martedì 17 ott
  • Parla potabile (speaks drinkable)

    Dopo 17 anni di onorata carriera radiofonica, visto che il mondo dell’etere va veloce e richiede un contatto immediato, veloce e quanto più possibile (ahimé) frivolo, quest’anno, presa da superficiale babbìo ho introdotto una rubrichetta nuova all’interno di Tutti pazzi per Mery: PARLA POTABILE, ovvero SPEAKS DRINKABLE.
    La rubrica nasce dalla considerazione che siamo molto più anglofonizzati di quel che si vuole ammettere, andiamo al bar, facciamo sport, non andiamo più alle riunioni ma ai meeting, dove c’è il team leader e via discorrendo.
    Sulla scia di tali inutili riflessioni ho pensato di provare a rendere in inglese, in traduzioni molto, ma molto maccheroniche, i più diffusi proverbi siculi. Per esempio:

    • It takes the wind in the church, but not to switch off the candles!(Ci vuoli ‘u vientu ‘nchiesa, ma no p’astutari ‘i cannili!)
    • I cut onions and your eyes burn. (Io tagghiu cipuddi e a tia t’abbruciano l’uocchi)
    • The chatting is nice but the landlord wants to be payed (La chiacchiera è bella, ma ‘u tavirnaru vuoli ‘i picciuli)
    • Be careful, ‘cause I can smell the scent before someone farts (St’accura ca io sientu ‘u fetu prima ca uno iecca un piritu)
    • The some dead teachs to cry (‘U stissu muortu ‘nzigna chianciri)
    • Crying over who’s dead is waste of tears (Chianciri ‘u muortu su lacrimi piersi)
    • Pushing the donkey over the uphill (Ammuttare ‘u scieccu nn’acchianata)
    • You can streach your feet ‘till the sheet fit (Stira ‘u pieri quantu ‘u linzuolu tieni)
    • Who eats makes crumbles (Cu mancia fa muddichi)
    • Who goes with a cripple in a year will cripple (Cu pratica c’u zuoppu all’annu zuppichia)
    • Is better the worse known than the good to know (Megghiu ‘u tintu canusciutu ca ‘u buonu a canusciri)
    • Lamb and sauce and the baptism ended (Agneddu e sucu e finiu ‘u vattiu)
    • Who leaves the old street to take the new one, he knows what he leaves but he doesn’t know what he’ll find (Cu lassa ‘a strata vecchia p’a nuova sapi chiddu chi lassa ma non sapi chiddu ca truova)
    • After the St. Rosalia robbery they put the fances (Dopo ca ‘a arrubbaru a Santa Rosalia ci misiru ‘i grati)
    • Fuck fuck ‘cause God forgives everyone (Futti futti ca Diu pirduna a tutti)

    Data la mia ormai vecchia amicizia con i lettori di Rosalio, ho pensato, di chiedervi aiuto nel ricordarmi proverbi siculi che poi provvederò a tradurre (o se volete suggerirmi la translation è buono pure) e a parlarne in diretta, citando la fonte. Che dite? Si può fare? Thanks thousand (grazie mille)…

    Palermo, Sicilia
  • 60 commenti a “Parla potabile (speaks drinkable)”

    1. Ciao Marì, divertente, io partecipo però le traslescion ti fai tu. 😉
      1) Quannu a atta un pò liccari a sarda..rici cà fà puzza!
      2) Capi a casa quantu vuoli ù patruni.
      3)ù suli affaccia e affaccia pì tutti.
      4) Dinari e biddizza un si ponnu ammucciari.
      5) l’ogghiu fitusu e rà pariedda spunnata.
      6) I guai rà pignata i sapi sulu a cucchiara cà arrimina.
      7) u cani muzzica sempri ò chiù sfardatu.
      8) pizzichi e vasi unni fannu pirtusa.
      Per stanotte basta così, prendo una tisana e vediamo se accucchio 2 ore di sonno.

