari e profitti a livelli molto alti, Palermo fa molto più gola di Venezia, quindi dovremmo correre meno rischi. Ma non riesco proprio a fidarmi del vulcanico re dei supermercati!

    15. Caro luca condivido tutto quello che hai scritto su Guidolin…
      Come tifoso del Palermo sono invece molto preoccupato per alcuni motivi: 1) Zamparini ha ottenuto quello che voleva e cioè l’autorizzazione dal consiglio comunale per la realizzazione del centro commerciale, 2)gli europei del 2008 non sono andati all’italia e lui senza i fondi europei non costruirà mai il nuovo stadio perchè è un operazione antiecoenomica, 3) ho paura che molli ancora di più la squadra…

    16. Stiamo raggiungendo un punto di mediazione che nemmeno Follini..
      Sottoscrivo che il pesce puzza dalla testa, ma anche i precedenti profumi mai raggiunti in città, devono essere ascritti principalmente a emmezeta. Che anche a me sta sui cabbasisi, che è rozzo e primitivo nelle uscite, che fa il padroncino verghiano e fascitoide, ma che senza di lui altro che Venezia, saremmo sotto il livello del mare.
      Tre anni fa diceva che lui poteva comprarsi tutta la Roma coi Sensi e i giocatori, e in due anni quelli con molte meno risorse sono arrivati tra le prime 8 squadre d’Europa. Anche perchè Sensi ha preso Spalletti e lui Guidolin, però.

    17. se una squadra fa un harakiri del genere, ‘bruciando’ in quel modo un’opportunità storica, 9 allenatori su 10 saltano, giusto o sbaglato che sia…

      siccome siamo tutti allenatori, mi ci metto anch’io e penso che guidolin la sua buona dose di colpe ce l’abbia.
      detto ciò, resta un signore, palermo non può non essere grata con lui e zamparini parla troppo e a sproposito. questi suoi modi arroganti e spesso maleducati mi danno molto fastidio. un pò più di raziocinio e di senso della misura non possono che far bene al palermo…

      p.s. senza i ‘ghiaccioli’ il martedì sarebbe un giorno un pò più triste… grazie!

    18. grazie pè, di cuore…

    19. Guidolin ha sbagliato perchè nel calcio contano solo i risultati, come uomo lo rimpiangeremo perchè quelli come lui in quell’ambiente si contano sulle dita di una mano. I vari Di Michele & company si passino una mano sulla coscienza perchè aldilà del tatticismo, in campo scendono i giocatori e di giocate alla “viva il parroco” da gennaio in poi ne abbiamo viste in quantità. Guardate Mancini, con quella squadra che si ritrovava se non avesse vinto il campionato Moratti lo avrebbe crocifisso. In una squadra l’allenatore conta al 40%, la differenza la fanno i giocatori. Se si vogliono raggiungere dei traguardi “i piccioli sannu a’sapirispenniri”. Forza Palermo.

    20. Caro Lucio, l’indomani dell’esonero del “mister” Rosalio ha “postato” sull’argomento, è già lì ebbi modo di scrivere il mio grazie, aggiungendo che nessuno mai potrà togliere i suoi meriti (serie A, ecc.) ma.. dagli almanacchi, mentre penso che si toglierà presto dai nostri cuori; I tuoi “ghiaccioli” sì sono dentro noi, e per questo che mi permetto di dire che un’Ode mi sembra esagerata, l’uomo Guidolin è un gran signore, ma parliamo dell’uomo o dell’allenatore? converrai che i 2 nn si incontrano, gli errori commessi quest’anno sono macroscopici; insomma se in famiglia c’e un momento che “gira”, tuo cugino ti offre la sua villa a metà prezzo, la banca ti fà un tasso di favore, la zia ti lascia la “putia” e nn vuole nient’altro che un misero affitto, all’ufficio ti hanno promosso, e tu… fai una riunione familiare dove spieghi che è meglio volare bassi, il troppo stroppia, ecc; E dopo 3 mesi la sventura si accanisce contro di tè…bè è possibile che tua moglie ti lasci, e i tuoi figli ti mandino a quel paese.
      Nella fattispecie, per quanto sono un fautore dei valori…bè ammetterai che eserre buttato fuori di casa con 1.300€ ti farà piangere in un’albergo comodo.
      Discorso diverso è il “patron” (unnu pozzu addiggiriri) ma tantè…!. 🙂

