giovedì 19 ott
  • Il fattore 6/8

    Provo a seguire X Factor ma non riesco ad entusiasmarmi, non so. E dire che di reality, talent show, format precotti con le nomination io ne ho visti e parecchi anche. X Factor non mi prende. Sarà per la Maionchi, l’ennesima acidaimpulsiva stile prof severa che un giorno rimpiangerai perché ti sbatteva in faccia il lato vero della vita e tu giù a dirgli crepa, crepa domani. Già visto. Tutti ne parlano e io la snobbo in allegrezza. Sarà che Dj Francesco mi repelle: uno di quei limiti che non supererò mai. Uno dei pochi limiti di cui vantarsi. Sarà che ‘sticazzi ma cantano tutti? Mi sembra una bella presa in giro, in un periodo funereo per la discografia, illudere certi artisti con contratti discografici e pubblicazioni di dischi. Mi sembra, a volte, che i discografici, vista l’aria che tira, abbiano deciso di giocarsi la carta simpatia al grido di “siamo una grande famiglia”: mi sembra terribilmente tardi.
    In gara, ad X Factor, ci sono i Sei Ottavi, palermitani, e a me non piacciono. Lo dico subito, a scanso di equivoci.
    Sono ineccepibili nel loro genere ma prendono spunto dagli Swingle Singers, che cantano chessò, l’aria sulla quarta corda a coro. Ecco, questo, insieme a Dj Francesco è un altro mio limite: le rivisitazioni di celebri arie del tempo che fu, mischiate a qualche finitura jazz e un tributo allo “sciabadabadà”. Sono quelle cose che piacciono a Costanzo e io, deo gratias, non sono Costanzo.
    E i gruppi vocali mi danno fastidio: Dai Manhattan Transfer ai Ricchi e Poveri e i Neri per Caso, fatta eccezione per i cinque madrigalisti moderni. Desolato. E poi i Sei Ottavi, per me, sono la cover band di Rino Gaetano.
    Eppure i reality show hanno tirato fuori dalle coscienze nostrane il senso d’appartenenza. Basta un indigeno locale che partecipa a un programma a eliminazione per far partire il carosello del televoto: più voti, più garanzia di arrivare alla fine. E quindi le città si ricoprono di manifesti, il più delle volte improvvisati, con il nome dell’idolo locale scritto con Word effetto 3d, e una foto terribilmente interlacciata, quasi sempre catturata a video. Il sud è principe in queste cose. Ad Amici c’era Pasqualino e tutti davano per certo il suo passaggio al serale perché “era di Napoli”. Anche Nino D’Angelo, quando partecipò a Sanremo nel 1986 lo davano per piazzato perché “i napoletani l’avrebbero votato”.
    Palermo, pur essendo a sud (forse a breve a nord di altro continente?), vive con distacco questo genere di cose. Palermo ha altri idoli locali da far vincere. E per vincere non hanno bisogno del consenso di Morgan. Su questo, molti palermitani, si dimostrano davvero ferrati. Spero vincano i Sei Ottavi, anche se non mi piacciono. Sono convinto che passano i turni senza strani giri di schede telefoniche e voti compulsivi. Diteci quello che volete, ma quando si tratta di votare palermitani ai reality/talent show siamo integerrimi e austeri come una Frau tedesca con la bacchetta. Confido in una loro vittoria, che hai visto mai torna pure a me il senso di appartenenza: è ai minimi storici. Il fatto che non piacciano a me non vuol dire che non siano bravi, anzi: sono molto bravi. Cavalli vincenti.

    Palermo
  • 42 commenti a “Il fattore 6/8”

    1. ma Samu, che c’hai contro DIGGEI FRANCESCO? non ti fa tanta tenerezza con quegli occhioni azzurri che ricordano tanto papàchelosachenonsocantarealloraiocifaccioilpresentatore?

    2. Non seguo xfactor perché non ho tempo. Tempo fa seguivo le strisce. Le preselezioni.
      È più divertente vedere na puocu di spasciati convinti fare male fiure.
      Secondo me Xfactor dovrebbe essere un programma improntato solamente nelle preselezioni dei concorrenti.
      Una volta che li hanno preselezionati a tutti, dovrebbe finire e chiudersi lì.
      Per quanto mi riguarda adoro i gruppi vocal.
      Dai tenores di bitti al quartetto cetra.
      Mi affascinano le modulazioni e gli intorcioniamenti che le voci riescono a fare. Resterei ore ad ascoltare i Five Satins o Bobby Mcferrin.
      Samuè riespetto i tuoi gusti ma non li condivido. e comunque Don’t worry, be happy.
      Consigli per gli acquisti.

