mercoledì 13 dic
  • Le interviste post elezioni

    Non c’è luogo migliore dell’ufficio postale per ascoltare e percepire le opinioni della gente. Le lunghe file facilitano la conversazione con il vicino di posto ed è lì che ieri mattina, con la notizia “fresca fresca” della riconferma di Cammarata come sindaco di Palermo, ho ascoltato le opinioni della gente sui risultati elettorali. Dalle risposte date è facile capire come l’esigenza maggiore sia la richiesta di un lavoro, di un posto fisso per riuscire a “campare” la famiglia. I consensi raccolti rispecchiano effettivamente l’esito delle percentuali e tra alti e bassi quello che si chiede maggiormente al sindaco è di dare una speranza in più a chi, vinca la destra o la sinistra, a fine mese deve pagare comunque le bollette.

    Interviste post elezioni amministrative di Palermo (2007).

    Palermo
  • 22 commenti a “Le interviste post elezioni”

    1. Questo conferma la confusione che c’è tra la gente in merito alla conoscenza di ciò che debba essere il ruolo del sindaco. Non che i candidati non abbiano contribuito a questo (torna utile…) ma penso che sia anche dovuto al sentire di un popolo che storicamente è stato sempre suddito di viceré o governatori e mai parte di un libero comune.

    2. Caro Humby
      i tempi dei Vicere’ sono lontani.
      Oggi c’e’ la singolare situazione di
      un capo del Governo di Sx,
      ed un Sindaco di Dx.
      Staremo a vedere se Prodi accordera’
      le richieste di Cammarata.
      Mi ha bene impressionato l’immediato inter
      vento di Prodi nel riconoscimento dei
      Risultati Palermitani e dell’Augurio
      di buon Lavoro a Cammarata,che fa sperare
      che una parte del Tesoretto possa arrivare a Palermo,vista la situazione
      di perenne disagio che c’e’a Palermo.
      La lezione di Prodi mi pare sprecata nei
      riguardi di tanti simpatizzanti di Sx che
      con le loro polemiche continuano a far
      male alla Sx.

    3. “…che fa sperare che una parte del tesoretto possa arrivare a Palermo…”
      Scusa, ma in quale film???

    4. forse,con la buona volonta’(e la consapevolezza)di tutti

    5. il “posto fisso” e’ come il “credito”
      Una volta nelle “putie” c’era una scritta
      “per colpa di qualcuno,non si fa piu’
      credito”.

    6. Comunque il problema e’ serio,e se Prodi
      non manda i SOLDI ne vedremo di …belle.

    7. comunque l’Ufficio del Lavoro e’ un
      Branch Office del Ministero del Lavoro
      con sede a Roma………..

    8. Insisto, a costo dell’antipatia, che una cosa è cercare lavoro, una primaria esigenza di qualunque uomo e donna, un’ altra è cercare il “posto” di lavoro.
      Non è una sottigliezza linguistica, ma una sostanziale differenza di impostazione mentale.
      Il “posto2 di lavoro presuppone qualcuno, in genere un potente o uno che ha peso in qualche consesso politico, che te lo crei e te lo elargisca, naturalmente come contro favore.
      E’ la piramide che ha in cima il vicerè e i delegati del vicerè, e via via i vassalli, valvassori e valvassini….
      Roba da duecento anni fa, fatemi dire…
      Devo credere per un ventenne, un venticinquenne,il massimo dell’aspirazione sia un posto al Comune per 900 euro al mese netti ?
      Anche se laureato o con doppia laurea ?
      Questa è la massima aspirazione di un giovane palermitano ?
      Non ci posso credere, vorrebbe dire che un’altra generazione si sta bruciando in attesa di qualcuno che gli trovi il “posto”.
      Noi nati negli anni 60, 70 ci siamo cascati come gli scemi, aspettando chissà che…
      Pretendete quello che per legge vi spetta, l’assoluta pari opportunità nei concorsi pubblici, graduatorie trasparenti, vigilate su quello che passa per le vostre teste.
      Cosa fare ? Io dico solo essere informati su tutto quello che accade in Città e impegno quotidiano sugli atti della pubblica amministrazione.
      Diceva Gramsci settanta anni fa che tutto parte dall’ istruzione, dalla nostra cultura, dal nostro sapere.
      Fate sentire la vostra voce, la vostra presenza ,il vostro essere cittadini.
      E’ un cammino lungo, specie a Palermo, ma se continuiamo a guardare e lasciare fare a chi sa fare quello che vuole fare, saremo sempre un popolo di sconfitti, di perdenti dalla schiena curva.
      Un caro saluto
      W.P.E.S.R
      Giuànni

