sabato 19 ago
  • Il piano antismog del Comune

    È stato presentato il piano elaborato dal tavolo tecnico istituito al Comune per contenere l’inquinamento atmosferico e rendere più fluida la circolazione in città. Contestualmente è stato comunicato l’avvio del cantiere per la realizzazione del passante ferroviario.

    Il piano, da attivare entro il 2008, prevede l’attivazione delle Ztl A e B con limitazioni alla circolazione per euro 1, 2, 3, e 4 nella B e per 3 e 4 nella A oltre al pagamento di una tariffa annua che sarà leggermente differente per la ztl A e quella B. La tariffa sarà di 50 euro, comunque, per le auto di cilindrata superiore a 2000. Ai residenti della Ztl A con auto euro 0 ed euro 1 sarà consentito, comunque, di circolare per un periodo di tempo limitato, non superiore a un anno e mezzo.

    Verrà istituita un’isola pedonale da via Ruggero Settimo ai Quattro Canti: nei 60 giorni che trascorreranno dalla firma dell’ordinanza all’attuazione definitiva, l’Amministrazione comunale e le associazioni di categoria avvieranno delle indagini sul campo per trovare le soluzioni più adeguate a incentivare e rilanciare le attività produttive.

    L’asse che va da piazza Politeama a piazza Massimo e da piazza Massimo ai Quattro Canti sarà, quindi, totalmente chiuso al traffico, i varchi laterali verranno chiusi e la zona sarà allestita con opere di arredo urbano. Contestualmente, ci saranno una serie di divieti di sosta sugli assi paralleli e perpendicolari al centro città. Il carico e scarico delle merci sarà vietato dalle 8:00 alle 20:00.

    Verrà previsto un abbonamento Amat da 20 euro, valido 30 giorni, per quattro linee urbane nelle fasce orarie che vanno dalle 7:00 alle 9:30, dalle 13:00 alle 15:00 e dalle 17:30 alle 20:30, con aumento delle corse dalle periferie alle Ztl (linea 118 che porta dal parcheggio di viale Francia verso piazza Indipendenza, linea 108, che va dal parcheggio di via Basile verso il centro città e il polo ospedaliero e linea 110 che porta da piazzale Giotto verso il centro e piazza Indipendenza). Nascera una nuova linea che collegherà Borgo Nuovo con piazza Giachery e verranno immessi in servizio 53 bus ecologici (verranno assunti nuovi autisti), in parte da utilizzare nella Ztl A, che circoleranno anche in 18 chilometri di corsia preferenziale delimitata con i cordoli.

    Le linee extra urbane saranno spostate su viale dei Picciotti e su piazzale Giotto. Sono previste convenzioni con i taxi per le corse che portano all’interno delle due Ztl.

    Verranno affidati al controllo del traffico 50 o più vigili urbani e saranno rivisti, in collaborazione con le associazioni che li rappresentano, i criteri di circolazione dei disabili.

    Saranno controllati e potenziati gli impianti d’illuminazione pubblica nel centro storico, verrà potenziato l’impianto comunale per l’erogazione del gas metano che si trova in via Roccazzo e ne verrà realizzato uno nuovo, comunale, in viale Francia. In via Oreto ne sorgerà uno privato.

    Aumenteranno di circa 7 chilometri anche le piste ciclabili verso la zona dell’Acquasanta con diramazioni verso le vie Galilei e Pacinotti e via Ammiraglio Rizzo. Il piano prevede anche la realizzazione di 600 nuovi posti per le moto, l’erogazione di un contributo per la trasformazione dei veicoli a gpl e a metano.

    Il piano prevede inoltre interventi a lungo termine da realizzare entro maggio del 2009, come l’acquisto di altri 50 bus ecologici, l’apertura del parcheggio di piazza Vittorio Emanuele Orlando, l’incremento di due chilometri di corsie preferenziali per gli autobus e l’attivazione di operazioni di controllo delle caldaie.

