mercoledì 18 ott
  • Feisbuc

    Non scrivo da quasi un mese. Da quando lo faccio per Rosalio, non era mai passato così tanto tempo. Mi sono chiesta, all’improvviso, come mai? Ho la risposta. È inutile che nego pure io. Me ne vergogno un po’ ma la colpa è di feisbuc. Mi futtìu. Ha fagocitato pure me. Ormai parlo in terza persona. Se mi chiedono che fai? Rispondo Maria è stanca e vorrebbe andare a letto. Sono locca lo so. Ma sono in buona compagnia. Non lo so com’è iniziato, mi sono iscritta per babbìo e poi giorno dopo giorno è diventato una sorta di dipendenza! Dicevo sono in buona compagnia, non so quanti siamo a Palermo. Io ci ho ritrovato quasi tutti. Dagli ex compagni agli ascoltatori, ai lettori, agli ex alunni. Pare che diventò una specie di zona franca ‘stu feisbuc, però. Tutti conosciamo qualcuno che nella vita reale non caghiamo più per vari motivi. Non si sa perchè sto qualcuno su feisbuc si sente autorizzato a richiederti l’amicizia. Ora mi domando e dico: emerita testa di caxxo, se non ti saluto quando t’incontro e se mi domandano se ti conosco dico di no, perché pensi che ti accetti come amico? Che diventò? Una dimensione parallela in cui io e tu siamo migliori amici? Per comodità distinguerò i feisbucchiani in quattro grandi categorie.

    • Quelli ca pari ca ‘un ci curpano
      Anch’io ne faccio parte, iscritti per caso si ritrovano a gestire ‘sta bacheca tipo secondo lavoro. A discutere di amenità con, più o meno, emeriti sconosciuti. Ingenui all’inizio, a poco a poco s’impratichiscono e come prima cosa fanno il profilo blindato, poi creano gruppi, inventano test. Ma nello stesso tempo non possono farne a meno, devono vedere chi scrive cosa, chi pubblica cosa, chi ha richiesto l’amicizia. Fanno una foto nuova e già pensano ad aggiungerla all’album di feisbuc. Magari stressante diventa va’, la verità.
    • I collezionisti
      Pericolosissimi. Collezionano soprattutto amicizie. Vorrei capire come può essere che certuni hanno tipo 600 contatti. Poi vai a vedere e hanno tra i contatti Monica Bellucci, Barack Obama. Se vabbe’, così non vale però. Mettici pure Totò Termini allora… Collezionano test e soprattutto te li inviano. Mi sono sottoposta a milioni di test da quando sono iscritta a feisbuc. L’ultimo due minuti fa “che tipo di biscotto sei?” pan di stelle risultai. Ora ne invento uno io: “rutto o peto?”. Ho scoperto tante cose del mio carattere grazie a feisbuc: che sono come Lisa dei Simpson, ma anche Maga Magò, ma pure Carrie di Sex&city, se fossi un animale sarei un cavallo, sono palermitana d.o.c. e pure toca (peccato, volevo essere tascia). Però i collezionisti sono pure pericolosi perchè ti mandano un sacco di “regali”. Lo voglio dire pubblicamente. LA DOVETE FINIRE. Ho collezionato non so quanti peluche, una bottiglia di champagne e ho pure due diamanti purissimi. Bella la verità.
    • Gli scaltri (forse)
      Ossia quelli con nomi finti, età finte, foto finte. Una sola domanda se proprio dovete, inventatevi un nome plausibile chessò Luigi Giamporcaro, Manuela Di Giovanni…no Paul Young o Laura Pausini. Se non avete amici ci sento prio così la finite di nascondervi e di iscrivervi a feisbuc solo per mummiare che fanno gli altri.
    • Ultima categoria:Quelli che non ci volevano venire
      E infatti è come non se non ci fossero. Aggiornamenti pochissimi. Amici tipo 15. Foto, se la mettono li ritrae in location di vacanza e loro piccolissimi in una spiaggia deserta, non li riconosci manco col cannocchiale. Ma tant’è ci sono tutti ormai su feisbuc, manca solo mia nonna (come dice uno dei più numerosi gruppi a cui, immancabilmente, mi sono iscritta).

    Certamente i lettori Rosalio già feisbucchiani vorranno allungare la lista. Liberamente. Ma mi viene il sospetto che quello che mi disse mia madre, quando le mostrai le foto degli zii d’America che sono pure loro su feisbuc, sia vero… Ma non è che così ora tutto il mondo sa i caxxi tuoi?

    Palermo
  • 103 commenti a “Feisbuc”

    1. eheheheheh troppo divertente!!! 🙂 🙂 🙂

      io ancora non sono caduta in tentazione… spero di riuscire a resistere… per adesso ci riesco…. del resto di blogghini ne ho già due… ci manca solo stu feisbuk! ;-p

      Buona Giornata
      un abbraccio forte forte

    2. Naturalmente dire di Facebook che è un’idiozia non se ne parla nemmeno.

    3. Dimenticavo!!!! Mia piccola “faccia di libro” (sembra un nome indiano! 😀 ) ma poi la pasta con il pesto di pistacchi l’hai cucinata??!!!??
      nà vasata 🙂

    4. ossimoro@:certo, lo è anche. come tutto può esserlo, del resto, se fruito in maniera errata. l’idiozia sta negli occhi di chi guarda, sai..
      p.s. maria sei una grande! ( io però non ti ho ancora aggiunto, visto che brava!?? : )))

    5. Il brutto è che appena capisci come funziona ti ci metti e non ne esci più…però ti prendi certe soddisfazioni…ti metti a giocare cn sti test, tanto non hai da fare,e te, persona carina e coccolosa tipo pinguino di madagascar ti ritrovi un misto tra vampiro, burns e crudelia demon…..altro che psicologo!!!!eheheh
      Sarà una stupidata, ti fai i cassi degli altri e non hai più privacy….ma poi ritrovi i compagnetti delle elementari….magari un fidanzatino di vent’anni fa…..bellino…dai….
      Cmq…marì…..si aspettano commenti all’automobilista incazzato nero!!!!!! 🙂

    6. Io saro’ un cretino ma non capisco proprio in periodi che tanto si parla di privacy la gente spiattella i propri dati nonche’ amicizie ai 4 venti

      facebook e’ un mezzo pericolosissimo che piano piano sta schedando tutto e tutti

    7. cito
      “Le polemiche su Facebook, il social network creato nel 2004 dall’idea di alcuni studenti di Harvard e di cui ha deciso di far parte anche Microsoft, nonostante la crescita continua e costante non si placano; pare infatti che il social network sia sempre più considerato una trappola.

