mercoledì 23 ago
  • Sgomberata Villa Florio-Pignatelli

    82 persone, di cui 29 minorenni, che occupavano il complesso monumentale Villa Florio-Pignatelli sono state sgomberate da Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza.

    La struttura in stile liberty, saccheggiata e vandalizzata, era occupata da novembre 2004 da ventiquattro famiglie già sgomberate da alcune abitazioni abusive in via Mozambico.

    Le famiglie alloggeranno in albergo per circa un mese prima di essere sistemate in alloggi temporanei nell’area di via Messina Montagne.

    Palermo
  • 22 commenti a “Sgomberata Villa Florio-Pignatelli”

    1. Se si tratta della stessa villa su cui “Le Iene” hanno fatto un servizio in tv quest’inverno…il mio plauso va ai Carabinieri, alla Polizia e alla Guardia di Finanza!

    2. si è quella. mia considerazione: si doveva arrivare al punto di depredare completamente ed irrimediabilmente la villa PER BUTTARLI FUORI A CALCI IN CULO?? maioliche, colonne originali etc andate perse persempre. che delitto 🙁

    3. ‘sti cavernicoli hanno persino segato le colonne di marmo.

    4. Attenzione, loro sono dei cavernicoli, ma già lo si sa, quindi perchè sfrattarli da via mozambico ed infilarli in un capolavoro in stile liberty? Insomma questa volta il comune se l’è veramente cercata. La cosa assurda è che si cercano in continuazione opere da restaurare e appena ne abbiamo una buona la faccciamo distruggere in questo modo? VERGOGNOSO.
      QUI CARO SINDACO HAI TOPPATO.
      Ciao

    5. Genio la villa l’hanno occupata abusivamente…

    6. Da piccolo ho fatto le elementari in quella scuola… e già pensavo che fosse assurdo che un opera d’arte di quella portata non fosse fruibile da tutta la comunità ma fosse in balia della chiesa.

      Il video cancella ogni mia speranza su Palermo e sui Palermitani!!! Semplicemente siamo egoisti e strafottenti, omini senza palle e coscienza di noi stessi… io per primo non ho saputo trovare di meglio che scappare lontano perchè stufo di quasi tutto. Probabilmente in futuro sarò pure contento se i miei figli cresceranno in altri contesti, imparando che il rispetto di se stessi passa obbligatoriamente dal rispetto degli altri e delle cose comuni… il seme della “sicilianitudine” forse riuscirò a trasmetterglielo io…

    7. giusto quello che dite ma vorrei solo “accennare” (sottovoce magari) che a quanto ne sappiamo è gente che non ha una casa e viene buttata in mezzo alla strada.
      il che non vuole per forza giustificare furti e vandalismi, no certo, però un minimo di comprensione almeno capire perchè delle famiglie disperate occupano una villa abbandonata, dico, lo posso anche comprendere (non scusare del tutto)

      se è quello che ho capito io, poi magari sono disinformato e ci sono cose che non so….

    8. X rosaria… guardati il video è poi parli volpe.

    9. Sono le case occupate abusivamente… alla villa li ha piazzati il comune dopo che si erano accampati sotto palazzo delle acquile. Prima di parlare informati, presuntuosa.

    10. …si però si scrive AQUILA…

    11. piazzati o non dal comune la cosa grave è che, in un luogo di pregio artistico e storico, non sono stati fatti controlli con regolarità. non si lascia andare a rotoli tutto per mesi se non anni nella sgrafottente indifferenza di chi predisposto a controllare e a far controllare

    12. riprendo una frase dal citato servizio delle iene: “in tutta questa storia c’è una parola che non torna: legalità”

    13. Hai ragione… mi sono lasciato prendere la mano… a forza di scrivere acqua privatizzata

    14. Ricordo che essere disperati e senza casa, essere sbattuti dal Comune (o da altri), o aver autonomamente occupato, non autorizza a danneggiare un bene architettonico e storico. E’ un’opera di tutti. Depredandola in quel modo hanno danneggiato, me e tutti noi. Siamo tutti più poveri e i nostri figli/nipoti/discendenti non potranno vedere tutte le favolose bellezze di quella villa.
      Francamente ho poca comprensione (o nessuna) per questo modo di agire, quali che siano le motivazioni di base.

    15. “Da piccolo ho fatto le elementari in quella scuola… e già pensavo che fosse assurdo che un opera d’arte di quella portata non fosse fruibile da tutta la comunità ma fosse in balia della chiesa.”

