giovedì 23 nov
  • Non solo fannulloni a Palermo!

    Premetto che nella guerra ai fannulloni nella pubblica amministrazione io sto con Brunetta. A dire il vero userei metodi più spartani…

    Da qualche giorno il Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione, insieme al FORUM PA, sta lavorando sull’individuazione e sulla divulgazione delle cosiddette best practice che si trovano in un sito: Non solo fannulloni!.

    A Palermo e provincia i casi finora riportati sono due: l’Ismett e quello degli asini utilizzati per la raccolta dei rifiuti a Castelbuono.

    E voi potete raccontare dei casi virtuosi incontrati tra le scartoffie polverose delle nostre pubbliche amministrazioni?

    Palermo
  • 17 commenti a “Non solo fannulloni a Palermo!”

    1. Si, c’è un caso da segnalare anzi diversi non tutto è marcio o in disfacimento, per esempio voglio segnalare l’efficenza , la preparazione , la cortesia dei modi di tutto il personale del reparto Pneumologia del nostro Ospedale Civico.

    2. Gli addetti dello sportello dell’Agenzia delle Entrate di piazzetta Napoli (ex palazzetto de “L’Ora” in via Stabile) sono molto cortesi e si fanno in quattro per dare risposte agli utenti, seppur in mezzo a tantissima gente in paziente attesa.
      Tra l’altro ho sperimentato con soddisfazione il servizio di prenotazione dell’appuntamento online, che consente di evitare le file presentandosi all’ora convenuta.

    3. Leggo e riporto: http://www.regione.sicilia.it/numeroverde.asp

      Un numero verde per denunciare i “fannulloni” è stato detto. Però io mi sentireri di segnalare anche i casi di eccellenza, come mi è capitato al Comune di Palermo alcune settimane fa e in altre occasioni. Giusto perché non avendo altro modo per premiare questi bravi impiegati, se non un poco “spendibile” (al supermercato) grazie… magari un domani brunetta possa usare anche queste segnalazioni positive per distribuire meglio i soldi tra chi lavora e produce un servizio meritandosi la considerazione di tutti noi contribuenti-utenti.

      @Antonio Lo Nardo
      Confermo anche io, un punto a favore dei Sigg.ri impiegati dell’AE di Piazza Napoli, tuttavia, secondo me, potrebbero potenziare il servizio di risposta via email, perché sovente molti quesiti possono essere risolti via posta elettronica. Un effetto immediato? Un utente non dovrebbe andare in centro con la macchina e girare x un parcheggio… per ricollegarmi al post sulle proposte per evitare il traffico a Palermo.

    4. Quoto Gaetano e aggiungo il reparto di Chirurgia toracica, sempre dell’ospedale Civico, in cui ho avuto la fortuna (nella sfortuna di quello che mi è capitato) di essere ricoverato. Ho trovato grande professionalità, cortesia e un importante clima positivo che ti aiuta a stare meglio.

    5. Segnalo la grande professionalità, disponibilità e umanità del personale del reparto di Ostetricia e Neonatologia dell’ospedale Fatebenefratelli Buccheri La Ferla.

    6. Di casi virtuosi non ne segnalo in percentuale sono più o meno delle stessa entità di quelli che un qualunque Ministro Brunetta può trovare nel privato. Neanche è tanto vero che il privato incapace di relazionarsi col pubblico, inefficace e inefficiente va fuori mercato, vedi caso delle oligarchie nei settori energia, telecomunicazioni etc a cui naturalmente il Brunetta di turno competente per incarico provvede a mettere mano ed è ovvio il perché. Tralascio i “piccoli” privati su cui ci sarebbe tanto da dire in merito all’arroganza nei confronti dei clienti e della loro inefficienza, intendo dire da parte sia dei dipendenti sia dei padroni. In conclusione fannulloni si può nascere ma ci si può anche diventare se la “ditta” in cui si lavora è in-gestita, chiedete al Ministro Brunetta quante sono le PA in percentuale sul totale che hanno partecipato in un decennio ai corsi tenuti dal Min Innovazione per sviluppare nuovi metodi e procedure, chiedeteglielo. Di chi è la responsabilità di ciò, del fannullone di turno (che giustamente bisogna castigare) o dei papaveri che stanno nei piani alti e che sono protetti dalla casta? E non voglio aprire l’argomento malattia, dove per risparmiare sui costi taglia il compenso n modo indifferenziato, un provvedimento di dubbia costituzionalità, spero che chi può abbia il coraggio di impugnarlo nella sede giuridica appropriata.

