giovedì 19 ott
  • Quattro arresti per brogli nelle comunali del 2007

    Sono stati effettuati quattro arresti per brogli elettorali durante le elezioni amministrative del maggio 2007 a Palermo. Si tratta di Gaspare Corso, 43 anni (candidato al Consiglio Comunale), la cognata Silvana Lo Franco, 32 anni, Vito Potenzano, 58 anni (candidato a un Consiglio circoscrizionale) e Francesco Paolo Teresi, 58 anni, consigliere alla sesta circoscrizione comunale. A tutti sono stati concessi gli arresti domiciliari.

    A marzo Gaetano Giorgianni e Giovanni Maria Profeta, presidenti di seggio, erano stati colpiti da provvedimenti di custodia cautelare in carcere.

    I fermati hanno commesso falsificazione di schede elettorali allo scopo di favorire Gaspare Corso, Francesco Paolo Teresi e Vito Potenzano, tutti candidati nella lista Azzurri per Palermo.

    Palermo
  • 46 commenti a “Quattro arresti per brogli nelle comunali del 2007”

    1. che vergogna… ma è solo la punta di un ice berg.

      Un sindaco serio in un posto serio si sarebbe già dimesso, ma a Palermo tutto è relativo.

      E lo dico da persona di Destra (che non ha votato il sindaco vigente!)

    2. Derelitto ma che cosa c’entra il sindaco con tre candidati e due presidenti che si mettono d’accordo? Per me nulla.

    3. Il Sindaco dovrebbe dimettersi per altre questioni. eheheh Comunque era ora…giustizia (sembra) essere stata fatta!

    4. ottimo. spero che quest’inchiesta vada avanti spedita, del resto si tratta solo di ufficializzare brogli già sgamati dai più, soprattutto se si era tra gli addetti ai lavori . è scoraggiante rendersi conto che gli scandali comincino già nelle retrovie circoscrizionali, è ora di finirla.
      (tony,in questo caso son d’accordo sull’ot di derelitto però hai stufato con ‘sta cotta per il sindaco)

    5. Giampa io non ho alcuna cotta per il sindaco ma mi pare molto improprio collegarlo a episodi per cui, fino a prova contraria, non c’entra nulla e chiedergli le dimissioni. Se ci pensi concorderai con me.

    6. Scusate non si dimisero Mastella e Rutelli che andarono a vedere il gp di Imola a bordo dell’air force one (anzichè prendere un volo di linea) e si dovrebbe dimettere Cammarata perchè 3 persone che lui non conosce hanno falsificato dei voti a proprio favore?

    7. Alla luce di ciò, viene fuori un ulteriore conferma che nelle elezioni dello scorso anno si verificarono tanti episodi di brogli, alcuni molto evidenti denunciati già durante lo spoglio.Immediata quella che fu una levata di scudi da parte di tutto il cdx…chi non la ricorda??
      Le elezioni dello scorso anno non sono state del tutto regolari e pertanto andrebbero RIPETUTE.Fin’ora i voti taroccati non sono stati in numero determinante.Ma se si continua in questa strada dove arriveremo??Ieri i presidenti di seggio, oggi un consigliere di circoscrizione e 2 candidati.Domani?

    8. infatti concordo, tony. ma la cosa più utile da fare in questo clima e in generale, è essere superpartes, pena la perdita di credibilità. come onesti elettori, siam tutti la parte lesa, nell’ambito di queste dinamiche vergognose.
      ( purtroppo i gol a porta vuota fanno sempre quella tendenza irresistibile e tirando fuori pure il sindaco si scatena il delirio, vedi post precedenti…e anche successivi, mi sa)

    9. Tony Siino, se non mi sbaglio la lista in questione “Azzurri per Palermo” era una lista che appoggiava Cammarata.
      Gli alleati si scelgono, non si chiamano cani e porci pur di vincere un elezione, sennò agli occhi degli elettori e dei cittadini si scade non poco…

    10. Derelitto la responsabilità penale è personale in Italia. Per favore non farmi prendere il discorso dei candidati nelle liste del centrosinistra, anche a Palermo. La questione morale viene prima dell’ideologia per me.

