giovedì 17 ago
  • Palermo, città più penultima d’Italia

    Anche quest’anno Il Sole 24 ORE ha stilato la classifica delle province italiane sulla base di una serie di caratteristiche o “dimensioni” che, complessivamente, possono essere riassunte con la voce “qualità della vita”. Sul sito del quotidiano economico più importante del paese, trovo la notizia e comincio a scorrere la graduatoria alla ricerca della città di Palermo. Ovviamente, scarto alla velocità del suono le posizioni che vanno dalla top ten alla cinquantesima, visto che l’anno scorso il capoluogo siciliano era 92mo e non mi sembra che negli ultimi 365 giorni ci siano state delle migliorie degne di nota. Scorro una serie di nomi. Isernia…ah, è una provincia? Benedetta (mia) ignoranza. Supero Nuoro…NUORO!!!! non me ne vogliano gli abitanti di quella cittadina, ma il 60° posto…dico, il 60°, mica il decimo, lo avrei ardito per una città della nostra isola, la maggiore del Mediterraneo, culla della civiltà. E invece…nisba. Proseguiamo il viaggio della “speranza”. 70° posto, Sassari. Evviva la Sardegna. 79° posto, in odore dei bassi fondi, troviamo la più alta delle province sicule. Enna. Supero Messina e, dopo il 90°, le “perle” della Sicilia, Ragusa e Siracusa, il nuovo distretto microimprenditoriale della Trinacria. E, finalmente, giungo a “Little Sicily”. Eccole, sono tutte lì, hanno conquistato tutte le posizioni a tre cifre. Nell’ordine (verso il basso) abbiamo Trapani, Agrigento, Palermo e Caltanissetta. Aspe’, faccio un aggiornamento della pagina. No, nessun errore, nessun cambiamento. Palermo, la città più cool d’Italia, ha perso 9 posizioni rispetto all’anno scorso ed è P E N U L T I M A!!!!! Certo, sarà stata una dura lotta con Caltanissetta su chi dovesse “chiudere” la fila. Alla fine l’ha spuntata il capoluogo nisseno, ma Palermo si è “difesa” dignitosamente. Ma com’è possibile? Ma questi giudici sono veramente così miopi? Eppure tanto è stato fatto per migliorare la qualità della vita nella nostra città.
    Innanzitutto sul fronte della mobilità. Vogliamo parlare della pista ciclabile? Bella, rossa, capillare. Come? I palermitani ci parcheggiano sopra? Vabbè, il Comune sta provvedendo con degli archi gialli e rossi (Roma alééééééé), con tanto di pannello che recita “Pista ciclo-pedonale”, onde scoraggiare gli incivili automobilisti della città. Si, lo so, sono decisamente pochi, ma è sempre un inizio….di questo passo, entro la classifica del 2108, la pista sarà pronta, con la segnaletica in ordine ed il collaudo fatto. Passiamo alla mitologia. Il sottopasso Perpignano. Ma avete visto quanto è bella è utile quest’opera? Come no? Ma nessuno di voi, quando è fermo davanti Max Living butta un’occhiata sul cartellone con il disegno stupendo del sottopasso. Ogni volta che lo guardo, mi riempio di orgoglio e mi passa lo stress per essere incolonnato da circa 15 minuti, in ora non di punta. Ah, a proposito, c’è scritto che la durata dei lavori sarà di due anni, hanno dimenticato a mettere la data d’inizio…ma una svista può capitare a tutti, non vi pare? Ma la lungimiranza della nostra amministrazione non si ferma qui. Abbiamo in vista la metropolitana leggera ed il tram…ah, sì, scusate, dimenticavo il passante ferroviario ed il raddoppio del binario per Punta Raisi. Ma con tutte queste opere qualcuna può sfuggire, no?
    Scrutando la classifica e le varie voci che riporta scopro che Palermo è ultima su Affari e lavoro. Cose da non credere. Con tutto il lavoro che c’è a Palermo. Con tutti i posti di lavoro che vengono distribuiti in occasione di Comunali, Provinciali, Regionali, Circoscrizionali, elezioni del capo condominio….c’è pure chi ha il coraggio di sostenere che a Palermo non c’è lavoro, roba da matti.
    Brutto risultato anche per quanto riguarda il tempo libero. Ma questi ignoranti del Sole 24 ORE hanno mai fatto un giro a Palermo? Cioè, voglio dire, tra Champagneria, via Candelai, Cuba, Il Volo, ben 3 McDonald’s…dico, uno non sa cosa fare prima e loro dicono che non c’è nulla…a occhio e croce sono tutti comunisti.
    Tenore di vita: 98° posto. Ma stiamo scherzando??!!! Ma come, il Comune ha provato ad aiutare le giovani coppie a procreare, spegnendo la luce e creando atmosfera romantica in mezza città, offre da mangiare a tutti, pure ai surci, che possono banchettare nei vari rinfreschi che sorgono come funghi a Palermo, lì dove un tempo s’intravedevano i cassonetti Amia, ha offerto notti estive tranquille agli abitanti della Kalsa, abolendo quella manifestazione chiassosa e inutile che portava orde di giovani palermitani a disturbare la pubblica quiete del centro storico cittadino…e loro che fanno??? Me la piazzano al 98° posto….
    Zitti, zitti tutti. Ho capito. La classifica parla di “Province” e non di città italiane. Ecco la spiegazione. L’entroterra palermitano è una zavorra che trascina nel fondo del fondo anche la nostra città.
    Provincia di Palermo. Aboliamola.