    3. qualcuno dovrebbe dire a diggei che gli occhi DEVONO STARE sulla telecamera e non sulle poppe della Simo…capisco che sono le vecchie abitudini da liceo ma, suvvìa, è il momento di crescere!

    4. ma che c’entra, questi paragoni non stanno ne’ in cielo ne’ in terra… i cinque madrigalisti moderni sono insuperabili! 😀

    5. … di x factor mi ha parlano una ragazza che conosce uno di sti 6/8…
      ho letto qlc sui giornali..ma non conosco la loro musica…
      nenche a me non piacciono i gruppi vocal, ma adoro la musica, ascolto veramente di tutto…
      solo che di reality non se ne può + veramente…sto a casa al max 3 sere a settimana e se voglio gurdare qlc affitto o mi faccio prestare un film….
      tornando ai reality…qlc domenica fa avevo a cena due amiche carissime che con molta simpatia si sono impossessate di divano e telecomando ed hanno seguito AMICI con atteggiamento scientifico/investigativo…l’unica cosa che mi hanno permesso di dire durante una pausa di pubblicità è che un programma che dovrebbe(???) far emergere e formare artisti è stato trasformato in un surrogato di uomini e donne dove i tronisti/docenti attaccano i corteggiatori/concorrenti e danno vita a discussioni auliche ed educative….
      l’ideale per tutti i ragazzini e le ragazzine che li seguono da casa…

      memo della settimana tipo:
      lunedì gf
      martedì x factor
      mercoledì amici
      giovedì grazie al celo c’ho il carcetto perchè altrimenti entravo anch’io nei “record” per la dimensione delle palle che mi facevo a casa….
      venerdì finalmente week end giuro non ho idea di cosa ci sia in tv
      sabato fuori se non c’è l’anticipo del palermo…(anzi, sabato a firenze….mi raccomando ah…)
      e domenica…boh..domenica o posticipo 😉 o Dr.House o tra amici…che è sempre la scelta migliore…

      insomma….trovo la qualità dei programmi tv un po troppo scadente e molto noiosa….

      Sapete quando sono le selezioni del grande frantello???
      🙂

      buon week end a tutti….

      G.

    6. X Factor mi rifiuto di seguirlo, è la copia bella e buona del reality Americano “American Idol”…
      Le strisce pomeridiane per le selezioni però erano troppo divertenti…
      Avete visto il cantante funesto?
      Adesso spopola su Youtube 🙂
      I reality credo che abbiano stufato la maggior parte dei giovani dai 20 ai 30 anni, gli adolescenti invece mi sa ke ancora li seguono…

      Simona

    7. ma con tutte le disgrazie che accadono in questa terra, perchè non usare i blog per discutere di cose un pò più utili?

    8. IN BORSA CON ME PORTO SEMPRE LA PACE NEL MONDO..NON SI SA MAI…

    9. dai vincenzo…stamattina risolviamo il problema della fame nel mondo…che ne pensi??
      ma con tutti i cazzi che ho non posso stare neanche 5 minuti a cazzeggiare su un bolg??
      non ne avere a male…il mio non è egoismo…ma puro realismo…
      se poi queste “chiacchere” ti infastidiscono, mi permetto di ricordarti che siamo qui spontaneamente…non ci obbliga nessuno.
      buona giornata a te.
      G.

    10. per quanto riguarda “l’affaire” terroni e razza inferiore….
      beh, c’è modo e modo…
      Voi sarete sicuramente dei/delle “pulenta” di classe e di cultura superiore alla media nazional meridionale..

      quello che succede negli eventi raccontati da samuele, il senso d’appartenenza che viene fuori in questi momenti, è lo stesso che si verifica quando un concorrente alle “competizioni” sopra citate è originario di un paese di duemila anime della val di fassa o dell’alta brianza..quindi…terrone forse è un po fuori luogo…
      provinciale mi sembra + adatto….

    11. quando l'”amico” Samuele smetterà di improvvisarsi critico televisivo (di Aldo Grasso ce n’è già uno… basta e avanza) e soprattutto farà commenti dotati di buon senso e realizzerà che cosa vuol dire fare davvero critica, allora smorzerò i toni. Mi sono solo adattata ai al tipo di blog.