      Ad occuparsi della questione è stato il New York Times che ha raccolto le lamentele di una serie di utenti che hanno constatato, a proprie spese, quanto sia facile entrare in Facebook e quanto invece sia praticamente impossibile liberarsene.

      Su Facebook, scrive il New York Times, è infatti possibile cancellare il proprio profilo ma i server conservano copie delle informazioni private dei suoi utenti a tempo indeterminato; per questo alcuni ex utenti che hanno chiesto a Facebook di cancellare il loro profilo hanno dovuto minacciare le vie legali per riuscire nell’intento.

      Nipon Das, 34 anni, direttore di una azienda di biotecnologie di Manhattan che lo scorso autunno aveva cercato senza successo di uscire una volta per tutte da Facebook, ha riportato la sua esperienza: “puoi lasciare la stanza quando vuoi, ma non puoi andartene davvero”.

      Das ha infatti impiegato due mesi e centinaia di email con Facebook, alcune delle quali minacciavano il riscorso all’azione legale, prima di ottenere la cancellazione del suo account su Facebook ma la sua odissea non è finita: se il suo profilo non esiste più, si chiede l’uomo, come mai si continuano a ricevere email da Facebook?

      Interessante la replica di Facebook che sostiene che le difficoltà a uscire dai server nascono dalla possibilità offerta ai clienti di rientrare nel sistema quando vogliono semplicemente riattivando l’account e ritrovando le informazioni come le avevano lasciate.

      Ciò significa comunque che nel momento in cui uno cerca di andarsene, non può farlo senza lasciare tracce di sé e a specificarlo sono le stesse condizioni di uso di Facebook in base alle quali “puoi rimuovere ogni informazione che vuoi in qualsiasi momento dal sito, ma acconsenti a che Facebook mantenga archiviate copie di queste informazioni per un ragionevole arco di tempo”.

      Qualcuno ci spiega cosa si intende per “ragionevole arco di tempo”?”

    8. Silvia, grazie, ma sapevo già di essere idiota.

    9. io ho ritrovato compagni di scuola dispersi e parenti sconosciuti dell’epoca di “Nuovo Mondo” nelle Americhe del sud e del nord….mi sento meno sola e va bene così.

    10. Passatempo inutile per fannulloni incalliti.
      Vi siete stufati della vita reale e non fate niente per darvi una mossa.
      Invece di stare attaccati al pc sino all’ estremo andate a fare un po’ di volontariato che vi scalerà pure la panza.
      Se continuate così vi finirà come il film Matrix ed un giorno direte che la colpa è dei mass-media e cioè sempre di quel povero martire di Berlusconi.
      Il bello è che tutti in questo blog affermano di essere giovani, svegli e rivoluzionari e poi vai a scoprire che perdono tempo con l’ ultimo dei tamagochi.
      Sveglia, SVEGLIA alzatevi ed andate a cacciare altrimenti nella pignata non ci calate niente.
      Ah, dimenticavo, forse per questo ci stà già pensando papà.

    11. A proposito di facebook guardate questo video ..è esilarante 😀
      http://it.youtube.com/watch?v=tZ7NlkWDWMs

    12. Pezzo troppo forte e divertente, che ho letto con molto piacere soprattutto perchè io non sono su Facebook e non ho la minima intenzione di registrarmi.
      Tengo trppo alla mia privacy e, senza alcuna nota polemica nè mancanza di rispetto per chi invece lo usa, mi sento di dire che preferisco la vita reale.
      Credo che la tua mamma abbia una sacrosanta ragione! 😉

    13. L’idiota che è in me (non c’è parte di me che non sia idiota) si trova d’accordo con Maria Luisa e con la mamma dell’autrice. Facebook è una truffa intellettuale: se ci stai dentro lo trovi divertente. Se non ti piace, sei idiota.

    14. Secondo me, tempo ancora un anno e Facebook non se lo filerà più nessuno.

      p.s. Maria posso aggiungerti come amica?

    15. io non sono addicted nè lo demonizzo ma è indubbiamente utile e divertente se usato in modo intelligente e selettivo. a parte le frasi fatte e i luoghi comuni (idioti: )) non mi sento di avallare allarmismi da ‘manie di persecuzione’ perchè fb dilaga adesso ma siamo già belli che ‘schedati’ continuamente in un miliardo di altre cose da mò.
      ossimoro@: autoironia okay, apprezzata. ma pure quella a piccole dosi altrimenti è andata : D

    16. @Manuela 30 e 2= 28! figurati!
      @Numeroprimo: non è che esageri un po’?;-)
      @ossimoro…secondo me hai ragione…sono un po’ pentita e l’idea di non poterne uscire, come scrive Gippe,un poco mi spaventa…
      vabbè vado a vedere se ho nuove richieste d’amicizia 😉