    Palermo
  • 48 commenti a “Palermo, città più penultima d’Italia”

    1. L’importante è non perdere mai il senso dell’umorismo…come fai tu, Alessio!
      E’ l’unica cosa che può salvarci!

    2. si, sarà colpa della provincia 😀

    3. Stiamo sempre a lamentarci della nostra città, ma guai se non fosse così. Il silenzio è morte. Ma c’è una cosa che non tutti riescono a cogliere: la Sicilia sta dimostrando al mondo che la democrazia non funziona, che vi sono in essa falle incolmabili e irreparabili. Ed è tutto da rifare. Anzi, da ripensare. Anche i migliori non sempre hanno un sonetto da offrire, o magari non sempre sono in vena di inventarsi una lingua nazionale, giacchè l’hanno già fatto. Compaesani e non: chi ha orecchi intenda.

    4. Consolatevi; per noi di Caltanissetta “è finita”; siamo ultimi. Già ai tempi della Messa in latino, dalle nostre parti, il prete concludeva: Ite, Nissa est!”.

    5. E Napoli dove si trova ?

    6. e Catania?

    7. secondo me sei comunista come quelli del sole 24 ore.

    8. Bene oggi apro il giornale e leggo: “Affidato incarico, da 324 mila Euro, per l’immagine del comune”. Certo dopo i 12 giornalisti si completa la struttura. Forse ci si prepara ad una nuova campagna. Faranno diventare very cool la munnizza di palermo.
      V E R G O G N A solo vergogna si prova ad essere rappresentati da una combriccola di incompetenti, a cui sono affidate le istituzioni che meriterebbero di essere gestite da da persone valide.

    9. VERGOGNA!!!!!!!!!!

    10. Vi lamentate sempre, costantemente, in continuazione. Vergogna, dite. Amministrazione dimmm…, urlate. Ma poi, votate sempre le stesse persone. I politici vincono con percentuali bulgare a ogni elezione: dalle politiche a quelle dell’amministratore di condominio. Ma voi vi lamentate, sempre.

    11. 324000 euro per l’immagine del comune di palermo????
      VERGOGNA!!!!!!
      Ci sarebbe un’immagine che potremmo regalare al sindaco…
      piazza Pretoria piena di nostre scarpe vecchie che non lanceremo mai… perchè Cammarata da quelle parti non si fa vedere mai!
      VERGOGNA!!!!

    12. ma scusate , se non c’è l’ho diceva Il Sole 24 ORE noi con c’è ne saremmo accorti che Palermo è invivibile e che bisognerebbe fare pulizia in tutti i sensi ? e se principalmente si cerca di cambiare , appunto la ” combriccola di incompetenti ” e aggiungo di deliquenti ?

