giovedì 24 ago
  • Il Cga conferma la cancellazione delle Ztl a Palermo

    Il Consiglio di giustizia amministrativa ha confermato la cancellazione delle zone a traffico limitato istituite dal Comune di Palermo avvenuta a seguito di una sentenza del Tar Sicilia nello scorso giugno.

    Il ricorso respinto era stato presentato dalla TD Group che si era aggiudicata il servizio di emissione dei pass.

    Le procedure per il rimborso sono in corso.

    Palermo
  • 37 commenti a “Il Cga conferma la cancellazione delle Ztl a Palermo”

    1. sigh! 🙁

    2. E ora vediamo se la Corte dei Conti riesce a far pagare i danni derivanti da questa situazione agli amministratori responsabili! Anche a futura memoria!

    3. La cosa più orrenda è che si spendono altri 90.000 euro per il recapito degli avvisi di rimborso.Questo è proprio buttare il nostro denaro, perchè alla fine siamo sempre noi a pagare.
      Le associazioni di categoria hanno pure bocciato (giustamente) le recenti proposte del Comune per la lotta all’inquinamento: servono misure dreastiche e definitive, non soluzioni tampone.
      L’apertura delle scuole è sempre più vicina e ancora siamo senza un piano traffico serio.Che vergogna….

    4. Non so come abbiate fatto ma complimenti. L’ho letta qui prima che sulle agenzie di stampa.

    5. X NICOLA

      Purtroppo non saranno gli amministratori a pagare i danni ma saremo sempre e comunque noi. Se il comune sarà costretto a rimborsare i cittadini con gli interessi, di certo i soldi non saranno recuperati diminuendo gli stipendi degli amministratori, ma tagliando servizi ai cittadini. Per quanto mi riguarda che se li tengano pure i soldi dei pass pur di non doverne spendere altri per restituirli.

    6. Gaspare, bisogna pretendere che i responsabili paghino! La tua mentalità fatalista e autolesionista è la migliore alleata degli incapaci: fai pagare i danni ai responsabili, fatti pagare il dovuto e regala semmai il ricavato a chi ne ha bisogno (V. case famiglia)!

    7. Complimenti al cga, e tutti quelli che hanno difeso la cittá dalla malafede di questo provvedimento. adesso che siano i responsabili a pagare il conto. Noi no, questo e’ poco Ma sicuro.

    8. Rosalio, puoi riaprire il forum dove contribuire in modo costruttivo ad individuare delle soluzioni percorribili che contemperino le esigenze della mobilità urbana con la tutela della salute? Magari esce qualche idea più originale delle solite sfornate da commercianti e amministratori locali …

    9. Alla nostra amministrazione comunale, mancano molte cose: questa è storia vecchia.
      Certo però che almeno in occasione della “CANTONATA DELLE ZTL”, sarebbe stato opportuno trovare le palle per ammettere l’errore.
      Notoriamente, purtroppo, a tutti piace avere il sedere su una poltrona che frutta molto, così nessuno si è visto.
      Ma lui, il capo dei capi, …..Dieguccio: a parte il sorriso, ha ancora una faccia?

    10. Donato il forum è stato chiuso dopo che si era sostanzialmente esaurita la spinta iniziale (non c’erano post da più di un mese). Non so se sia il caso.

    11. Grazie Rosaria, avevamo un’ottima fonte. 😉

    12. Non sarebbe male adesso spingere le proposte dei presenti qui dentro.Favorevole ad un incontro fra noi e a consegnare brevi manu le nostre proposte a chi di competenza

    13. secondo me vale la pena riaprirlo, se uscissero idee valide potremmo sottoporle a quelli che paghiamo per farlo Ma che ahimè fanno altro. Io sarei ben lieta di fare da ” postino” tra forum e amministrazione.

    14. Se aprissimo un post?

    15. Sìììììì, vaaaaiiiii! Abbiamo vinto definitivamente contro un provvedimento che mirava soprattutto a mettere le mani nelle tasche dei cittadini!
      In questo ricorso della td group c’era sicuramente lo zampino del comune!