    Si prevede che i vigili in strada, entro il 2009, aumentino di 400 unità. Durante il primo anno saranno, infine, predisposti monitoraggi costanti per verificare gli effetti dell’avvio del provvedimento sulla qualità dell’aria.

    Palermo
  • 38 commenti a “Il piano antismog del Comune”

    1. Io semplificherei il tutto consentendo la circolazione secondo i segni zodiacali, mese per mese!

    2. I divieti nella ZTL provocheranno la crescita del traffico lungomare e sugli assi lato monte, cosa pensano di fare per favorire il flusso veicolare? Stesso discorso per le radiali che portano verso la ZTL e che saranno percorsi dei bus navetta, cosa intendono fare? I parcheggi si trovano a km dalla ZTL, è probabile che pochi useranno i mezzi pubblici sopratutto considerando il fatto che gli autobus percorreranno strade che sono aperte a tutti i veicoli e a causa della ZTL saranno sicuramente più intasate di quanto lo siano al giorno d’oggi. Mi sembra un piano incompleto.

    3. Considerato che il palermitano nella sua città difficilmente lascia la macchina a casa per aspettare il mezzo pubblico, tutto il traffico e lo smog si riverseranno in maniera più che raddoppiata su via Regione Siciliana che diventerà una giungla impraticabile, aggiungiamoci poi che fa da congiungimento alle autostrade me/ct-pa e tp-pa. AIUTO!!!!!!!

    4. Non c’e’ dubbio che le concentrazioni di sostanze
      inquinanti si intensificheranno laddove si sono aumentate le correnti di traffico.
      Ma cosa pretendereste?
      Intanto si e’ alleggerita la situazione al Centro.
      La “manovra” premia alcune zone e ne penalizza altre.
      Chi puo’,deve limitare l’uso delle auto.

    5. avete voluto la bicicletta e ora pedalate

    6. Pretenderei un piano organico 🙂 Sicuramente mi piacerebbe leggere le previsioni di flusso dentro e fuori la ZTL stimate a 6 e 12 mesi (il tempo che ci abituiamo). Vorrei anche capire perché le Euro 4 con FAP sono penalizzate, una spiegazione un tantinello più scientifica dello “stiamo lavorando per voi”. O ci dobbiamo fidare? Io non mi fido di nessuno. Vorrei anche mettere in evidenza un punto di vista paradossale: sarà alleggerita la situazione al Centro, che comunque è relativamente abitato ma saranno penalizzate le zone commerciali residenziali, quelle che sono vissute 24 ore al giorno. Ho l’impressione, lo dico da incompetente, che avremo più problemi di prima e i mezzi pubblici non saranno sufficienti non solo per il loro numero, che magari sarà rimpinguato, ma perché si troveranno a circolare in strade molto più intasate di prima tranne che nella mitica ZTL A. Se fosse previsto il divieto di sosta con rimozione in tutte le strade percorse dagli autobus, con corsie preferenziali staccate da muretti etc allora il discorso sarebbe diverso. Così mi pare un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a preferenza.

    7. benissimo !!!!
      Secondo questo nuovo Piano Antismog ORA i palermitani aspettano concretamente:
      1) l’emanazione di un bando comunale per erogare ai cittadini i contributi per la trasformazione delle auto a gpl e metano.
      2) l’emanazione di ordinanze sindacali per l’istituzione dell’isola pedonale Politeama – 4 Canti
      3) l’avviamento del Piano abbonamenti dell’AMAT aggiornato per la soluzione di 20 Euro al mese
      4) l’emanazione di Ordinanza sindacale di divieto per i bus extraurbani di entrare nel centro (quindi non vedremo piu’ bus extraurbani in centro!)
      5) l’emanazione di Ordinanza sindacale per stabilire i nuovi criteri di circolazione dei disabili in città.
      6) l’imminente inizio dei lavori per la stazione di metano per le auto in viale Francia
      7) l’emanazione di Ordinanza sindacale che dispone il controllo delle caldaie dei cittadini palermitani.
      Se queste ordinanze attuative dei contenuti del Piano Antismog non verranno emesse entro Maggio 2008, il fumo negli occhi (e nei polmoni) sara’ destinato a continuare!
      A buon elettor poche parole

