venerdì 18 ago
  • Raccolta firme Patrimonio dell’umanità

    Le librerie Flaccovio promuovono una raccolta di firme a sostegno della proposta del maestro Pietro Carriglio per conferire ai Quattro Canti di piazza Vigliena, a Piazza Pretoria e a Piazza Bellini lo status Unesco di Patrimonio dell’umanità, con l’acquisizione del Teatro Bellini al patrimonio comunale.

    raccolta firme Patrimonio dell'umanità

    Palermo
  • 9 commenti a “Raccolta firme Patrimonio dell’umanità”

    1. tutto molto velleitario. l’unesco non non si azzarderebbero mai ad inserire nella lista opere situate in un contesto urbano anche appena degradato. manifesti abusivi, case diroccate fugherebbero in un attimo ogni dubbio agli ispettori unesco

    2. azzarderebbe*

    3. comunque firmo la petizione nella speranza che possa contribuire alla completa rinascita del centro storico

    4. Tra Piazza Pretoria, col proprio Inquilino e i posteggiatori finto-abusivi di Piazza Bellini un vero patrimonio panormita da salvare e tramandare all’Umanità sotto le insegne dell’UNESCO!!!

    5. Personalmente, ritengo che ci siano altri monumenti della Città ben più importanti e significativi da tutelare, ma Palermo è talmente bella che spero che questa petizione serva almeno a farlo capire a quante più persone possibile!

    6. ti sei dimenticato quelli che si accampano con le tende a piazza pretoria per inscenare proteste varie. eh si, propio un bel quadretto “patrimonio dell’umanità UNESCO”. feltrinelli, un v’affruntati??

    7. Daccordo in linea di massima, perché si tratta di un insieme urbanistico-monumentale significativo, però condivido il pensiero di Maria Luisa e ritengo che i requisiti di unicità li abbia per esempio la Cappella Palatina. Mentre le perplessità di Fabri* e autofocus mi sembrano giusticate e certamente lo sarebbero ancora di più qualora si volesse chiedere l’iscrizione dell’intero Centro Storico, cosa, ahinoi, certamente ancora velleitaria nelle attuali condizioni.

    8. leggo dello scetticismo trasbordante di alcuni commenti riportati, una precisazione va fatta e da cittadina che ama viaggiare:
      sapete quanti luoghi degradati (da tendopoli, zona parcheggio ect) ha salvato la messa in tutela sotto l’egida Unesco? proprio tanti.
      Lo scopo della protezione è 1)di bloccarne il degrado fisico e avviare la conservazione (ordinaria e/0 straordinaria che sia), 2) di sottarre, in conseguenza di ciò, all’ uso improprio e all’abuso vandalico della zona circostante.
      Non si pongono sotto Unesco opere perfette e integralmente già in condizioni ottimali di rispetto.
      Pertanto la petizione va diffusa e incoraggiata. A mio avviso

    9. Ma perchè questo scetticismo? Se in quella lista ci sta il centro storico di Napoli (che in quanto a degrado non penso sia tanto meglio di noi) non vedo perchè non debbano accogliere positivamente la proposta del maestro Pietro Carriglio.

    Lascia un commento (policy dei commenti)