martedì 30 set

Archivio del 14 febbraio 2008

  • Sotto un palazzo c’è…

    Da circa quindici anni sotto casa mia c’è una chiesa evangelica.
    Prima al suo posto c’era una sala trattenimenti.
    Non c’era domenica che non veniva accompagnata dai successi di Natale Galletta.
    La pennichella pomeridiana, degno epilogo domenicale della pasta al forno coi broccoli arriminati, veniva regolarmente soppressa dal matrimonio della Rosy di turno.
    Di norma la sposina decideva di coronare il suo sogno d’amore sulle note dei neomelodici palermitani.
    Credo di avere augurato più corna allo sposo io, che un avvocato divorzista.
    Non che dopo le cose siano migliorate…
    Pare che il Dio che pregano i tizi sotto casa mia sia un po’ duro d’orecchi e allora iniziano a ‘iccare vuci che sembra stiano vedendo sarde a un euro!
    Al sonnellino pomeridiano avevo già rinunciato da anni, ma avete idea di che traumi possono provocare frasi tipo “Lui ti osserva”, se sei un adolescente, intento a condividere fantasie oniriche con un poster di Nadia Cassini? Continua »

    Ospiti