    8. Il comune di Palermo, nei comunicati stampa, deve dare scadenze temporali precise (es: dicembre 08, aprile 09, …) per ogni azioni prevista dal nuovo Piano Antismog, altrimenti i cittadini non possono misurare l’efficacia dell’azione amministrativa.
      Se non sono stati stabiliti tempi precisi per ogni azione vuol dire che sono solo intenzioni, manifestazioni di volontà, ma non progetti concreti (ne’ allo stato preliminare nè allo stato di studio di fattibilità), cioè “angel sex”.

    9. Non vedo l’ora di potere camminare per le vie del centro con i miei piedini!
      quando quando?

    10. Spero vengano realmente chiuse pero’ le strade!
      via rosolino pilo, di fronte via magliocco… è area pedonale ma le macchine ci sono come se fosse una strada normale!

    11. @una palermitana a siracusa: pedaliamo, noi pedaliamo, non ti preoccupare! : )

    12. certo cara chiara, se pedaliamo (mi ci metto pure io) almeno non inquiniamo!

    13. Ho appena letto sulla repubblica che gia’ i commercianti stanno scalpitando e che molto probabilmente l’isola verra’ ridotta, come sempre!
      Perche’ dobbiamo essere sempre la solita citta’ che non capisce certe cose! Trapani ha tutta la zona con i negozi pedonale ed è bellissima , è cosi’ complicato???

    14. sembra che nessuno si sia accorto (centraline rilevatrici smog comprese)che in questi mesi con le targhe alterne il traffico in centro è diminuito notevolmente io che attraverso gli assi principali della citta (via Libertà e Maqueda fino alla stazione ed in senso inverso Via Roma ed altre fino allo stadio)trovo il traffico quasi dimezzato come ve lo spiegate??

    15. anche in via etnea a catania i primi due mesi le persone a causa dell’isola pedonale si sono lamentati ma poi visto il successo in termini di vivibilità del centro a fatto convincere tutti della bontà del provvedimento… ci vuole calma e pazienza e vedrai che tra un pò tutti vorranno l’isola pedonale!!!Meditate gente, meditate….

    16. Solidarietà agli abitanti della ZTL A da parte di una palermitana della ZTL B: pedalare , pedalare!
      Pedalare fa bene alla salute , ormai è risaputo; camminare a piedi ancora meglio: Sì , è proprio vero, Cammy ci vuol bene come un padre di famiglia, si preoccupa del nostro benessere psicofisico, che premura!
      E la fregatura? Ci sarà ma io “per sì e per no” ho già comprato una bella catena robusta per la mia bici, la macchina giace in garage. La proposta di Maria Luisa dei segni zodiacali rappresenta un approccio certamente più scientifico alla questione, complimenti!

    17. A primo acchitto sembrerebbe bellissimo questo pian ed avere finalmente il centro chiuso, ma avvete pensato a cosa succederà nelle strade periferiche? Il caos più totale! Prima di chiudere il centro e quindi rischiare di intasare circonvallazione e mare a monti bisognerebbe trovare delle soluzioni pr la mobilità interna, e credo non ci voglia un genio!!
      I parcheggi nelle zone limitrofe non ci sono! Creare dei parcheggi nella circonferenza del centro per consentire la sosta dell’ auto e poi il proseguimento a piedi! Io faccio sempre cosi, posteggio l’auto alla stazione centrale e poi tutto a piedi, ed e davvero bello!
      ma pure trovare un posto li è difficile!
      Io credo che se il comune rendesse più facile trovare parcheggio nelle zone limitrofe e mettesse la possibilità di affittare biciclette e motorini elettrici all’ ingresso del centro, assieme a dei mezzi pubblici ( elettrici ) validi e funzionanti e con orari umani, pure il palermitano più incallito lascerebbe l’auto e andrebbe a piedi a godersi il suo centro storico!
      la cosa mi pare palese, ma non lo è per i tecnici comunali, che fanno stime dalla notte dei tempi senza mai arrivare ad una soluzione!