    11. Le elezioni comunali andrebbero rifatte. La destra che accusava la sinistra di brogli alle passate politiche quando vinse Prodi adesso è stata smentita clamorosamente. 4 persone vicine agli ambienti di Forza Italia sono state prese con le mani nel sacco.
      Si rimane schifati di fronte a notizie del genere.

    12. Ma a me interessa relativamente che la responsabilità penale sia personale. Questo si sa. Il problema è che in Politica diversi elementi che si dedicano al malaffare, finiscono col proiettare il fango anche sui loro colleghi…

    13. derelitto, hai appena dato efficacemente forza al discorso di tony, nel caso nn te ne fossi accorto.
      tutto torna.

    14. Certamente non è conseguenziale che un sindaco si dimetta perchè tre candidati di una lista a lui vicina ed un presidente di seggio falsano una consultazione elettorale.
      Ma se lo stesso sindaco commette un clamoroso errore con le ztl, non ha messo in atto nessun altro provvedimento per ridurre il traffico e l’inquinamento, sovraintende due aziende di servizi come nettezza urbana e bus completamente allo sbando, non riesce a far fronte a richieste di carattere sociale da parte di cittadini indigenti, insomma è il sindaco di una città le cui condizioni sono sotto gli occhi di tutti qualche pensierino sulle dimissioni dovrebbe pur venire. Anche a Palermo ci dovrebbe essere un limite per la faccia tosta!

    15. touchez

    16. si ma io non mi alleerei mai con dei delinquenti.
      qui si fanno alleanze all’ ultimo voto.
      ogni voto è buono, pure quello delinquenziale. pure i brogli…

      vergognoso.

    17. se in un supermercato trovano 4 mozzarelle (poche?) con la salmonella che succede??? come minimo ritirano dal commercio tutte quelle presenti sugli scaffali.

      se degli (pochi?) esemplari di un nuovo modello di auto ha un difetto ai freni e mette a rischio la vita del passeggero che succede?? quanto meno ritirano quelle vendute e fermano la produzione.

      se si scopre che un farmaco per il cuore in realtà porta complicazioni mortali a 10 persone (poche?) che succede??
      il farmaco viene ritirato

      se in un ospedale due persone (poche?) muoiono per il morso di una zecca che succede?
      chiudono il reparto.

      se alle elezioni ci sono (pochi?) casi di broglio che succede??
      NULLA!

    18. Tranquilli, il sindaco se ne va. A tempo debito e certamente prima della fine del mandato, ma se ne va. Solo che io comincio a preoccuparmi per chi del centrodestra lo sostituirà. Forse l’unico con una parvenza di buon curriculum in circolazione è Musotto, ma non credo voglia fare il sindaco. Anche perché se pure lui è “pulito” tutti gli altri metastasizzati nei centri nevralgici del comune…
      Per il resto… ricordo chiaramente i piagnistei di Berlusconi quando andava esclamando in giro “ci sono brogli!”.
      Me lo immagino ora che smadonna fra i denti. Che bella immagine.

    19. Scusate il ritardo!
      1)Per quel che ne sò ce ne sono altre di denunce, e quindi… vediamo dove arriviamo.
      2) quoto zelig ed infatti ed a proposito:
      @Tony Siino, vero è il fatto che le dimissioni non sono strettamente correlate ma prova a fare un post dal titolo ” Cammarata dovrebbe dimettersi perchè…..” e vedrai che batterai tutti i record, al confronto “sei di Palermo se..” sembrerà una Jucata. 😀
      3) @ isaia panduri
      riguardo Musotto:
      http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/05/20/palermo-musotto-punta-alla-rivincita-sulle-procure.html

    20. Vergogna. Siamo gli zimbelli d’Italia. Siino di fronte aq uesti episodi è più dignitoso il silenzio e non tentar di difendere l’indifendibile.

    21. Rubino ma secondo lei le dimissioni sarebbero un gesto unitario o democratico? 😛

    22. le dimissioni di chi?

    23. ma è meglio parlar chiaro mi riferisco a TOny Siino cosa intende dire sulle liste del centrosinistra?

