lunedì 24 nov

Archivio del 17 luglio 2008

  • Questo è suo!

    Sono stato ad assistere ai fuochi del Festino, da via Messina Marine. Nel casino, nella tolleranza, nel disagio, nell’improbabilità più totale in cui si vengono a mescolare razze, religioni, identità, colori, odori, suoni, occhi, gambe, braccia, motori, bibite e bancarelle. Ci sono stato con mia figlia. Lei era stanca per aver tirato così tardi, ma i fuochi li voleva vedere tutti; io ero stanco di quella promiscuità, ma deciso ad andare fino in fondo e tenerla sveglia per evitare di portarla in braccio (la cosa si poteva fare fino a otto anni fa, ma adesso è alta più della metà di me) fino a casa. Insomma, ce l’abbiamo fatta.

    Ma il ritorno a casa, come tutti i palermitani sanno, è stato una sorta di esodo, un vagare epico, un nostos dentro flussi e fiumane di corpi, talvolta controcorrente, cercando, io, di difendere la posizione e la difficoltà ad orientarsi di una donna alta mezzo metro in meno rispetto al resto del mondo percepibile. Continua »

    Palermo
  • E biri chi manci (IV)

    Brevemente mi piace sottolineare che non posseggo il Verbo dei fornelli, né quello che scrivo è da intendere oro colato.
    Mi piacciono gli interventi critici, correttivi e discorsivi.
    Mi piacciono meno gli interventi sarcastici e con un po’ di puzza al naso, ma non posso evitare che ci siano.
    Il mio intento è unicamente al fine di divertirmi e trasmettere esperienze personali dilettantistiche, nulla di più. Saluti belli.

    Overtime ma non troppo.

    Sarde allinguate
    Togliete teste e panze da sarde freschissime, deliscate (livàti i rieschi) aprendole a libretto, se per qualcuna non vi riesce andate avanti, usciranno buone uguali, fatele riposare in un piatto con mezzo bicchiere di aceto e per mezz’ora. Passare nella farina e friggere. Calde sono cala cala, fredde ancora più buone. Continua »

    Ospiti
  • TD Group fa ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa sulle Ztl

    TD Group ha presentato ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa contro la sentenza del Tar Sicilia che cancellava le due zone a traffico limitato istituite a Palermo accogliendo il ricorso presentato da un gruppo di associazioni.

    TD Group era risultata vincitrice di una gara per la gestione dei pass ora sottoposta a un’indagine da parte dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici per un importo di 22 milioni di euro in cinque anni. Finora erano stati rilasciati circa 300 mila pass.

    Il Comune di Palermo ha convocato per il 22 luglio una riunione con le associazioni per concordare le modalità di rimborso dei circa quattro milioni di euro pagati dagli automobilisti per il rilascio dei pass.

    AGGIORNAMENTO: il Comune ha comunicato che prosegue l’esame tecnico-giuridico delle possibili soluzioni per il rimborso senza variazioni, che la riunione si svolgerà come previsto e che ulteriori ed eventuali valutazioni potranno seguire il pronunciamento del Consiglio di giustizia amministrativa.

    Palermo
  • 13 sculture di Vanessa Beecroft alla Galleria d’Arte Moderna

    Da oggi e fino al 26 ottobre sono esposte alla Galleria d'Arte... Continua »
    Palermo