    12. IL VERO PROBLEMA è CHE SE MI DICI POLENTONA IO NON MI OFFENDO..MA MOOOLTO ORGOGLIOSA…

    13. a mio avviso samuele esprime una sua opinione, ed in quanto tale, opinabile…senza dubbio…
      se mi va la leggo e la commento.
      se non mi va, non lo faccio.
      se ho qualcosa da dire la dico.
      altrimenti, amen.
      non capisco solo il perchè di ridurre un post in un tiro al bersaglio…tra terroni e salvatori del globo…
      mi pare esagerato…

    14. Camilla, ti sei adattata al comportamento peggiore del blog, però. la media si può abbassare o alzare…

    15. uh uh che acidità che c’è oggi….
      scusa samu, ma per caso hai scritto pupù, petino,puzzetta e io non me ne sono accorta? a quale post si sta adattanto la signorina camilla?non avrà mica aperto per sbaglio un post della cubito????

      chicca, effettivamente è un vero problema…io se mi chiamassero CASSATONA o CANNOLONA mi offenderei, eccome!

    16. leggere questi commenti in cui si discute sulla presunta superiorità razziale dei polentoni nei confronti dei sottomessi terroni mi fa vergognare di essere italiano, e non che non me ne vergogni già abbastanza. skifo

    17. bella cannolona…addicted to POLENTAAAAAAAAAAA

    18. pinuzzu, guarda che il tono e’ ironico… non ti alterare, stanno scherzando!

    19. io adoro il concerto di voci che si sentono nelle GANGBANG

    20. Chicca e Camilla (siete gemelle?)…non solo dovete mettere l’orologio avanti di un’ora per l’ora legale, mi sa che anche il calendario dovete portare avanti di un “secolo legale”… peccate banalmente di un’anticchia (vi rimando al dizionario siculo/italiano) di stile e di classe. E chiudo! D’accordo con Cristiana (siete voi 2 che l’avete abbassata la media) e con Pinuzzu, perchè (@Paride) scherzo o no (qualche faccina sorridente potevano pure metterla) comunque qualcuno si può offendere: dopo 3-4 post lo devi dire tu Paride che stanno scherzando? 🙂

    21. Ciao Samuele,
      ti do assolutamente ragione. Il mercato della musica è completamente e irremediabilmente morto e sepolto, anche la foto sulla lapide è sbiadita e i fiori rinsecchiti.
      I dischi non si vendono,
      il download illegale impazza (ma non è questo l’unico motivo della debacle discografica),
      le major più potenti si fondono e le altre chiudono,
      le etichette indipendenti non hanno una lira,
      pure le riviste musicali sono ferme (Rockstar, Rocksound e Groove sono in stand by e il Mucchio vuole aumentare di 1 euro il prezzo di vendita, portandolo a 6),
      gli artisti affermati vanno avanti a forza di “the best of…” (Ligabue, Ramazzotti, Nannini, Zucchero, Pooh), rivisitazioni, riarrangiamenti, ri-edizioni, collaborazioni, segno di una vena creativa che è andata a quel paese,
      Per non parlare della stampa nazionale, che non si “caca” neanche di sgriscio gli emergenti, se non quelli con le spalle coperte dalla major e delle RADIO vere e libere (ormai scomparse) che passano in rotazione i più che soliti.
      L’unica speranza rimasta: i concerti live ( se di speranza si può parlare). Ma anche qui c’è da piangere: i big fanno pagare una valanga di soldi per un concerto e i piccolini purtroppo si ritrovano a fare live in locali e piazze del proprio Paese/città perchè la “produzione” costa taantissimo, e ancora di più se parliamo della logisticamente mal posizionata Sicilia.
      E in ultimo ti do ragione quando parli di ‘sti reality, surrogati di un format che è trito e ritrito che promettono, illudono e danno speranze a chi verrà buttato nel cesso dopo che la discografica di turno avrà adempiuto all’obbligo contrattuale, solitamente annuale, imposto dalla trasmissione. Però, al netto dei reality, la canzone italiana (e siciliana), dal cantautorato al jazz, alla classica, al rock sta crescendo. Ci sono anche delle belle e interessanti realtà locali, reali e non virtualmente televisive, che possono non piacere ma sono oggettivamente bravi come sottolinei bene tu! Un caro saluto 🙂

    22. Mi sono accorto che non ho rispettato in pieno il focus siciliano del mio post essendo stato troppo generale 🙂 , ma resta inteso che se va così in tutta Italia, naturalmente da noi è più che amplificato. Quindi, forse, il nostro senso di appartenenza siculo è anche dettato dal fatto che le possibilità e le opportunità, oltre che lontane, sono molto poche e quando queste si presentano, si mobilitano gli sms di parenti mai conosciuti 🙂

