martedì 12 dic
  • Indagato l’assessore Enea

    Pippo Enea (Udc), assessore al Patrimonio del Comune di Palermo, è stato iscritto nel registro degli indagati con i vertici del consorzio “Palermo lavora” (Francesco Amato e Gaetano Alletto), convenzionato con il Comune per la gestione e la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili (Lsu e Asu).

    I reati contestati sono tentato abuso d’ufficio e falso. Enea e gli altri due indagati avrebbero posto in essere le condizioni per fare assumere dal Comune diciassette precari non iscritti nelle liste ufficiali tenute dal Consorzio, in cui furono inseriti solo per arrivare allo scopo della stabilizzazione. L’operazione non fu portata a termine.

    Palermo
  • 16 commenti a “Indagato l’assessore Enea”

    1. Sulle banalità tutti a “commentare” (si fa per dire)
      Con notizie come queste tutti muti eh?!

    2. che vuoi farci si sono abituati ,sai dopo totò che diventa presidente che vuoi che sia un avviso di garanzia…e poi ….
      comunque personalmente da buon giustizialista richiederei immediatamente le DIMISSIONI…
      pequod

    3. Ma no Pequod, prima deve esserci il processo, devono ancora essere rimandati a giudizio…non vedi quanti condizionali usa Rosalio per dare la notizia!Ancora non è dimostrato che abbiano commesso reato! E poi “L’operazione non fu portata a termine”….

    4. Integro la notizia a che ci siamo: “L’operazione pero’ non riusci’, perche’ la vicenda, denunciata da un sindacato, fini’ sui giornali e le 17 assunzioni non furono mai completate. Rimangono pero’, secondo la Procura, il tentativo di abuso e i falsi.”(Agi) Ed io che avevo pensato che si fossero fermati grazie ad un repentino rinsavimento!

    5. Se non diamo la notizia non diamo la notizia. Se diamo la notizia come diamo la notizia. Se rettifichiamo la notizia hai visto l’hanno rettificata. Ah, ‘sto cospirazionismo di sinistra! 😛

    6. Comunque, al di là delle battute sul giustizialismo e sul garantismo, la verità nuda e cruda è che queste notizie ci lasciano indifferenti, tutti. Io, personalmente, non mi stupisco, semmai mi stupisco di tanti altri che gli avvisi di garanzia non li hanno ancora ricevuti. E se li ricevono? Niente ci fu, mica è condanna. E se c’è condanna? Niente ci fu, mica è definitiva… Siino, sei fortissimo in questa tua schizzofrenia: a volte sei solo Siino e rivendichi la tua sacrosanta libertà di espressione; altre volte sei tutto Rosalio e parli al plurale… Boh!

    7. il ribrezzo per questi politici non ha bisogno di commenti. a megghiu parola è kidda ka un si rici

    8. ormai queste notizie non fanno più notizia.. o meglio ci sono così tanti indagati-condannati-arrestati-curnutiatiecc.. che c’è l’imbarazzo della scelta! ma la cosa che mi fa rabbrividire è che questi signori ci rappresentano. o meglio, rappresentano agli occhi del Paese, dell’Europa, di tutto il Mondo la società Palermitana in tutti i suoi livelli. CAPITE?! quindi forse, cospirazionismi a parte, dovremmo essere un po’ più sdegnati, tutti.

    9. Lo sdegno non riassume questo schifo

    10. SCUSATE MA LA NOTIZIA QUAL’E’?..CIOE’ IL POLITICO C’E’…IL PARTITO DI APPARTENENZA SEMPRE LO STESSO….LA CITTA’..BEH QUELLA E’ SEMPRE LA NOSTRA CARA PALERMO!!!…L’IMPORTANTE E’ CHE IL CONSIGLIO COMUNALE CONTINUI A LITIGARE SULLA POLTRONA DA DIVIDERE…DI COSA VI STUPITE?…

    11. Massimo, la notizia è che “qual è” si scrive senza apostrofo 🙂

    12. Quando formava coperative ad uso elettorale di precari, futuri LSU da piazzare, riusciva a farsi eleggere. Ora colleziona le sconfitte elettorali, pero’ è assessore. Il suo curriculum non giustifica la nomina ad assessore non eletto. Cioè, ma chi fici?

    13. Sonodispiaciuto che persino su questo sito si è voluto oscurare l’ultimo baluardo che in questa città esiste al consociativismo tra “GLI ASSITTATI” e quelli che “SI VULISSIRU ASSITTARI” ..LA CISAL
      IL sindacato che ha sollevato il problema diquesti nuovi precari, infilati ad arte in quel consorzio , è lo stesso sindacato che ha denunciato la vicenda degli 85 lavoratori di Palermo ambiente pagati per contare i tombini, e ha fatto una grande battaglia per spazzare viai vertici del teatro massimo che ci avevano affossato la fama del nostro. Teatro. Grazie Agli amici della CISAL.

    14. scusate gli errori, ma la voglia di scriverlo ( e la fretta…) era tanta……

    15. io conosco l’indagato e non credo una parola di quello che hanno scritto.. perchè proprio perchè non ha dato favoritismi le persone non lo hanno votato..

    16. Ma come mai nessuno ha colpa anche se indagato dicendo che i diciassette non sono mai entrati e le “matricole interne” dei lavoratori sono lievitate a dismisura? CHISSA!!!!!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)