sabato 19 ago
  • Inizia la “Settimana europea della mobilità”

    “European Mobility Week”

    Palermo aderisce alla Settimana europea della mobilità che inizia oggi. Fino a lunedì 22 si svolgeranno iniziative volte ad incentivare l’uso di mezzi di trasporto eco-compatibili e a ridurre l’utilizzo dell’auto privata. La campagna europea in città è organizzata dalla scuola di alta formazione ambientale Orsa, dal Comune di Palermo e dal Coordinamento Palermo Ciclabile, in collaborazione con Italia Nostra (sezione di Palermo), VII e VIII Circoscrizione del Comune di Palermo, Amat, Amia, FipeConfcommercio Palermo, Rangers d’Italia, Legambiente Palermo e Fiat Center Palermo.

    Programma completo.

    Palermo
  • 23 commenti a “Inizia la “Settimana europea della mobilità””

    1. Il fatto che qualcuno pensi che possa esserci gente che invece di prendere l’auto, prenderà la bicicletta, per avere uno sconto di 40cent sulla colazione, nei bar convenzionati e da giorno tot a giorno tot, è abbastanza ridicolo.

      Tuttavia credo che in generale sia una buona cosa, principalmente per le iniziative volte a migliorare la sicurezza di coloro che ciclisti lo sono già, promuovendo (seppur con incentivi piccolissimi) l’installazione delle luci di segnalazione, che in città quasi nessuno usa e chi le usa (tipo il sottoscritto) viene preso per milanese.

      …piuttosto che niente, meglio piuttosto…

    2. Io nel giro di un anno ho cambiato abitudini:

      non uso piu’ il motorino per andare in giro o al lavoro (lo uso di rado), e uso la bicicletta.

      PIU’ BICICLETTE A PALERMO.

    3. Bello sarebbe se si cominciasse a comprendere che andare in bicicletta non è soltanto necessario per il benessere della città e dell’individuo, ma è anche molto piacevole, persino in una città disastrata come Palermo.

    4. A Bologna la settimana europea della mobilità sostenibile si inaugura con l’adozione di venti nuovi “stars” che fotografano le auto e le moto che a partono mentre ancora c’è il rosso. Chissà quando arriveranno nella nostra città? Poi l’iniziativa “c’entro in bici”: 200 bici pubbliche a noleggio gratuito, la chiusura del centro il giorno 22, ecc. ecc. Altro che distribuzione di volantini!

    5. Trovo davvero divertente, se non addirttura provocatario, che Palermo aderisca alla settimana europea della mobilità…. mah!

    6. @cristina
      ecco, per aderire alla provocazione vieni giovedì alle 21,30 a piazza politeama a farti una bella “selle di stelle” e porta più gente che puoi…

    7. @ Federico
      ho il forte sospetto che tu sia uno degli organizzatori!!!
      Bello leggere questo tuo continuo spronare alla partecipazione e/o all’uso della bici , p.es…. finalmente fatti e non solo parole!
      Cercherò di esserci!
      Linda

    8. @linda
      non lo sono… sono soltanto uno che ha partecipato alle precedenti passeggiate e le ha trovate molto divertenti e stimolanti… provare per credere…
      federico

    9. io ci voglio essere, bisogna andare !

      + BICI IN CENTRO
      – SUV da caprone ignorante.

    10. uno dei mezzi ecocompatibili è il metano, palermo, però, ha solo un distributore aperto 24 ore su 24 dalle parti dello zen e tutta la sicilia tre distributori. invece di fare queste campagne che servono per sperperare il denaro pubblico basterebbe autorizzare la realizzazione di 100,se non 1000 distributori di metano per autotrazio in tuttal’isola. E’ noto che la sicilia è la porta del metano per l’europa per il gas metano e che è in costruzione un secondo che partirà dall’algeria. noi sappiamo solo schifiare ciò che abbiamo a portata di mano e conservare i privilegi di pochi

    11. intanto per ora, alla faccia della mobilità sostenibile, la puzza di smog è sempre la stessa, il traffico è sempre più insopportabile, i vigili urbani sempre più radi, le macchine in doppia e tripla fila OVUNQUE, sempre in maggior numero…

    12. X StayAcid: “Chi va in bici merita un premio!” non serve per incentivare l’uso della bicicletta, ma per premiare una volta tanto chi va in bici che giornalmente invece viene denigrato anche dai pedoni.

      X Federico: leggi tutto il programma e vedrai che non è una seplice distribuzione di volantini 😉

    13. Caro Salvatore p. campagne come questa che a parer mio servono per sensibilizare i citadini all’ uso di mezzi diversi dalle auto non sono uno spreco di soldi.
      dato che in molti usano l’ auto anche per i piccoli spostamenti, l’uso della bici a Palermo può diventare un ottima alternativa cio che mi fa pensare cosi e il cresciente numero di partecipanti alla pedalata notturna SELLE DI STELLE.

