lunedì 21 ago
  • L’ho visto!

    Diego Cammarata esiste, vi giuro: l’ho visto!
    L’altroieri sono stato alla presentazione del nuovo magazine Anteprima, e l’ho visto, era lì!
    L’ho guardato più volte e da diverse angolature: era lui, esiste per davvero.
    È proprio come lo dipingono: sorriso smagliante, capello brizzolato e ondulato. Decisamente in forma, neanche ti verrebbe da pensare che viaggia per i sessanta; e poi non è vero che è così basso.
    Assurdo, io ero arrivato al punto di credere che non esistesse, che fosse un’invenzione, me ne stavo facendo una ragione.
    Nella campagna elettorale del 2007 ci sono stati numerosi “faccia a faccia”: e lui non c’era. All’ultimo Festino, quando il Sindaco sale sopra il carro eccetera: e lui non c’era.
    Al Premio Internazionale Padre Pino Puglisi autorità a valanga: e lui non c’era.
    Alla commemorazione di Libero Grassi, lo scorso 29 agosto, centinaia di persone, pensate c’ero pure io: e lui non c’era.
    Ebbene vuoi che non ti venga il dubbio che non esista nella realtà un Diego Cammarata?
    Ma da ieri le cose stanno diversamente. Tutti coloro che hanno invocato il fato, l’ineluttabile destino, da oggi sappiano che il Sindaco di Palermo esiste, ha un volto, e anche la maggioranza dei voti delle persone che incrociamo ogni giorno per strada.
    L’ho visto, esiste, e per dimostrarlo chiamerò al banco dei testimoni tutti i presenti di quella sera, un po’ di pazienza.

    Ospiti
  • 38 commenti a “L’ho visto!”

    1. Magari non sara` cosi basso ma ha dimostrato di essere un uomo piccolo piccolo…. che vergogna!

    2. Il Sindaco c’è nelle occasioni di “allegria”, in quelle in cui è sicuro di non essere contestato, ecc

    3. Ha un volto abbronzato, ma non è Obama, chi è?

    4. L’ha visto, ma non l’hai toccato, altrimenti ti saresti accorto che era un ologramma!

    5. Per lo meno non ha messo sulle spalle di tutti noi 3 mila LSU.

    6. Al di là delle diverse posizioni politiche e del loro operato, io ricordo il sindaco Orlando, perchè era un sindaco PRESENTE , era il sindaco dei palermitani e coi palermitani parlava. Stava tra la gente. Io, Diego Cammarata, non l’ho mai visto, è il…fantasma dell’opera!

    7. che vuoi Danilo… è un mondo alla rovescia… e il nostro sindaco non è da meno..

    8. Ma Diego Cammarata chi…il sindaco della città più “cool” d’Italia?

      Danilo la penso come te, basta fare un giro nei vari municipi e uffici pubblici per rendersene conto…

    9. @danilo: stai difendendo Cammarata? Trova un argomento valido per difenderlo. Perché col giochino di “quelli di prima”, beh, sai anche gli aragonesi sgozzavano cittadini a caso, i cristiani bruciavano le donne sui roghi, e i fascistelli firmavano leggi razziali e con treni in perfetto orario deportavano.
      Parliamo di adesso, invece, e del sindaco che TU hai votato.
      Disastro.

    10. Sai che ti dico?rispondendo a proposito degli lsu ho fatto il gioco di questo stupido post, che è quello di provocare.

    11. il post non è stupido è semplicemente ironico..e l’ironia non ha niente a che vedere con la stupidità..anzi!

    12. mah, vedo che basta dire qualsiasi sciocchezza per provocare… la verità è che ormai non c’è più niente da dire, perchè la realtà è sterile, prima, dopo, che importa!?! In un deserto non può crescere niente.
      Forse possiamo prendere atto di quello che succede, fare un po’ di pulizia nelle nostre testoline,fare spazio alla chiarezza, chiederci cosa vogliamo per il nostro presente/futuro e prepararci al cambiamento.

    13. Io l’ho visto su un 15 metri l’estate scorse mentre si legeva il giornale e si faceva il bagnetto!!
      Dunque avevo già le prove della sua esistenza!
      Cmq quoto Giuseppe Scuderi…quando non c’è da essere contestati Diegone esce sempre!
      @natural born killer: per par condicio aggiungerei anche che i comunistelli mettevano nei gulag la gente!

    14. ma…stava tra la gente!Ma con che razza di gente stava,
      questo Orlando?E poi,a che serve riesumare fantasmi di un passato che e’ da dimenticare.Fantasmi che hanno sfasciato la vita a tante famiglie palermitane.

    15. Mentre si dibatte……le multe corrono!!! E i soldi per rimborsare i PASS (Illegali!!!!!) li pagheremo noi cittadini!

      Ma voi sapete chi è Cammarata?