    17. ho iniziato a usare facebook l’anno scorso quando mi sono trasferita in inghilterra. sono arrivata lì e non avevo idea di cosa fosse, ma li già lo avevano tutti e mi sono dovuta adeguare. l’ho fatto e ho inizato ad aggiungere le persone che mano a mano conoscevo all’università e, considerato che non conoscevo nessuno all’inizio, mi ha aiutato un sacco a socializzare. per ora sono in cina, e facebook è il mezzo che uso di piu per tenermi in contatto con gli amici a casa.

      credo non abbia senso parlare di quanto è pericoloso facebook, o quanto sia stupido restare incollati tutto il giorno al computer. possiamo fare lo stesso discorso con qualunque strumento di comunicazione degli ultimi anni, dal cellulare, a msn, a myspace. fanno tutti la stessa cosa, ti mettono in contatto con chi vuoi, quando vuoi.

      facebook è meglio dei tre sopracitati perche ti serve solo sapere nome e cognome della persona che stai cercando per richiedere l’amicizia. che è la rivoluzione piu grande secondo me perche puoi veramente ritrovare chiunque dal tuo passato.

      e se c’è qualcuno che non vuoi che ti trovi, basta bloccarlo o eliminarlo dagli amici. o perfino segnalarlo a facebook.

      Numeroprimo, facebook E’ essere svegli, giovani e rivoluzionari, è stare al passo coi tempi e usare i mezzi di informazione piu efficaci per ottenere quello che vuoi.

      ovviamente, come tutte le cose, va usato con moderazione, se no stroppia, no?

    18. @mariacubito : A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

      Per chi è giovane , schiffarato e senza obbiettivi , basta provare una sigaretta per rischiare di diventare tossicodipendenti.
      L’ autodeterminazione è per genti adulte e non spensierate.

    19. Silvia, io l’ironia da idiota quale sono, la amministro come meglio credo. Tu Facebook a valanga, io idiozie senza limiti.

    20. Il bello di facebook è proprio il fatto che finalmente tutti hanno smesso di scrivere sui blog.
      Ma ti sembra poco?

      Immagino il giovane Mark Zuckerberg che dopo aver letto il suo estratto conto di un miliardo e mezzo di dollari inizia la giornata ridacchiando. Abbiamo regalato consapevolmente ore giornaliere di “lavoro” a questo giovanotto statunitense, abbassandoci a lavare i gatti degli amici pur di avere qualche monetina a pet society.
      Tutti schiavi di un’identità regalata definitivamente (da FB non ci si può cancellare).
      Passiamo il tempo vedendo chi è fidanzato con chi, elemosinando amicizie inesistenti!
      “Perciò quindi conosci la Cubito?”
      “Io? no!”
      “Ma se ce l’hai su facebook!”
      “E allora? A dirla tutta non conosco neanche te e non riesco ancora a capire perchè stiamo chattando!”
      Un giorno un vecchio uomo seduto su una panchina si chiederà:
      “Chi uccise Rosalio?”
      E piangendo griderà:
      “ZUCKERBEEEEEEEEERG!”

    21. utilizzare facebook non significa esser idioti….basta saper gestire il tutto…io sono iscritta, ho ritrovato un vecchio gruppetto d’amici, ho una vita normale, rapporti interpersonali sani,un mestiere serio e una testolina che funziona abbastanza bene…se poi lo utilizzo per condividere con un’amica giapponese i momenti trascorsi cn la compagnia quando lei non è qui non lo trovo così scandaloso.
      i blog continuano ad esistere, mi pare, su facebook non racconti la tua vita se non vuoi…

    22. Mi pare la infinita e noiosissima diatriba degli apocalittici e degli integrati.

    23. basta evitare di dare giudizi affrettati e poco gentili….

    24. Ha ragione Totò, è una polemica già vista. Lo strumento è neutro: è l’uso che se ne fa che lo rende buono o cattivo…

    25. Altra cosa….

      Su facebook si dice tanto che si tiene alla sicurezza degli utenti…. ok sono molto fiducioso e ci credo.
      E tutte le applet esterne che girano su facebook? cioe’ i giochini, i test che sono fatti da esterni per facebook e ti chiedono chiaramente di poter entrare nei tuoi dati personali? Li la sicurezza chi me la garantisce?

      Lo strumento sara’ pure neutro ma io la vedo come andare a farsi il bagno nel miele e andare a prendere a timpulate un orso…non penso resti a guardarvi

    26. Neutro? Come il sapone: ci si scivola sopra che è un piacere.

    27. Io lo trovo geniale, soprattutto per chi come me ha molto affetti emigrati, è molto più semplice del messanger perchè non devi stare lì a parlare, basta anche un piccolo saluto e sei comunque in contatto.
      Io come politica ho adottato quella di aggiungere solo gente che conosco, realmente, seguendo il “dogma”:Facebook ti aiuta a mantenere e condividere i contatti con le persone della tua vita.

    28. beh…sarà na gran cazzata!sarà una gran rottura di cog****i!sarà ke nn c’è più “privacy”!sarà tto quello ke volete ma se ci sm iscritti tti e soprattutto se continiamo ad esserci un motivo ci sarà!!!in fondo ci PIACE!!!xkè anke noi,pikkoli essereni pronti a farci i ca**i nostri appena vediamo “tizio,caio e sempronio hanno scritto nella bacheca di…” ecco ke andiamo a sbirciare(leggere)un pò tto e poi ci infohiamo a guardare e scrutare le foto ecc ecc ecc…e così anke noi contemporaneamente nn ci faccm più i ca**i nostri=P!!!e senza volerlo o esserne veramente interessati!xò in fondo…dp tta sta “privacy” ke “privacy” nn è,xkè se nn vuoi far saxe qlksa a qlkn nn la vai a scrivere in bakeka ma mandi un “messaggio privato” o attivi la “chat” no?(qndi contemporaneamente anke noi stssi vglm ke ji altri leggano e sappiano…forse x far un pò ji sboroni!o xkè in fondo nn ce ne può fregare nnt!,ci ritroviamo tti li…e ti ritrovi a kiakkerare kn gente ke nn vedi da anni…o mesi…settimani…giorni…ore…minuti…e magari ti ritrovi ad accettare un invito e a prefissare un bel appuntamento!!!qnbdi alla fine t’aiuta anke(e qst di sicuro,ki vuole un minimo di privacy,nn lo pubblika in bakeka ma si stabilisce via chat o mex)!!!e allora xkè criticarlo tnto?alla fine…sti test a vlte so contraddittori!a vlte ti dicn quello ke nn hai mai vlt ammettere ma ke in fondo sai ke sei/o fai…altre ti dicn proprio quello di cui già sei a conoscenza…e se unisci il tto…mescoli un pò…ed aggiungi un minimo del “cervelletto” ke ti ritrovi ti rendi conto ke…beh…ke qlke ragione in fondo l’hanno…no?ciau a tti=)

