sabato 25 ott

Archivio del 3 luglio 2007

  • Nessuna pietà per Lapo

    Hanno visto Lapo Elkann a una festa importante di palermitani importantissimi. Tutti bevevano a garganella da una bottigliona di champagne che costa quanto me. Lui ha afferrato la bottigliona, stava per portarla alla bocca, come usano i ragazzetti un po’ sbracati. Il fotografo (non un paparazzo, un professionista serissimo) era già pronto col dito da cacciatore sul pulsante per lo scatto. Lapo si è fermato di colpo. Gli ha detto con una vocina querula: “Per piacere, lasciami in pace”. Il fotografo, che è uno coscienzioso, ha desistito. Tutta la serata si è snodata lungo il canovaccio di un duello rusticano, tra macchine da presa, da clic e il poverocristo Elkann che è rimasto buonino in un angoletto, per non essere pizzicato. Il fotografo poi mi ha raccontato: “I suoi occhi mi hanno fatto impressione. Mi ha fatto pena. Erano gli occhi di un animale in gabbia”. Ora, io non voglio certo difendere un indifendibile (dirò tra un po’ perché). Tuttavia, mi chiedo: come mi comporterei io con un obiettivo sempre puntato tra mutande e cuore? Come mi sentirei col mirino eternamente addosso? Cosa proverei se vedessi spiattellati i cavoli miei – relazioni, perversioni sessuali, intimità – sui giornali e in tv? Quanto ci metterei a sclerare di brutto se fossi continuamente seguito da una scorta di flash? Continua »

    Ospiti
  • Awful e very awful

    Non è che non lo vorrei in classe con mia figlia perché è malato, solo che i ragazzi si traumatizzano.
    No, non è una storia come quella di Fulvio Frisone, anche se queste due dialoganti avrebbero dovuto vederlo il film su questo eroe in carrozzina. Questo dibattito me lo sono sorbito al supermercato, cercando di ricordare se le ciliegie a casa c’erano oppure no.
    Sì, vero, in gita come te lo porti uno così? E dove si deve mettere? Con chi si siede? Chi se lo deve accollare come compagno di studi?
    In pratica un compagno non conforme alle regole è disturbante, impedisce ai ragazzi di viversi la loro sacrosanta scuola media, costringendoli a responsabilizzarsi e a comprendere una serie di parametri lontani dalle loro abitudini.
    Ho capito che il ragazzino era “tipo down”. Storie di periferia, tutti conoscono tutti. Dice che ce l’aveva avuto il figlio di Lina alle elementari, come compagno. Io, in attesa che la giustizia divina facesse franare sulla loro testa l’intero reparto di deodoranti “un po’ così”, ho cercato di ricordare la mia prima media. No, a memoria nessun down, nessun “tipo down”, nessuna carrozzina. Una classe perfetta, età media 11 anni, tutti sani, fino a novembre. Poi un giorno la prof ci parlò di un ragazzo “difficile”, da togliere dalla strada per provare a dargli un senso civico. Aveva 16 anni, molti tic nervosi, l’aria dissociata, sofferta e si esprimeva molto a fatica. Le madri esplosero in un dissenso assordante. Le madri non volevano parametri lontani dalle loro abitudini. E neanche io. Io dissi: mettetelo in terza E, che un paio di sedicenni ci sono già. Continua »

    Palermo
  • Le Pen oggi a Palermo

    Jean-Marie Le Pen, leader del partito d’estrema destra francese Front National, sarà oggi a Palermo con una delegazione di deputati del gruppo europarlamentare Identità, Tradizione e Sovranità. Alle 18:30 si svolgerà una conferenza stampa all’hotel San Paolo Palace (via Messina Marine, 91).

    I deputati europei sono in Sicilia per partecipare a un seminario di studi e a un tour sul tema dell’immigrazione clandestina e sui problemi arrecati all’Italia e all’Europa dai flussi migratori incontrollati. I parlamentari si sposteranno poi a Lampedusa.

    AGGIORNAMENTO: nel pomeriggio una ventina di giovani incappucciati hanno contestato Le Pen anche con il lancio di alcune bottiglie molotov e di bombe carta. Un agente di polizia ha accusato un malore ed è stato portato in ospedale.

    Palermo
  • Scontro tra An e Udc per il vicesindaco

    C’è tensione nella maggioranza di Diego Cammarata. Manca l’accordo per la poltrona di vicesindaco, da cui dipenderebbe anche la nomina del presidente del Consiglio, ieri rinviata nella prima seduta.

    Alleanza Nazionale vorrebbe mantenere la carica per Giampiero Cannella. Ci sarebbe un accordo precedente alle elezioni in tal senso. L’Udc avrebbe chiesto a Cammarata sei assessori e il vicesindaco (che potrebbe essere Toto Cordaro).

    Palermo
  • Insediato il Consiglio comunale

    Si sono insediati ieri mattina nella Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile i 50 nuovi consiglieri eletti il 13 e 14 maggio. La seduta è stata presieduta dal consigliere più anziano per voti Elio Ficarra che ha aperto i lavori con una frase di Luigi Sturzo: «Ho la politica come dovere e il dovere dice speranza».

    Dopo il giuramento dei consiglieri l’aula ha votato all’unanimità la convalida dei consiglieri. Successivamente il presidente ha dato la parola a tre esponenti per ciascuno dei due schieramenti politici rappresentati. Conclusi gli interventi, il presidente ha chiuso la seduta accogliendo la richiesta del consigliere Giulio Tantillo di rinviare la discussione degli altri punti inseriti all’ordine del giorno, tra cui quello riguardante l’elezione del Presidente dell’Assemblea e dell’Ufficio di Presidenza.

    Palermo
  • Nuovi treni regionali da e per Messina

    Due Minuetto di Trenitalia collegano da domenica scorsa Palermo a Messina.

    I due nuovi treni fermano soltanto nelle stazioni di Termini Imerese, Cefalù, S. Stefano di Camastra, S. Agata Militello, Capo D’Orlando, Patti, Barcellona e Milazzo.

    Alcuni esempi: partendo da Palermo alle 20:35 si raggiunge Messina prima di mezzanotte; partendo da Messina alle 6:55, si arriva alle 10:00 a Palermo.

    Palermo