venerdì 18 ago
  • Le mafie fatturano 130 miliardi di euro

    Nell’ultimo anno le mafie hanno ottenuto un fatturato in aumento a 130 miliardi di euro, con un utile che sfiora i 70 miliardi al netto degli investimenti e degli accantonamenti. I proventi derivano dal traffico di droga, dal contrabbando, da rapine, ma soprattutto da usura e racket. Nel giro d’affari ci sono anche edilizia, smaltimento dei rifiuti, commercio, autotrasporto e alimenti.

    I dati sono tratti dall’undicesimo rapporto di SOS ImpresaConfesercenti Le mani della criminalità sulle imprese.

    Sicilia
  • 12 commenti a “Le mafie fatturano 130 miliardi di euro”

    1. giustissimo dare queste notizie.. ma parlare anche della mega necropoli scoperta ad Himera no? è, a detta degli archeologi, fino ad ora la più grande necropoli della Magna Grecia mai rinvenuta. ed è a pochi km dal capoluogo… mah

    2. FATTURANO??? Quindi sono state legalizzate ed emettono fattura?? Lo sapevo che prima o poi ci si arrivava…..

    3. …quindi pagano le tasse???

    4. sicuramente la mafia non fatturerà tutto, ma una parte si.
      quante aziende, società, attività commerciali e imprese sono in mano alla mafia o direttamente collegate? negli appalti pubblici o nel giro dei finanziamenti poi non oso immaginare.
      una per tutte la vicenda della Calcestruzzi SpA

    5. ehm…m’è scappata la segretaria…meglio solo stalker!

    6. Avevamo il nostro bill gates in sicilia e non lo sapevamo?
      ma tutti questi soldi,come mai non generano ricchezza?
      Un’economista me lo potrebbe spiegare…

    7. @ Nissa: ci provo (ma ho pochi minuti)

      La tua è un’ottima osservazione.

      Quella ricchezza innanzitutto ha essenzialmente natura redistributiva: cioè è un qualcosa che viene preso a qualcun altro, quindi in questo senso è anche sottrazione di ricchezza a qualche altro soggetto

      In secondo luogo, non sono risorse investite in attività che generano ricchezza aggiuntiva (di solito caratterizzate da uso di tecnologie avanzate e capitale umano). In poche parole, la criminalità organizzata non reinveste in laboratori di biotecnologie o in fabbriche di microprocessori, ma in ristoranti, edilizia, ecc.

    8. Il patrimonio della mafia è la nuova manomorta: ci vorrebbero i piemontesi per una salutare confisca
      http://www.bloggers.it/didonna/nuova-manomorta.htm

    9. Donato, ho letto il tuo intervento sul tuo sito. Molto interessante anche se la risposta al come mai uno Stato non riesca a sgominare una associazione criminale è che esso stesso ne è contaminato, se non addirittura associato.

      Detto questo, se la mafia ha registrato un utile di 70 miliardi, a quanto ammontano i dividendi? Ah, già, ancora non è quotata, in borsa…

    10. grazie Mario

    11. non lo sapevate?

    12. Caro Donato, ho letto l’articolo e i tuoi post precedenti.
      Alle passate elezioni ho votato per la lista di Sonia Alfano ma senza troppe convinzioni per due ragioni:
      sapevo già che non avrebbe vinto e per la mancanza di grandi personalità ad eccezione della stessa Sonia e di Antonio Pagliaro.
      Dato che ci hai “adottato” e che lo sviluppo della Sicilia è un tema che ti è caro… Perchè non candidarti per le prossime elezioni e farmi ritornare da questo esilio che mi sono imposto?
      Non ti chiedo un lavoro ma solo una Sicilia un po’ più onesta.
      Se accetti prometto di abbandonare tutto ed aiutarti come posso nella tua campagna elettorale
      Luciano

    Lascia un commento (policy dei commenti)