    29. ma cm mnch scrv?

    30. @Tony Siino : Vero è che lo strumento è neutro e dipende dall’ uso.
      Ma chiediamoci a quali mani va a finire.
      Una pistola può essere usata sia dalle forze dell’ ordine che dalla malavita.
      In questo caso esiste un controllo per chi lo utilizza?

    31. Maria, nella tua lista aggiungerei quelli che mettono la foto loro insieme a quelli dei bambini o dei fidanzati/mariti.

    32. Ti si e’ rotta la tastiera? non ho capito nulla

    33. quoto toto’

    34. chiedo scusa per com’è scritto ma si…ho la tastiera mezza rotta…

    35. Ma ragazzi su! la registrazione e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali sono ormai luoghi comuni anche nella vita di tutti i giorni.C’è sempre un modulo da compilare, anche al supermercato. Penso che si dovrebbe sempre cercare l’utilità nelle cose. Per me internet è più utile di una libreria di 2000 volumi, di facile e divertente consultazione. Facebook è solo l’ennesimo social network, è vero, presto cambierà forma e nome, ne arriveranno altri. Poco importa, visto che grazie a facebook si può conoscere gente da ogni parte del mondo che condivide i tuoi stessi interessi e che può davvero aprirti gli occhi su determinati aspetti professionali e culturali della vita. Per eliminare il superfluo infine, basta un click! ciao!

    36. siamo nella stessa barca mary…io sn passata dal blog di msn al maispeis…e adesso su feisbuk……anke se x il momento cm te mi sn dedicata al gran casino…e abbandonato momentaneamente tutto il resto…….onestamente…. i miei blogghini nn li cambiarei cn nessuno… adoro scrivere .. spesso preferisco scrivere ke parlare x sfogarmi…..
      ripeto…momentaneamente ankio scrivo di rado….ma cerkerò si allontanarmi anke da fb …. di tutto un pò credo sia la kiave… baciuzzi.

    37. mi stava scappando la pipì…ahahhahhah

      in effetti ci sono molte categorie di persone,che cmq si comportano allo stesso modo sia nella vita reale che in quella virtuale.
      Io mi sono iscritta perchè invitata da una mia amica…uso facebook per cazzeggio, ed ho aggiunto giusto le persone che conosco e con le quali interagisco anche nel quotidiano.
      Test e minchiatelle varie per quanto mi riguarda servono solo a sorridere un pò..il mommio e il resto lo lascio a quelli poveri di spirito:-)
      na vasata

    38. Non è vero! Ma che sciocchezze! Chi lo dice che Facebook ti condiziona la vita? Prendi me ad esempio… solo perchè aggiorno il mio stato ogni 15 minuti, stile rintocchi del campanile, o perchè faccio tutti i test possibili e immaginabili e mi iscrivo a gruppi, divento fan, discuto di argomenti vari, mi sono iscritta alla band battle e adesso mi ritrovo un coniglietto rosa di nome George a cui badare, non significa mica che mi è cambiata la vita!!!! =D
      Oh cavolo, è una dipendenza!!!

    39. @ Maria. Potevi sforzarti un po’ di più e scrivere un post che non fosse la fotocopia esatta di tutti ma proprio tutti i gruppi che girano su FB, ed ammettere qualche scopiazzatura in più oltre quella della nonna!!!
      Tu in che categoria rientri coi tuoi 250 amici?

    40. L’ho già detto:la prima categoria. E tu a quale? Quelli che leggono rosalio per puntare il ditino contro gli autori? sai che c’è? Che dopo più di 2 anni di presenza in questo blog, un poco abbutta, sai?Essere messi là a parare i colpi…

    41. Maria
      fregatene,tu sei una delle poche cose belle che offre questo blog
      se proprio vuoi lasciare ti prego di aprire uno spazio dove scrivi i tuoi bellissimi racconti,addiritura frose avresti un seguito maggiore,molti qui aspettiamo sempre i tuo scritti divertenti
      tu almeno non sei un ventriloquo

    42. Maria andrà a finire che ‘sti commenti li faremo con una bella registrazione con nome e cognome. Vedrai come finiranno gli interventi dei cecchini. 😉

    43. Nat-Roma nessuno qui è un ventriloquo.

    44. …cecchini, infatti.

    45. Non si preoccupi sig.ra Cubito. Oltre ad avere delle belle spalle larghe da nuotatrice dei mari di mer^a c’have puru l’appoggio della quinta categoria che sono i trainers: chiddi che si iscrivono a facebook perché si allenano a farsi rompere i ca§§i propi dai propi amici.

    46. rosalio
      ma perchè ti senti tirato in ballo !!!!!

      Cioè è incredibile,pretendi di entrare dentro il pensiero della gente?
      Come si dice,cu sa senti strinci i rianti,se tu credi che era riferito a te,non è un mio problema,io ti dico che non è cosi.
      E poi stop come tu dici,siamo off topic.
      Usiamo le tue regole,quindi se hai qualcosa da rimproverarmi,usiamo la mail,giusto?

