sabato 19 ago
  • Fanno ancora i Frolsi e io non lo sapevo

    Frolsi

    Giorni fa mi trovavo in panificio e, visto che l’evento ricorre con scadenza quasi olimpica, non ho potuto fare a meno di dare un’occhiata in giro, giusto per vedere quali sono le nuove tendenze, cioè se va ancora di moda esporre i dolci sopra il bancone alla mercé degli starnuti altrui. Fin qui tutto uguale: la cassata al forno trabocca di bacilli, la teglia di pizza margherita è vuota, quella con melanzane e spinaci è sempre intatta, le panettiere sembrano ancora delle infermiere disegnate da Toulouse Lautrec e il fornaio è sempre cinquantenne, con la maglia rigorosamente bianca e visibilmente in sovrappeso.
    A un certo punto mi accorgo di essere attorniato da biscotti Frolsi, quasi una visione tridimensionale. E lì mi stupisco, parecchio, perché io, i Frolsi, li davo spacciati da un pezzo, scansati ormai dai grandi marchi, dalle grandi pubblicità ammiccanti con la bambina che trova il gattino per strada e gli mette il fusillo in tasca a suo padre che parte.
    Io non mangio i Frolsi che c’erano i Bee Gees primi in classifica; non pensavo avessero resistito agli spot del continente, alle tv private, alla globalizzazione e alla noglobalizzazione tipo il biscotto equo e solidale con il cacao della Bolivia. “Ma dove vivo?”, mi chiedo. Sarà anche che l’ultima volta che ho fatto colazione Paolo Bonolis era messo in ombra da un pupazzo rosa e che il mio organismo al mattino non tollera neanche un bicchiere d’acqua. Chiedo lumi alla signora fornaia, in barba all’orario di chiusura e al volto piuttosto provato della commessa che era lì dalle 7 del mattino e non vedeva l’ora di abbassare la saracinesca.
    La Signora panettiera mi rassicura subìto:
    “Io i Frolsi li espongo con fierezza, nel bancone principale, perché quando un cliente li compra io sono contenta. C’ho cresciuto quattro figli – continua – e due nipoti”.
    Sua figlia, adolescente, ascolta con interesse questo dibattito sul biscotto che fu. Provo a dire la mia: “Ma nel tempo hanno cambiato la busta?”. “Ma che dici – mi risponde – è la stessa da quando esistono”. Sarà, ma io la ricordavo diversa, con la scritta diagonale e più grossolana, ma non insisto: la signora non mi sembra avvezza al contraddittorio, o meglio, il contraddittorio lo perderei sicuramente visto che la sua estensione vocale mi ricorda contemporaneamente Antonella Ruggero, Kate Bush e un 33 giri suonato a 78 giri.
    Parte allora una rispolverata al nostalgic-food palermitano: il latte Barbera, con l’apertura innovativa, il caffè Morettino, i mottini della Dagnino, che lei lavorava alla fabbrica e un giorno andò in visita uno importante e adesso non mi ricordo se ha detto Giovanni Paolo II, Sandro Pertini o Mike Bongiorno e per finire l’acqua Baida, che mi rimanda inevitabilmente alle partite di calcetto e a quel sapore aromatizzato al tetra-pack, con annesso sudore e sconfitta per 5 a 2.
    Si torna a parlare dei Frolsi, della loro attitudine naturale allo sfracellamento che li rendeva ideali per il biberon e per i più piccoli. Ci si perde nell’elogio all’inzuppo, alla zuppetta, alla pappetta e soprattutto alla fierezza di un prodotto locale, che esiste da decenni e pare sia ancora un punto di riferimento per le zuppette dei nipoti, dei figli e dei nonni palermitani.
    Vado via, fiero, con la mia confezione di frollini. E non sono l’unico. Anche la figlia adolescente, rapita da questo divagare, ha afferrato una confezione e se l’è messa sotto l’ascella. Io so già che i miei non li mangerò mai, perché il mio organismo al mattino non accetta neanche un bicchiere d’acqua e a cena mangio solo cibi dei miei tempi, i cui nomi finiscono con una consonante e sono cotti in cinque minuti. Allora me li terrò come un cimelio vintage, un ricordo d’infanzia. Li metterò accanto alle presine romboidali arancioverde, il gioco da tavola Il pranzo è servito, i tegami blu a scacchetti bianchi e, ovviamente, The very best of Bee Gees. Poi, quando avrò tempo, mi vestirò da Charlie e andrò alla ricerca del Willy Wonka dei Frolsi.

