venerdì 31 ott

Archivio del 23 settembre 2008

  • ‘Gnazio

    a Erminio Favalli e Gianni De Rosa

    Ignazio non sapeva di chiamarsi così, quella “i” davanti, era di troppo nella lingua parlata dalla sua gente.
    ‘Gnazio lo chiamavano, anzi ‘Gnazziddu per la precisione, e lui, era convinto che quello era il suo nome.
    ‘Gnazio non aveva i genitori e aveva imparato in un segreto di piombo a non chiedere e soprattutto non chiedersi…dove…come… Era così e tanto bastava.
    ‘Gnazio viveva con i suoi zii, brava e povera gente che non faceva niente di particolare per lui se non…dargli un tetto e da mangiare, questo era per ‘Gnazio abbastanza eccezionale da pensare di dovergli essere grato a vita, era così.
    ‘Gnazio ogni giorno all’uscita da scuola, si fermava con i compagni nello spiazzo davanti, si toglieva sveltamente il “falaro”, scioglieva il nastro sul collo e giocava “a pallone” , ma ‘Gnazio non era un granché con la palla ai piedi, non aveva “il tocco vellutato”, e così quando La Vardera e Giuffrè (i due più bravi) si “spaievano” i compagni, lo evitavano come la peste, sino ad arrivare all’ultima scelta che…più che tale, era, a guardare la faccia dei due, una condanna (“Tocchi tuuuuni, – 6 ! comincio io,…Robberto. – Giuvanni. – Pippo. – Salvo. – Piero. – Totuccio. – Antria. – Federico. - io Vicè e….’Gnazziddu sta ppì tia..he,he”).
    ‘Gnazio non se la prendeva più di tanto, conosceva i suoi limiti e le sue…potenzialità. Continua »

    Ospiti
  • Una palermitana a Italia’s Next Top Model

    Riparte da oggi su Su SKY Vivo (canale 109 di Mondo SKY) Italia’s Next Top Model, talent show condotto da Natasha Stefanenko in onda dal mercoledì al venerdì alle 15:30.

    14 ragazze non professioniste dovranno superare prove diverse per 13 settimane; in palio un contratto di un anno con un’agenzia di modelle e una casa cosmetica.

    Tra le partecipanti c’è anche Claudia Manzella, 18 anni, di Palermo.

    Claudia Manzella

    Palermo
  • Pubblicati i primi bandi per la stabilizzazione degli Lsu del Comune

    Sono stati pubblicati i primi bandi per la stabilizzazione degli Lsu in servizio al Comune di Palermo. I posti sono complessivamente 1671, poco più della metà dell’intero bacino del precariato.

    I bandi riguardano 350 vigili urbani, 50 insegnanti di scuola materna, 400 collaboratori professionali servizi scolastici, 360 ausiliari ai servizi scolastici, 14 assistenti bagnanti, 10 assistenti sociali, 80 istruttori contabili, 50 educatori asilo nido, 30 istruttori geometri, 70 istruttori segretariato sociale, 10 esperti area socio assistenziale, due esperti agrari. 20 esperti tecnici di progettazione e 50 funzionari tecnici architetti e ingegneri. Per quanto riguarda gli assistenti bagnanti il concorso è riservato a soggetti che sono già stati formati. Successivamente verrà emanato un altro bando per altri 16 posti aperto a tutti gli Lsu.

    I bandi per gli appartenenti a Palermo lavora interessano cinque collaboratori professionali elettricisti, tre collaboratori professionali addetti agli impianti termici, 69 collaboratori amministrativi, tre collaboratori autisti, quattro collaboratori professionali saldatori, due collaboratori professionali vivaisti, 20 collaboratori professionali muratori, 15 istruttori contabili; 14 istruttori geometra e 40 operatori servizi generali.

    Ogni Lsu potrà partecipare ad un numero massimo di quattro bandi.

    Palermo