Archivio del 7 agosto 2008

Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha nominato assessori Giovanni Di Trapani, Patrizio Lodato e Aristide Tamajo. A Sebastiano Bavetta, assessore alle Società ed Enti controllati e/o partecipati, va anche la delega alle Risorse finanziarie e ai Servizi tributari.

In: Palermo | 8 commenti

Il presidente della Provincia di Palermo Giovanni Avanti ha presentato la nuova giunta provinciale. Non sono state ancora assegnate le deleghe. La prima riunione si terrà domani.

Gli assessori sono dodici: Pietro Alongi, Antonello Antinoro, Armando Aulicino, Marianna Caronia, Eusebio D’Alì, Giuseppe Di Maggio, Antonio Di Marco, Antonino Dina, Dario Falzone, Michelangelo Nasca, Giovanni Tomasino e Carola Vincenti.

AGGIORNAMENTO: Salvatore Cerra e Domenico Porretta sono assessori al posto di Antonello Antinoro e Antonino Dina.

In: Palermo | 21 commenti

Nella tranche del processo “Occidente” celebrata con rito abbreviato il giudice per l’udienza preliminare di Palermo Sergio Ziino ha infilitto 24 condanne per circa 130 anni di carcere ai fedelissimi di Salvatore Lo Piccolo. I condannati sono capi e affiliati delle cosche della zona occidentale e della provincia di Palermo (Carini, Cinisi, Capaci e Torretta).

Antonino Pipitone di Carini è stato condannato a nove anni, Giuseppe Lo Duca a nove anni e quattro mesi, Angelo Antonino Pipitone di Torretta e padre di Antonino a otto anni, Giulio Covello a otto anni, Carmelo Biondo, Francesco Di Blasi, Salvatore Gottuso di San Lorenzo, Giuseppe Bruno e Angelo Gallina di Carini a sei anni e otto mesi, Rosario Collesano e Giuseppe Passalacqua a sei anni, Giuseppe Gelsomino a cinque anni e quattro mesi, Gaspare Pulizzi di Carini a cinque anni e due mesi, Giorgio Cuccia, Francesco D’Alessandro, Salvatore Prano, Saverio Privitera, Gioacchino Sapienza e Francesco Sparacio a cinque anni, Pierino Di Napoli a quattro anni, Andrea Bruno a tre anni e quattro mesi, Fortunato Vitale a due anni e sei mesi, Michele Cardinale a due anni e Davide Pedalino a un anno e quattro mesi. Tra i cinque assolti ci sono Francesco Paolo Spinelli e Antonino Privitera.

È stata rinviata la liquidazione del danno alle parti civili davanti al giudice civile e non sono state assegnate le provvisionali che erano state richieste dalle associazioni, tra cui Addiopizzo e SOS Impresa, presenti nel processo.

In: Palermo | Commenti

De soceris

Maria Cubito
ago 08
07
02:48

Vado in vacanza per un po’. Diciamo fino a fine agosto. Me lo merito, la verità. Prima però, un quesito da porvi, anzi da porci ce l’ho. Non credo sia usanza sicula, però il dubbio mi venne. Illuminatemi, se potete.
Vengo al dunque.
Dopo un po’ che ti fidanzi, inevitabilmente, ti capita di incontrare i suoi genitori. Papà e mamma del fidanzato và. Allora, posto che siamo grandi e vaccinati e ogni imbarazzo si può superare, un problema ce l’ho e mi resta mi sa. COME LI DEVO CHIAMARE?
Ci sono diverse scuole di pensiero. Ho fatto i miei sondaggi. La spaccatura maggiore sta nel dare del tu o del lei.
Infatti c’è una grande categoria che propende per chiamare “mamma” la suocera. La stessa categoria si divide in:

  • MAMMA-DI-TU
  • MAMMA-DI-LEI

Continua »

In: Palermo | 47 commenti

C’erano una volta una coppia di coniugi anziani, molto anziani. Vivevano in un locale a piano terra in una via che oggi ospita negozi e banche e che ai tempi ospitava principalmente officine di meccanici e una meravigliosa villa in stile liberty scomparsa in una notte. Il “locale-casa” loro lo chiudevano con una saracinesca e si chiamavano ‘u zu Pasquali e ‘a za Tina. Avevano le loro abitudini e il loro stile di vita. Intanto, dei due, ‘a za Tina era quella che vedeva il mondo con occhio più esperto mentri ‘u zu Pasquali era più babbasuni. La mattina aprivano la loro saracinesca e spesso aspettavano aiuto da fuori che i vicini meccanici prontamente fornivano. I vicini di officina a volte sollecitati da ‘a za Tina dovevano chiamare una ambulanza per ‘u zu Pasquali, ma no perché stava male…no, il fatto era che ‘o zu Pasquali ci piaceva assai assai farsi un giretto con la sirena e quindi si faceva sta telefonata, se quelli delle ambulanze erano in un momento di calma venivano, caricavano ‘u zu Pasquali e se lo carruzziavano in giro con la sirena e poi lo depositavano a casa dove ‘a za Tina lo aspettava con tutta la calma del mondo. Continua »

Tag: .
In: Ospiti | 4 commenti

Da oggi a domenica 10 il fotografo e artista torinese Luca Saini realizzerà al Museo Civico di Castelbuono (piazza Castello) uno shooting da cui verranno tratte foto per il progetto My Beautiful Disco che comprende una mostra che si terrà ad aprile a Torino.

Chi volesse partecipare dovrà portare con sé un disco in vinile e verrà fotografato su un fondale rosso magenta.

“My Beautiful Disco”

In: Palermo | Commenti