sabato 25 nov
  • Zitella a tempo

    Voglio sperare che la condizione di zitella acida non esista, e che maschietti e femminucce siano uguali. Sì, la zitella non esiste, al massimo la donna è temporaneamente non accompagnata. Se poi è acida avrà le sue buone ragioni, e la colpa è del primo maschio idiota che le capita di incontrare. Prima di quell’attimo la fanciulla è una gioiosa aspirante Barbie matrimonio all’italiana, che nonostante dica a tutti che non si sposerà mai, ha già dall’età di 9 anni la raccolta fotografica dei 34 abiti da sposa di Brooke Logan e i numeri dei fotografi che le fecero i filmini. Poi ad un certo punto conosce lui: il masculiddu.
    Lei già si vede alla Cala mentre osserva innamorata i frangiflutti vestita di pizzo macramé, quando lui la lascia, possibilmente nel modo meno maturo che riesce ad escogitare (perché pare che si impegnino pure).
    Ecco la svolta, lei si inacidisce, ma non lo sa. Inizia a costruire una barriera di bile, una specie di aura protettiva. Perché la donna non dimentica, sia chiaro. Ad un uomo può capitare una vera stronza, ma di norma lui supera meglio, va avanti.
    Lei poi decide che è giunta l’ora di archiviare (o almeno si autoconvince di questo) e inizia a voler conoscere altri ragazzi. Il problema è che conoscere gente normale ormai pare una pia illusione, e internet non aiuta. Abbondano siti che ti promettono l’anima gemella in 3 click, pieni di profili con foto di dubbio gusto e motti personali che nemmeno le citazioni di Baudelaire.
    Mi chiedo come una non può non innamorarmi di chi dice: sono nuovo, romantico e dolce. Amo gli animali e le donne che sanno usarli. Sono interessato anche a schiavitù.
    Il tutto è corredato di foto autoscattata davanti allo specchio del cesso.
    Forse “zitella” è destinato a cadere in disuso, ma se eliminiamo i già impegnati, gli amanti della schiavitù e gli eterocuriosi, sarà davvero una condizione temporanea?

    Ospiti
  • 24 commenti a “Zitella a tempo”

    1. CHI SI ACCONTENTA…GODE!!!

    2. In realtà è la noia, la ripetitività e la routine quotidiana il male “oscuro”. Anche il più idilliaco degli amori si lascia scalfire a poco a poco dal tempo. A volte penso che anche Dio si sia stancato dei nostri millenari lamenti e che, indossato un paio di corna finte e impugnato un forcale, si sia messo a giocare a fare il diavolo. Ciao

    3. eterocurioso è un termine caduto in disuso. adesso la curiosità, questi simpatici amici, se la sono infilata in c… e da quel giorno si sono scoperti semplicemente “confusi”.

    4. La zitella acida e addisiata esiste!!! ho scritto con due amiche un manuale che ne spiega il perchè: “Il Manuale della giovane zitella addisiata – Single per scelta come reazione all’uomo mononeuronico”….ha avuto un successo strepitoso…progettiamo già i gadget della zitella! Ma obiettivamente chi ce lo fa fare di abbandonare la nostra quieta condizione di acidità per andare a “combattere” con uno che deve affrontare la vita appoggiandosi solo su un unico e malfunzionante neurone???e questo quando il neurone solitario non viene sopraffatto dalla carica di ormoni …. 😛

    5. Bentornata tra noi Simo. Progetto un notturno al femminile su radio time io, tu e la Blandi ci stai?

    6. Beh c’è da dire che comunque la QUALITA’ del materiale umano a disposizione non è che sia Eccelsa.
      Naturalmente la mia osservazione è rivolta ad entrambi i sessi…

      Vedo uomini che vivono e si comportano in maniera tale da farmi vergognare di essere anch’io un’uomo…

      donne o presunte tali che fanno del “buttanesimo” la loro nuova religione e motivo di vita…

      Vige l’imperativo dell’apparire e non dell’essere – mi è capitato di incotrare qualcuno alla cuba o al Tribeca – e successivamente – NELLA STESSA SERA – l’ho rivisto al malox piuttosto che al gatto nero, RAGAZZI VI GIURO CHE SI ERA CAMBIATO/A….
      da trendy fashion al trash alternativo…
      mah. che palle.

      e da questa società uno cosa si può aspettare?
      con quele garbo ed entusiasmo affronti le relazioni interpersonali??
      magari esagero, anzi, sicuramente, ma l’ipocrisia del popolo panormita, che tra l’altro è anche secondo me, il + snob d’italia (nonostante non ne abbia nè il motivo ne tanto meno le potenzialità)…mi ha un po stufato…

      Ora fondo una comunità ARICRISNA…e non se ne parla +…

      voi che fate stasera?? 🙂

    7. @ Maria Come non starci Cubitella!!!