    47. io tifo Maria,sempre e comuqnue.

      PS: visto che in attesa,leggi Rosà
      guarda che ti sta sbagliando questa volta

    48. Totò non capisco, potresti spiegarti meglio?

    49. Piu’ che altro invidio le persone che hanno il tempo e la leggerezza di mente per demonizzare le cose! Sono iscritta anche io a Facebook, ma per me e’un semplice strumento, neutro, come dice Tony Siino, che uso per comunicare ed interagire con la mia famiglia ed amici in Italia, visto che abito negli Stati Uniti. Ho ritrovato vecchi compagni di scuola e universita’, e certo ci sono quelli con cui non hai mai condiviso un caffe’ che improvvisamente vogliono essere amici, ma questo e’ il male minore. Maria Cubito come al solito ci ha comunicato la sua fresca e carina visione del mondo FB, e condivido la sua suddivisione in categorie dei facebookiani. Ed e’ vero ci sono gli schiffarati, giovani e meno giovani che stanno attaccati ore, ma ci sono anche tante persone che da lavoro, hanno accesso ad internet e prendono una pausa,( si spera non troppo lunga per il loro bene! ) per aggiornarsi su cosa Peppina ha mangiato ieri sera o se Marietto ha postato le foto della festa di compleanno.
      Ora, l’americano che ha fatto causa per essere cancellato dal server, avete mai provato a cancellarvi da qualunque altro account? Il problema si porrebbe comunque, anche perche’ la maggior parte delle volte, NULLA viene veramente cancellato da un computer,anche quando credi di avere “perso tutto”, e’ piu’ che altro la mancata abilita’ del sistema operativo nel trovare il “data” immediatamente, specialmente con i sistemi Windows…E poi non e’ certo Facebook ad avere l’interesse di “schedarci”, sono sicura che tutti sono stati registrati al comune di nascita, possiedono la carta elettronica sanitaria, usano la carta di credito o il bancomat….:)

    50. Non si preoccupi dei tiri a bersaglio sig.ra Cubito, poiché, presumo, lei abbia le spalle larghe, ottenute con anni di allenamento attraverso il nuoto nella melma più nera, per fare rimbalzare i proiettili.
      Tra l’altro ha anche l’appoggio di coloro i quali (meglio quelli che) si iscrivono a facebook perché amano farsi infastidire dai propri amici anche quando costoro sono nuovi amici.
      Credo che come sintassi ci siamo.
      Se non è ancora chiaro… Professorè ce lo spiego con le mani.

    51. Maria, non te la prendere perchè ti leggo sempre volentierissimo, però non ti potevi iscrivere ad un corso di ballo liscio o chessoio invece che a feisbuc??? sai quante ce ne avresti raccontate di divertenti col tuo ochhio acuto! 🙂
      dai retta a tua madre!!
      ciao

    52. Barbara Gitto, non per far polemica, è che questa cosa di facebook proprio non la capisco.
      ma la cara vecchia e-mail che v’ha fatto???
      a me sembra un bel modo per comunicare…

    53. Nat-Roma per me era opportuno precisare e non ti permetto di rivolgerti a me in quei termini. Se tra noi due qui c’è qualcuno che può invitare l’altro a usare l’e-mail quello non sei certo tu. Saluti.

    54. facebook è anche molto utile perchè ti fa ridimensionare parecchio certe opinioni maturate di primo acchitto in una prospettiva un attimino più realistica e quotidiana. e succede anche che quel tipo prezzemoloso che sta dovunque e parla di tutto è in realtà un ragazzotto dinoccolato che se gli levi la tastiera l’hai fatto fuori e quello spessore magicamente si perde nel chiacchiericcio sterile ed estenuante, tipo una bolla di sapone coreografica ma finta. a mio avviso maria appartiene alla categoria di quelle toste e autentiche, invece, quindi ben venga sia l’autrice di questo post divertente ma che dà modo di confrontarsi ( il suo fine ultimo, come dovrebbe sempre essere). e a dirla tutta neanche lancia un sasso e nasconde la mano, interagisce pure! che trasgressiva rosalìoblogger! che gradevole sfacciataggine!
      è chiaro che la mia è un’opinione soggettiva, è chiaro che i cecchini fanno bene quando mirano altrove.

    55. @Stalker: ci faccio un pensierino, magari tango!
      @Totò: si tutto chiaro ora grazie 😉

    56. eh…brava maria! magari tango, anche se non ti conosco ti ci vedo come tanguera!!!
      tranquilla però, non verro mai su faisbuc a romperti i cabasisi facendoti diventare amica mia 😉
      per il resto, io tutti questi cecchini appostati col colpo di precisione in canna, in 56 commenti, non li vedo…moderna strategia della tensione per imitare i mezzi di distrazione di massa????
      magari solo delle critiche su sto facebook che pare very cool, dai rilassatevi….

    57. Maria über alles! Sei sempre troppo toca! 😉
      Grazie per avermi fornito ulteriori argomenti nella mia quotidiana resistenza a Facebook e agli amici che mi atturrano per entrarci!
      ————-
      -Ma come, non sei su Facebook???
      -No, e preferisco non esserci.
      -E picchì?
      -Mi pare una perdita di tempo…e poi sono su Linkedin, che trovo più interessante e utile.
      -Che cosa? LinkIdin? E cos’è???
      -Te lo spiego un’altra volta va’…salutami tutti su Facebook, digli che sto bene!

    58. Comunque è vero. Sta cosa di sparare a zero su chiunque e comunque oramai è uno sport diffusissimo: il lancio della cosa inutile che lo dovrebbero inserire come disciplina all’olimpiadi dei buffoni.

