sabato 18 nov
  • Botti a Palermo

    Ci sono stati un ferito grave e undici feriti lievi a Palermo per i festeggiamenti con i botti nella notte di Capodanno.

    Una donna di 41 anni è stata colpita da un proiettile mentre era in balcone a guardare i fuochi di artificio.

    A un uomo di 37 anni è stato amputato il braccio dopo l’esplosione di un petardo che teneva in mano. Gli altri hanno riportato ferite e ustioni.

    Palermo
  • 11 commenti a “Botti a Palermo”

    1. della serie andarsi a cercare i guai. e cmq bisogna avere un cervello di dimensioni microscopiche (con mezzo neurone roteante) per entusiasmarsi per il rumore di un botto.

    2. per non parlare di quei sciagurati sub-umani che sparano dai balconi con pistole e fucili……………..

    3. ..c’è qualche esperto di balistica in grado di spiegarmi come fà a ” Vagare ” un proiettile?
      Che c’ha? l’ogiva a roccocò?

    4. Della serie “andarsi a cercare i guai” e procurarli anche agli altri che non c’entrano nulla.Vergogna.

    5. nel mio paese che è Montedoro (1600 ab.) sparare coi fucili pistole e scacciacani (non sempre legalmente detenute) è l’abitudine, cosicchè ognuno se ne sta rintanato in casa, dopo aver chiuso bene bene l’automobile nel garage e avvisato nonni e zii di starsene a casa o a rincasare al massimo verso le 9:30 “picchi dopu sparanu”,
      e chi forse dovrebbe controllare forse è il primo a “festeggiare” con le beretta d’ordinanza.
      E pensare che a parigi si scende in strada condividendo una bottiglia, o a venezia che addirittura ci si bacia!…
      Certu che li cristiani sunnu curiusi assa’!!!!!!!!!

    6. a parte che come sempre i giornalisti scrivono sempre inesattezze e tendono sempre ad ingigantire le cose in quanto l’uomo di cui si parla è un mio carissimo amico per il quale ho pianto tutto il giorno non ha perso tutto il braccio ma solamente la mano , seconda cosa da chiarire è la dinamica di come si sono svolti i fatti , in quanto la persona in questione per cercare di evitare che dei ragazzini minorenni si facessero esplodere “l’ordigno” in faccia , visto che cercavano ripetutamente di accendere questo botto illegale venduto con il nome di “cipolla”
      e con un gesto repentino lo ha sottratto dalle mani di uno dei ragazzi ma purtroppo per lui non ha fatto in tempo a gettarlo via perchè il botto illegale gli è esploso in mano , ferendo anche in modo lieve uno dei ragazzi che lui ha praticamente salvato .
      Quindi vi pregherei di astenervi da ogni futile commento sulla vicenda in questione , in quanto la persona coinvolta oltre ad essere un mio caro amico è un padre di 4 figli ed ha fatto un gesto a dir poco eroico .
      Ps proviamo a farci una domanda piu’ intelligente , ovvero come possono questi ordigni finire nelle mani di ragazzini minorenni ?
      E l’opera di prevenzione a cosa serve ?
      E quando ieri sera degli sciagurati gettavano letteralmente addosso dei petardi a delle persone in piazza castelnuovo le forze di polizia dov’erano ?
      Facciamoci delle domande piu’ propositive per favore .

    7. Ci spiace se si tratta di un’inesattezza.

    8. Caro Rosalio , il problema non è vostro , purtroppo tutte le testate giornalistiche locali , ma anche nazionali hanno riportato la notizia esattamente come da voi espressa.
      Quindi presumendo che voi non abbiate fatto altro che trascriverla da qualche fonte stampa non avete alcuna responsabilità , anche perchè fino adesso non è stata fatta alcuna rettifica in merito alla notizia stessa.
      Vorrei concludere dicendo a chi usa i botti di capodanno come fonte di divertimento che i danni che possono provocare sono devastanti e spesso si tende a pensare che come tutte le cose tremende non capitino mai a noi , niente di piu’ sbagliato !
      Bastano pochi secondi e la vita non di una sola persona ma di una famiglia intera viene devastata .

      Ps al civico dove sono stato in visita a questo mio caro amico al PS distribuivano a tutti le mascherine in quanto vi era un sospetto caso di meningite .
      Se fosse confermato dovremmo prendere atto che questo virus è arrivato anche da noi ! .

    9. caro luca sono convinto che dici la verità…ma una cosa voglio dirti visto che ogni anno ci ritroviamo a leggere sempre le stesse notizir quasi fosse un bollettino di guerra, e le persone sanno degli effetti devastanti di questi ordigni, perchè li vanno a comprare??
      Un po come il fumo delle sigarette tutti ci vogliamo fare del male.

    10. Carlo vero e che ci vorrebbe prevenzione ed educazione, perchè è assurdo rischiare e spendere un sacoc di soldi per i botti! va bene il prio ma la deficienza no, e la madre dei deficienti a capodanno sembra partorire di botto!
      Ma Luca ha ragione…a capodanno..quando ci sono botti ed altro sono diavolo finiscono le pattuglie di ronda?
      Sparite..del tutto completamente sparite!
      Magari se si facessero vedere in giro e “mazzuliassero” un pò chi fa ste min****te, magari alcune cose di potrebbero evitare!
      Voi lo0 sapete che la notte di capodanno nei pronti soccorso ci si aspetta di tutto? che si tengono le sale operatorie pronte? Che anestesiti e medici d’urgenza vengono reclutati in forze?
      Ma vi pare normale?
      Anche perchè sti deficienti che poi si fanno male tolgono assistenza ad altri che maagri possono stare male per altri motivi più seri…

    11. Io non compro botti, l’unico “botto” in casa mia è quello dello spumante!

    Lascia un commento (policy dei commenti)