domenica 22 ott
  • Intimidazioni al legale di Conticello

    L’avvocato Stefano Giordano, legale di parte civile di Vincenzo Conticello (Antica Focacceria San Francesco) che in aula ha accusato il suo presunto estorsore avrà la vigilanza a distanza. Una pattuglia dei Carabinieri vigilerà sull’avvocato.

    Giordano è stato vittima di due intimidazioni: ieri notte ignoti hanno danneggiato gli pneumatici della sua auto e nei giorni scorsi era stato rubato un computer nel suo studio legale.

    Palermo
  • 2 commenti a “Intimidazioni al legale di Conticello”

    1. COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO ADDIOPIZZO

      Palermo, sabato 29 settembre 2007
      Vicini all’avvocato Stefano Giordano

      Il comitato Addiopizzo è accanto a Stefano Giordano, il legale di parte civile della famiglia Conticello, titolare dell’Antica Focacceria San Francesco. Lunedì notte l’avvocato Giordano ha subìto il furto dei computer allo studio; un segnale, secondo gli inquirenti, dato alla vigilia della deposizione – poi saltata – di altri due dei Conticello. Intimidazione rinnovata la notte di venerdì, con la foratura delle gomme delle auto del professionista, della madre e della sorella. Vincenzo Conticello ha riconosciuto i propri estorsori in aula, si è in attesa delle deposizioni dei suoi familiari. Il lavoro dell’avvocato Giordano accanto all’impresa Conticello è uno degli eccezionali segni di mutamento nella rivolta degli imprenditori contro il racket, in una Palermo che vede ogni giorno acuirsi la tensione e moltiplicarsi le intimidazioni. Per Addiopizzo è fondamentale far giungere loro il massimo sostegno e incoraggiamento ad andare avanti

    2. salve sono enzo da palermo e vi scrivo perchè sono rimasto molto indignato per aver visto sui tg un personaggio che si sta ricoprendo di vittimismo,facendo credere di essere stato colpito da estorsioni da parte di personaggi “malavitosi”,quando lui stesso sicuramente con la complicita’ di personaggi simili a quelli da lui denunciati per estorsione, ha ideato una truffa miliardaria a discapito di giovani in cerca di lavoro,rovinando famiglie gia’ disagiate, che si sono indebitate per il futuro dei propri figli e demoralizzando ancor piu’ i ragazzi che speravano in questa opportunita’ in citta’ con gravi difficolta’ di inserimento lavorativo (NAPOLI-PALERMO-ROMA,ECT..) Cio’ di cui vi sto parlando e la famosa storia a quanto pare gia’ dimenticata di qualke anno fa della societa’ EUROBEEP ideata da “VINCENZO CONTICELLO” si.. sto parlando prorio di lui quel personaggio che sui tg è stato fatto vedere come un coraggioso inprenditore che denunzia gli estortori.Forse ha dimenticato i milioni che ha estorto o rubato anoi ragazzi? ho forse i suoi estorsori gli stanno chiedendo la parte dei milioni che ha rubato a noi? e pensare che per il caso MOTOBEEP sono stati pure indagati condannati e rilasciati sotto pagamento di di pena. Ora vi chiedo a voi, come può un dirigente di di una societa fallita ancor prima di esistere, avere altre attività e no essere costretto dalle autorita conpetenti a risarcire le persone offese? Da piu di 5 anni sono in causa insieme ad altri, sensa ottenere nulla mi viene risposto che pur condannati a risarcire, sono nulla tenenti,”POVERINO”:non solo non ha nulla ma gli chiedono pure il pizzo!………. QUELLO CHE MI INDIGNA DI PIU’ E CHE STA’ OFFENDENDO I VERI INPRENDITORI PULITI CHE CONBATTONO IL PIZZO A VOLTE ABBANDONATI DALLO STATO, RISCHIANDO ANCHE LA VITA. Ciò che vi ho scritto non è una bufala, ho ancora documenti firmati da lui suo fratello francesco conticello ed altri dove si dichiara ideatore e responsabile della società fasulla ed in oltre esiste pure una sentenza dove sono specificati i vari reati commessi con le dovute condanne a piede libero anche se VICE’ aveva pure dei precedeni e non capisco come sia stato rilasciato a piede libero.Credo che rimarrete increduli a quello che vi ho appena scritto ma è tutto vero basta ricercare su i vecchi giornali del 12/2000 distinti saluti.spero che rispondiate in molti in questa email..catutti@hotmail.it..arrivederci!

    Lascia un commento (policy dei commenti)