    59. Ma noi non dovevamo farlo il tango Maria?

      A parte gli scherzi, io credo che questo benedetto facebook sia assolutamente neutro, ( non come il sapone! 😉 )!
      Io per mia natura sono davvero lontano da concetti come possono essere questa virtualcommunity, o msn, badoo o altri che ho scoperto da poco. Di mio preferisco il face to face per parlare o rapportarmi con le persone, però devo ammettere che a volte può essere pure divertente andare in questi gruppi.
      Credo che basti essere un pò più accorti per saper fondere diligentemente vita reale e virtuale e fare in modo che l’una aiuti l’altra senza che la invada.
      Anni fa c’era chi demonizzava la radio addorittura, ( parecchi anni fa a dirla tutta ), ed oggi è quasi uno strumento di culto. Dobbiamo ammettere a noi stessi che le “novità” spaventano un pò e si cerca sempre di accusarle di alcuni mali! Tutto sta nell’ imparare dalle esperienze precedenti e gestire bene le cose!
      Io da profano di facebook, me ne sono avvicinato ed ho scoperto pure un mondo interessante fatto da persone che si uniscono per sostenere cause importanti, o gruppi di discussione sulla politica, eventi e accadimenti internazionali! Gruppi come quelli di Amnesty International, Nessuno tocchi caino, addio pizzo etc etc che mettono in contatto persone a volte lontanissime e che probabilmente non avrebbero mai potuto avere la possibilità di incontrarsi in modo reale e dibattere sotto un unico ideale.
      internet e tutto ciò che lo circonda è un ottimo metodo per annullare le distanze sociali ed intellettuali! Basta non abusarne!!

    60. @Ale: Ciccio manca per te…;-)

    61. Concordo! ma se nella vita di tutti i giorni tu per me non esisti, perchè pensi che io voglia interagire con te su “feisbuk”?

    62. Ciao Marì, mi aggiungi per favore?
      ah ahha, babbio, mi dispiace ma non ci stò su feisbuk.
      A dire la verità sono stato molto tentato per ritrovare vecchi amici lasciati al nord ma poi ho pensato: e se mi chiedono i soldi che c’arristavu a dari?

    63. @Maria: per me? io ti avvisato che sono come un bastone di scopa…ma possiamo tentare!!! 😉

      @Danila: probabilmente perchè poi. nell’ abuso di questi strumenti scatta una specie di competizione a chi ha più amici e chi sono questi amici.
      Credo a mio parere, che a volte, nell’ abuso di tali strumenti, tante persone ci vedano un buon surrogato alla loro solitudine. Mi pare che in Giappone tempo facero uno studio su tali fenomeni. Un gruppo di ragazzi che vivevano solo vitualmente!

    64. “Sta cosa di sparare a zero su chiunque e comunque oramai è uno sport diffusissimo”
      @Totò, non ti seguo, ma non è che stai dando fuoco a delle miccie che non hanno nessun innesco?
      Non è che hai sbagliato post?
      Qui mi sembra che c’è chi ritiene facebook utile e chi inutile, chi neutro pensando di avere una testa non neutra o neutralizzata, chi ci cazzeggia allegramente, nessuna guerra di religione!
      casomai un po’ di babbìo su cose spero non fondamentali per il nostro equilibrio psichico, almeno lo spero!

    65. Stalker ti prego di essere rispettosa nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    66. scusa Roasalio, mi spieghi gentilmente a che avrei mancato di rispetto?
      sinceramente non ci arrivo.
      se fossimo in un ufficio il tuo appunto lo chiamerei mobbing.
      cordialità

    67. se qualcuno pensa che gli abbia mancato di rispetto si faccia avanti, in caso me ne scuserò.
      per ora non ne vedo gli estremi.

    68. Stalker
      1 – io penso che tu abbia mancato di rispetto a qualcuno e qui ciò è sufficiente;
      2 – inviami un’e-mail e ti spiegherò (è la prassi; qui sei off-topic);
      3 – non siamo in un ufficio, siamo in casa mia e tu non sembri tenerne conto;
      4 – hai due possibilità: attenerti alle mie indicazioni o ritenerti libera di non commentare;
      5 – una tua ulteriore risposta qui è off-topic;
      6 – rimuoverò ulteriori tuoi commenti off-topic;
      7 – siccome ti ripeto sempre le stesse cose comincio a dubitare non solo della mia capacità di spiegarmi.
      Mi scuso con gli altri lettori per costringerli (mio malgrado) a questi scambi. Saluti.

    69. in quanto commentatore (neanchè più assiduo), non ho alcuna voce in capitolo, ma io tutta questa mancanza di rispetto di Stalker non la vedo.
      Torno su Facebook.
      Saluti ad entrambi.

    70. Calpurnio la vedo io, come vedo che sei off-topic. Sei pregato di rimanere in tema. Grazie.

    71. FACEBOOK ITZ VERI COOOOL

    72. Devo dire però che anche rosalio nn è malaccio quanto a curtigghio e sciarre…hihihihih…certe diatribe inutili sono davvero appassionanti 😀

    73. ti leggo su Rosalio e ti ascolto su RadioTime, non ho resistito alla tentazione di aggiungerti su FB!