    Palermo
  • 104 commenti a “Fanno ancora i Frolsi e io non lo sapevo”

    1. Sono strasicuro che il packaging sia cambiato e ho visto sul sito che li fanno anche al cacao! Stupore! 🙂

    2. si li ricordoooooo

    3. Fantastico. Mi ricordano quando andavo a casa dei nonni e gli immancabili Frolsi facevo la loro comparsa. Quante scorpacciate davanti ai cartoons. Grazie per la madeleine proustiana.

    4. mia mamma non me li comprava…leiu prendeva quelli del mulino bianco che doveva a tutti i costi fare la raccolta punti ma io adoravo quelli al cacao…che fatica farmeli comprare!

    5. io non li conosco,forse sono troppo giovane , ma a questo punto mi è venuta voglia di assaggiarli….. non voglio perdermi questo cult palermitano ! Il difficile, credo , sarà trovarli ! Caccia ai frolsi!

    6. trovarli? ai tempi la fabbrica del sig. sgarlata era in via marturano o giù di lì.. potete sempre provare là, no?

    7. I frolsi pucciati nell’acqua, un buon divano e Fantaman in tv: gli ingredienti indispensabili per rendere un bambino felice e (come avrebbe aggiunto mia nonna) quieto!

    8. Ma che bei ricordi… e poi nel tardo pomeriggio i telefilm.

    9. Gli ingredienti indispensabili anche per la botta d’àcito.
      I frolsi mi faciano acidità ma ne valeva la pena.
      Mi hai fatto ricordare mia nonna Mariuccia.
      Ciao nonna Mariuccia, ti voglio bene. Guardami Clara da lassù e falla sorridere quando piange.

    10. uau… la lacrimuccia… quando ero bambina alle 19 nonnapina metteva me e mia sorella a tavola, davanti a “happy days” con una tazzona di latte e una confezione di frolsi… mitici! facevamo quella che mia sorella battezzò “la crema” ovvero una zuppa di latte. erano anche l’alimento della merenda che consisteva in un ml di caffè e il resto di acqua aggiunto in una tazzina da caffè, un liquidino marroncino chiaro insomma; sceglievo i frolsi con la forma ideale (quelli che finivano a punta) e ciaf!
      anche io qualche anno fa li vidi al supermercato e li comprai per nostalgia… immancabilmente mi colse la solita botta d’àcito… ma è stato bello! 😀 ciao totò, cresci anche la tua clara con i frolsi e vedrai che continuerà a crescere splendida come già è 😀 grazie samuele per la pillola nostalgica sugli anni ’80.

    11. mitici i frolsi!! mi ricordo che con i miei fratelli facevamo a gara per trovare quelli a forma di barbapapà!!

    12. ricordi vecchi… decenni fa!
      è vero i Frolsi li vedo abbastanza spesso negli scaffali di alcuni panifici di Palermo…

      Quanto all’ acqua Baida nel cartone anche a me ricorda le partite di calcio a 5 al MEditerraneo Club o al Fly tennis…

      Grande !

    13. Cavolo, adesso che vivo lontano da Palermo, parlando di quattro “fesserie” mi avete fatto tornare con l’immaginazione a fare un giro per il mio quartiere (che poi é anche lo stesso quartiere dove vive la nonna che mi dava i frolsi…)
      Comunque in via ruggero marturano c’era (o c’é?) la siciliana biscotti, mi pare siano loro i produttori dei frolsi, no?

    14. Non solo sono ancora in vendita ma questa settimana li ho visti pure in offerta al GS! Affrettatevi!

    15. stamattina, cioè poco fa, al conad di c. finocchiaro aprile, costano 1,19 euro… lacrimuccia! :°D
      @rob sssiiii anche io ricordi di acqua baida nel tetrapack negli stessi campetti!!! magari ci conosciamo!!!