    16. @Walter: con il ritmo che hanno già i pass li hanno pagati! Ora stiamo raccogliendo per il rimessaggio della barca di Diego! 😀

    17. Picciotti, ma credete davvero che esista un sindaco Cammarata? Dovete sapere che ad Arcore è presente uno quartier generale con delle apparecchiature sofisticatissime che consentono agli uomini del Cavaliere (Dell’Utri in primis) di controllare a distanza degli eccezionali ologrammi dalle sembianze umane programmati per muoversi, parlare e farsi eleggere dai cittadini a cariche istituzionali. Adesso, con la recente crisi economica al quartier generale devono risparmiare sulle bollette dell’energia elettrica, così di tanto in tanto sono costretti a disattivare gli ologrammi per utilizzarli solo quando è strettamente necessario. La versione 2.0 di Cammarata è comunque un software che presenta alcuni malfunzionamenti. Infatti, oltre che prendere regolarmente per il “cool” i palermitani, così com’era stato programmato all’origine, non di rado sfugge al controllo dei suoi stessi creatori e si materializza all’improvviso alla Cuba e in altri luoghi della movida panormitana, con grande dispendio di energie e ostentata insubordinazione. Pertanto la casa madre alle prossime elezioni lo sostituirà con un modello più evoluto e sofisticato, che ovviamente non mancherà di essere votato con percentuali bulgare dai palermitani.

    18. @beny: sì, così come si potrebbe continuare: gli omosessuali impalati dai preti, i neri impiccati dal ku klux klan, i topi mangiati dai topi.
      MA.tutto.questo.non.c’entra.niente.con.palermo.oggi.
      e col FALLIMENTO assoluto della giunta Cammarata.
      Poi, se il giochino dei torti a VOI GRANDI ELETTORI di Diego vi consola per il DANNO che avete combinato, beh, continuiamolo pure. Talè, riprendo io: la GIUVE si compra gli albitri.
      Solo pena.

    19. L’errore più grande credo sia stato ricandidare Orlando come alternativa a Diego. Il vero cambiamento non può ottenersi con i “vecchi” uomini.
      Ormai le votazioni servono solo ad eleggere quello che crediamo sia il “meno peggio” è tutto ciò è veramente triste.
      L’unica speranza è quella di vedere facce nuove e non solo per la poltrona di sindaco!

    20. @Vincenzo: una sorta di Terminator molto cool! 😀

    21. @natural: per fortuna io mi sono rifiutato di andare a votare per “Diego Sfacelo” o per “Leoluca la primadonna”!!

    22. Ma che bello ricordare Orlando e la sua primavera….a proposito chi ricorda quei lavoratori che ai tempi della sua sindacatura lo hanno accerchiato per fargli i complimenti.
      Picciotti, picciotti guardiamo avanti e cerchiamo di identificare un politico o un personaggio di spessore che possa portare Palermo al ruolo che le spetta per tradizione.
      Palermo Caput Siciliae

    23. Tranquilli, anche Orlando ormai ha allargato gli orizzonti, o meglio, i confini…
      Credo che i prossimi a volersi candidare potrebbero essere Vizzini e Musotto, cioè, …che vento di novità!
      Io preferirei un imprenditore onesto, che si sia dissociato dal pagamento del pizzo, o un uomo di cultura ,(per favore no Sgarbi), o qualche giovane giornalista con le idee molto chiare. Boh? Chi sarà?

    24. Io preferirei un uomo di cultura e affari, palermitano ma che ha vissuto gli ultimi anni all’estero.

    25. si’,ci vorrebbe un emigrato quarantenne di successo,che non abbia avuto contatti almeno da dieci anni con siciliani,che sia disponibile a rientrare e cimentarsi in grandi operazioni di pulizia.

    26. Ci vorrebbe Cofferati!

    27. possibile che nessuno scriva che vorrebbe innanzitutto una persona onesta come sindaco di questa città? o è, forse, sottinteso come concetto….sottinteso…no no, ho sbagliato, sottoterra è la parola adatta!

    28. vuoi mettere i vari premi e santa rosalia con la rivista Anteprima???
      Lui sa quali sono le priorità.

    29. Ho il video di sabato sera x la presetazione della rivista Anteprima e vi confermo che il Sindaco c’è ed esiste

    30. …esiste! non so se dobbiamo essere più contenti adesso che lo sappiamo! sai com’è, occhio che non vede cuore che non duole!

    31. Dopo che avranno sanato il buco enorme dei rimborsi….dove andranno a finire i danè delle multe? Perchè saranno ancora molte 8fonte: 1 amico vigile)!

      Che Paese: senza speranza!

    32. ho visto cose che voi umani non potete immaginare,ho visto una città dove la gente non osava posteggiare in doppia fila,ho visto gente riempire un autobus pagando tutti quanti il biglietto,ho visto strade senza posteggiatori abussivi,ho visto gente che non getta rifiuti per terra o fuori orario,ho visto gente che civilmente esponeva le proprie idee per la propria comunità,ho visto gente che non sparava a zero nonostante tutto…ho visto tutto questo….ma ovvio non mi trovavo a palermo il cervello dei palermitani sa solo vedere le colpe di una amministrazione a loro dire assente,quando forse la è proprio la base che non va….