    18. cmq si chiama Piazza Verdi non Massimo e Piazza Castelnuovo e non Politeama.

    19. Buonasera,
      abito in centro in una via che collega Corso Camillo Finocchiaro Aprile con via Dante.
      Lavoro di fronte il bowling di via Lanza di Scalea. Questo vuol dire che per andare a lavorare devo necessariamente prendere un mezzo proprio, che sia scooter ma soprattutto auto.

      Questo nuovo piano del comune per rendere più vivibile il centro della città non è male. Anche mettere dell’arredo urbano, ma sì, perchè no? Rende tutto molto più COOL (chi ha orecchie per intendere intenda….), vorrei solo dire, a quelli che hanno proposto e imposto queste nuove regole, che abbiamo già visto cosa è successo a Natale quando almeno metà delle auto di Palermo circolava al centro a giorni alternati: uno sfacelo. Viale Regione Siciliana sembrava un formicaio di marmitte e l’aria era davvero irrespirabile, roba che se un ammalato di enfisema polmonare faceva mezzo respiro moriva all’istante. Ma almeno metà delle macchine circolava in centro!!!!

      Di questo passo in centro non ci sarà più nessuno e tutti saranno lungo le principali assi periferiche…. facile dire, vabbè, prendo l’autobus…. quanti secoli prima dovrò scendere da casa per tentare di arrivare in tempo prendendo 3 mezzi pubblici?? E ammesso che che riesca ad arrivare in zona lavoro, quanti chilometri dovrò farmi a piedi visto che non esiste una fermata vicino la mia sede??? Da notare che è una via abbastanza pericolosa in quanto solitaria.

      Ai posteri l’ardua sentenza.

    20. Prima di andare a dormire, mi è venuto un dubbio: perchè preoccuparsi solo della vivibilità del Centro Storico?
      Attendo ua risposta (sensata e plausibile, nonchè ragionata e realmente attuabile)da chi di dovere!

    21. x cetty e per gli altri

      in tutto il mondo chiudono i centri storici anche quelli che fanno cag…perfino a 200 km da noi lo fanno, non si capisce perchè a palermo non si dovrebbe fare, ma abituatevi a cambiare anche un pò i vostri stili di vita e soprattutto viaggiate un pò di più anzicchè stare sempre e solo a criticare!

    22. Sono d’accordo con trust, ma non completamente in disaccordo con Cetty e co…in che senso?Bhè, è vero che il centro storico delle città di 3/4 di mondo è chiuso al traffico. Anche all’Havana, e Cuba on è proprio un paese ben conservato, il centro è stato ristrutturato con i soldi dell’Unesco e chiuso al traffico veicolare. non che lì abbiano problemi di sovrabbondanza di automobile, anzi. Ma un centro pedonale è una mossa necessaria per rilanciare il cuore della città. Per realizzarlo, però, si devono creare delle condizioni contestuali necessarie, per chi vive in centro e non. Rischio di ripetere ciò che già si è detto, ma repetita juvant….un’ampia zona pedonale deve essere supportata da parcheggi e potenziamento dei mezzi pubblici. Purtroppo, su queste misure, sono un pò scettico. Ma rimango un sostenitore del centro storico chiuso al traffico. A proposito, al tgs hanno detto che sarà chiuso entro la fine di aprile…..

    23. Ciao Trust.
      Vorrei sapere )ovviamente non nello specifico= dove abiti e dove lavori….

      Ovviamente quello che volevo dire io lo ha espresso meglio e in maniera piu adeguata A.

      Posso assicurarti che spenderei volentieri solo 30 euro al mese per un abbonamento a mezzi pubblici piuttosto che regalare i miei soldi alla Esso e co. Ci accanserei in picciuli e salute….