      @ Giu : il problema è proprio quello, appena ti abitui a non assecondare un mononeurone che dialoga con la playstation è difficile cambiare.

    8. Capiscp il tuo punto di vista Simona, ma senza offesa ci sono alcune rappresentanti del sesso femminile che davvero non so dove vadano a pigliare determinati ragionamento che sono del genere dottor Spock.
      Riescono a portati all’ esasperazione, al voler fuggire, scappare e decidee di fare l’eremita, e quando cerchi di parlarne, di aggiustare la situazione, immediatamente partono con la pregorativa che la comlpa sia esclòusivamente del maschietto per partito preso!!

    9. @ Alessandro : i ragionamenti non sono da dottor Spock è che il vostro neurone proprio non li comprenderà mai, magari vi si richiede di leggere un pò oltre le parole, considerare i “sentimenti”, che l’uomo dal momento che non li può né vedere né toccare pensa che non esistn. La mente dell’uomo è di tipo binario: on-off. Punto 😛 (proprio acida sono)

    10. @alessandro
      Ovviamente mi auguro che qualche donna idiota ci sia, renderebbe le cose un pò più equilibrate!

    11. l’aspetto divertente della questione è che se sono le ragazze a non avere partner vengono chiamate zitelle, se invece sono i ragazzi a non essere impegnati sentimentalmente passano per quelli “tochi”. I ragazzi guarda caso sono sempre quelli “single per scelta” e noi femminucce invece veniamo giudicate zitelle e pure acide. Perché?! …anche questa è discriminazione sessuale!

    12. @Giu: complimenti, sei proprio acidissima
      @Simona: anche tu però non scherzi!

      E comunque, le zitelle acide esistono eccome, francamente a queste preferisco sicuramente quelle che fanno della loro principale ragione di vita quella cosa chiamata “buttanesimo”! :-PP

    13. @ Giu
      Per la cronaca colui che coniò un anno orsono la fortunata etichetta di zitella addisiata SONO IO, in occasione di una scena davvero melenza di due mie colleghe (che Giu conosce bene essendo anche lei mia collega, e con le quali ha scritto il manuale di cui parlava) che vedendo una nostra amica comune abbracciata calorosamente dal suo ragazzo francese, si sono lasciate andare ad un sospiro di ammirazione misto a rimpianto per non essere in quel momento tra le braccia del bel parigino (che detto fra di noi non è tutta sta bellezza e nemmeno l’uomo più dolce che io conosca)! a quel punto mi uscì proprio dal cuore una battuta acidella delle mie solite: “MARIAAAAA, parunu du’ zzitelle addisiate!”. Lì per lì le mie colleghe mi guardarono come avessi detto loro l’offesa peggiore, salvo poi ammettere in cuor loro che era la pura e semplice verità, tanto da avere scritto mesi dopo un “Manuale” in cui usavano deliberatamente l’espressione coniata da me medesimo senza però darmene il merito!!! Sono molto risentito, sappiatelo!!!!

      E comunque al di là dei maschi mononeuronici (cosa che non mi riguarda visto che il mio l’ho trovato assolutamente sensibile e intelligente) anche voi ragazze siete troppo facili ad emozionarvi e a “sciogliervi” ad una scena banalissima come un abbraccio tra due fidanzati: un po’ più di rigore!!! ihihih… e comunque VIVA LE ZIETELLE ADDISIATE..ALMENO SONO DELLE AMICHE FIDATE!

