sabato 18 nov
  • Sospensione da Roma per Cuffaro (già dimessosi)

    Il presidente del Consiglio ha firmato il decreto che sospende Totò Cuffaro da deputato dell’Ars secondo la legge 55 del 1990 (Nuove disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazione di pericolosità sociale) modificata con decreto legislativo del 18 agosto 2000.

    Cuffaro si è detto «esterrefatto e preoccupato» per il decreto che potrebbe, a suo parere, configurare una violazione dello Statuto speciale della Sicilia. Il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa ha chiesto un incontro urgente con il capo dello Stato.

    AGGIORNAMENTO: una nota della presidenza del Consiglio ha precisato che si trattava di un «atto dovuto» e che «non esiste […] alcuna motivazione politica, né azione indotta da altri intendimenti se non il rispetto della legge».

    Sicilia
  • 44 commenti a “Sospensione da Roma per Cuffaro (già dimessosi)”

    1. Mi chiedo se l’avrebbe firmato lo stesso se qualche senatore Udc si fosse assentato al Senato la scorsa settimana…

    2. Lascia stare Tony discorsi persi… hanno la testa bacata, ancora non si sono ripresi dal dispiacere, (Bassolino al suo posto tranquillamente malgrado le condanne della corte dei conti) e poi il gran mortadellone ha già pensato alle nuove elezioni (Cuffaro capo lista dei senatori udc in sicilia).

    3. Ma anche quando cosa cambia? Cuffaro teme che gli si possa macchiare il curriculum?

    4. A nessuno viene in mente che si tratta di “un atto dovuto” richiesto alla Presidenza del CdM dalla Procura di Palermo? L’iter burocratico era stato avviato il 18 gennaio e, a quanto sembra, il provvedimento è stato adottato lunedì 28 e comunicato a Cuffaro martedì 29.
      Sarebbe inoltre il caso di commentarlo dopo averlo letto (qualcuno l’ha visto? E’ disponibile in rete?).

    5. Sono atti d’ufficio , vanno avanti meccanicamente .

    6. Credo cambi che l’ordinaria amministrazione da oggi sino alle elezioni non viene più gestita dall’attuale governo ma da un commissario dello Stato.
      Se cosi fosse non sarebbe roba da poco.

    7. …e finalmente tutti sapranno cio che era prevedibile: le “dimmissioni irrevocabili” sono solo una conseguenza del fatto che sarebbe arrivata la sospensione da Roma.
      chi vuole credere che fosse un gesto di amore per la Sicilia puo continuare ad illudersi, resta il fatto che, come ha detto il leone, la documentazione e’ partita dalla procura il 18 e che lui ha giocato d’anticipo per pararsi…”la faccia”

    8. @ depero: quando un governo cade perchè le Camere (o anche una sola di esse, come in questo caso) non gli accordano la fiducia, non subentra alcun “commissario dello stato”. Semplicemente, il governo “sfiduciato” continua a rimanere in carica per il disbrigo degli “affari correnti” ed opera in regime di “prorogatio” (cioè di “proroga”) fino all’insediamento del successivo governo. Questo accade perchè non può ammettersi un “vuoto di potere” che avrebbe come effetto la paralisi amministrativa.

    9. @ Il Leone
      io parlo del governo regionale, tu di quello nazionale.

    10. Attenzione, la sospensione a Totò non riguarda la carica di Governatore, ma per quella da semplice deputato. Credo che visto lo statuto speciale della Sicilia, il GOvernatore sia praticamente intoccabile da Roma. Paradossalmente se non si fosse dimesso, sarebbe stato sospeso da deputato ma non da Governatore.
      Così ho letto, non ricordo dove.

    11. @ depero: Allora per favore spiega meglio che avevi scritto perchè io non l’ho capito.

    12. Ce lo troveremo al senato?

    13. @ depero: scusa, non avevo capito che stavi rispondendo a Stanton. Tutto chiaro adesso.