    74. Alla larga facebook.. al limite linkedin che ti consente di mettere il tuo curriculum on line.. ma il curtigghio no.
      Preferisco farlo di persona 🙂

    75. fatevi una cxxxa! 😀

    76. Facebook è il riflesso della società là fuori, né più né meno. Le stese tipologie di persone descritte le ho conosciute tutte quante nella vita reale. Tutto qui, senza stupore, né meraviglia. Ciao G+

    77. Facebook e l’ho riconosciuta, nonostante un cappello le coprisse interamente il volto. Un cappello di paglia, quelli che si usano al mare per difendersi dal sole e m’è sembrato d’un tratto di sentirlo addosso quel sole, onde e onde di luce dorata, mitemente ardenti e abbaglianti, mi investivano ed io non potevo fare a meno di socchiudere gli occhi e poi di chiuderli, con un senso profondo di benessere e di quiete. Adesso stavo sopra di lei, sopra quel viso coperto da un cappello. Volevo indugiare un pò prima di toglierlo via, sapevo che sotto c’era la sua bocca, grande e molto carnosa, come ricordavo perfettamente. Pensavo al tempo passato da quando avevo baciato per l’ultima volta quelle labbra. Indugiavo, mi sembrava di sentire un fiato leggero e tranquillo ed un calore di labbra ardenti che riusciva a superare l’ostacolo della paglia. L’avrei baciata e avrei trovato una freschezza sorprendente, al di là di quelle labbra, una neve gelata conservata dentro una terra bruciata dal sole. Ma aprendo gli occhi il cappello non c’era più, c’era Norton con un avviso di abbonamento scaduto.

    78. Ho letto il post di Maria (divertentissimo, come sempre: mi mancavi!).
      Siccome stamattina ho orari “morbidi”, mi sono messo davanti la colazione e mi sono assuppato TUTTI i commenti.
      Non riesco a spiegarmi l’acidità che caratterizza alcuni utenti. La questione mi pare semplice: o usi quel mezzo (perché ti incuriosisce, ti diverte, ti distrae…) o non lo usi.
      Se lo usi, è opportuno parlarne con leggerezza: nessuno ti ha puntato una pistola alla tempia per iscriverti, e comunque potresti decidere un bel giorno di non servirtene più. La tua vita non ne rimarrebbe compromessa e tanto, come diceva più in alto Manuela, tra un anno o poco più non se lo filerà più nessuno.
      Se non lo usi, è saggio astenersi dal parlarne, come in tutti i casi in cui si vuole disquisire di argomenti di cui non si possiede una conoscenza diretta e approfondita. Soprattutto, certi toni irritati mi sembrano veramente fuori luogo, in un periodo in cui -sarete d’accordo con me- abbiamo tutti ben altri problemi.
      Detto questo, “Francesco sta per andare all’università, che è tardi!” 🙂
      tante care cose a tutti!

    79. appoggio il picciotto

    80. mi sono innamorata della ragionevolegga di numeroprimo

    81. io pur essendomi iscritto, ci sarò entrato un paio di volte, ancora non ho capito bene che cosa è e come funziona. Probabilmente perchè sugnu chiù antico ra caminata a pieri. Meglio così. Forse.

    82. Maria, se non ti ci porta Alessandro ti ci porto io a ballare il tango.
      Alessandro, il tango è il ballo adatto per i bastoni di scopa, non ti devi annacare come nel latino americano.
      Andateci, ballare mette allegria e fa bene alla salute.
      Se volete qualche consiglio sulle scuole a Palermo, fatemelo sapere.

    83. @ gerlanda : non ho capito la penultima parola

    84. Virus tranquillo, alla fine come potrei mai dire di no? L’unico ballo che so ballare è il valzer..ricordo del servizio militare!!
      Riuscirò a sciogliere questa mia rigidità data da anni di sport “rigido” e mi sciogliero come una candela che si consuma d’amore!! ( ora divento diabetico con tutta sta dolcezza!! )

    85. io lo uso e tanto, e lo trovo molto utile per ritrovare i vecchi amici che ora vivono lontano e sono ritornata in contatto con loro (E inoltre mi aiutano nell’organizzazione dei viaggi quando vado in posti di cui non conosco la lingua.) e per coltivare le nuove amicizie. Mi è capitato per esempio di uscire conoscere degli amici di amici e grazie a facebook dopo 3 giorni uscivamo già insieme senza bisogno della presenza dell’amico comune.
      E inoltre se cerco compagnia per andare al cinema o un concerto invece di fare 100 telefonate lo scrivo su facebook e risolvo!
      non mi leggo tutte le bacheche e botta e risposta fra gli altri.
      beh in buona sostanza secondo me bisogna vedere come lo si usa….
      un solo problema ignorare quelli che conosci e non vuoi tra gli amici… uno per esempio l’ho già ignorato 7 volte!!! continuerà ancora a richiedere l’amicizia??
      Cris

    86. ditemi come fare ad uscirne io mi sono stufata dopo una settimana…

    87. Isabella….ma sicura di stare bene? Davvero non riesci a cogliere il tono ironico e satirico della faccenda? Dai..io credo che ti bastrebbe accendere la TV e vedere il telegiornale per trovare cose più importanti su cui accanirti! Sono contento che gente come te abbia energia da vendere, ma allora perchè non incanalarla verso cose davvero importanti o in una buona palestra, invece che verso un pezzo che serve solo per farci ridere?
      La satirica è l’esagerazione di un fatto comune ed ordinario per poterci ridere sopra, è questo stato fatto!
      Dove sta il problema? 😉

    88. come tutto,basta saperlo usare con razionalita’…
      Io grazie a facebook ho ritrovato un’amica canadese e una danese,mi ero iscritto principalmente per ritrovare amici di vero sangue palermitano che 10 anni fa abitavano dalle parti del new jersey…speriamo.
      ps continua maria a deliziarci con i tuoi racconti

    89. lo “strumento” Facebook , e l’idea che ne sta alla base(comunicare!) ,mi sembra più che bello(magari aderisco anch’io1)!Tutto sta nell’uso che ,di tale strumento,si fa!! Riflettiamo sulla saggezza della mamma Cubito,che tutti i torti non deve avere!! 😉