    33. @ gaia
      essere governati da persone oneste,questo e’ un obiettivo.
      Adesso l’ho scritto in chiaro.
      Ma serve a qualche cosa,scriverlo?
      C’e’ bisogno di scriverlo?
      Come fai a capire che hai votato persone scorrette?
      (scrivere disoneste mi pare un’affermazione forte).
      Servirebbe guardarsi intorno,documentare,scoprire gli altarini,cosa che nessuno fa (o comunque pochissimi fanno).
      E quando li scopri,i disonesti,poi scopri che in galera non ci va nessuno.Come mai?
      E poi,come fai a capire che una persona e’ onesta?
      Ed a metterla in lista,per poi votarla?

    34. Un gruppo di ricercatori precari dell’Università di Palermo allo scopo di mostrare ai cittadini palermitani i propri lavori di ricerca, e i loro effetti sul benessere della comunità, avevano deciso di organizzare,
      insieme ad alcuni ricercatori di Scienze e di Ingegneria due giorni (29 e 30 Novembre) di incontro con la cittadinanza a piazza Politeama. La manifestazione si sarebbe chiamata “La ricerca incontra la città”. E’ stata chiesta l’autorizzazione al comune per potere montare due gazebo, all’interno dei quali effettuare degli esperimenti e appendere i poster. Il sindaco ha negato l’autorizzazione con la motivazione che l’utilizzo della piazza viene concesso solo ad eventi di rilevanza sociale, umanitaria o politica per la cittadinanza, ammettendo di fatto che la ricerca non ha alcuna utilità sociale. Meravigliati e indignati per
      tale risposta i ricercatori si sono immediatamente rivolti al Consiglio Comunale. Il presidente, a cui è stata fatta avere l’istanza, stupito per la risposta negativa, si è impegnato ad attivarsi per concedere tale autorizzazione per il 6 e il 7 Dicembre. Il giorno
      dopo il comune ha rinnovato il rifiuto con la
      medesima motivazione.
      Sabato 29 Novembre, in sostituzione dell’evento previsto, i ricercatori precari sono scesi in piazza per informare la cittadinanza di quanto era successo e per raccogliere con una petizione delle firme da allegare alla domanda di concessione del suolo pubblico. L’indignazione è stata condivisa dai cittadini palermitani, i quali si sono mostrati molto
      interessati alla possibilità di conoscere quali sono le attività dei ricercatori dell’Università della loro città.
      Sono state raccolte 2000 firme, che verranno portate ad un incontro con i consiglieri comunali domani (mercoledì) pomeriggio.
      Forse per il sindaco la ricerca non è abbastanza “cool”

    35. questo lo chiamerei Documento1

    36. e questo allora lo chiamerei Documento2

      Ciao a tutti/e,

      Si è concluso solo alle 4 di stamattina l’ennesimo Consiglio Comunale che ha visto prevalere i metodi di un’amministrazione poco democratica che preferisce approvare in Giunta un provvedimento importante come l’aumento della TARSU, piuttosto che affrontare un’aperta discussione, ignorando anche il dissenso di alcune parti della maggioranza.
      Dopo una estenuante riunione tra l’opposizione, il direttore generale e il ragioniere generale, abbiamo preteso il voto palese sulla richiesta di discutere la mozione che avevo presentato insieme ad altri consiglieri. Volevamo fosse chiaro chi accetta questi metodi e chi no. Il prelievo della mozione è stato negato con 18 voti favorevoli, 23 contrari e 3 astenuti.
      Indecente il comportamento della maggioranza che ha abbandonato l’aula subito dopo la votazione, lasciando il vicesindaco a fare la sua relazione sugli equilibri di bilancio ai soli consiglieri di opposizione.
      Nel cuore della notte ho fatto il tentativo estremo di far discutere la mozione inserendola nell’ordine del giorno, ma anche questo è stato respinto.
      Alcuni consiglieri di maggioranza ci hanno accusato di irresponsabilità nei confronti della cittadinanza perchè volevamo discutere questa assurda ulteriore vessazione prima degli equilibri di bilancio, come se una tassa in più non fosse rilevante per le casse del comune.
      Ritengo invece che siano irresponsabili coloro che decidono della sorte delle famiglie palermitane a colpi di delibere di giunta, senza consentire un aperto confronto nelle sedi previste.
      Mi sembra emblematico che quando un consigliere di opposizione ha posto queste obiezioni con la domanda retorica “a cosa serve che noi stiamo qui?”, dalla maggioranza si sia alzata una voce “a niente”…

      Nonostante l’indignazione, però, abbiamo ottenuto una grande vittoria. La delibera di bilancio è stata approvata con un importante emendamento che, di fatto, sfiducia l’amministrazione Cammarata. Si tratta di una presa d’atto della mancata realizzazione da parte della Giunta degli obiettivi dichiarati.

      Il fallimento dell’operato del nostro sindaco, evidente nelle mille emergenze che vediamo ogni giorno in città, è stato finalmente sancito nelle sedi istituzionali.
      Fabrizio Ferrandelli

    37. Per Beny (e tramite lui per Fabrizio Ferrandelli): speriamo!

    38. sì, purtroppo esiste davvero…

    Lascia un commento (policy dei commenti)