    21. Hopps, naturalmente 1.300.000€.
      ( errore perdonabile, la mia mente ragiona su quelle cifre al max). 😉

    22. cari amici, l’ho scritto e lo ribadisco.. non discuto gli errori del tecnico (però se uno fa 38 punti nel girone di andata e solo 11 nel ritorno qualcosa che non quadra ci dovrà pur essere) ma soltanto il fatto che si è assuppato due anni e mezzo di insulti senza colpo ferire… e l’ultimo giorno, piuttosto che andarsene incazzato, è andato a stringere la mano a tutti i giocatori (ad eccezione di un paio che lo hanno evitato… sigh…). Dopo di che, lasciamo stare le cifre: lo sappiamo, nel calcio funziona così, e forse per questo, prima o poi, questo sport chiuderà bottega. Non so voi, ma per me Guidolin è l’allenatore del mio primo Palermo in serie A (ho 40 anni e nel 72′ ero troppo piccolo). Per questo, ma anche per le notti Uefa, io non me lo dimenticherò. Tutto qui…

    23. Lucio , come ho scritto gia’ in passato , Guidolin nel momento piu’ delicato del campionato aveva richiesto determinate pedine per rinforzare la squadra , cosi’ non è stato , anzi , e cominciata una campagna antitecnico , con a capo il presidente .
      Avra’ avuto sicuramente delle colpe nella gestione della squadra , ma di sicuro non è stato l’unico .
      Per il resto di Guidolin mi rimarra’ un ricordo indelebile , come il miglior allenatore che il Palermo abbia avuto nella sua storia.

    24. Secondo me le colpe del fallimento champions (ma speriamo nel miracolo)sono da distribuire equamente perche’ se e’vero che nel girone di ritorno Guidolin ha fatto molti errori e anche vero che la causa di alcuni di essi,va ricercata nel mancato acquisto di un valido sostituto di Amauri sul quale l’ allenatore aveva costruito l’intero equilibrio della squadra.Non condivido l’esonero a 5 giornate dalla fine,anche se ovviamente spero di ricredermi…FORZA ROSANERO

    25. Zamparini non ha idea di cosa sia essere “buon presidente” di una squadra di calcio. Il fatto che il Palermo sotto la sua presidenza abbia raggiunto la serie A è anche e principalmente un suo gran merito ma ciò non ha nulla a che vedere con il fatto che Zamparini non ha neppure una lontana idea di cosa sia il “lavoro di squadra”.
      Guidolin ha dimostrato di essere un Signore.

    26. Se sul piano umano non ho nulla da dire su Guidolin, è vero che sul piano tecnico mi sento di muovere qualche critica.Si è deciso di puntare su alcuni giocatori come Caracciolo o Brienza, ritenendo che fossero validi rincalzi, lasciando andare via in prestito Budan ( bel campionato a Parma), Makinwa, Gonzales…A Gennaio Caracciolo o Brienza erano messi sul mercato per cercare di arrivare a Bianchi o ad altri giocatori. Sinceramente non capisco : la gestione tecnica della squadra, la scelta della rosa è anche responsabilità dell’allenatore. Probabilmente ha ragione (purtroppo) Zamparini, quando dice che Guidolin non vede oltre gli undici/dodici giocatori che preferisce ad oltranza.Cavani stesso, è frutto di una fortunata coincidenza: sono del parere che Guidolin, se non costretto dalla disperazione, non lo avrebbe fatto giocare, prova ne è che fino a quel momento l’uruguagio era in forza alla primavera.Purtroppo i risultati negativi, a partire dalla sconfitta a gennaio con la lazio, imponevano un cambio di rotta, che non c’è stato. Aggiungo, inoltre, che se a gennaio non sono arrivati i giocatori richiesti,Guidolin poteva sempre rimarcarlo pubblicamente, invece di andare in giro a dire che la squadra andava bene così.
      Su Zamparini preferisco non parlare…a me sentire pronunciare la parola “cacciare”, quando si parla di dipendenti, mi ricorda un triste Zio Paperone…dove è il rispetto?