    90. Chista è medaglia d’oro sicuro

    91. (“Facebook e l’ho riconosciuta….” = 2 =) A volte però basta solo richiudere gli occhi per continuare a vivere o a sognare un’altra vita ….” Che c’è ? ” mi ha detto all’improvviso. ” Niente, Isabella, ti ho riconosciuta poi mi sono addormentato ed ho sognato di baciarti “. Non rispondeva. Ed allora ho provato a cambiar discorso : ” Ti ho sentito prima. Mi piaceva quello che dicevi, mi piace quello che dici e che pensi ” ” Io sto bene così, voglio solo prendere il sole e stare tranquilla, tu sei un vigliacco, ho capito chi sei e non voglio parlare con te ” Era una voce tranquilla, che arrivava da sotto il cappello, una voce del tutto normale, appena soffocata dalla tesa del cappello. ” Isabella, io e te dobbiamo parlare…. “. Ma era di nuovo scomparsa, c’era un blog adesso con l’immagine di un sentiero con dei grandi massi neri che non permettavano il passaggio. Un cartello sulla destra :” Proprietà privata – Vietato l’accesso “.

    92. maria, mi sa tanto che su sto’ feisbuc girano pure un sacco di squilibrati!!!!
      levaci mano finchè sei in tempo e fatti un bel corso di tango che c’hai già un sacco di cavalieri!!! 😀
      ciao
      stalker

    93. ( “Facebook e l’ho riconosciuta ” = 3 = )Non so come ma ero comunque riuscito a passare e adesso stavo passeggiando lungo quel sentiero. Era tardi, il sole era già tramontato e per lo stretto sentiero non passava quasi nessuno. Appena qualche ragazzo i cui piedi nudi, in quel silenzio, sull’ammattonato, facevano un fastidioso rumore; un paio di fanciulline che camminavano allacciate, chiaccherando con voci garrule e due o tre vecchi signori che portavano a spasso il cane. In fondo c’era un bivio, da un viottolo si staccava un sentiero minore che portava ad un belvedere sospeso sull’abisso. Eccolo il mare, cento o più metri sotto, lo ricordavo palpitante e scintillante al sole. Adesso invece sembrava cambiare colore per colpa del vento. Un colore mai visto: qui marrone lì quasi viola, un mare in tempesta senza onde e le rupi sembravano volarmi incontro, venendo su a frotte, come frecce, con le loro punte nude e velenose.

    94. @Manuelo: potevi farne un post intero…;-)
      @la mia mamma: hai ragione!;-)

    95. ( ” Facebook e l’ho riconosciuta “= 4 fine = )
      Poi più nulla. O meglio solo un messaggio su uno sfondo grigio all’interno di uno schermo bianco. Un messaggio diviso in due. Ed una voce : ” Non andartene prima di aver detto la verità “. Chi è che parla ?. ” Tu non hai la coscienza tranquilla “. Non parlarmi in questo modo, ho solo sognato. ” Solo menzogne, dì la verità qualunque essa sia….”. Avevo di nuovo chiuso gli occhi, non sentivo più niente. La spiaggia adesso era deserta, lei ancora distesa al sole con il volto nascosto dal cappello di paglia. Dipendeva solo da me: ritrovarla o abbandonarla per sempre.

    96. Il senso di Facebook è social marketing, gli sponsor raccolgono informazioni sugli stili di vita degli iscritti ed estraggono significati.

      fonte
      http://www.onemarketing.it/tag/social-marketing/

    97. Affettare il pane col martello non si può. Lo strumento non è neutro, la sua forma ne determina la funzione. “L’evoluzione sociale non serve al popolo se non è preceduta da un’evoluzione di pensiero” e “L’Etica è una vittima incosciente della Storia”.

    98. Manuelo Manuelo! Come vorrei avere un cappello di paglia e le labbra carnose, la tua “onesta polemica” viene soffocata dalla tua poesia.” Mi piace quello che dici e che pensi” chiudi gli occhi e sogna me!

    99. feibuc: antiprivacy per eccellenza

    100. prof. hai ragione!! feisbuc..feisbuc…ormai quando accendo il pc..mi collego a internet e ormai scrivere la parola “facebook” alle mie dita viene come un gesto automatico…ormai è una specie di “dipendenza” anke per me..ma dai!! ho ancora solo 11 anni!!!
      parlando delle tue quattro categorie faccio parte sicuramente di quella delle persone ca pari ca ‘un ci curpano..eh sì come te!!
      anke se io sono il tipo che si iscrive a milioni di guppi, fa milioni di test e diventa fan di milioni di cose, non sono il tipo ke ha 600 amici…
      poi ci sono le persone con cui non ho mai parlato che mi chiedo l’amicizia…me la chiedono perchè sono amici di amici di amici di amici miei. ma daì..quelli mi devono dire perchè io devo accettre la loro richiesta..mhà!poi sono anche amica della mia prod del laboratorio!!!
      comunque prof leggere i suoi post è sempre un piacere…
      a lunedì!

    101. Io avevo un profilo e l’ho cancellato, perché semplicemente un giorno, guardandomi allo specchio, ho detto… ma sei scemo? Preferisco mantenere salda la differenza tra reale e virtuale, quella differenza che il mondo tende a perdere e che i ventenni sembrano aver persa del tutto.

      Amici reali, altro che amici virtuali.

    102. Le potenzialità’ di Facebook sono veramente molteplici e per molti di voi tutte da scoprire.Molti che ne’ passano ne’ cuntanu rilasciano dichiarazioni inerenti la privacy belle confezionate,come se il mondo fosse attento al loro essere.
      Basta fare un uso intelligente dello strumento e non scrivere mai sciocchezze di cui uno debba poi vergognarsi.
      Non da meno succede nei blog,anche se qui ci si pone dietro un Nick.
      Quanta gente e’ costretta a cambiare Nick dopo le tante mala fiura accucchiate?

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Feisbuc, 5.0 out of 5 based on 1 rating