    24. Ma fra gli autobus extraurbani va messa pure la navetta per l’aeroporto? Cioè adesso il capolinea lo faranno in viale Lazio? O in via Belgio?

    25. L’ipocrisia regna sovrana!!!
      Per questi grandi geni, basta chiudere il centro per risolvere i problemi di inquinamento?
      Dobbiamo davvero continuare a farci gestire da questa razza di politici?
      Vabbè, ma almeno facessero come qualche città dove gli amministratori sono un pò più concreti e corretti, ovvero, dotare la città di più parcheggi a pagamento ridotto e fornire nelle immediate vicinanze posti dove sono collocate delle biciclette comunali, che tramite un’apposita tessera magnetica (anch’essa con un canone modesto) si possono sganciare per essere utilizzate per circolare in centro. Alla fine della giornata, il cittadino riporta la bicicletta e va a prendere la macchina.
      Tutto questo l’ho visto a Parma, per esempio.
      E’ davvero impossibile per noi?

    26. Non è impossibile!
      Io questa cosa l’ ho vita pure a Ferrara e udite udite a Genova, dove ci sono acchinate a 90 gradi!
      Eppure li ci sono e funzionano alla grande!
      A Palermo questa cosa si potrebbe fare perfettamente!
      Si darebbe una valida alternativa a chi deve andare in centro!
      Si potrebbe chiudere in modo giusto il centro!
      Si darebbero nuovi posti di lavoro ( pensiamo a tutti gli LSU ) e magari si fanno lavorare finalmente i dioendenti comunali!
      Non è questione di poterlo fare, ma di volerlo fare!!

    27. ci sono alcune cose che vanno ricordate.
      1.nel 2007 c’e’ stato un procedimento giudiziario contro il sindaco sul fronte inquinamento,non appena in rete qualcuno ha parlato di una cappa di smog che perennemente sovrasta il centro della citta’(cosa ben visibile dal mare).
      2.ci sono state pressioni nei blog,per la chiusura del centro storico alle auto,e fin troppe critiche,ad ogni iniziativa del Comune.
      3.I provvedimenti che si susseguono richiedono una continua messa a punto,via via che si prende maggiore consapevolezza di certe cose,quali il disagio dei non residenti,ma pendolari col centro per ragioni di lavoro,
      o come trovare il modo per evitare che uno che ha un catorcio ad euro 0 ma con targa pari possa usufruirne nei giorni pari,etc.
      4.Via Liberta’ costituiva un’arteria,pur a senso unico.
      Voi capite cosa vuol dire un’arteria.
      Sottraendola alla disponibilita’,il traffico cresce
      in strade adiacenti,che arterie non sono.
      5.A Natale Palermo e’ sommersa dai visitatori di Provincia.E questi dove vanno?Ovvio,a Piazza Politeama.
      6.Puo’ darsi che queste rivoluzioni del traffico avranno bisogno di 2 o 3 anni per trovare una regolamentazione definitiva,che media le esigenze di tutti,anche dei residenti di via Sampolo o di via Villafranca,che vedono peggiorare traffico e qualita’ dell’aria,in questi giorni.
      7.Non e’ che tutti si puo’ andare in bici o motorino.
      C’e’ una citta’ di anziani,in crescita.
      8.Realizzare un Parcheggio,richiede tempi non brevi.

    28. Alessandro
      ah,dimenticavo.
      Altro che dare un’alternativa a chi deve andare in centro.Si devono decentrare tutti gli uffici pubblici dal centro verso aree dove e’ possibile realizzare i parcheggi.
      Peraltro il baricentro,dal punto di vista demografico,si e’ gia spostato verso la piana dei colli.
      Per il decentramento degli uffici,occorrono anni,ma alla fine sara’ la soluzione ideale.

    29. Incredibile, se davvero il Sindaco manterrà l’impegno di chiudere il centro al traffico PARLERO’ BENE DI LUI !
      Non me lo sarei mai aspettato (di parlarne bene, intendo).