    9. L’intervento di Giuànni (che quoto al 100%) mi offre lo spunto per precisare in termini essenziali il senso del mio.
      I cittadini non devono questuare al sindaco il “posto” e questi se lo promette (sia di destra o di sinistra) è un demagogo; devono pretendere invece una sana, corretta ed efficace amministrazione. Questa sì può indurre un circolo virtuoso che favorisca le condizioni per un’economia del lavoro non assistita e progredita.

    10. quante persone l’Amministrazione Comunale
      puo’ assumere senza compromettere la
      propria capacita’ di funzionamento?

    11. il Lavoro,come Posto Fisso,credo abbia fatto il suo tempo,almeno nelle Aziende Private,nelle quali e’ vitale raggiungere un’adeguata produttivita’….

    12. Il Comune mi pare abbia un Assessorato
      per la Solidarieta’ Sociale.
      Qui potrebbero arrivare i Fondi,quale
      quota del TESORETTO che Prodi si accinge
      a distribuire,in un’Italia che,si dice,e’ ormai ripartita…..

    13. Giuanni
      se un ventenne ha i numeri,e’ meglio che se li giochi in uno scenario internazionale,almeno fino a che Palermo
      non esce da questi “giri virtuosi da
      900 Euro/mese”

    14. Spero proprio che neanche un centesimo del “tesoretto” arrivi a Palermo. A parte il fatto che l’ideale sarebbe utilizzare tutto il “tesoretto” per ripianare il debito pubblico, ma un eventuale elargizione di fondi alla nostra città sarebbe uno spreco colossale. Dispiace dirlo, ma noi palermitani (e in generale noi siciliani) non meritiamo proprio niente dallo Stato, perchè abbiamo rieletto un sindaco che, davanti a tante emergenze gravi, ha buttato un sacco di soldi in pubblicità e poi non abbiamo la maturità necessaria (basta pensare allo spettacolo penoso cui si assiste alla Favorita all’indomani di Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, alle doppie e triple file indecorose che bloccano il traffico nell’indifferenza dei più, al vandalismo che colpisce cabine telefoniche, bus, etc.). Scusate il pessimismo, ma sarebbe come comprare il motore a un ragazzo bocciato a scuola. Purtroppo, dopo la Primavera di qualche anno fa è tornato un triste autunno.

    15. Valos, se crediamo nella democrazia nel senso più autentico del termine, l’Avv.Cammarata è stato eletto dai cittadini di Palermo al primo turno e questo è un fatto incontrovertibile. I brogli denunciati seguiranno l’iter di legge previsti e aspetteremo di conoscere gli esiti.Questo si chiama stato di diritto . I fondi che L’Avv.Cammarata ha usato per la campagna dei famosi cartelli sono stati legittamamente spesi o c’è stato un abuso ? La Corte dei Conti è intervenuta sul caso ? Si deve pronunciare ?
      Delle due, una : o Palermo continuerà ad essere amministrata come ai tempi dei Vicerè e ce ne facciamo una ragione ; o Palermo verrà amministrata come i Comuni d’Italia e d’Europa dove si applica l’assoluto rispetto della legislazione corrente, a prescindere da chi abbia la poltrona di Sindaco.
      E ancora dove si assume non per promesse o per una specializzazione che ancora si deve acquisire ( mi chiedo ma se qualcuno dei futuribili autisti senza patente non risultasse idoneo per un motivo o per incapacità alla guida, cosa ne faranno ? ).
      Per marcare stretto chi ci rappresenta, maggioranza o opposizione, bisogna partecipare in ogni forma alla cosa pubblica, senza pessimismo e senza rassegnazione ma solo con la certezza di essere dalla parte dei diritti dei cittadini.
      Il lampione della strada che non funziona, la spazzatura non ritirata, tutto ciò che riguarda il bene comune, sono esempi di come le nostre segnalazioni agli enti interessati, ma è solo un esempio forse banale, ma inizia da lì la partecipazione.
      Qualcuno dirà che sono discorsi già sentiti e che non cambierà mai niente.
      Quando mi bocciarono a settembre al Liceo, mio padre non mi comprò il motorino, non era neanche il momento giusto per chiederglielo, ma fu il primo a incoraggiarmi a non mollare e a continuare, invece dello schiaffo che mi aspettavo, mi abbracciò e mi disse ” Un ti preoccupàri, però l’annu chi bièni, sturìa…”
      Via il pessimismo, Valos e gli altri musi lunghi e lavoriamo con più entusiasmo, per la nostra Palermo.
      Giuànni.