    16. il post ha il problema ché poco a poco scompare e poi dovremmo evitare che diventi un post di polemiche varie, solo proposte, solo idee per combattere traffico e inquinamento.

    17. Rosalio, è più adatto il forum e sarebbe il caso di invitare espressamente ad intervenire quei palermitani che, vivendo in città caratterizzate da una migliore qualità della vita urbana (e poichè Palermo è in fondo alle classifiche, basterebbe dire che non vivono qui 😉 ), possono dare una testimonianza di vita vissuta sulle migliori pratiche altrui.

    18. c’è un solo modo a palermo, come in qualsiasi altra città del mondo, per combattere l’inquinamento: fare sì che la gente preferisca lasciare a casa l’auto (o meglio ancora non la compri per nulla)… e quindi: trasporti pubblici efficienti, puliti e puntuali, piste ciclabili, ampie isole pedonali, polizia minicipale al suo posto, cioé sulle strade…

    19. invece qui si preferisce aumentare il biglietto dell’autobus invece di diminuirlo…
      E poi bisognerebbe fare rotonde al posto degli incroci con semaforo…

    20. Ha ragione federico… In qualsiasi città civile del mondo il piano urbano traffico e inquinamento parte dalle isole pedonali e potenziamento dei trasposrti pubblici. Tanto per cominciare. E poi polizia municipale sempre al servizio senza guardare in faccia nessuno. Tolleranza zero…. Per quanto riguarda i soldi spesi che dovrebbero essere “rimborsati” dagli amministratori incomtetenti…bè! dimenticatevelo… a memomeria d’uomo in Italia nessuno amministratore ha mai “pagato” neanche con prove e certezze di errori e colpevolezze…

    21. Magari un topic ad hoc nn sarebbe male.Appoggio l’idea di Stefania 😉
      Abbiamo una bozza di proposte pronte.

    22. Suggerimento per Rosalio:
      un post in primo piano, sempre in evidenza sulla homepage che raccolga le proposte da spedire tramite la VOLONTARIA Stefania (solo le proposte… e qui ci deve pensare Rosalio!)
      Saluti
      Linda

    23. Noi avevamo presentato in consiglio comunale una bozza con interventi risolutivi su mobilità e traffico.Però non so che fine ne abbiamo fatto.Siamo disponibili a giranti la bozza, ad incontrarci coi ragazzi e andare a bussare dietro la porta a qualcuno….

    24. Nei mesi scorsi abbiamo perso tempo a discutere sul rimborso dei pass, dimenticando il vero argomento “l’inquinamento atmosferico a Palermo”. MI sembra che ora si voglia ritornare a dicutere il vero problema. Sono d’accordo, faccio però una mozione! Poichè come è notorio (Stefania Petix se lo può fare confermare da qualsiasi amministratore del Comune) non c’è un euro disponibile per la mobilità sostenibile o per la lotta all’inquinamento nel Blancio 2008 (si quello di previsione approvato ad agosto 2008!!!!) cerchiamo qualche soluzione a costo zero, altrimenti è solo pura utopia! Se vogliamo trovare dei colpevoli è facile; sono tutti gli amministratori che negli ultimi 40 anni non hanno accompagnato lo sviluppo della città con le necessarie infrastrutture per la mobilità (sostenibile possibilmente). E ora che possiamo fare nel’immediato?
      Sono anchio d’accordo a discutere l’argomento, cerchiamo però di non disperderci come nel passato nel recitare il vademecum della mobilità sostenibile, lo conosciamo tutti. Cerchiamo di trovare poche soluzioni ma attuabili!!!!!!!!!