    14. Avevo fatto una domanda??? 😀
      Coq tranquilli se tutto va bene dopo il falso in bilancio, che oggi ha permesso l’assoluzione di Berlusconi al processo Sme, verrà depenalizzato anche il favoreggiamento e la violazione del segreto d’ufficio.
      Nella casa delle libertà facciamo un pò come ca**o ci pare….

    15. A fini di chiarezza, ecco un’agenzia appena uscita:
      16:17 Sospensione Cuffaro, palazzo Chigi: “Atto dovuto”
      Il decreto del presidente del Consiglio sulla sospensione di Totò Cuffaro è “un atto dovuto” da parte del governo. E’ quanto sottolinea palazzo Chigi in una lunga nota di spiegazione nella quale si precisa che, in mancanza di questo atto, nel rispetto della legge, si sarebbe anche potuta ipotizzare una “omissione” da parte del premier.
      Tradotto, significa che se Prodi non avesse adottato il provvedimento di sospensione si sarebbe configurato il reato di “omissione d’atti d’ufficio”.

    16. Mi dispiace per la situazione in cui si trova la nostra regione, ma ci sento troppo prio per tutti quei marpioni che non sono riusciti a prendere la pensione! ahahah

    17. preoccupato ed esterefatto? totò ma dici vero?

    18. Stanton, sennò che libertà sarebbe? 😀 Comunque ne ho in serbo pure per il centrosinistra anche per la sinistra più estrema: patetici.

    19. La precisazione “già dimessosi” nel titolo potevate pure evitarla… in ogni caso, in tutta questa vicenda, non mi pare che sia l’ufficializzazione della sospensione una violazione quanto l’operato di Cuffaro che se non fosse stato per la “gaffe” dei cannoli, secondo me sarebbe ancora voluto rimanere al suo posto…

    20. scusate!ma questo non rientrava tra i casi che non potvano andare oltre lo statuto siciliano? Non è veramente una violazione del nostro statuto?
      Amici giuristi per favore vi chiedo aiuto, ho una gran confusione in testa!

    21. ricontiamo i voti!!!
      qualsiasi sarà il risultato lo sentiremo fino alla nausea, brrr voglio scappare……..

    22. Guido ma di che parli???

    23. poi guido si sveglia e si accorge che era tutto un sogno

    24. Noto con piacere che sono stato censurato…strano…eppure erano giudizi assolutamente non offensivi, che magari rimarcano l’opinione di milioni di cittadini ma forse non le vostre…
      Complimenti..Siete fatti così..evidentemente le opinioni diverse non sono ben accette…”sapienz”a docet!!

    25. Scusate, ma che succede ora per la pletora di consulenti, esperti, addetti stampa ecc. ecc. del presidente?
      Vengono “sospesi” pure loro?

    26. La legge è legge e il povero Dr.Cuffaro deve accettarla,tranne che non riesca a cambiarla in suo favore,per poi farsi assolvere,come usa fare una certa persona che ben conosciamo.Comunque a me il Dr.Cuffaro pare ‘piatuso’,perchè alla fine ha molto meno potere del previsto ed in particolare ha dovuto arrendersi alla forza
      gigantesca del Pdl\Fi(la forza del suo Leader)ed ai luogotenti siciliani.Ma dove sono finite le affascinanti signore Brambilla et similia?Erano un fuoco di paglia?Peccato.

    27. Guido noto con dispiacere che hai violato la policy, il commento ti è stato rimosso per questo motivo e ti consiglio di rileggerla.

    28. Per Micio Alfonso

      Dal tuo commento si evidenzia che sei un personaggio molto colto e preparato.Cuffaro ti pare “piatuso”?
      Dai entra tu in campo, sicuramente farai strada in politica e risolverai tutti i problemi della gente.