    30. Fantascienza in Piemonte!!! Il sindaco di Verbania, per disincentivare l’uso delle auto ha consentito il trasporto gratuito sui mezzi pubblici della cittadina. Gli euro per finanziare il progetto li recupera con una mini addizionale irpef che costa ai residenti 10 euro l’anno.
      Sarà per il riso che mangiano da quelle parti ma vedo che i neuroni girano bene, e non a piedi!

    31. caro Sindaco ma in quelle arterie che rimamarranno aperte alla circolazione ad aprile avete preventivato il grado di inquinamento che si produrrà. Avete valuatato che le arterie dove sarà possibile circolare sono vicine a delle scuole (vedasi Corso Vittorio Emanule). Sig. Sindaco venga con qualcuno dei suoi tecnici e valuti il grado di inquinamento che arrecherà questa soluzione. Si attente smentita a mezzo stampa di quanto sopradetto.
      Distinti saluti Sig. Sindaco Cammarata.
      Alunni di Corso Vittorio Emanuele

    32. Oggi un servizio TV ha parlato di una tassa di
      25 EURO AL GIORNO
      per ogni SUV che vuole entrare nel centro di Londra.
      Sono mezzi ad alta cilindrata ed alto inquinamento.
      Se ne vedono anche a Palermo .

    33. Ma siamo sicuri che piuttosto che l’inquinamento, non sia una soluzione per rimpinguare(come se non bastassero multe , parcheggi ) la cassa comunale? La salute,visto i tempi che corrono, il cittadino se la gestisce meglio quando ha i soldi in tasca e non deve dividerli fra bolli,assicurazioni e tutte le varie tasse,una volta dicevano per scherzo:metterano pure la tassa per respirare….che sia questa?!

    34. Prima o poi dovrebbe verificarsi un fenomeno “inverso”,
      cioe’ la fuga dalle citta’,verso le residenze di campagna,sia perche’ ti puoi organizzare col telelavoro
      e puoi sceglierti ampi spazi decentrati ed aria pulita
      sia perche’ con tutto quello che offre la tecnologia
      puoi crearti facilmente una dimora confortevole anche lontano dalla bolgia urbana.
      Quando gli Enti Pubblici si daranno una dimensione piu’ appropriata alle loro vere esigenze,e finiranno quindi di attrarre gente dai paesi alla citta’,Palermo tornera’
      a vivere una dimensione piu’ a misura d’uomo.

    35. il problema viale regione “? ? ? chi lo risolve ? ? ?

      madre natura???
      è la parte della città più afflitta e l’aria è irrespirabile oltre al fatto ke prima di imboccarla bisogna prendere 3dosi di camomilla o dei tranquillanti x avere tanta paziensa.

    36. evidentemente ki nn vede l’ora di camminare per il centro con i suoi “piedini” nn ha altro da fare.Chi come dei comuni lavoratori deve attraversare la città per and in ufficio, lasciare i bambini a scuola, and dai genitori anziani x portare loro da mangiare e quant’altro, certo nn è una bella iniziativa.Ci guadagna in aria più pulita(forse) a scapito del sistema nervoso ke va il tilt con tutto quello ke comporta uno stato di stress.Quindi cari preposti lasciateci circolare in pace.A voi in auto blu che ve ne frega?

    37. brava alice,concordo in pieno.Cominciamo a togliere autisti e auto blu a tutti i”signori” al”potere”.A voglia se si cominciano a riempire le casse del comune!!! Noi comuni lavoratori, ke abbiamo l’obbligo del badge e che se tardiamo 10 minuti dobbiamo recuperarli, lasciateci in pace.Certamente nn possiamo confidare nei servizi pubblici,perchè se alle 8 dobbiamo lasciare i figli a scuola e alle 8.30 dobbiamo timbrare ,se dovessimo aspett un autobus arriveremmo alle 10.Già magari assoldiamo qualc x farlo al posto nostro!!…. Ovviam è ironia pura)Specifico ,nn si sa mai

    Lascia un commento (policy dei commenti)