    2. eheheheeeeh

      iniziare la mattina con una bella risata….. cosa voglio di più dalla vita???? 😉 Grasssssie!!! 🙂
      bacibaci

      Babs 8)

    3. Nella finanza, nell’economia, nell’arte, nella gestione dei progetti l’utilizzo di molte terminologie inglesi e’ essenziale se si vuole ottenere efficacemente la comunicazione con altri operatori sia dentro il territorio nazionale che oltr’alpe.
      Sono terminologie che essendo state inventate in paesi anglosassoni non hanno – a volte – un’esatta traduzione in italiano.
      Devo dire che altri responsabili di progetto trovano estremamente divertente quando faccio le mie presentazioni in powerpoint in inglese con cadenza siciliana (non metto sottofondo con marranzano !), e ogni tanto ci cafuddo un “minkia” come intercalare (quando sono infervorato ad esprimere un concetto o fare il punto su un risultato ottenuto con successo !).
      Devo dire che da qualsiasi parte d’Europa apprezzano e apprendono ridendo ridendo! Ho rivalutato la musicalità del dialetto siciliano nel mondo lavorativo a livello internazionale facendo conoscere la cadenza delle parole (pero’ parlando in inglese). Poi qualche volta durante la pausa caffè mi chiedono di conoscere qualche frase in siciliano con la musicalità originale.
      Chissà perchè in questi ambienti di lavoro di partenariato internazionale non c’è mai nessuno che vuole conoscere qualcosa di un dialetto danese, belga, austriaco o polacco. Tutti sempre attenti quando parla “il siciliano”.
      E’ un esperimento che porto avanti da un po’ di anni. E’ nato per caso (ero troppo rilassato forse), e funziona, cioè attira l’attenzione dei presenti su un argomento ad una riunione, dove puo’ capitare che ci si annoi pesantemente (tipo mi cala la palpebra).
      Pero’ vi assicuro che “minkia” non lo scrivo nei technical reports di ogni work package !!!

    4. Allora io propongo più che un proverbio una frase che ho recentemente utilizzato con parenti sudafricani per spiegargli dove eravamo finiti!!!
      “unni pirsi i scarpi u signuri”
      “Where jesus lost the shoes”….

    5. “Tanto piacere a nanna, che avi u cuozzo i ligno!” 🙂

    6. …but beautiful the true!

    7. Think the thing before you do because the thing thinked is beautiful too.

      Its also rimed!

      We kiss your hands.

    8. never mery

    9. Panza china, curcala!

    10. you got to fuck and you’ve got fucked

    11. Sul sito che ospita il mio blog si trova un blog scritto da un patito di information tecnology italiano che quasi ogni giorno posta un articolo ma nessuno li commenta.
      Io ho provato a capirci qualcosa ma é fuori dalle mie possibilità capire tutte quelle sigle di origine inglese.
      Ho provato a fargli notare che dovrebbe essere più chiaro nei suoi scritti ma lui continua nel suo modus operandi e se ne frega se nessuno capisce di cosa parla.
      Penso che in questi siti si dovrebbe scrivere secondo la tecnologia KISS che sta per Keep It Simple (for) Stupids.
      Ho visto che ormai in tv, giornali e radio e ovviamente anche su web molti parlano tramite sigle che non tutti coloro che leggono o sentono sanno cosa significano.
      Gli inglesi hanno la fama di essere tirchi ma risparmiare pure le parole in un discorso é assurdo.
      Un oratore dovrebbe tener conto di questo.

    12. Ottima come sempre 🙂
      Mi vengono in mente:

      Calati juncu, ca passa la china (Get down cane, ‘cause the flood is passing by).
      Pacienza ci voli a li burraschi, ca meli un si ‘nni mancia senza muschi (It needs patience in the storms since honey can’t be eaten without flies).
      Cocila comu voi, è sempri cucuzza (Cook it as you want, it’s always marrow).
      Cu nasci tunnu ‘un po’ moriri quatratu (Who was born round, can’t die square).

    13. 🙂 Giusto qualche giorno fa avevo fatto un post simile sul mio blog, ti riporto alcune frasi sentite e suggerite in Sicilianish:

      – At beautiful heart! (a beddu cori!)
      – Beautiful flash (bellolampo)
      – God is blind! (u signuri è orbu!)
      – Beautiful the truth! (bella a virità!)
      – Like end you tell (comu finisci si cunta)

      certo anche il Sicilianorum meriterebbe una citazione:
      agnus sucusque et baptisma finivit: “agneddu e sucu e finiu u vattio”!