    7. rettifica: “vedi caso delle oligarchie nei settori energia, telecomunicazioni etc a cui naturalmente il Brunetta di turno competente per incarico NON provvede a mettere mano”

    8. @: Il sig. XXXX si è rivolto al Capo dello Stato auspicando il conferimento di una distinzione onorifica in favore di due operatori del 118 che l’ hanno assistito a seguito di un attacco epilettico nella notte tra il 14-15/04/08 presso l’aeroporto di Catania, gli stessi dopo averlo soccorso e rianimato con perizia hanno provveduto altresì a rifocillarlo a proprie spese. La proposta inviata dal prefetto di Catania è stata recapitata e presa in carico il 09/07/08 (…)
      @:Eccezionale intervento a Torrenova del personale del 118 della postazione di S.Agata di Militello. Alle 20,25 arriva in centrale operativa la richiesta di intervento da parte della locale guardia medica, richiedendo l’intervento del 118, per una donna gravida in procinto di partorire. alle 20,26 viene allertata l’ambulanza di S.Agata di Militello, con a bordo due soccorritori ed un infermiere (…)
      Arrivati sul posto si sono resi conto della gravità della situazione, in quanto la bambina stava per nascere. Nonostante l’assenza di un medico, sul posto i ragazzi si sono sostituiti alla figura dell’ostetrica, aiutando di fatto la donna a partorire. La piccola è stata rianimata e successivamente trasportata al vicino ospedale di S.Agata Militello dove è giunta in ottime condizioni di salute. “01/09/08 Tempo Stretto quotidiano online di Messina”
      sono solamente due esempi di ottima sanità, settore che è stato preso di mira, spesso a ragione, negli ultimi anni ma che sta diventando sinonimo ed esempio di professionalità ed efficienza, malgrado troppe volte il personale sanitario sia costretto al lavorare con turni massacranti e senza alcun riconoscimento umano nè adeguato riscontro economico. Approvo anch’io il lavoro svolto da Brunetta negli ultimi mesi, l’unico che finalmente sta provvedendo in modo concreto alla distruzione del parassitismo nelle strutture pubbliche.

    9. Brunetta non sta ditruggendo un bel niente, se un fannullone, termine usato per narcotizzare la platea, è presente sul posto di lavoro (il ché è un bene di per sé) ciò non significa che produca qualcosa di utile perché se in amministrazione della sua assenza non si è accorto nessuno allora il suo ruolo è insignificante e la sua presenza inutile, se è utile ma regolarmente assente per “casi suoi” non causati da malattia o altri impedimenti seri allora i colleghi non si faranno carico del suo lavoro e si creerà un ingorgo che salirà su fino in direzione, se la direzione non interviene vuol dire che non dirige, capito come gira il fumo? Ringraziamo Brunetta che, dopo aver screditato a 360 gradi i lavoratori senza spendere una parola sulle carenze direzionali e strutturali (essì in quel caso bisognerebbe investire piccioli ma quelli li tirano fuori solo gli impiegati a redito fisso, quelli tra 100 e 2000 euro al mese e sono già al limite mentre gli altri ebbé … gli altri iscrivono i propri yacht a nullatenenti pensionati ultrattotantennim, quasi il 50% dei registrati, notizia appara su Repubblica pochi giorni fa’),dicevo che adesso il Min Brunetta promuove una campagna per salvare l’onore, già i primi 100 sono salvi, attendiamo altri naufraghi nel mare del disonore. Grazie Brunetta, quanto è umano lei.
      (ripost per sformattazione)

    10. E’vero non ci sono solo fannulloni a Palermo, soprattutto raccomnandati!! Che si danno un gran da fare in campagna elettorale per ringraziare i loro padrini…altro che fannulloni!! La città sarebbe da radere al suolo per dare vita a gente più dignitosa. Inutile mentire

    11. non è a Palermo ma è di Palermo l’unico impiegato allo sportello per il pagamento del ticket del S.Anna – ASL di Via Garigliano a Roma che conosce i codici delle analisi!

