martedì 12 dic
  • Venerdì, vigilia di “Festino” 2007

    Mi chiancìu ‘u cuori a bìriri Paliermu chin’e munnizza, unn’e gghiè, o’ Stasbùrgu com’a Aàvusa. Puozzu capiri ruòppu ‘u Fistinu, ‘a confusioni, assai gienti…. A’ Cuba nicarieddra un ghiardìnu i limiùna siccu, senz’acqua, lassatu n’trìrici e tuttu ricintatu di munnizza, pianti servaggi siccàti ca spàccanu i marciapiedi, oramai patruna ri màghini posteggiati supra e decorati ri cacàti ri cani cu ‘i patruna lagnùsi e malirucàti.
    Mobìlia ri cucina e stanz’e liettu ittàti mezz’a strata, cartazzi, cartùna, sacchitieddri e sacchi sdivacàti insièmmula a marùna rutti e privulàzzu. Ravanzi ‘o Spitali da via Pindemonte, ‘i maghini na tutti rui ‘i marciapièri e ‘a gienti ca camina mezz’a strata, menz’e maghini ca cùrrunu.
    U Pulitiàma chinu ri carti intierra, buttigghi vacanti r’acqua e ‘i cestina vacanti….
    Ruòppu ‘u Garraffièllu, n’o mienzu r’u Cassaru, una muntagna ‘i munnizza arriva a tuccàri ‘i decorazioni r’u settecièntu r’un finistruni r’u primu pianu.
    Màghini abbannunàti, puru iddri chin’e munnizza, ma no unni pirdìu ‘i scarpi ‘u Signuri, no, ma a’ Via Notarbartolo, a’ Via Campolo, o’ Strasburgu, una cunnùtta sbummicàta in Via Alloro ca lassà un fetu ‘i muòriri e ti fa ‘i levasapùri ruoppu un paninu c’a mièusa.
    I cassonetti, chiddri cà spirìscinu, i lassanu chini ‘i munnizza, ‘unn’i sbacantanu…, chi vali ca c’è un pursanti ca s’agghiutti ‘u sacchitieddru, poi un ci nni tràsinu cchiù e si tuorna punt’e a capu, a ghittàlli fuòra.
    I cassonetti all’antica tutti rutti, abbruciati, bloccati cu pezz’e ligna pà lagnusia d’ammaccari ‘u pedali o puru picchì su tutti bombardati e biecchi.
    O Foro Italicu ‘i picciriddi iuòcanu o’ pallùni pistànnu siringhi, non c’è traccia di sorveglianza o guardianìa, mentre a Giotto, nella mattinata della mia vigilia di Festino ho annotato una ora e cinque minuti di attesa del 111, con il casello dell’AMAT che dava informazioni privo di mappa delle linee dei bus, privo di moduli di reclamo (“…deve scrivere su Internet, WWW.“ …e si zittìu…torno indietro ,dopo aver fatto finta di avere capito, “Punto” ? gli chiedo…”amat”, fa lui tenendosi sul vago, “ma c’è scritto tutto(!)”.
    “Me lo può dare il numero verde?”. “Aspetti che cerco” – ma dopo consulto in dialetto stretto con autisti che ronzano bevendo boccioni di acqua fredda – “non c’è l’abbiamo, le posso dare il numero del centralino e se lo fa passare.”
    Non c’è un autista vestito uguale all’altro, uno guida con zoccoli aperti dietro, il giorno prima un altro mi ha portato dalla Santuzza e non hai messo smesso di fumare né acchianata né ‘a scinnùta.

    E tutti ‘i pìcciuli spinnùti p’i varchi, varcazzi e musichi ‘mpurtanti?
    Pi l’annu chi bièni, piensu a na bella prucissioni p’a Santuzza , o’ sàbbatu, e ‘a Duminica na tavulata luonga i Puorta Felice fin’a Villa Giulia, unnì ‘u Cumuni rùna babbaluci, sfinciùna, pani cunsàtu, pani c’a mieusa e pani ch’i panielli, e bbìnu, e ‘azzùsa, e passitu, e Forst agghiacciata pi tutti ((ciao Davidù)), a tutti, senza paàri, e puòi ‘u jouco ri fuocu, e puòi accuminciari a manciari arrieri.
    Chistu vuoli a gienti ru Fistinu.
    Un ghiuòrnu ri preghieri e un ghiuornu ri pistiàri.