    24. La difesa di Siino e di ROsalio del Sindaco è ormai incredibile

    25. Antonio Rubino le ribadisco che questo sito non è schierato e non è né con il sindaco né contro il sindaco.

    26. Lunatica semplicemente la composizione delle liste non è priva di nei da entrambe le parti.

    27. Classico. Quando non si riesce a difendere l’indifendibile si dice che tutti sono uguali. Occorre avere umiltà…..

    28. Rubino lei è duro di comprendonio eh? Sto difendendo una cosa che è sancita dal nostro ordinamento (se lo conosce): la responsabilità penale è personale.

    29. Siino lei che invece è bravo dovrebbe sapere che c’è una responsabilità penale (che è personale) ed una politica che appartiene alle classi dirigenti. E’ di questo che accuso il sindaco ed i dirigenti di partito che l’hanno sostenuto.

    30. Mi fa piacere che mi abbia dato ragione su ciò che difendo. 🙂

    31. Appassiona, vedo, la polemica sui brogli elettorali. Io che abito qui ma qui non ho votato, perché non residente, ne ho sentite di tutti i colori, e da persone assolutamente degne di fiducia.
      Vediamone qualcuna:

      – Paesi in cui al seggio non avrebbero chiesto a nessuno di esibire un documento di riconoscimento. Perché “tanto, ci conosciamo tutti”. Per cui in realtà non ci sarebbe certezza nè di chi ha votato, nè di quante volte ha votato.
      – Seggi in cui (molte segnalazioni) nessuno si sarebbe curato di cercar di evitare l’ingresso in cabina con il cellulare in grado di fotografare la scheda elettorale. Perché, questo sembra che lo sappiano tutti, la prova fotografica del voto varrebbe denaro sonante.
      – Candidati che sarebbero stati disposti a pagare da 50 a 150 euro per ciascun voto comunque dimostrato.
      – Cellulari dotati di fotocamera regalati a chi si appresta a votare: “quando esci mi fai vedere per chi hai votato. Se è quello che dico io il cellulare è tuo…”.
      – Candidati che asseriscono di “dover” fare almeno cento regali al mese, anche in periodo non elettorale, per assicurarsi la rielezione.
      – Persone che dicono: “No, io il voto l’ho promesso a…”. Come dire che ne hanno fatto oggetto, se non di contrattazione, almeno di discussione.

      Per non parlare di quel sabato preelettorale (alle politiche) in cui una nota banca senza sportelli fisici ma molto vicina al presidente del consiglio attuale avrebbe fatto selezione (ma guarda) per assumere segretarie e fattorini dalle parti di Alcamo…

    32. Chissà che non c’entrino i soliti comunisti, Stalin sarebbe stato capace di organizzare una macchinazione del genere per screditare i suoi avversari 🙂

    33. La responsabilità penale è personale, nulla da ridire in merito.Ma la responsabilità politica? Premetto di non esser schierata politicamente nè pro nè contro il primo cittadino ma un minimo di buon senso sarebbe davvero gradito.
      Cammarata si ritrova già in una posizione alquanto scomoda agli occhi della cittadinanza a causa di una gestione almeno discutibile, adesso vengon fuori pure brogli…non ne sarà responsabile ma un pnsierino sulle dimissioni non sarebbe fuori luogo, almeno per mantenere un contegno e dimostrare una serietà che negli ultimi tempi sembra vacillare…
      Quoto stephen dedalus…quattro mele marce in una situazione politica come quella palermitana pesano…

    34. Che fine hanno fatto tutti quelli che l’indomani delle elezioni ironizzavano su Orlando che accusava di palesi brogli lo svolgimento delle stesse?

    35. Nica, la colpa è dei comunisti, il telepopolo lo sa 🙂

    36. siino. comunque Rubino non ti ha dato ragione .non continuiamo a prendere per i fondelli l’opinione pubblica.E la faccina allegra e’ decisamente fuori luogo.
      C’e’ ri schiafiarisi.

    37. A parte dimettersi (che, per inciso, in una città normale sarebbe la banale conseguenza ad esempio di una pagliacciata come quella delle ZTL), il sindaco potrebbe fare alcune cose:

      1) dissociarsi in maniera chiara da ciò che è successo, dato che quella lista lo sosteneva;

      2) fare in modo che l’arrestato che è consiglere circoscrizionale venga quantomeno sospeso (soprattutto non venga pagato)

      3) magari dire due parole sul fatto che queste cose sono una vergogna.