    16. Beh, quando si dice l’ispirazione, certe volte bisogna cercarla al panificio…o nel blog degli altri…dipende…

    17. Monachello monachello,
      cosa fai con quel fuocherello?
      sto tostanto il mio caffè
      che più buono non ce n’è
      orsù dunque dimmi allor
      quali son le sue virtù
      Un caffè di qualità
      che per gusto aroma
      e gran bontà non avrà rivalità
      e il latte bello
      ai bambini buoni renderà

    18. Ho l’impressione che parecchi dei lettori di questo post non guardino con attenzione gli scaffali dei supermercati GS e SISA che espongono biscotti e merendine: scusate se faccio pubblicità gratuita, ma in queste due catene di distribuzione i biscotti Frolsi ci sono sempre stati…

    19. Francesco questo vuol dire giocare sporco con i ricordi … avevo persino un pupazzo della “Tonaca di Monaco” regalatomi da “Zio Pippo” il mitico organizzatore di giochi per bambini

    20. I FROLSI!
      Ecco come si chiamavano!
      L’altra settimana è venuta mia suocera a trovarci qui in continente dove viviamo e stavamo appunto parlando di questi biscotti dalla busta rossa, complici di tante merende e colazioni. Io li inzuppavo nella granita di limone e nel latte di mandorla (essendo sempre stato allergico al latte!). Un applauso al post!! Grazie Samuele

    21. samuuuuuu! oltre alla riscoperta di questi fantastici biscotti è una gran bella sorpesa per me leggere un tuo articolo!lo inoltro subito a salvo!

    22. Biscotti Frolsi = ricordi della nonna. Quasi una costante, vedo.
      Nonna Angela me lì faceva trovare, insieme al tè o al surrogato di caffè preparato con l’orzobimbo, che a noi picciriddi ci veniva l’invidia del cafè dei grandi… e la nonna risolveva con eleganza.
      E quasi sempre una busta di Frolsi sana la consegnava a mio padre quando andavamo via (“portatilli, che ai picciriddi ci piacinu”)…
      Busta che riuscivo a far sparire in tempi record (mia sorella a volte manco li vedeva) vista la quantità mostruosa che riuscivo a consumarne con il latte a colazione, e non m’hanno mai fatto acitu,
      a mia memoria…
      Pitittu! Ora li vado a cercare.

    23. Commozione pura!
      Giocavo a trovare le coppie dei biscotti Frolsi e avevo la collezione completa di tutte le tazze del Monachello e bevevo anche io l’acqua Baida nel tetrapack verde che quando tentavi di bere il primo bicchiere…metà dell’acqua si versava fuori!
      Cose da fare oggi pomeriggio: andare in giro per la Città a cercare i Frolsi!

    24. facciamo un flash mob: tutti con i frolsi, acqua baida, e tazza di caffè monachello?
      AMUNì? 😀

    25. Quanto mi piacevano ‘sti biscotti…mia mamma li usava anche per fare il salame di cioccolata…uhmmm…dov’è che li hai visti? vado subito a comprarli

    26. che buoniiiii!!!! io li mangiavo con la nutella!

    27. Mitici Frolsi! la busta la ricordo diversa anch’io, c’erano forse più striscie…ricordo però che bastava annegare 4-5 frolsi nella tazza del latte e deglutire il tutto, per accusare un senso di sazietà (per non dire nausea) che ti accompagnava tutta la mattina 😀

    28. Sono buonissimi..io li adoro soprattutto imbevuti nel caffè..i miei preferiti??Quelli con il buco!!!!Sono i biscotti migliori!!

