lunedì 20 nov
  • 50 is burning

    Ancora un “burning” questa volta dedicato ai cinquantenni che siamo assai. E stavolta ci ho messo rime e ritmo. Con una base “tunz” magari viene carina. Chi sa fare queste cose ci può provare.

    Eh caro signo’ Lei
    un si può campari chiù
    aumentano a benzina
    ti salutu Cefalù!
    Un chilu i capuliato
    tri ficu e un torcigliato
    un litro e menzu i spuma
    na broscia bacio e crema
    E puru pi manciari
    ci vonnu tri cambiali
    un mutuo a tasso fissu
    e diunu arresti u stissu
    Me figghia p’un sbagliari
    si voli maritari
    Ci dissi: signorina
    a megghiu è la fuitina
    Sparagno u trattamento
    ca sugno chiù contento
    na tegghia ri sfinciuni
    tre birre e un bummuluni

    Ma viri a cinquant’anni
    io cuntu sulu danni
    ma bella a virità
    a cu fici infamità?

    Ora me figghiu Vito
    si dipromò perito
    ci stetti setti, ott’anni
    ca la ‘gnoranza è granni
    Ora vulissi fari
    magari u puntunieri
    e m’addumanna aiutu
    e fa come un curnutu
    Ci rissi figghiu mio
    l’aiuto? Pensa a Dio
    Ma per forza puntuniere?
    Unn’è megghiu carnizziere?
    o picciotto di putia
    o ‘mpiatu nni to zia?
    Iddu invece si fissò
    “Tu m’aiuti, sì o no?”
    Ma io penso a la pinsioni
    ca mi futtiu u scaluni
    mi fannu travagghiari
    vint’anni pi tastari

    Ma viri. a cinquant’anni
    io cuntu sulu danni
    ma bella a virità
    a cu fici infamità?

    Ci rissi a me muggheri
    ru cavuru si squara
    e scanciu ‘nta latrina
    a sira ca matina
    Mittemula sta vota
    l’aria confezionata
    Ma chi mala pinzata
    la casa fu assartata
    Ci vosi u funtanieri
    pittore e carpentieri
    un ghiornu elettricista
    tri ghiorni u serrandista
    Sta vita un si può fari
    Io mi vulissi stari
    ma c’è ancora tuttu u mazzo
    e già sugnu ‘mpalazzu
    E ora vi salutu
    ca è megghiù stari mutu
    e nni strincemu i felle
    pinsannu a cose belle

    Ma viri. a cinquant’anni
    io cuntu sulu danni
    ma bella a virità
    a cu fici infamità?

    Palermo
  • 10 commenti a “50 is burning”

    1. Ah ah ah! Quadretto impeccabile! Complimenti

    2. grande billi… questa la voglio sentire sulla base tunz!!! please rosalio fa’ qualcosa… amunì!

    3. ma poaseremo l’estate con questa che è uguale ad ogni altra inutile moda.
      basta
      o avremo
      5 is burning
      10 is burning
      99 is burning
      panellaro is burning
      stigghiolaro is burning
      …….
      ……

    4. taurus, chi chiffari hai? OPanellaro is burning? Uhm… però!
      io voglio tre panelle
      e pure tre crocchè
      ma quaglie e rascature
      tu tienile per te
      tu metteresti il ketchup
      magari nel caffè
      ma tocca le panelle
      e te la vedrai con me

      ah ah ah ah

    5. Billi è sempre Billi! 🙂

    6. clap clap clap… bravissimo !

    7. “e nni strincemu i felle
      pinsannu a cose belle”
      è spettacolare!!!
      altro che Confucio 😀

    8. Carbonella is burning:
      adduma a carbonella
      ‘cu ‘n po’ di diavolina
      arrustu carne bella
      sasizza sopraffina.
      L’aggrutto è devastante,
      l’alito impertinente,
      cipolla un po’ pesante
      e puru strafottente.
      Palermo coast to coast
      ti fannu a testa tanta
      viviti birra forst
      con sprait, azzusa o fanta.
      Ascolta stu consiglio
      se tu vuoi avere pace
      che l’acqua è un periglio
      con la carne alla brace.

      Qua suggerisco andergraund a rumpiri.

    9. Attipo: zumpa, zumpa zumpa…

    10. Sfinciunaru is burning:
      “Talè cu ciè..ciè ziu Mimì!
      lu su sfincineddu è acussì:
      n’anticchia d’ogghiu, uriganu, tuttu n’furnatu
      ppi chissu u’sò è u cchiu disiatu!”

    Lascia un commento (policy dei commenti)