      Per il resto, argomenti del tipo “la composizione delle liste non è priva di nei da entrambe le parti”, sono una tipica argomentazione all’italiana dove, se un ladro viene catturato, dice: “si io rubo, ma quello ruba più di me” oppure “si, ma intanto sono tutti ladri”, per cui alla fine nessuno si assume la propria responsabilità, penale o meno.

    38. Ricordo a tutti voi, che quest’inchiesta è partita in maniera casuale, dalla denuncia di un rappresentante di lista fatta durante lo spoglio delle scorse comunali.
      e da questo filone la magistratura ha scoperto circa (se non mi sbaglio ) 500 voti taroccati in 2 sole sezioni……..
      considerato che se esiste un metodo per taroccare i voti, non sarà esclusivo appannaggio del signor corso e dei suoi amici, chissà che cosa è successo nelle altre CINQUCENTONOVANTOTTO sezioni……perchè possiamo pure far finta che i voti comprati sono regolari, che i voti in cambio di promesse, sono regolari, che i voti decisi da chi comanda nelle borgate, sono regolari, ma se qualcuno del centrodestra (un consigliere uscente….) arriva a tanto vuol dire che le magagne classiche non bastavano stavolta…..
      per me Cammarata non doveva manco essere eletto, ha passato gran parte della campagna elettorale in barca…..manco lui ci credeva…….chissà chi si è occupato di far quadrare i conti (almeno quelli elettorali, visto che quelli comunali….) a proposito e del revisore dei conti arrestato per mafia…..ne dobbiamo parlare…….ahi non siamo messi male , siamo messi MALISSIMO

    39. Attendiamo adesso la reazione del sindaco…una dichiarazione sarebbe gradita, anche se scontato il contenuto…quanto alla sospensione e alla perdita di eventuali privilegi per i responsabili..in un paese civile dovrebbe essere automatica.Qualcuno potrebbe obbiettare che per il nostro ordinamento si è innocenti fino a sentenza passata in giudicato però..misure momentanee sarebbero logiche!

    40. non capisco perche ogni volta Tony viene “massacrato” su questioni politiche e invece altri autori di altri post ,non viene concesso il contraditorio e si pratica la CENSURA. (in primis i post del vignettista lo bocchiaro)

      TONY ma non è tuo il BLOG ?????????

    41. Ciao ragazzi. Niente di nuovo a Palermo.
      Personalmente concordo con Zelig. Penso che non per questo Cammarata dovrebbe dimettersi, ma per le ragioni già elencate dallo stesso Zelig.
      Dopodichè vi posso anche dire che sono convinto che i brogli di cui parlava Orlando non fossero fantascienza.

    42. Certo che ora che Rubino ha scoperto Rosalio (con tre anni di ritardo…cosa che conferma ulteriormente il pessimo rapporto tra i dirigenti del centrosinistra a Palermo e la comunicazione)…ne vedremo delle belle 🙂
      Ah, Rubino, se ti potessi raccontare cosa mi hanno detto di te…solo una parola? “Quarantamila”

    43. Vincenzo non capisce non capisco io. Nessuna censura.
      Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    44. la notizia non mi ha colta di sorpresa. L’unica cosa che spero è che si tragga lo spunto giusto per andare avanti difendendo la verità e offrendo la giustizia a chi la merita, cioè quei palermitani che sono andati a votare uno per poi vederne “salire” un altro.

    45. Scusate, ma qualcuno ha dimenticato già la vicenda relativa alla non querela del nostro amato sindaco verso i vertici AMIA ed in particolare verso l’ex presidente Alioto?

      solo per questo dovrebbe dimettersi … altro che ztl ecc ecc … più Palese di così un suo coinvolgimento nelle porcherie che esistono in questa martoriata città….. ma si sa…. “u pisci feti rà tiesta”

    46. l’ultima perla dello sfacelo della amministrazione Cammarata: TUTTE LE PALME DEL LUNGO MARE DI MONDELLO SONO UFFICIALMENTE MORTE :((( uno scempio incredibile. hanno sprecato soldi a destra e a manca fottendosene altamente di acquistare quantomeno le trappole per il punteruolo dal costo di poche decine di euro l’una.

    Lascia un commento (policy dei commenti)