    29. Caro Samuele..
      tu mi parli del passato e allora dai Frolsi mi hai fatto accendere delle sinestesie …indotte nel mese di giugno dall’associazione malinconia+gusto+estate..
      Gelati e ghiaccioli Eldorado e Algida (Lemonissimo, Fior di Fragola, Calippo al limone, Calippo fragola e panna, Freddolone) e poi il Cornetto Algida (non tanto per il sapore) per il background che porta con sé: le vacanze , il mare, l’ innamoramento estivo da ragazzina “… il sole e noi, l’estate c’é un n desiderio in te / c’é un cuore di panna…”

    30. Ma che fanno gli autori di Rosalio, si copiano a vicenda? C’è la viaggiatrice che qui propone cose che sul suo personale blog sono state postate almeno 2 anni fa… e adesso, questo tipo, tale e quale a Sandro Giacobbe che fa? “affronta” lo stesso argomento trattato da Daniela Gambino (autrice per rosalio ormai in pensione) in questo post -sul suo blog- di 3 anni fa?

      ahi ahi ahi

      va bene che l’originalità scarseggi… ma almeno elogiamo un altro prodotto del mercato alimentare… che ne so… i giambonetti!

      Alba with love…

      ah, il post “dell’ispirazione” sembrerebbe:

      Biscotti, udito e scrittura

      Tutto insieme, appassionatamente

      Colazione con biscotti Frolsi. Non voglio fare pubblicità, ma i palermitani sanno cosa sono i frolsi, sanno cosa vuol dire lasciarli ammollo in un cappuccino non troppo caldo e carico di caffè, sanno cosa vuol dire farsi un pastone, di biscotti, così denso di loro tanto che poi diventa quasi impossibile da rimestare col cucchiaio. Conoscono l’esultanza delle papille gustative ogni qualvolta una di quelle cucchiate arriva alla bocca. I biscotti frolsi non hanno bisogno di disegni sulla confezione tipo Mulini e forni, perché l’odore c’è, inequivocabile, di forno, quasi di casa. Il packaging è austero, uguale a se stesso da anni. Gli ingredienti, leggo, vengono tradotti in più lingue, a riprova del fatto che sì, i Frolsi vanno anche all’estero, ad allietare mattine straniere.

      Li ho cercati su internet ma non risulta niente. Una squadra di basket palermitana, la sponsorizzeranno loro?

      Letto sul Giornale di Sicilia di stamattina: l’amore aguzzo l’udito. Lo prova una ricerca. Mi perplimo, è notorio, all’ultimo esame risulta che io sono mezza sorda da un orecchio.

      Io sto scrivendo un romanzo. Che dico, mi sto facendo l’editing da sola. Che dico, lo sto rifinenendo al computer.

      Esce a ottobre, (esce di casa, da solo, senza di me! sigh) Almeno così dovrebbe.

      Non sto soffrendo. Scrivo dove e come mi capita. A qualsiasi ora. A matita, a penna, a computer. Non potrei mai tenere simposi sul mestiere dello scrittore, non potrei mai raccontare della disciplina ferrea dello scrittore. Da questo punto di vista sono un vero disastro.

      scritto a due mani da gambins | 14:32 | commenti (11)

      sabato, luglio 17, 2004

    31. PER FAVORE, PARLATE DEL GELATO PIEDONE CHE è INOPINATAMENTE SCOMPARSO GETTANDO NELLO SCONFORTO + TOTALE BILIONI DI PICCOLI FANS

    32. ECCOLO, L’HO TROVATO!! FA BELLA MOSTRA DI SE AL CENTRO (IO PERò RICORDAVO SOLO LA VERSIONE ALLA FRAGOLA, CIOè IL PIEDONE ROSA) http://www.live80s.com/admin/uploads/2006/07/lista%20Eldorado%201984-0.jpg

    33. COSA LEGGO?? COSTAVA 350 LIRE!!!! VURDIRI NA BRIOCHE AU BARETTO A MONDELLO UORA COSTA 2 EURO (4OOO LIRE!!)

    34. carissimi, sono appena stata al gs. oggi i frolsi classici e al cacao sono in offerta a 0,75… sono commossa… sarà una coincidenza? impenneranno oggi le vendite dei frolsi a palermo, a causa dei nostalgici rosaliani? incredibboli ma vero… samuele hai scatenato una catena nostalgica nei trentenni di oggi… 😀

    35. @fabri*: il piedone era alla fragola da un lato, ma dall’altro era ricoperto da un sottile strato di cioccolato… il suo sapore assolutamente finto di fragola lo ha reso per anni il mio gelato confezionato preferito! evviva il piedone e la versione con la faccia della pantera rosa… forma diversa ma sostanza uguale! voglio tornare negli anni ’80! :°)