    14. Non sono proverbi ma sono entrati nel mio lessico quotidiano “casual”…

      Take from the dry (pigghia r’asciuttu)
      Beautiful Mum (bedda matri)
      truly the beauty (bella a’ virità)

      si iu son.

    15. Sarebbe interessante anche tradurre l’intero monologo urlato dello sPincionaro..”Bellu ci u fazzu..chi ciaaavuru..uora u spuinnavu, uuooara”.
      Grande Maria, ever!:)

    16. Dead in the egg

    17. Complimenti! Da un pò di tempo raccolgo sul mio blog i proverbi palermitani. L’inglese non lo mastico (lo sputo subito) traduci tu se ti va.
      Ne cito alcuni:
      – Testa cu’n parra è cucuzza
      – Chiovi a assuppa viddani (intraducibile)
      – A butti china e a mugghieri mbriaca
      – Addumannu aiutu all’uoirbu, rape l’uoacchi e mi fa scantare
      – Megghiu riri chi sacciu che diri chi sapieva
      – U picca abbaista e l’assai assuviecchia
      – Si l’ultima vara i sannuminicu
      – Amici e parienti un ci vinniri e un ci accattari nienti
      – I parenti sunu comu e scappi, chiù sunu strippi chiù astruppinunu
      – Va cunta i cantari o spitali
      – Cu sparti avi a megghiu parti
      – etc…

      Se ne servono ancora basta un fischio! 😀
      Peppe

    18. Sta cosa mi piace proprio… Ti rimetto qualche altra reminiscenza (accompagnata da possibile translation).

      Ogni testa è tribunali
      Every head is a law court.

      Chiamavu all’orbu pi m’accumpagnari, rapìu l’occhi e mi fa scantari.
      I asked the blind for helping me out, he opened his eyes and makes me scared.

      Jurnata rutta: rumpila tutta!
      A broken day: break it all!

      Megghiu diri “chi sacciu”, ri diri “chi sapìa”
      It’s better to say “what do I know”, rather than saying “what did I know”

      Ogni ficateddu ri musca è sustanza
      Every little fly liver is nourishment.

      Nuddu si pigghia s’iddu un s’assimigghia
      No one takes another if they don’t look like each other.

      Lu surci dissi a la nuci: dammi tempu ca ti perciu.
      The mouse told the walnut: gimme time and I shall pierce you.

      Cu amici e cu parenti, ‘un c’accattari e ‘un ci vinniri nenti.
      To friends and relatives, don’t buy or sell anything.
      (ovvero: With friends and relatives, don’t establish business connections).

      Testa ca ‘un parra si chiama cucuzza
      A not speaking head is called marrow .

      A megghiu palora è chidda ca ‘un si dici.
      The best word is the unsaid one.

      Rizzi, pateddi e granci: assai spenni e nenti manci.
      Urchins, limpets and crabs: so much money you do spend and nothing you do eat.

    19. Siciliano anglofonizzato o inglese sicilianizzato?…
      Anchovy paste = pasta all’anciova

    20. Why don’t you die?

    21. Di ‘cca ssiccu, di ‘cca ssaccu!
      La traslation…falla tu, oh grande Maria! 🙂

    22. Grazie assai a tutti! Totò ma ci l’hai cummia?;-(

    23. Puòesseremai?
      Itsnevermay?

    24. Less-evil!
      Meno male!;-)

    25. A Catania ho sentito dire :
      Never Stone = ma(i sassi)

    26. Totò, scusa, ma la traduzione non mi sembra corretta:
      Può Essere Mai diventa
      Can Be Never?

    27. In campo cardiologico:
      – fari veniri lu cori (let the heart come here)
      – arrubbari lu cori (to steal the heart)
      – sintirisi allargari lu cori (to feel one’s heart widening)
      – farisi lu cori quantu un filu di capiddu (to change one’s heart into a faint hair)
      – taliari cu l’occhi di lu cori (to gaze by heart-eyes)

    28. u succi ci rissi a nuci
      Nuci rammi u tiampu ca ti spirtusu

    29. Nessuno, capace che hai ragione, ma a me mi piace di più la mia strafallaria versione.

    30. SCUSATE MA COSA C’ENTRA MICCICHE’ CON IL FORUM DI ROSALIO?? PERCHE’ DOVREMMO SCRIVERGLI?? MA CHE SIGNIFICA?? ASSURDO

    31. io pure! io pure!
      “wall to wall with the hospital”
      muru muru co’ spitali!