    29. @Il Leone “Sarebbe inoltre il caso di commentarlo dopo averlo letto (qualcuno l’ha visto? E’ disponibile in rete?)”
      Sarebbe stato il caso di farlo anche per le motivazioni della sentenza del processo di primo grado a Cuffaro

      @Claudio “Attenzione, la sospensione a Totò non riguarda la carica di Governatore, ma per quella da semplice deputato. Credo che visto lo statuto speciale della Sicilia, il GOvernatore sia praticamente intoccabile da Roma. Paradossalmente se non si fosse dimesso, sarebbe stato sospeso da deputato ma non da Governatore”
      Sono pienamente d’accordo con te sulle conclusioni
      @Franco ancora una volta in questo blog esce fuori che chi ha un parere diverso dal proprio deve essere schernito o deriso.Smettiamola e dimostriamo di essere capaci di argomentare anzichè deridere.
      @Rosalio Ti prego di far misurare gli interventi di ognuno, ripristinando il rispetto delle opinioni altrui.

      Giuseppe Piazzese

    30. @piazzese
      “Smettiamola e dimostriamo di essere capaci di argomentare anzichè deridere.”
      ho la presunzione di affermare che in molti si aspettano esattamente questo da lei.
      vuole darci questa soddisfazione?
      allora argomenti.

    31. comunicazione di servizio: sbaglio c’è!
      http://www.udc.it=ingrosso cancelleria treviso
      http://www.udc-italia.it=unione democratici di centro

    32. Grazie Comparz, corretto. 😉

    33. @stalker Io credo in questo come in altri post di avere ampiamente argomentato, quello che invece, a quanto vedo non riesce a fare lei!!!
      Dimostri di avere buon senso e di non condividere, ma accettare i pareri degli altri, ci farebbe una gran figura, migliore di quella che ha fatto fin adesso e tutti i lettori di Rosalio le sarebbero grati!!!
      Giuseppe Piazzese

    34. e secondo voi perchè se ne era andato???

    35. Nessuna cultura,nessun sapere ignoto.Noto soltanto che il Dr.Cuffaro,ignominiosamente,è stato scaricato,con furbissima operazione politica,da Fi-PdL.Ciò è stato fatto per precisi calcoli politici o per altri oscuri motivi.
      Laonde per cui mi pare ‘piatuso’e gli esprimo la mia simpatia e la mia solidarietà umana.Ringrazio per la candidatura offertami da un blogger,ma temo di non potere accettare per i rilevanti impegni politici ed imprenditoriali che attualmente ricopro.Sono ad ogni buon conto un assertore convinto e determinato della candidatura di Diego Cammarata a Governatore:egli ne ha le qualità,la simpatia,la capacitèà di ascoltare ed intercettare gli altri.Diego vi stupirà,come disse al comune amico il Miccichè nel 2001 lanciandolo come Sindaco nella memorabile riunione del Teatro Politeama,in una bella e azzurra giornata ottobrina.
      E’un augurio che gli rinnovo dal profondo del cuore.
      FORZA DIEGO!!

    36. scomettiamo che il signor piazzese si candida alle provinciali? lo vedo troppo presente nel blog…gli assidui frequentatori sono in tanti…ma mi sembra cosi scientifica la sua presenza qui.L’unico che difende l’amico totò il vasa vasa nazionale!! ole…io ti voto piazzesE!

    37. Piazzese io mi limito a valutare le violazioni della policy dei commenti e a invitare tutti al rispetto degli altri commentatori.

    38. @Rosalio Appunto invita tutti al rispetto degli altri commentatori
      @piero Volevo rassicurarla non mi candido alle provinciali, ho ancora tanto da fare nel mio territorio, allargare il raggio d’azione sarebbe bello ma penso, poco profiquo.
      Quando sarà l’ora e il mio partito vorrà darmene l’opportunità, lo comunicherò chiaramente affinchè nessuno scambi l’esercizio della propria mente nell’esprimere una riflessione senzata, con la voglia di visibilità tipica di chi la mente spesso utilizza poco.
      Comunque la ringrazio per l’auspicio
      GiuseppePiazzese