    16. x Valos
      mi pare troppo penalizzante per la Citta’
      rinunciare a quanto le spetta per timore
      di gestione clientelare e/o partitica.
      Se risultano deroghe ad una corretta
      gestione amministrativa ritengo sia il
      caso di evidenziarle,ma con cognizione di causa,perche’ ho letto qualche post che mi ha dato l’impressione di fantasie
      galoppanti e scatenate da una passione politica,secondo me, non adeguata ai tempi.

    17. per quanto concerne la rielezione di questo sindaco,non mi pare si sia mai macchiato di qualche “onta indelebile”
      ………..

    18. per quanto riguarda il debito pubblico,
      mi pare che la situazione rientri nei Parametri,e sia sotto Controllo.
      (Guarda bene in faccia Prodi,quando ne parla soddisfatto)
      E poi,ricordati che,
      se non hai un discreto indebitamento,
      vuol dire che non stai realizzando niente
      che sei fermo sulle tue posizioni,
      e non mi pare una scelta producente….

    19. x Valos
      Non sono d’accordo che ” noi Siciliani non meritiamo niente dallo Stato”.
      Noi abbiamo seri problemi per i quali nessuno viene ad investire in Sicilia,
      ed abbiamo pochissime Realta’ Produttive.
      Ma stiamo continuando a sfornare Laureati
      che sono un “Prodotto” prezioso e stiamo pagando una Tassa Onerosa nel momento in cui devono scegliere la via dell’emigrazione.
      E c’e’ chi ne trae beneficio.

    20. riki, tu continui ad evocare il tesoretto sperando che una sua parte possa arrivare a Palermo. Vorrei però spiegarti perchè, fatti alla mano, questo tuo desiderio è a mio avviso destinato a rimanere una pia illusione (questo era peraltro il senso del mio post iniziale).
      Innanzitutto, è bene chiarire ciò di cui stiamo parlando: al netto degli interventi strutturali per rimanere ben al di sotto del parametro del 3% del rapporto deficit/pil e per invertire la rotta dell’iperbolico rapporto debito/pil, rimarranno 2,5 mld.
      Stando a quello che ha detto Prodi, questi 2,5 mld verranno utilizzati per ammortizzatori sociali (o comunque per interventi lato sensu di politica sociale) e per politiche a favore dei giovani. Non si parla di interventi a favore di questa o di quella regione ovvero di questa o di quella città in particolare.
      Spero di esserti stato d’aiuto.

    21. grazie per l’aiuto.
      da quello che ho letto nei post preelettorali,emergono situazioni di disagio tanto nei Giovani quanto negli Anziani.A proposito,mi puoi dire con
      quanti mesi,mediamente, di ritardo,vengono erogati gli assegni di accompagnamento agli Anziani?
      Ed in quanti casi percentuali vengono erogati post mortem ?
      L’accento da me posto sulla distribuzione del Tesoretto deriva dalla
      preoccupazione della diversa coloritura politica del Governo Centrale e dell’Am
      ministrazione del Comune di Palermo,che
      non vorrei ne uscisse “penalizzato”

    22. Comunque nel confronto di Regioni e Citta’ vai a vedere che stiamo messi
      meglio di altri ?

    Lascia un commento (policy dei commenti)