    14. La verità è che non ci sono più gli uomini di una volta..ahimè! 😉

    15. Già…si stava meglio quando si stava peggio! 😉

    16. …perchè l’uomo è come il posteggio: quello migliore è già occupato 🙂

    17. Mazza ragazze, piano con lo yoghurt eh? 😉

      Credo che sulla questione potremmo dibattere da qui all’ infinito senza venirne a capo…..probabilmente ogni esperienza sia maschile che femminile fa capitolo a se…

      però voi donne a volte siete proprio insopportabili ehehehehe

    18. Qualche settimana fa, ad un matrimonio, mi sono ritrovata a disquisire di una strana teoria socio-economica…i miei interlocutori sostenevano che oggi la “domanda” e l'”offerta”, nel rapporto uomo-donna, sono cambiate: prima c’era molta domanda da parte degli uomini e poca offerta da parte delle donne; oggi c’è molta offerta da parte delle donne e meno domanda da parte degli uomini! al che ho risposto: che è proprio questo che guasta il mercato!!!!
      se certe donne si offrono con grande facilità, perchè un uomo deve prendersi la briga di mettere in moto l’unico neurone?? e se poi lo rovina????
      prenoto una copia del “manuale delle zitelle addisiate”!!

    19. @Giu sono pienamente concorde a tutto ciò che dici in quanto co-autrice – insieme ad una terza pesona – del suddetto manuale!!
      @ DoppioCastore non è vero che non ti è stato attribuito il merito dell’ espressione da te coniata, è stato fatto il tuo nome, eri fresco fresco di laurea quindi ti abbiamo pure chiamato “dottore”…non hai nessun motivo per essere risentito con noi!!
      P.S. sono zitella, per te anche “addisiata” ma almeno mi consideri “amica fidata”…grazie!!

    20. cmq è verissimo che il mercato piange: dove sono finiti i baldi giovani temerari che conquistano le donzelle in pericolo???? qua mi sa che ci tocca fare le mamme già da 16 anni….E COMUNQUE SONO ACIDA E ME NE VANTO HIHIHIHI 😛

    21. Due visi simili,vicini,
      pelli delicate bianco carta,
      capelli lunghi
      e collane colorate,
      orecchini e turchini,
      trucchi sui visi divini,
      identici vestiti senza grazia
      su corpi androgeni
      in movimenti femminili,
      eppure uno aveva la barba!

      Mi sono strusciato gli occhi.
      Mi sono svegliato male?!
      Ho sognato?!
      No, tutto ormai è contronatura,
      la mente che supera gli istinti
      ed uccide la sensualità
      più sessuale
      di una danza ammiccante di un ventre.?!

      Ha vinto la nuova idea?
      Hanno vinto loro: le superdonne?
      Quelle senza grazia
      che prendono
      e non chiedono mai?!

      E’ vero,
      scartano gli uomini come mele,
      li assaggiano,
      li mordono
      e poi li sputano disgustate,
      quando ormai sono sazie.
      E lui è spiazzato,
      confuso,
      restio a legarsi
      per non flagellarsi,
      ormai è ferito nel profondo.

      Quanto durerà?
      Verrà un nuovo giorno
      di un lieto ritorno
      di donne donne
      e uomini uomini?

      Sua maestà Natura,
      pur essendo femminile,
      penso che ce la farà,
      farà cessare idee e geni
      di lei …innaturale,
      estinguendola,
      forse estinguendoci.

    22. E se gli uomini di una volta non sono così belli come li avete sempre sognati? e se non sono così ricchi come li vorreste? Se non foste tutte così brave a lamentarvi e cercaste di guardare “dentro” le persone, forse qualcuna di voi troverebbe ciò che dice di cercare.

    23. Piu’ che la figura della zitella io invece vedo molto di moda la figura della Profumiera…
      Piccola lezione per chi non sapesse il significato del termine profumiera…
      Profumiera = Sono splendida,sono troppo trendy,mi vieni “appresso” da tempo immemore,magari ammicco e ti faccio pensare che ce l’hai quasi fatta,mi faccio venire a prendere e poi quando siamo sul posto nemmeno ti “cago”,sorrido a destra e a manca,poi si ti permetti di dirmi che provi qualcosa per me ti guardo sconvolta e ti dico”per adesso preferisco stare da sola”,oppure non ti faccio capire nulla e ti faccio penare per altro tempo dopo il quale capisco di volerti bene e nasce qualcosa,oppure mi stupisco che tu mi voglia bene e ti allontano in maniera implicita.
      Non me ne voglia nessuna ragazza…ma è quello che vedo in giro da un po di anni…
      p.s. non me ne voglia nemmeno la MIA ragazza…so che siete molto suscettibili a riguardo!!!

    24. Le zitelle acide esistono e come… Nel mio ufficio ce ne sono 3 tutte di Corigliano d’Otranto, zitellone ed una + acida dell’altra, il livello di acidità è direttamente proporzionale all’età… Confermo confermo esistono purtroppo…

    Lascia un commento (policy dei commenti)