venerdì 20 ott
  • 15 commenti a “Sequestrata la torre dell’Isolotto a Isola”

    1. Cosa si aspettava per il sequestro? Io ci ho lavorato 4 anni fa, e i balatoni cadevano lo stesso.
      Comunque sull’isola per i fatti propri non ci si può andare visto che una riserva con delle regole…
      Devo indagare.

    2. l’isolotto è proprietà privata…ed è una riserva SENZA regole..anche la LIPU è abusiva!…se tu ci sei stata…hai violato una proprietà privata mia cara… ma questo il comune non lo dice… o meglio prima sfrutta l’immagine e tutto il resto…e adesso PRETENDE che i proprietari la sistemino…certo certo..siamo al solito!

    3. ma questi proprietari, visto che non se ne fanno niente e non la sfruttano perchè non cedono l’isola al comune?

    4. dalla risposta piccata scommetto che l’isolotto è di seeeeeeeee. seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee vabbèèèèèèèèèèèèèè

    5. E’ vergognoso che siamo arrivati a questo punto, non credo che il sequestro risolverà nulla.

      Sono doverose alcune precisazioni: la Riserva Naturale Isola delle Femmine è stata istituita nel 1997 dalla Regione Siciliana e viene gestita dalla LIPU dal 1998, qundi non comprendo come possa essere abusiva, gradirei che chi ha scritto in anonimo quest’affermazione, si manifestasse.

      La Torre era già vietata al pubblico, ma turisti e sportivi raggiungevano ugualmente l’ “Isola di Fuori” come in realtà si chiama l’Isola delle Femmine.

      A mio avviso, l’esproprio sarebbe doveroso da parte delle autorità, anche se uno dei proprietari è già stato rintracciato e denunciato. Ho scritto un post con ogni particolare nel mio blog, corredato da splendide foto, invito tutti a visitarlo.

    6. ^ grazie per le preziose informazioni su isola delle femmine presenti nel tuo blog

    7. buono a sapersi che ho violato una proprieta’ privata!
      Peccato che la riserva sia della regione, in gestione alla LIPU.
      E le regole ci sono benissimo!
      Chi ci va senza passare dalla riserva , sbaglia.
      Noi infatti avevamo cannocchiale per controllare che nessuno ci andasse.
      Oltretutto adesso fa pure parte di un’ area marina protetta con tanto di boe che delimitano dove potere andare.
      Certo che se poi come sempre le persone fanno un po’ come xxxxx gli pare….
      @seeeeee perche’ oltre a firmarti non vai a parlare con chi in quella riserva ci lavora da anni?

    8. All’isolotto, all’isolotto!!!

    9. @ monachella79 se le cose non le sai, SALLE!!!! 😀
      mmmmmh quindi all’anagrafe ti chiami “monachella79”?… O_o cavolo! genitori crudeli! uhahahahahuhuahua

    10. Carissima Mirella,
      prima di tutto, i miei complimenti per il modo con cui hai condotto la vicenda sul tuo blog (dove non riesco a commentare, ecco perchè sono qui): cioè informare sulla ricchezza artistica e naturalistica dell’Isola. Ci è servito per capire di cosa stiamo parlando.

      Per il resto, posso solo dire che trovo paradossale che tutto sia avvenuto sotto gli occhi dell’Ass.to regionale, che ha sede proprio in Palermo e non ad Oslo.

      Quando sento dire che abbiamo troppa roba, mi vengono i brividi, perchè è come confessare di dare perle ai porci (ed esserlo).

      Meno male sono intervenuti i Carabinieri del NTPA, che conosco benissimo. Sono culturalmente anche più preparati di tanti soprintendenti siciliani e agiscono in maniera corretta e rigorosa. Non si scherza con loro. Speriamo che qualcuno si spaventi abbastanza per correre ai ripari.

    11. Ciao Missy, grazie x i complimenti, purtroppo intorno alle 20h30-21h00 ci sono stati dei problemi x accedere al mio blog, non sei la sola ad avermelo segnalato, adesso cmq è tutto superato, quindi sarei felice di leggere un tuo commento sulle mie pagine.
      Per una volta anche la natura fa notizia, 300 accessi in poche ore, in un giorno festivo, è un piccolo record per un blog “sommesso” come il mio.
      Adesso mi auguro che si corra al riparo al più presto, senza giocare allo scaricabarile; allestire un cantiere in un’isola, di certo non è semplice, ma bisogna approfittare della bella stagione, diversamente in inverno sarebbe tutto più complicato, anche per via delle condizioni metereologiche.

    12. @Mirella,visitato il blog, complimenti.
      Ripristinare o quantomeno evitare che la torre crolli è sicuramente un’intervento da fare..Per il resto non vi è alcun altro motivo per cui un essere vivente che non sia “a forma di gabbiano” debba salire sull’isolotto. A piedi fortunatamente non ci si puo’ arrivare,a nuoto si ma a rischio e pericolo dell’avventuriero,correnti e scafi sono piuttosto pericolosi,l’unica volta che ho visto qualcuno se non ricordo male e non credo erano suore.
      Mi piacerebbe vedere chi sono le persone he fanno parte della LIPU,vedere quanti soldi hanno incassato in questi anni cosa ne hanno fatto,chi li ha incaricati,chi ha verificato l’operato della stessa,o chi lo doveva fare, ecc..ecc..
      Vorrei ringraziare gli organi competenti che in questi ultimi anni,hanno reso impossibili le imersioni con bombole” autorizzazioni,burocrazia da ….” vicino l’isolotto, c’è un aereo sommerso,su fondo assolutamente sabbioso,ebbene scendere lì è divenuto pericoloso non chè impossibile,perchè non si puo’ più calare l’ancora,che è fondamentale per la decompressione,il genio di turno ha deciso che la sabbia si rovina,eppure sarebbe un’attrazione turistica imporatante ma siamo a Palermo..
      Vorrei ringraziare coloro che avrebbero dovuto,ma non hanno fatto nulla per incentivare il turismo marino.La Sicilia è un’isola lo sapevate? e nel Palermitano se vuoi fare un po’ di snorkeling o lo fai sulla sabbia,o lo fai in prossimita’ di discariche o lo fai cosi lontano dalla costa che se hai bisogno di aiuto puoi morire…e se vuoi fare pesca sub..devi essere in grado di scendere in apnea almeno 15/20 metri…
      qui non funziona niente sulla terra ferma figuriamoci a mare….

    13. La tigre è tornata! Adesso tocca a Sarawak!!!
      Io, Giro Batol e Tremalnaik siamo pronti per la prossima conquista…

    14. Tizio è proprietario di un’isola. Una entità pubblica dichiara l’isola riserva naturale. La riserva naturale viene gestita da un’altra entità pubblica. Sull’isola non ci può andare nessuno, non ci si può fare nulla. Un bene non commerciabile non ha alcun valore, ancorché bellissimo. Sull’isola c’è una torre, e se la torre cade la colpa è del proprietario, che praticamente non è più proprietario, ha solo doveri e nessun diritto, magari ci paga pure le tasse. Ma siete proprio sicuri che questa cosa debba funzionare cosi? Ma siamo matti? Siamo matti o siamo in Italia?

    15. ajeje87 dice che i proprietari dovrebbero donare l’isola al comune. Perché ajeje non regala casa sua al comune? Se i proprietari non ci fanno niente, è perché il Comune, o la Regione o qualcun altro non consente di fare niente, non certo per propria volontà.

    Lascia un commento (policy dei commenti)