    39. Piazzese qui non sei nella posizione di dirmi che cosa devo fare, quindi ti invito a non farlo.

    40. @Piazzese: “Sarebbe inoltre il caso di commentarlo dopo averlo letto (qualcuno l’ha visto? E’ disponibile in rete?)”
      Sarebbe stato il caso di farlo anche per le motivazioni della sentenza del processo di primo grado a Cuffaro”
      ***
      Le due cose non sono in contrasto. Quando ho scritto quella frase, mi riferivo ai primi commenti che precedevano il mio, visto che venivano formulate ipotesi atte a “spiegare” cosa ci fosse dietro il provvedimento. Provvedimento di natura amministrativa che si qualifica come “atto dovuto” come ha scritto Cagliostro 15:41, io nello stesso messaggio citato da Piazzese e come confermato dall’Ansa delle 16:17 (da me riportata). Viceversa, la lettura delle motivazioni della sentenza di primo grado ci permetterà un’approfondita valutazione della condanna inflitta a TVV, senza togliere la possibilità a chiunque di esprimere commenti sul dispositivo della condanna stessa.

    41. @Piazzese: “Smettiamola e dimostriamo di essere capaci di argomentare anzichè deridere.”
      ***
      Io ancora aspetto una risposta al post che ho scritto nel thread “Cuffaro lascia, Ars verso lo scioglimento” in risposta alla sua lettera postata più volte in vari argomenti.
      Continuo ad aspettare?

    42. Non mi risulta che Piazzese sia il solo a difendere Cuffaro in questo blog. Forse è uno dei pochi commentatori che si firma nome e cognome e non per fersi pubblicità ma per chiarezza e onestà intellettuale. E perchè non ha nulla da nascondere. Come lui stesso ha detto non si candiderà alle provinciali ma Quando usciranno le candidature alle provinciali le farò un bel pò di nomi di persone che in questi giorni hanno infiammato il dibattito on line e si sono elevati a paladini del popolo e della giustizia…per “puro” dovere di cittadini…di cittadini che si preparano ad una campagna elettorale…(gruppo di azione giovani in testa!)

    43. A prescindere dal giudizio su Cuffaro, Prodi ha fatto un atto assolutamente non dovuto (anzi: un atto incostituzionale) perchè si è gravemente dimenticato che la Sicilia non è una regione qualsiasi (i cui governatori condannati possono e devono essere destituiti dal governo nazionale) ma è una regione a statuo speciale (per alcuni non è nemmeno una regione ma una Nazione). Questo Stauto, che non prevede questa possibilità per il Governatore (anzi, “il Presidente”) fa parte integrante della Costituzione Italiana (da qui la definizone di incostituzionalità dell’atto di Prodi).
      Poi il giudizio su Cuffaro può essere anche negativo.
      Ma, per favore, da Siciliani, non facciamoci mettere i piedi di sopra.

    44. Se qualcuno mette on line la documentazione a riguardo ci ragioniamo un attimo assieme….la Regione Sicilia, pur avendo una particolare autonomia, la propria attività è comunque sottordinata alla Costituzione Italiana, ed alle leggi dello Stato Italiano. Come più volte ricordato nello stesso Statuto della Regione Siciliana tutto rientra nei limiti del rispetto delle leggi dello Stato. Permettetemi anche, con l’occasione, di manifestare qualche dubbio sulla persistenza di tale autonomia. Lo so che è un’utopia, ma i siciliani se avessero coraggio e avessero realmente intenzione di fare un brutto tiro alla mafia, dovrebbero fare il grande gesto di rinunciare alle peculiarità della Regione. Mantenere un’autonomia più limitata, come quella delle altre regioni a statuto speciale. Le carratteristiche dello Statuto della Regione Siciliana sono, in questo momento storico di grave carenza di moralità e di etica politica, soprattutto un regalo alla mafia. I siciliani, illusi di essere autonomi, sono invece, secondo me, schiacciati proprio da questo distacco con il resto d’Italia….e la mafia ne ha sempre approfittato. Sareste disposti ad una rinuncia di questo tipo? Secondo voi, cosa ci perdereste?

    Lascia un commento (policy dei commenti)