    36. ^ wuauw che ricordi lucidi (d’altronde da una che si chiama Chiara). grazie per dettagliata diquisizione circa la composione del MAGICO PIEDONE!!anche il faccione della pantera rosa era buono e soffice

    37. la corsa alla salumeria accanto,erano le 7.20 di tante mattine inizio anni 80 dovevo fare colazione prima di andare a scuola una tazza di latte nesquik e i “frorsi”…
      P.S mitico anche il rendez-vuos serale dai nonni a guardare happi-days, il televisore “prezioso”(bianco e nero) pareva fosse uscito dai migliori bijoutier di Palermo,guai se ci permettevamo di sfiorarlo!!!!

    38. Samuele hai una penna che scrive benissimo e la usi con rara maestrìa.
      Ti faccio complimenti autentici,
      Giuànni

    39. Per plagio si intende «appropriazione indebita e divulgazione sotto proprio nome di un’opera altrui o di una parte di essa». Plagio ci fu… puoi indicarci con precisione come Samuele avrebbe plagiato qualcuno?

    40. i frols saputo solo ora cosa siano!Ma tu scrivi da cine…

    41. Samuele ti voglio troppo bene per pensare che hai dimenticato gli…”zebrini”; dolci teneri pseudicornetti con righe di zucchero spesso sopra…” (poesia). Purtroppo mi hanno detto che la Bovoconti è fallita, e così insieme alla dagnino è sparito un’altro pezzo di “Storia” ma possibile non esista un’imprenditore “serio” che ne acquisti almeno le ricette originali?
      Non sono del “ramo” ma mi chiedo, come può fallire un’azienda che “ha” un prodotto che funziona?

    42. Sono d’accordo, nella foto somiglia a Sandro Giacobbe (e sono certa che è la sua massima aspirazione). Comunque posso assicurarvi che Samuele e io ne avevamo già parlato. E poi il pezzo si discosta parecchio. Noi abbiamo semplicemente condiviso un biscotto.

    43. Scusate a questo punto la butto lì ( ma più per altro per i 40enni,).
      ARCOBALENO Algida! (altri ghiaccioli).

    44. ma che plagio! i frolsi esistono. e come abbiamo visto qui in tanti li conosciamo e li amiamo e li abbiamo amati. ora se uno si susi ‘na matina e vuole scrivere un pezzo unnu po’ fari picchì qualcuno nel mondo può averlo già fatto?! maddai! i frolsi sono i frolsi punto e basta.
      anzi domani ci scrivo un libro. e anche una canzone. e a carnevale mi vesto da frolso!
      sabbirnirica…
      e rilancio a tommaso… e i “pavesi frollis”? :°D

    45. Sbaglio o il piedone, sebbene il colore rosa tradisse un’affinità di pensiero con la fragola, aveva un sapore di banana?

    46. a me no sono mai piaciuti…

    47. FROLSI! Forse sono troppo giovane per aver vissuto come tanti di voi un’infanzia da loro accompagnata:)Ma nonostante ciò mi sono stati sempre familiari, per un unico motivo. La grafica del marchio e il nome. Non sapete perchè si chiamano proprio FROLSI,eh? Mio zio, che purtroppo adesso non c’è più, era un pittore e faceva dei lavori di grafica. Era una grafica, antica, quella di allora..si nota eccome.E a lui gli hanno commissionato il disegno e il nome:
      FROL(lini)SI(lvana) nome di mia zia 🙂
      Biscotti con dedica…stupendo no?
      saluti

    48. Chiara se ti vesti da frolso a carnevale giura che mi mandi almeno una foto :D. Approfitto della considerazione dell’amico Tommaso (no, non li ricordo gli zebrini, però mi hai fatto ricordare i biscotti freschi di Monreale) per chiedermi/vi: ma tutte ‘ste aziende locali come mai non sono riuscite a sopravvivere quantomeno all’interno del mercato locale? E un grazie a tutti per la partecipazione affettuosa ai mitici Frolsi.