      Se non ci fosse stato questo ragazzo (che vedendo il mio luogo di nascita sulla tessera sanitaria si è gentilmente presentato come mio conterraneo)non so come avrei fatto a pagare il ticket di 5 ricette che gli altri impiegati si passavano di mano da 20 minuti dicendo: “io non glielo posso fare”. viva i palermitani!

    12. ritengo si debba partire sempre dalle piccole e quotidiane incongruenze x arrivare a debellare quelle importanti in modo incisivo. e penso anche sia una filosofia discutibile quella di imputare la responsabilità solo a monte, che c’è e non la si può negare: ne facciamo le spese in continuazione soprattutto quando malauguratamente ci troviamo, per i motivi più disparati, ad interfacciarci con la nostra burocrazia. ci sono paesi in europa dai quali chi ci governa dovrebbe trarre ispirazione, che si tratti di scuola, sanità o pubblica amministrazione. ma in prima istanza dovremmo trarne ispirazione noi nel nostro microcosmo. come si dice, tutto funzionerebbe meglio se ognuno di noi facesse bene il proprio lavoro. sicuramente è retorico ma tale è diventato perchè non si è mai tentato un cambiamento capillare e mirato.quello che sta avvenendo con Brunetta mi sembra solo di buon auspicio.

    13. Fannullone è colui a cui viene chiesto di svolgere un compito e non lo svolge con la dovuta diligenza. Nella pubblica amministrazione palermitana (leggi Comune, Provincia e Regione) ci sono pochissimi compiti, spesso del tutto inventati e inutili, e moltissimi addetti al disbrigo di quei compiti, assunti a suo tempo dalle diverse compagini politiche, per questioni di opportunità elettorale. Trasformare oggi questa massa informe di nullità lavorativa in qualcosa di produttivo ed efficiente è impresa ardua, per non dire titanica.

    14. So che sarò una goccia in mezzo all’oceano ma sono un impiegata (palermitana) di un comune piemontese, regolarmente assunta con un concorso svolto 4 anni fa. Svolgo le mie mansioni in modo regolare, non approfittando mai degli orari di lavoro per svolgere i fatti miei. Sono a contatto con il pubblico e, nonostante sia sempre disponibile nell’ascoltare tutti, nel rispondere a qualsiasi domanda mi venga posta senza mai andare in escandescenza, i meriti miei (ed anche degli altri colleghi che lavorano come me)non sono mai riconosciuti da nessuno. Ma, per carità, è il mio dovere e lo svolgo anche con piacere. Anche se tornassi in meridione, sono convinta, che non approffitterei mai di eventuali vantaggi orari per andare a prendere il caffè, o che so, far la spesa. Ciò che voglio sottolineare è che spesso, è una questione di mentalità. Se sei corretto, lo sarai sempre, al nord, al sud e ovunque si vada. Perchè comunque si rimane fedeli a certi principi con i quali si è cresciuti. Ripeto, so che magari il mio commento susciterà il sorriso in tanta gente che lo leggerà,ma voglio semplicemnete ribadire che i fannulloni così come a Palermo esitono in tutta italia….

    15. Voglio citare positivamente l’ufficio anagrafe del comune di Villabate. Celeri e competenti quando mi sono sposato e quando è nata mia figlia per spiegarmi tutti gli adempimenti burocratici in entrambi i casi.

    16. E un grazie ai vigili urbani, all’Amia, e a non chi altri per aver tenuto duro contro gli incivili e aver finalmente ripulito via Olio di Lino da quella discarica.

    17. Non segnalo nessun caso di cortesia, per me quello é il requisito minimo di chi lavora in un’azienda pubblica e che é a servizio della comunità.
      Potrei casomai solo segnalare chi non ha lo stesso senso civico verso la comunità, au contraire.

    Lascia un commento (policy dei commenti)