    25. @mago merlino
      non esistono soluzioni a costo zero… un’amministrazione è tale proprio in quanto amministra del denaro, se il denaro manca non c’è nulla da amministrare… l’unica cosa a costo zero è la coscienza civile del cittadino, ma quella mi pare che scarseggi ben più dei denari…

    26. a federico
      Purtroppo conosco un pò i meccanismi della pubblica amministrazione. Credimi, anche volendo, si dovrebbe presentare un emendamento di bilancio, togliere soldi a qualcuno (servizi sociali o altri servizi al cittadino), riunire il consiglio comunale, approvare l’emendamento, ecc ecc. Ci vogliono mesi!
      Quindi, che si fa! Non voglio sembrarti pessimista, semplicemente posso sare un modesto contributo alla discussione per evitare di perdere troppo tempo.
      A proposito della coscienza civile dei cittadini, in questo blog mi sembra che ce ne sia, ma forse siamo troppo pochi! Credo che a Palermo siamo in minoranza.
      Auguri

    27. A+B ovvero….Abbiamo Babbiato !!!! Che disastro.

    28. Mi unisco solo per sottolineare che il Comune ha trovato i soldi per il rimborso dei pass, quindi potrebbe benissimo trovarli anche per uno studio serio sulle possibili soluzioni per ridurre l’inquinamento (anche perchè il problema è grave e serio). Con amministratori attenti all’interesse collettivo e non solo a distribuire incarichi, si eviterebbero casi tipo ZTL
      A presto

    29. per alessandro Palmigiano
      Il Comune ha trovato i soldi del rimborso dei pass con un emendamento di bilancio che ha tagliato altre spese forse più importanti. Speriamo che ADICONSUM non chieda anche il risarcimento dei danni morali o di quasiasi altra specie, perchè altrimenti li dovremo pagare sempre noi cittadini.
      Non abbiamo bisogno che il Comune spenda soldi per altri studi, ma che cominci a fare le cose contenute nel Piano Strategico della Mobilità Sostenibile (vedi sito internet del comune). Problema: ci vogliono milioni di euro.
      Grazie

    30. Ogni cosa si fa seriamente ed è inutie pensare a misure antismog pesanti per tutti, se non si fa ciò che chi ne ha le competenze ritiene utile: tuuti, anche i ciarlartani e i cialtroni, possono dare le loro soluzioni, ma un problema così grave per la nostra salute va esaminato e affrontato da chi ne ha le competenze. La qualità ha un costo e si paga! Prendi l’esempio delle ztl: a lume di naso si dovrebbe ritenere che l’inquinamento sarebbe diminuito ed invece è aumentato: perchè? Io non lo so perchè faccio l’avvocato ed il mio mestiere è un altro, ma un tecnico del settore lo può spiegare agevolmente ( e nella fattispecie me lo ha spiegato).
      Chiedo scusa, ma devo andare. Ottima idea quella del blog.

    31. Il problema dei forum è sempre lo stesso, secondo me ha ragione Rosalio. Oggi i blog hanno preso campo a scapito dei forum, ne abbiamo fatto esperienza anche su Bispensiero.
      Il tutto, a mio parere, ricalca la tendenza delle nostre vite e dunque delle nostre coscienze a disperdersi nel divenire quotidiano e a non lasciar memoria di sè. Lo hanno capito benissimo coloro che attraverso la disinformazione quotidiana inducono la gente a pensare sempre a qualcosa di nuovo (per dimenticare il resto). La logica del blog, pertanto, è quella dell’oggi, un carpe diem distorto, che nega alla memoria la possibilità di influire sull’oggi e sul futuro. Una organizzazione quotidiana del dialogo in rete, come quella vigente, attraverso i blog, si contrappone con quella più organica e progettuale tipica dei forum.
      Lo stesso è quanto avviene a Palermo, dove l’amministrazione se ne esce quotidianamente con provvedimenti estemporanei come quello in oggetto, o come quelli proposti ai vari tavoli di trattativa con le associazioni di categoria. Il parallelo fra le ZTL e i post di un blog, da un lato, e il doveroso PUT e il dialogo in un forum, dall’altro, non credo che sia poi così azzardato. Siamo tutti vittime della stessa mentalità consumistica, capace di fagocitare tutto nel quotidiano, giorno dopo giorno, dimentichi di ciò che si è mangiato il giorno prima.
      E per quanto si provi a costruire un dialogo, aprendo forum e tavoli di discussione, il tutto si disperde, dopo la fisiologica spinta iniziale, per esaurimento dell’interesse.
      Sono dunque d’accordo con Rosalio nella scelta logistica della comunicazione attraverso un post, magari bloccato in homepage, ritenendo che sia giusto adattare il mezzo alle abitudini dei fruitori piuttosto che tentare inefficacemente il contrario. Ma non credo affatto che tutto ciò sia positivo, occorrerebbe riflettere.
      Progettare implica impegno, coerenza, costanza, tutte caratteristiche che oggi sono sempre più difficili da trovare.
      Comunque occorre che ci si provi ad educare attraverso i mezzi di comuncazione ad essere più attenti e a non comportarsi come falene che appaiono improvvisamente attratte all’accendersi di ogni nuovo luccichio.