    49. miii frollini silvana!!! bellissimo! romanticissimo! ha cambiato la mia giornata!… samuele… facciamo un flash mobs tutti vestiti da frolsi? 😀

    50. Non conosco i Frolsi,
      ma i BEE GEES sì!!!
      Grandissimi!
      Viva Barry, Robin e Maurice GIBB!

    51. Biscotti con dedica…è stupendoooooooo!
      Nessun uomo mai farà mai una cosa così bella per me, lo sento!
      Adesso li mangerò con ancora più commozione!

    52. bismarilù? (biscotti maria luisa) che ne dici? li lanciamo sul mercato? adesso devo solo trovare un uomo che te li dedichi…
      BISMARILU’… mangiali anche tu!
      BISMARILU’ ti piacciono di più!
      BISMARILU’ e il languore non c’è più!
      e così via c****ggiando…

      allora? ti piace? cerco l’omo per la dedica? 😀

    53. @chiara chiaramonte: grazie davvero per il pensiero gentile, ma…non sei l’omo che aspettavo! 🙂
      Come volevasi dimostrare…l’omo latita e forse non ci sono più in giro omini come lo zio di Marco, ahimè!

    54. e vabbè. io ci ho provato… è il mio mestiere del resto (non quello di provarci!)… arriverà maria luisa, arriverà… rosaliani… siete tutti sordi? 😀

    55. Forse è anche vero che gli uomini di una volta erano fatti in modo diverso, che non appena veniva data la possibilità di dimostrare il loro amore lo facevano..magari, proprio come mio zio, dedicando qualcosa alla propria moglie, anche il nome di un biscotto!
      Cmq BISMARILU’ non è niente male :)lo vedo bene ad un crumiro con la crema di cacao. Registratelo il marchio, non si può mai sapere 😉

    56. Uffa Chiara e dire che io pensavo di propormi con i Marialuisavoiardi o con i QuaresiMari … bruciato sul tempo!

    57. @bulgakov: in quanto omo, potrei prendere in considerazione le tue proposte…di biscotti, ovviamente! Ma una donna è arrivata per prima: come mai? 🙂

    58. Semplice, perchè io sono a piedi mentre Chiara va in bicicletta

    59. bulgakov è un omo vispo, sveglio attento… e io sono arrivata prima in quanto donna… e le donne, si sa, sono più leste, attente… bulgakov hai mai pensato di andare in bicicletta? 😀
      cmq le tue idee sui Marialuisavoiardi e sui QuaresiMari non sono affatto male… mettiamo su una società creativa? una fabbrica di biscotti? o ci vediamo all’aperitivo che presto rosalio organizzerà? 😀

    60. Chiara ho una cicatrice sul ginocchio a “perenne” memoria dei miei primi gitri in bici, c’era un periodo che scendevo pure gli scalini su due ruote, poi dopo una breve parentesi da skateboardista, sono passato alle reebok, riuscirei a camminare per intere giornate. Per la società preparo subito il business plan. ho già pensato al mercato nazionale con i Mari-tozzi e a quello europeo con la LuiSacher torte. Ne parliamo all’aperitivo 😉

    61. Rosalio, lo sò che questa non è una chat, ma permettimi di dire una cosa a bulgakov…dopotutto non è off-topic rispetto ai Frolsi e sono sempre grata a Samuele Vassallo per questo commovente tuffo nel passato!
      LuiSacher torte: SIIIIIIIIIIIIIIIII, hai fatto centro! 🙂

    62. … niente arriva al cuore come il cioccolato 😀

    63. @ bulgakov & Chiara, che peccato…siete stati meravigliosi, queste si chiamano “battute bruciate”, i Mari-tozzi, i Qaresi-mari, sono da scialare, (supplicando) perchè non li passate a mè, quando vi vengono stè genialate.
      Brrrrrrravi. 😉

    64. ..e poi a pensarci, anche una donna può dedicare ad un uomo, che sò di nome antonio e fargli il FROLL-NINO (per l’uomo mattutino). 😀

    65. tommaso sono battute promozionali, per statuto io e chiara venderemo biscotti e fissarìe. Prezzi modici

    66. Ed io farò la testimonial!

    67. Marco ma i disegni originali esistono ancora? Questa storia (tutta la storia) merita!!!
      Maria Luisa: Samuele! Samuele è sufficiente ehehe. Il cognome omettiamolo pure :-). A volte gli OT, se usati con criterio, portano a strade meravigliose 😀