    27. Noto con piacere che non sono l’unico a peccare di lesa maestà contro il sommo Zampa… prima o poi mi faccio un partito… eheheh… e vabbè, grazie al presidente per tutto quello che ha investito, ma facesse lavorare i suoi dipendenti con tranquillità mica sarebbe male… o no?

    28. Io direi che – tolte le giaculatorie e gli scappellamenti di rito – si può pure osare. Anche perchè Zampa avrà i suoi difetti, ma mi sembra meno permaloso del Papa.

    29. …mah… non lo so…non vorrei avere inibito l’ngresso allo stadio per lesa maestà…secondo me un pò inc***zzoso mi pare…

    30. mi lancio da libera cittadina non ammalata di tifo e da donna ‘costretta’ (dal compagno) ad annegare le domeniche in interminabili (quanto talvolta inutili) ripetizioni di segmenti di partite e interviste più o meno sportive.
      intanto: guidolin è un uomo di classe
      poi: sa parlare un corretto italiano
      dunque: articola pensieri e ne fa venire fuori discorsi di senso compiuto
      inoltre: è educato e moderato tanto nelle vittorie quanto nelle sconfitte
      infine: si critichi pure il tecnico (a me non importa) ma si elogi l’uomo (basterebbero, come unico e indiscusso termine di paragone, le sillabe incomprensibili farfugliate da quello coi baffetti che lo sostituì … pazzesco!)
      ringrazio lucio luca per aver ridato a guidolin quello che gli appartiene.
      🙂

    31. MI trovo d’accordissimo con Voi
      Ringrazio Guidolin per tutto quello che ha fatto per il Palermo e sopratutto per noi, ci ha ridato la gioa di andare allo stadio.É un Signore … al contrario del Presidente che va chiaramente e comunque ringraziato… perchè se non c’èra lui….
      In bocca al lupo Mister-

    32. Lucio,
      mio nonno era di carattere scorbutico,ma ringrazio lui per aver “creato” mio padre cosi da farmi nascere 😉 perció ringrazio lo “scorbutico” Zamparini che ci da la possibilitá di veder fior di campioni,altro che Damblé (con tutto il rispetto..)e di aver “creato” questo palermo che senza ,( a mio avviso )le scellerate decisioni di “qualcuno” staremmo giá festeggiando la champion League e forse la finale Uefa …saluti

      Turiddu

    33. Guidolin sarà forse un signore, però un vero signore non si rivolge al “suo” pubblico chiamandolo “questi qua”, un vero signore cerca di frenare le crisi isteriche, non insinua sospetti, se ha qualcosa da dire la dice e basta. Guidolin ha altri due anni di stipendi miliardari pagati. Facile fare i signori in queste condizioni ( un vero signore sa quando è il momento di dare le dimissioni…). Così come è facile arrivare in Serie A con giocatori come Toni , Corini, Barzagli, Zauli con un Presidente che a Gennaio non esita a rinforzare la squadra con altri quattro o cinque elementi. Non si puo’ dire se Guidolin sia stato il piu’ grande allenatore della storia del Palermo. Si puo’ certamente dire pero’ che squadre come queste degli ultimi anni a Palermo( con Zamparini, per intenderci) non si sono mai viste. Ci sono stati semmai Presidenti piu’ signorili, con progetti forse piu’ “romantici”, ma allora il calcio era tutt’altra cosa.

    34. Si può pure certamente dire che mai a Palermo (e forse non solo a Palermo…) si era visto un Presidente che parlava al suo allenatore attraverso la stampa…

    35. Zamparini è uno che non può vincere! bisogna fidarsi dell’allenatore se si vuole vincere qualcosa, era meglio cruz di matusiak proprio cruz che ha fatto vincere all’inter un sacco di partite!
      Sconcentrerebbe qualsiasi allenatore e rende l’ambiente profondamente instabile!!!
      Guidolin era ansioso e stressato è vero ma quell’ansia lì l’ha creata Zamparini dandogli una squadra e lasciandolo solo completamente!

    Lascia un commento (policy dei commenti)