    14. Denigrare è facile; mettersi in bicicletta e affrontare il traffico è da eroi a Palermo.Stiamo diventando in tanti ma la cosa che mi dispiace è che i ciclisti di Selle di Stelle il giorno dopo non si riversano in strada con la bici ma magari riprendono l’auto.Tutte le persone che hanno organizzato e che partecipano alla SEMS sono volontari e tutte le manifestazioni sono a partecipazione gratuita.Non c’è spreco di danaro pubblico nel modo più assoluto.Ricordo che è possibile installare luci e altro al solo costo dei pezzi senza manodopera fino a sabato(vedere programma) e domenica stessa cosa in via Magliocco.Per i 40 cent ridicoli di sconto vorrei ricordare che sono quasi 800 lire che una volta non avremmo definito ridicole.Anche io non sono polemico ma volevo solo precisare alcune cose.

    15. Premesso che anni fa non avremmo parlato sicuramente in modo così vivo di questi argomenti (e già mi pare un buon segnale), penso che campagne del genere servano a sensibilizzare chi sta dormiente nei suoi comfort, nelle sue oziose abitudini e non sa o fa finte di non sapere quale è il male che arreca a sè agli altri quando per 100 o 200 m prende l’auto, lo scooter per comprar roba pesante come il pane o il quotidiano…personalmente scelgo il miglior mezzo per muovermi in base alla lunghezza dello spostamento, utillizzando anche il bus raramente, la pseudometro, i piedi(il 1 mezzo di locomozione), e mi viene la rabbia veder in una macchina una persona… comunque organizzo anchio insieme ad altri queste pedalate, e penso abbiano un peso comunque, perchè conosco persone che han preso coraggio anche così. A poco a poco si fanno certi cambiamenti. Guardatevi il programma della settimana.

    16. @michele
      Attenzione, non volevo certo dire che a Palermo si tratta solo di distribuzione di volantini, bensì volevo mettere l’accento sul fatto che in altre città le iniziative sono ben più concrete e “palpabili” e vanno oltre i dibattiti e l’autocelebrazione di una amministrazione comunale oggi del tutto latitante.

    17. Ragazzi avevo voglia di scrivere e dire molte cose ma anche grazie a quanto è già stato scritto nei commenti posso dire questo: Palermo è una città adatta, per pendenze minime e climi miti, all’uso generalizzato e continuato della bicicletta. E’ semplicemente vergognoso che a Palermo si continui ad utilizzare l’auto privata in una maniera così massiccia e sconsiderata. Prima che un genio del comune capisca come risolvere la questione del traffico palermitano dovremmo esserci capaci di capire che semplicemente NON ABBIAMO BISOGNO dell’automobile per muoverci a Palermo.

    18. L’affermazione che non abbiamo bisogno dell’automobile per muoverci a Palermo mi sembra un po’ azzardata. Io credo che sarebbe più corretto dire che moltissimi palermitani potrebbero benissimo fare a meno di auto e moto. I giovani anzitutto, e oggi si è giovani fino a settant’anni, o almeno così ci si atteggia quando non serve. Sarebbe il caso di lasciare l’uso dell’auto ai diversamente abili, agli anziani ancora in grado di guidare, alle mamme con troppi bambini piccoli da accompagnare a destra e a manca. Lo sapevate che fino alla fine del Settecento andare in carrozza era considerato dagli uomini in segno di inferiorità? In carrozza andavano solo le donne e gli anziani, l’uomo andava a piedi o a cavallo.

    19. + biciclette -Suv.

      a Palermo ormai impazza l’ignorante moda del Suv.
      se ne vedono ovunque, i grezzoni li usano per andare
      in centro, per andare a comprare il Pane, per ogni minimo spostamento….

      il che è ridicolo.

      bisognerebbe cominciare da queste piccole cose per cambiare la testa agli ignoranti…

    20. quanti di voi hanno notato i km di piste ciclabili realizzate e che si stanno realizzando?
      e quante di queste sono attraversate da persone in bici?
      e quante di queste sono occultate da auto e moto posteggiate?

    21. Penso che infatti dovremmo esser i primi noi cittadini a mostrare, riprendere, filmare questi casi perchè è vero che ora qualche pista ciclabile c’è, ma è anche vero che auto, moto, ambulanti le invadono. Se non siamo i primi noi a usarle si dirà che non erano necessarie. E persone che dicono tali frasi mistiche ci sono. Sugli adolescenti poi un capitolo a parte non basterebbe…ma gli scooter chi glieli compra? I genitori che si lamentano sull’aumento del prezzo della benzina, delle zone blu e delle multe…Sono discorsi preferisco, scendermene in bici per le strade.

    22. Macondo ha scritto il 17 Settembre 2008 alle 20:46

      Penso che infatti dovremmo esser i primi noi cittadini a mostrare, riprendere, filmare questi casi perchè è vero che ora qualche pista ciclabile c’è, ma è anche vero che auto, moto, ambulanti le invadono.
      ———————————————-
      Già fatto Macondo, ecco alcune foto

      http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/2008/06/21/impariamo-a-rispettare-le-piste-ciclabili/

    23. io in bici preferisco usare una strada asfaltata.
      il problema è che c’è gente arrogante che usa le strade con le auto, ma non per questo ne devono essere i padroni. Oltre alle Auto ci sono i ciclisti e i pedoni, e tutti devono avere rispetto, a maggior ragione visto che se si investe un pedone o un ciclista gli si fa davvero male…

    Lascia un commento (policy dei commenti)