    68. Caspita non pensavo che sta dedica suscitasse questo gran popò di discussione:D Potremmo metterci a fare la nuova veste dei Frolsi, anche se le cose originali non perdono mai di fascino!
      X Samuele:i disegni originali non penso ci siano più..o per lo meno dovrei fare una mega ricerca tra le scartoffie di mio zio..Purtroppo lui non può aiutarmi,perchè ripeto,non c’è più..Ma vedrò cosa posso fare;)

    69. Ma non sarà un semplice FROLlini SIciliani?

    70. Tony questo è ciò che originariamente pensavo anch’io, ma a questo punto non precludo nessuna alternativa, e ci metto anche FROLlini SIino 😀

    71. miii io pure il piedone me lo ricordo! me lo comprava sempre il mio nonnino da Conigliaro perchè non lo fanno più era troppo buono!

    72. Oggi 22/8/2007 ore 0,00,
      mi trovavo ad un pub e si parlava di usanze vecchie,di pietanze che oggi nn si usa più fare e di un croissant ke oggi nn esiste più:il “BOVOCONTI”!!!!
      Che fine ha fatto il bovoconti,perchè nn è stato più prodotto?…..eppure ne vendevano tanti!?
      RIVOGLIAMO I BOVOCONTI!!!!!!!!!!
      Ciao
      Altavilla Milicia(PA)

    73. Io non so in Italia, ma in spagna quest’esate la algida, che qui si chiama frigo, ha riproposto il piedone.
      Che nostalgia, ma come tutte le cose dell’infanzia me lo ricordavo molto più buono, molto più grande e molto più rosa =)

    74. […] ascoltavo e riascoltavo mangiando pacchi di frolsi, i celebri biscotti che tutte le nonne imponevano ai nipoti insieme a megatazzone di latte intero […]

    75. Ciao Tony,sono Cristina,ricordi il corso web al marco polo di html?!
      Mi spiace per tutti coloro che sicuramente rimarranno male ,anzi malissimo nel sapere che la ditta che ha per anni prodotto questi stupendi biscotti ha chiuso da qualche mese i battenti….io ho un supermercato e li acquistavo da loro per la vendita…appena ho saputo che non avrebbero prodotto piu’ ho girato tutti i supermercati del circondario e li ho comprati tutti….per giorni e giorni li ho assaporati fino a quando è rimasto l’ultimo pacco che ho conservato tipo cimelio!!!!!
      SALUTI a tutti evviva i frolsi!!!!!!!!!

    76. naaah i frolsi nooooo! io li voglio! i frollini silvana!!! facciamo qualcosa, una petizione, un versamento… una manifestazione…
      rivoglio i frolsi!!

    77. che bello ragazzi!!! sono felice!!!
      sono felice di essere palermitana e di essere nata nei primi anni ottanta!
      i ricordi sono carichi di profumi e sensazioni………

    78. ho lavorato quand’ero ragazza alla siciliana biscotti dove facevamo i veri frolsi ma haime…ho sapputo da poco che la fabbrica e chiusa e la utilizzeranno come garage quelli che ci sono in giro sono rimasugli o plagio?bo!!!!!!!!!!!!

    79. A proposito di… Ieri ho trovato sugli scaffali dell ARD un altro prodotto mito: le tortine Tomarchio ! Credevo che a Palermo non le vendessero più, ma fossero soltanto appannaggio del mercato catanese. Lo so, è un prodotto catanese, ma sono eccezioneli. Le ho mangiate con le lacrime agli occhi.
      P.s. la Siciliana Biscotti in via ruggero Marturano non c’è più, ma esiste un panificio-biscotteria proprio di fronte la storica sede della ditta, e lì, ovviamente, i frolsi non mancano !

    80. I frolsi li adoro pure io ma a catania non li trovo più che tristezza.Pagherei per poterli riavere nella mia colazione.Se ti è possibile chiedi se fanno ancora distribuzione a catania….Grazia anticipatamente

    81. anch’io li conosco benissimo e i miei figli che li hanno assaggiati me li chiedono in continuazione ma non riesco più a trovarli nei supermercati abito a trapani.
      Pensa un prodotto buonissimo che non si riesce a trovare.