      Anche io ho fatto le elementari lì. Faccio notare che è la Principessa di Roviano che ha lasciato in testamento la villa “in balia della chiesa”.
      “In balia della chiesa” quella villa ha attraversato 150 anni. Il comune poi ci ha messo due secondi a farla devastare.

    16. io sono una delle persone che è stata sfollata… e sono stata per 2 anni in istituto pignatelli… non è come pensate… le cose che sono mancate la maggior parte…sono state portate via da persone fuori… la notte entravano e rubavano….ci siamo stati 2 anni… è sono stati orribili…e dobbiamo anche sentirci dire che abbiamo distrutto una villa… voi potete parlare perch+ non avete mai vissuto quello che abbiamo vissuto noi…. adesso ognuno di noi… ha una casa…. dopo tanti anni di sofferenza… comunque volevo soltanto dire… che non siamo stati noi gli sfollati di VIA MOZABICO… a distruggere l’Opera Pia Pignatelli…. con questo chiudo…..

    17. Non vivo più a Palermo da 10 anni,ma fra i ricordi più belli ci sono quelli delle elementari al pignatelli,delle gare di matematica della maestra Lia(CHE ANCORA RINGRAZIO..),della passeggiate lungo il viale e di tanto altro..Ci sono ritornato quest’estate e mi sono dispiaciuto per lo stato di abbandono in cui l’ho trovato ma non meravigliato.Palermo,i palermitani,il degrado,l’inciviltà e tutto il resto..Per chi resta e per chi se ne va..

    18. sono amareggiata e delusa nel vedere lo scempio perpetrato da gente senza un minimo di sensibilità e amore per una struttura cosi’bella e di inestimabile valore che attraversato epoche e eventi per anni e e distruggerla nel giro di 2anni.Sono un ex inquilina che ha vissuto in quella villa proprio negli anni floridi della sua vita, ho vissuto per ben 11 anni in quella casa e vederla ridotta cosi’, non ha fatto altro che suscitare in mè un profondo dolore,non mi vergogno a dire che ho pianto.Conosco ogni centimetro di quella villa e vederla anzi non vederla più come era rimasta nella mia mente mi fà rabbia.Non posso ancora crederci mi chiedo a questo punto perche’l’hanno tolta alla gestione delle suore di sant’anna che la tenevano come un gioiello?Qualcuno mi sà rispondere?

    19. la mia licenza elementare e targata “istituto pignatelli” gestito da un convento di suore potevano essere massimo 15 e risultano tutte avere abbandonato
      la fede in dio,istruzione personalmente voragini
      lacune traumi non si e salvato nessuno unica indiventicabile bellezza che abbiamo acquisito la bellezza artistica della villa del giardino,sembrava un paradiso gestito da donne pipistrelli con abiti lunghi e neri.la villa fu chiusa e rimase intatta nella sua bellezza perfettamente integra nuova di zecca per anni e anni.di soppiatto fulmineamente
      sicuramente prima di essere aperta per allogiare le famiglie in attesa di assegnazione di case fu saccheggiata nella più assoluta spregevolezza strappandogli tutta l arte considerata in valore
      principalmente sotto il punto di vista lucro demolendo senza ritegno pur di strappare e portare via al più presto opere d arte…che gente comune famiglie con problemi di casa neanche sapevano e si rano mai accorti che vivevano in un reggia anzi piangevano disperati perche volevano una casa di balatoni…e sono stati usati per depistare il progetto di svaliggiamento di una intera villa del valore inestimabile come una rapina in banca di svariati miliardi pero anno rapinato nel completo indisturbati comodo ma i tir e le gru che avranno impiegato per portarsi solo le colonne marmorea della chiesa non saranno stati invisibili e i martelli peunmatici non doveveno essere silensiosi e la corrente per farli funzionare la bolletta qualcuno …la pagata? il tutto sarà avvenuto nel giro di un mese al massimo…

    20. CONCORDO CON ROSALIA IO SONO CRESCIUTA IN QUESTO ISTITUTO CONOSCO OGNI CM DI QUESTA VILLA QUANTI RICORDI BELLI E BRUTTI ,PERCHè ERO UNA COLLEGGIANTE, E SAPERE CHE UN’OPERA COSì BELLA SIA STATA DISTRUTTA è UNO SFREGIO ALLA SOCIETà DI QUEL TEMPO E ANCHE DI OGGI.!!!!

    21. Rosaria C. ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    Lascia un commento (policy dei commenti)