    13. Lilla prima di scrivere dovresti prenderti come minimo la licenza elementare!

    14. Vi prego di essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    15. Lilla, il tuo commento è bello e coraggioso : hai detto la verità!

    16. Avete visto il servizio della Petyx sull’auto blu (ab)usata dall’esperto del sindaco per la comunicazione? Che vergogna! Che bella “comunicazione”!
      http://www.striscialanotizia.mediaset.it/videogallery/videogallery_petyx.shtml

    17. PALERMO PRESTO COME ATENE…NONOSTANTE LA CENSURA DEI MEDIA

    18. Ho trascorso il natale a Palermo e’sono rimasto veramente amareggiato nel vedere la citta’piena di rifiuti, ma che dico: veramente sporca; ma che fine a fatto il sindaco e la sua giunta di destra, la citta’ va indietro, i servizi sono pessimi, marciapiedi invasi dalla cacca di cani, per camminare con il passeggino ho dovuto fare la gincana, al foro italico il verde e’morto, il centro storico pienissimo di rifiuti, non possiamo permettere che Palermo resti sempre ultima e smettiamola di dare sempre la colpa ai cittadini, acnhe se devono fare la loro parte, ma l’impegno primario e’del comune e le altre istituzioni, devono fare rispettare le regole di civilta’. Una domanda: ma i vigili a Palermo esistono? dove sono imboscati? . Qui a Milano sono severi, fanno rispettare il codice della strada. Sono molto triste, Palermo deve cambiare, cambiare la giunta (di mentalita’ si intende), devono cambiare i palermitani, la citta va amata e rispettata in tutti i sensi. Scusate per le polemiche ma credo di amare Palermo e vederla sempre piu’ bella ma mente gioia. Buon anno a tutti spero senza rifiuti.

    19. Invece di far cassa con provvedimenti tipo la ZTL perchè non si fanno multe a chi crea ovunque nuove discariche?

    20. l’abbonamento Amat mensile da 27 euro a 48, così si aiutano i cittadini che usano l’autobus ; questo sindaco è bravo solo a spremere i Palermitani !

    21. Sono daccordissimo con quello che dice Giuliano,i vigili devono iniziare ad accorgersi che chi guida i motorini sono tutti senza casco, ma dico tutti forse qualcuno che usa l’intelligenza indossa il casco; quelle poche piste ciclabili esistenti sono invase dalle macchine oppure dalla spazzatura di qualche negoziante (esempio in via lincoln), protrei fare tanti atri esempi. Bisogna e lo ripeto far rispettare quelle piccole regole ma necessarie perche’ una citta’cambi. Scusate ancora per le piccole polemiche

    22. sonno d’accordo con fabio, ma, insisto, i vigili devono cominciare dalle macchine in doppia fila, senza pietà alcuna.
      quanto al penultimo posto, io non m’indignerei più di tanto;
      vuol dire che ce lo meritiamo!

    23. prendendo spunto dall’indignazione di fabio che condivido a pieno, domani pubblicherò un articolo di denuncia su http://www.mobilitapalermo.org

    24. c’e’ qualche problema a pubblicare cio’ che scrivo?

    25. Sì Marco, violi la policy dei commenti. Se mi scrivi privatamente (qui sei fuori tema) ti spiego.

    26. Per Rosa, hai ragione sai!! mi vergogno e chiedo scusa , però purtroppo anche chi non ha studiato ha una testa pensante e si indigna alla stessa maniera di chi è colto e ha studiato.

    27. @lilla, credimi, è più grave quando chi ha studiato non ha una testa pensante, anzi…non ce l’ha proprio!
      meglio i contenuti srgammaticati che il vuoto di contenuti messo giù in bella copia.

    28. Brava Lilla, hai dato una lezione di civiltà a Rosa. In quest’ultima materia secondo me sei più portata, continua così. Ciao.

    29. La cosa che mi sconvolge è constatare che la classifica potrebbe anche, diciamo così, essere non obiettiva. Sul serio pensate che a Palermo e negli altri capoluoghi di provincia siciliani si viva peggio che nel resto d’Italia?