    32. Andrea il luogo in cui poni la domanda è preposto a commentare i post. Usa l’e-mail. Grazie.

    33. Even the dogs (Mancu li cani)

      Sucks one plum (Va sucati un prunu)

    34. Va scupati u mare – Go to sweep the sea
      Ammutta ‘u fumo ca’ stanga – To push the smoche with the rod

    35. sorry…The Smoke

    36. bè, esiste un video carino di tipi spagnoli e italiani che parlano di proverbi siciliani… no entiendo estos proverbi siciliani! http://www.siciliaonline.it/index.php?option=com_content&task=view&id=105481&Itemid=464

      per chi volesse vederlo…

    37. Ci rissi u surci a nuci rammi u tempu ca ti spirtusu (o era il re alla regina?)

    38. The dirty oil and the breaked trough pan – Ogghiu fituso e paredda sfunnata

    39. The mouse told to the nut : give me time, and I’ll make a hole inside you….

    40. He’s got the side like donkeys
      (Avi u latu come i scecchi)
      The heart comes
      (veni u cori)
      He who goes out succeeds in
      (Cu niesce arriniesce)

      E quanto alla toponomastica
      restano celebri
      Pussyrockets (Ficarazzi)
      e Maybe (Capaci)

    41. Ho pensato questa…
      Where Jesus lost your shoes…

    42. What about Beautiful flash?
      (Bellolampo)

    43. at war times even hole is trench.

    44. Tongue twisters…

      Open the cabinet and take the slice out, put the slice in and close the cabinet.

      Under a palace there’s a crazy dog, here crazy dog is this piece of bread.

      On my knees picking cotton, being with you I was picking cotton.

    45. Thank you so much! con tutti sti suggerimenti arrivo a due anni di rubrica. Sempre obbligata…continuate pure.;-)

    46. DO YOU IMMAGE (tummagini)

    47. post da conservare gelosamente….

    48. and last but non least…

      “Country man never forget his mother!”

      (u zappaturi un sa scorda a matri!)

      rubata a mario merola

    49. mi viene in mente un fenomeno a cui assistiamo sempre più spesso: extra-comunitari colorati che si esprimono in siciliano: attendo con ansia il momento clou quando il siciliano lo parleranno anche i cinesi: se ti interessa puoi usare l’argomento alla radio, io conto di postarlo quanto prima. smack smack!

    50. non li so tradurre in inglese:
      – si u sceccu un vole viviri è inutile cà ci frischi!
      – un sinni lavano teste ai tignusi!

    51. 1)a tia na chiesa manci’?..mu ru un pizzuddo?..
      2)pare ca un t’ viu..ma a tia taliu
      3) mi vo fari cririri che u’ pirocchio ave a tusse…(nn so se è scritto giusto)
      4) cu picca ave caro tiene

    52. For those who like round shaped tunas…

      Pure one corks, married corks: stop that corks and how corks corks.

    53. non sono proverbi… ma località del palermitano:
      – take off iron from horse (sferracavallo)
      – thomas christmas (tommaso natale)
      – pirates’water (acqua dei corsari)
      – little wordl(mondello)
      – little harbour (porticello)
      – castle of garlic (casteldaccia)

    54. you may wrap this cat:
      “s’ammugghiasse sta’ atta”

    55. Maurizio Salerno…giuro che questa non la conoscevo!

    56. Beautiful Mather Mary!

    57. scritto così come si pronuncia viene meglio:

      BBIUTIFUL MADER MERI!

    58. il significato del proverbio u pirocchio ave a tusse grazie.

    59. Iri circannu a buffa cassaru cassaru, ossia, traducendo/tradendo, <>.
      Il detto si usa per evidenziare l’impossibilità di cercare qualcosa che si è smarrito e, forse, perduto per sempre. Può anche alludere all’irraggiungibilità di una chimera, un desiderio, un obiettivo. Infine lo si può adoperare per chi ha il viziaccio di cavillare su ogni cosa, non approdando ad alcuna conclusione.

    60. andare alla ricerca del rospo, o della rana, attraverso le viuzze del quartiere del Cassero(traduzione)

    Lascia un commento (policy dei commenti)