    23. ESPRIMERE UNA PREFERENZA O UN COMMENTO VA BENE è ANCHE QUESTO IL SENSO PER CUI SI FA TELEVISIONE, PIACERE, SI SPERA, ALLA GENTE. MA USARE BRUTTE PAROLE CON UN TONO ASSOLUTAMENTE FUORI LUOGO COME SE, RIPETO, STESSI FACENDO CRITICA TELEVISIVA, MA NON LO SAI FARE, è PATETICO!
      SE SEI UN RAGAZZO CHE VUOLE ESPRIMERE CIO’ CHE GLI PIACE O NON GLI PIACE IN TV, VA BENISSIMO, CI MANCHEREBBE MA DIRE…E CITO TESTUALMENTE “Dj Francesco mi repelle: uno di quei limiti che non supererò mai. Uno dei pochi limiti di cui vantarsi”, non è esprimere un’opinione, è offendere. Già è sbagliato quando lo scrivono i giornalisti, ma si sa quella è la categoria ceh un giorno ti ama uno ti odia, ma da uno che…che ca**o fa a proposito??? che non ne sa né di musica né di televisione, fa ridere e non solo! L’umiltà è parlare con la bocca pulita che quando ne sai più degli altri e fare in modo ceh non se ne accorgano.

    24. vota e fai votare cristan cipolla e i 6/8…..sosteniamo l’unico gruppo nato e cresciuto a Palermo…….
      grandi musicisti….di respiro europeo…di sicuro successo….

    25. samuele ma a palermo arriva anche la TV??? non è che fai riferimento alla tv pubblica del marocco o della tunisia… ah, no ho capito… tu stai commentando qualche edizione di canzonissima… da voi trasmessa in prima visione in questi giorni…

    26. LE SCRITTE CON LA K NON SI POSSONO PIù GUARDARE..

    27. MAMMA MIA CHE OFFENDINIIIIIIII…E IO RIDO…

    28. IO E CAMILLA GEMELLE DIVERSE…

    29. MA NON AVETE ANCHE VOI DELLA PACE NEL MONDO NELLA BORSA?????

    30. Vi prego di essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori e dell’autore del post. Grazie.

    31. “Dj Francesco mi repelle…”
      TU PENSI DI ESSERE MIGLIORE ??? CHI TI CREDI DI ESSERE..CHISSà COME SARAI TU..SONO PROPRIO CURIOSA…
      DOPO FRASI COME QUESTE TUTTO è LECITO…

    32. su DJ francesco, esci allo scoperto..
      non devi firmarti con nomi da donna tipo, che so, CHICA E CAMILLA per dire la tua
      ti sei sentito offeso? lo vai a dire a papà tuo?
      su su vieni qui, chiamiamo il capitano e tutti insieme con la mano lo seguiremo…Samu, d’accordo? facciamo questa cosa bella per il piccolo Ciccio,eh? lo facciamo?
      però samu, pure tu che usi ste brutte parole…si dice REPELLE? si dice?? cattivo samu, cattivo! a letto senza cena!

    33. mi sembra come quando a tavola qualcuno dice “NOOOO io il quarume non lo mangio che mi fa shifo” e la nonna, che ha vissuto la guerra risponde subito “schifo per il cibo non si dice, maleducata!!” sarà come vuole la nonna ma a me i visceri del bovino cotti in brodo schifo mi fanno!
      ah, sia chiaro, non sto paragonando diggei al quarume sebbene per alcuni appassionati di cucina sicula potrebbe essere un bellissimo complimento

    34. Analisi desolante, ma ragionevolmente vera; non riesco a dare un giudizio, e nemmeno Samuele credo ne dia;
      è solo un dato di fatto,ragazzi, quasi cronaca, e non capisco perchè a qualcuno stia tanto sui cabasisi leggere di noi così come siamo.
      Poi certo, il senso di appartenenza mica è in allegato con la quarume o la cappella Palatina..

    35. ciccio…. già ciccio

    36. ha ha h aha, i Madrigalisti Five, STUPENDO!
      Sono i piccoli cammei che fanno un gioiello e tu sei un Orafo.

    37. Comunque puru i tenorenis, mancu babbìano!

    38. Un sondaggio che aveva come campione consumatori abituali di dischi ha decretato le tre strofe più belle della storia del rock:
      1) Immagine all the people living life in peace
      2) This is the end, my only friend, the end
      3) Sei la mia polka, polka, polka

    39. …e comunque la mia è tutta invidia. Dj fa dei bellissimi salti… quanto darei per saltare come lui…

    40. totò: a me piace la musica dei tenorisiino. Stasera sono in concerto. Passi?

    41. No, samuè. Troppo vecchio sono per la discomiusic.

    42. Musica – Sagi Rei ed i SeiOttavi dal vivo…

      Certo, i SeiOttavi non sono piaciuti a tutti, ma posso dire che hanno un loro perché soprattutto, lo ripeto, al di fuori di un contesto televisivo pop, sebbene ieri siano stati nuovamente sul palco….

    Lascia un commento (policy dei commenti)