      Perdonate la digressione, che comunque non è poi così OFF Topic

    32. Il giorno 10 alle 21,30 a piazza politeama per l’appuntamento di selle sotto le stelle: una bella occasione per sperimentare quanto può essere gradevole la sera girare in bicicletta per le strade del centro di palermo insieme a una fazzolettata di amici…
      http://www.palermociclabile.altervista.org/

    33. Un ottimo provvedimento a costo zero sarebbe quello di far sì che gli ausiliari del traffico dell’amat, unici davvero presenti sul territorio, oltre a controllare le zone blu di parcheggio, possano multare anche auto e moto che sostano sulle striscie pedonali e sui marciapiedi, oltre naturalmente a segnalare agli uffici competenti tutte le occupazioni abusive del suolo pubblico (vedi gazebi, tavolini, sedie, panchette, piantine, ecc.. ecc..) non credo che dal punto di vista legale sia così difficile trovare una qualche possibilità.

    34. E adesso che lo stesso CGA ci liberi dai nostri pestilenziali amministratori.
      Santa Rosalia solo ti ci puoi!

    35. Ribadisco quanto avevo scritto tempo addietro: mi aspetto che la Corte dei Conti faccia un’indagine a attribuisca a qualche responsabile questo così palese danno erariale. Non è possibile e pensabile che gli amministratori (dal Sindaco in giù) siano irresponsabili anche quando compiono atti così sfrontatamente contro le norme!!

    36. che io sappia la corte Dei conti ci sta lavorando.

    37. Massimo Merighi, una personale e lucida osservazione.
      La vita della comunicazione in rete, e l’idea della permanenza in vista di progetti, non é mai così facile.
      La rete non si mantiene da sola, perché a fronte di scrive, c’é chi progetta pagine, controlla, verifica, quindi un lavoraccio infame, che all’inizio sull’onda del’entusiasmo, trova per max dico 6 mesi, persone che se ne occupino regolarmente, poi sei costretto a ruotarle, o tu che te ne occupi, non ti mantieni certo tramite un blog.
      Anche il Forum comunque vive delle stesse discrasie, anche se il lavoro viene distribuito, magari nei forum complessi fra moderatori di sezione, che cmq devono spendere un certo tempo, e non dico solo pratico, ma anche fattuale, nell’attività critica necessaria.
      Lasciato questo aspetto, il Comune di Palermo ci rimborserà e ci farà ripagare il rimborso, ok (anche se mi chiedo, se invece di fare un ennessimo appalto, non sarebbe più logico pubblicare le modalità di rimborso su internet, o sui giornali, o attivare sistemi telematici), ma almeno sarà un segnale, che gli amministratori pubblici non posso agire con la leggerezza e l’arroganza delle Leggi dimostrata.
      Alla prossima, si spera siano più seri, più consapevoli e meno arrogantemente superficiali.

    Lascia un commento (policy dei commenti)