    82. desidererei sapere dove è possibile acquistarli visto che io sapevo che la ditta che li produce era fallita:

    83. sono cresciuta a mazara dell vallo avendo i frolsi ogni giorno, adesso vivo a new york city da 19 anni e ancora 3 o 4 volte al’anno mi vengono in mente i frolsi e quanto erano buoni.

    84. per Marco: tuo zio si chiamava Filippo??

    85. Oh mio Dio i Frolsi!!!! Mi fanno ricordare tanto mia nonna! Mi viene da piangere. Non puoi capire quanto ho cercato questi biscotti ma tutti mi dicevano che erano fuori produzione. Ti prego dimmi dove li hai visti.
      Grazie

    86. CHI SI RICORDA DEI CASTORE E POLLUCE,UN’INDIMENTICABILISSIMO AMORE, IO LAVORAVO A TELE RADIO SPECIAL E LI METTEVO SEMPRE, CHE TEMPI…..

    87. Giuseppe della Rocca ti invito a rimanere in tema e a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    88. Non potete neanche immaginare da quanto tempo cerco i Frolsi… aiutatemi a trovarli, ma li fanno ancora? Che bei ricordi!!!

    89. E quindi? Dove si possono comprare? Penso che fino ad esaurimento scorte, sono disposto a finanziare il Panificio in questione. Nessun altro biscotto è come il FROLS(O)

    90. Proviamo a informarci? La Siciliana biscotti s.r.l. esiste ancora?

    91. i biscotti della mia infanzia.

    92. i frolsiiiiii..anch’ io li ho mangiati..li comprava sempre mia zia!mi ricordo che ce n’ era uno che odiavo, quello a forma di conchiglia; perchè era troppo grosso,invece il fiore si sbriciolava che era un piacere.. 🙂

    93. ciao Tony…all’inizio della conversazione tu scrivi che hai visto il sito…potresti darmi l’indirizzo perche io non riesco a trovarlo! Grazie anticipatamente!

    94. Era il 2007 quando l’ho scritto. 🙁

    95. @nikita: so che è un po’ tardi per rispondere, ma meglio di niente 🙂 No, non si chiamava Filippo

    96. E suppongo che non si trovino più neanche nel citato panificio-biscottificio di via marturano (di fronte la sede della siciliana biscotti), vero?!?
      :’-(

    97. Me li sono sognati stanotte 🙁 Vivo lontano dall’amata sicilia ma la memoria e i ricordi non muoiono mai!
      Bello il post di Samuele che mi aveva dato speranza..ma 6 anni dopo piccò c’è ancora qualche speranza?

    98. Tony Siino, a quale sito ti riferisci? In quale sito trovo i frolsi?

    99. Adesso il sito non c’è più. 🙁

    100. Che nostalgia!!! La nonna Pina e i Frolsi… Uffa!!! Siamo sicuri sicuri che non esistano più?

    101. Basta, domani setaccio la via Marturano e almeno un pacco di Frolsi deve saltare fuori. Da una breve ricerca su internet (pagine gialle punto it) la Siciliana Biscotti è ancora oggi al n. 18 , il panificio sarà lì davanti, vediamo se a distanza di anni qualcosa è rimasto.

    102. Se qualcuno scopre qualche posto dove li vendono ancora vi prego gentilmente di pubblicare luogo e indirizzo preciso ed eventuale sito internet dove acquistarli.
      in caso la mia mail è casaserina@libero.it
      Grazie mille!

    103. Stamattina mi SN svegliata pensando a mia nonna e al suo viso che ormai ricordo poco alla improvviso il ricordo più vivo la colazione di mia nonna latte e biscotti frolsi alla ora cerco su internet e trovo tutti questi commenti voglio chiedervi alla inizio uno dice che a PA allavconad in via Finocchiaro aprile li vendono è vero? Perche se vero vado a comprarli fatemi sapere? Grazie

    104. Dove li troviamo sti freliolsi

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Fanno ancora i Frolsi e io non lo sapevo, 5.0 out of 5 based on 1 rating