    Ospiti
  • 6 commenti a “Venerdì, vigilia di “Festino” 2007”

    1. Certo il dialetto da leggere, permettimi quest’appunto, risulta un po’ lento e a tratti scoraggiante… ma alla fine rende perfettamente l’idea. Comunque vorrei aggiungere che ci sono zone di Palermo che, nonostante continue sollecitazioni agli organi competenti, sono 365 giorni all’anno abbandonate al degrado. Va notato che non si sta parlando di vicoli o antichi rioni(dove sembra che togliere “la munnizza” sembra rompere una tradizione) ma anche grandi vie di transito per turisti. A Palermo ci sono zone dove ogni giorno l’autobus è un miraggio, posti dove la puzza brucia il naso e strade dove posteggiando, la sera, bisogna difendersi dall’attacco di centinaia di beatles(per dirla pulita) e non esagero. Se a questo aggiungiamo l’assoluta mancanza di senso civico di molti nostri concittadini capiamo quanto la situazione sia drammatica. L’altro ieri pensavo…non se vi è capitato mai di visitare(o anche solo sentirne parlare) città come Vienna, Lisbona, Monaco di Baviera, Parigi, ecc…Se sì, provate a immaginare cosa pensano di noi gran parte dei turisti che visitano ogni giorno la città. Altro che siculo-pakistani! 🙂

    2. Non capisco perché fra autori e lettori di Roslaio si faccia un così largo uso del dialetto scritto.
      Anche perché si vede chiaramente che è un vezzo, che però sembra fare molta “tendenza”.
      A me pare che si finisca col provincializzare il tutto, a furia di calcare la mano.

    3. Sono sincero e ,credetemi, non ho motivi per “tirarmela” come usa dire , ma queste righe mi sono uscite in dialetto palermitano, quello che parlo con mia madre e le mie zie anziane, spesso con mio fratello. Non vedo il vezzo, ne la tendenza, non ho forzato un termine che sia uno ma mi pare di averlo reso così come mi è affiorato tra le labbra.
      Non ho cercato effetti speciali, ecco.
      In tempi di globalizzazione e di omologazione, credo che esprimersi nella “lingua” madre, e così è il mio rapporto con il dialetto palermitano, sia un modo per sprovincializzarlo, renderlo quindi universale.
      I catalani, i baschi,i sudtirolesi,i sardi,i ladini usano le loro lingue e dialetti quotidianamente come mezzi di espressione.
      Vezzi ? Tendenze ? Sconosco…

      Giuànni

    4. A me non sembrava volessi “tirartela” e nel complesso l’articolo mi è piaciuto.

    5. Quello che contesto è lo scrivere in dialetto. Il dialetto siciliano non è una lingua scritta, ma parlata. Non ci sono regole per la conversione fonetica, per cui il risultato di ogni “conversione” è soltanto un tentativo personale di descrivere la parlata, contando sul fatto che chi legge sappia dove mettere gli accenti… un vezzo, quindi, cercando di affermare la propria “palermitanitudine”.
      Ma se io non so deve vanno gli accenti o non so cosa significhino alcuni termini… rimango tagliato fuori. Proprio come se arrivassi in un paese dell’entroterra invece che in una metropoli internazionale.(da qui l’accusa di provincialismo)
      Poi, per carità, se volete parlare solo fra di voi “abitanti del luogo” (citazione da Abatantuono)che vi capite… liberissimi.

    6. Giuseppe…contesti il dialetto, parli di tentativi di affermare la “palermitanitudine”, accuse di provincialismo….liberissimo di farlo e di esprimere la tua opinione che rispetto ma non condivido.
      Questa cosa che ho scritto mi è uscita dopo un breve rientro a Palermo, poichè vivo fuori da molto tempo e mi è uscita proprio in dialetto.Punto.
      Capisco, rispetto e condivido l’imbarazzo di chi legge e si ritrova a contatto quasi con una lingua sconosciuta.
      Prendo atto di questo e ne terrò conto, se proprio non ce la faccio, metterò una traduzione a margine.
      Il tutto senza tirare fuori fonetiche, contrazioni,elisioni e compagnia cantante…dai…restiamo con i piedi per terra.
      Cordialmente
      Giuànni

    Lascia un commento (policy dei commenti)