martedì 17 ott
  • Assegnate le deleghe agli assessori comunali

    Sono state assegnate le deleghe agli assessori comunali designati ieri. Toto Cordaro (Udc) è il nuovo vicesindaco di Palermo (con deleghe alle Opere pubbliche, Mare e coste, Espropriazioni).

    Assessorati
    Udc: Felice Bruscia Attività produttive, Sportello unico, Concessioni amministrative aree e spazi pubblici, Spazi pubblicitari, Affissioni e riscossioni, Rapporti con il Consiglio comunale, Salvatore Cintola (Igiene e Sanità), Roberto Clemente Decentramento e Circoscrizioni e Pippo Enea Risorse immobiliari, Manutenzioni, Autoparco, Beni confiscati, Assegnazioni beni confiscati unità non abitative, Servizi cimiteriali.

    Alleanza Nazionale: Alessandro Aricò Società ed enti controllati e/o partecipati; Giampiero Cannella Attività sociali, Interventi abitativi, Assegnazioni beni confiscati unità ad uso abitativo e Raoul Russo Turismo, Politiche giovanili.

    Forza Italia: Alessandro Anello Attività sportive e gestione impianti sportivi; Mario Milone Urbanistica, Attività culturali, Archivi e spazi espositivi, Rapporti con l’Università; Franco Mineo Mercati, Mercatini rionali e ambulanti, Rapporti con l’ente Fiera Mediterraneo; Eugenio Randi Edilizia privata, Progetti speciali e comunitari e Carlo Vizzini Rapporti con il Parlamento e il Governo nazionali, Relazioni istituzionali, Statistica e Toponomastica.

    Movimento per l’Autonomia: Jimmy D’Azzò Ambiente, Ecologia, Verde e arredo urbano, Parchi e Protezione civile e Nino Scimemi Centro storico.

    Sebastiano Bavetta manterrà le deleghe Bilancio e risorse finanziarie, Servizi tributari, Servizi informatici, Statistica, Pubblica istruzione, Edilizia scolastica e Lorenzo Ceraulo Infrastrutture per la mobilità, Traffico, Piano integrato trasporto pubblico di massa, Polizia municipale fino all’approvazione del bilancio e poi le deleghe saranno ridistribuite come sopra con l’ìingresso in giunta di Marcello Caruso con deleghe alla Pubblica istruzione e all’Edilizia scolastica.

    AGGIORNAMENTO: a Roberto Clemente va anche la delega alle Risorse umane.

    Palermo
  • 6 commenti a “Assegnate le deleghe agli assessori comunali”

    1. AHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHA CINTOLA “IGIENE” ….E SANITAAA’!!!!AHAHAHA MA VERAMENTE MA FANNO NOTTATA QUANDO PRENDONO QUESTE DECISIONI ?? ERANO A UNA FESTA UBRIACHI O CINTOLA ERA IN BAGNO AL MOMENTO DELLA SPARTIZIONE DELLE DELEGHE E QUANDO E’ USCITO NON C’ERA RIMASTO ALTRO ?

    2. oooooora si che è possibile costruire la grande Palermo !

    3. Finalmente sappiamo chi sono i nostri interlocutori!

    4. 16 assessori (tutte le cariche sono state coperte).
      2 esperti per materie economiche e mobilità, Bavetta e Ceraulo (vuol dire che dovevano restare nell’amministrazione).
      Mi chiedo 2 cose e le pongo all’altrui attenzione:
      1)
      se si chiamano gli esperti del sindaco a collaborare per la gestione di alcune materie, l’esperto dovrebbe avere provata esperienza (con risultati ottenuti e dimostrabili) su quella materia per la quale si nomina esperto di un amministrazione pubblica.
      E allora la domanda è: quali sono stati i miglioramenti della viabilità e della mobilità della città di Palermo negli ultimi 5 anni tali da giustificare la nomina del consulente “esperto” di mobilità Sig. Ceraulo. Magari io, e qualche altro, non li conosciamo i risultati della sua efficace politica di mobilità negli ultimi 5 anni a Palermo, e se c’è qualcuno che puo’ illuminare in materia si compende perchè da assessore alla mobilità passa ad esperto alla mobilità.
      Altra cosa sempre inerente il primo quesito è: la nomina di un consulente del sindaco (nelle amministrazioni pubbliche italiane) è possibile dopo che sia stata attivata una procedura di legge che prevede la verifica della presenza all’interno dell’amministrazione di figure professionali con l’esperienza professionale per la quale si chiede la nomina di un consulente esterno. Beh… se questa procedura di legge viene attivata, non credo che manchino figure professionali (almeno una !) con esperienze pluriennali nel campo della mobilità e del traffico urbano all’interno del comune di palermo !!!
      —-
      2)
      Festino ridotto nelle spese, Kalsart ad oggi non partito per ristrettezze economiche, il genio di Palermo affondato, autorizzazioni sanitarie da 500 € che non si possono pagare per mancanza di liquidità nelle casse comunali (fonte: quotidiani locali), insomma mancano i soldi, e si nominano consulenti esterni (che di certo non costano quanto gli lsu) ?
      Spero queste 2 consulenze, se proprio l’amministrazione non ne puo’ fare a meno, siano a titolo gratuito, considerato il particolare momento di ristrettezze economiche dell’ amministrazione !!!

    5. Cintola dopo aver dato il suo fondamentale contributo al governo della Regione, adesso potrà continuare la sua pregevole opera al Comune. Una giunta etilica non c’è che dire..E soprattutto avvisata…

    6. “particolare momento di ristrettezze economiche…”
      LE RISTRETTEZZE ECONOMICHE SONO UNA COSTANTE,per una amministrazione pubblica,SE NON ALTRO PER IL FATTO CHE
      “AL MEGLIO NON C’E’ MAI FINE”
      e quindi gli interventi dell’Amministrazione potrebbero essere
      svariate migliaia nei settori piu’vari.
      Le Consulenze Esterne dovrebbero essere
      ridotte al minimo,remunerate ai limiti
      “bassi” o gratuite,magari con il rilascio di un attestato di “benemerenza”.
      (di professionalita’esterne disponibili ad una prestazione gratuita c’e’ ne sono fin troppe,vedi l’area dei neopensionati pubblici e privati).
      Le Consulenze sono sempre state e saranno sempre oggetto di “chiacchiera”
      e quindi costituiscono una iniziativa
      poco dignitosa per chi le da’ e per chi le riceve.
      Ci sono fornitori che “regalano” sia consulenze,sia progetti.
      In ogni caso e’ l’Amministrazione che deve curare la formazione e mantenere la professionalita’ dei suoi “manager’s”
      (vedi cosa si fa in Francia).
      Da noi si ricorre a Consulenze perche’ i Responsabili degli Uffici sono per la maggior parte di “nomina” politica,e sono soventemente inadatti a coprire la posizione.
      Cosi’ i costi lievitano ed i soldi non bastano mai.

    Lascia un commento (policy dei commenti)