    30. Volevo scrivere: “che nessuno constati che la classifica potrebbe anche, diciamo così, essere non obiettiva”. Insomma secondo me qui si gode a farsi sempre dare degli ultimi…

    31. Lilla non ha nulla di cui vergognarti 🙂 Lascia perdere certi commenti che si lasciano, a volte ci si lascia trasportare dal fatto che non si guarda in faccia il proprio interlocutore ed è più facile dire cose pesanti. Hai espresso più che bene la tua idea che condivido pienamente, del resto non ti curar di loro ma guarda e passa!

    32. Niente paura! La città (l’immagine) è salva!!!
      “La Giunta ha approvato il progetto “PalermoLive” proposto da Server studio Srl, per realizzare il format multimediale per promuovere l’immagine della città. Il piano di comunicazione approvato integra in un unico prodotto multimediale un magazine televisivo in dieci puntate, della durata di 15 minuti, la pubblicazione di una rivista periodica trimestrale e un sito internet per la divulgazione dei temi sociali, culturali e turistici dell’Amministrazione comunale. La spesa per l’Amministrazione é di 324 mila euro.”
      (newsletter del Comune di Palermo del 30/12/08)
      Auguri.

    33. Volevo chiedere a Fabio: ma in quale Milano fantascientifica vivi, che la gente rispetta il codice della strada?
      Controlla le statistiche: Milano è una città che campa di multe, ovviamente perché la gente NON rispetta il codice!

    34. Non so voi, ma io avevo capito che qualcosa non funzionava già da un po’ di tempo da un fattore che ritengo determinante: avete notato che le uniche attività “produttive” che vengono inaugurate sono solo centri SNAI, Eurobet e simili? Ormai ce n’è uno “a ogni cantunera”.
      Mi pare che sia la negazione assoluta della “vitalità” di una città.

    35. Non solo della vitalità, Lia, ma addirittura è un attentato alle persone e alle famiglie, qua si incita la gente a giocare e scommettere con l’illusione della vincita che ti risolverà la vita.
      Invece l’unica cosa che ti rimane è il vizio, giornate intere passate dietro le macchinette che a volte sono truccate , famiglie sfasciate, e debiti accumulati.
      Chi permette tutto questo è gente snaturata, ma si sa, alla fine si raccoglie quello che si semina…

    36. Palermo negli ultimi anni è caduta nel baratro, non si investe nella cultura come mostre,spettacoli, concerti etc etc. Si trascura la pulizia delle strade, si sorvola troppo spesso su comportamenti illeciti, non solo del codice della strada ma anche attività abusive ai bordi delle strade.La manutenzione del verde pubblico è praticamente assente e se a questo aggiungiamo gli “scheletri” di palme sparse per le strade della città esce un quadro veramente triste e sconfortante. Ma nonostante tutto io continua ad amare la mia città e a credere nel riscatto di Palermo, non credo che questo sia impossibile basta che tutti, dai cittadini alle istituzioni ai corpi di polizia, facciano il loro dovere, gestendo la cosa pubblica come se fosse un bene personale…in fin dei conti Palermo appartine ai palermitani

    37. @ Valentina: ovviamente hai ragione! Io avevo evitato volutamente giudizi di tipo etico e sociologico per paura di offendere qualcuno dei lettori (che magari passa le proprie giornate dietro le macchinette…); ma le cose stanno esattamente come tu dici.
      Mi ricordo una sera, per ingannare il tempo in attesa dell’orario del cinema, siamo entrati al Bingo del Politeama: uno squallore infinito.
      Per “gioco” abbiamo comprato un paio di cartelle, in meno di due minuti avevamo perso i nostri pochi euro messi in gioco. Ma abbiamo riflettuto sul fatto che c’era gente che stazionava lì da ore, si notava dagli avanzi di caffè, sigarette, bibite sul proprio tavolino. E questo è estremamente triste.
      Buon anno, e speriamo che il 2009 ci porti una ventata di vera vitalità!

    38. e detto da un panormus c’è da crederci…(eheh)!

    39. ho pubblicato un articolo su mobilita palermo…dai commenti sono nate proposte interessanti, chiunque volesse aderire è in benvenuto!

      http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/2008/12/31/i-vigilientita-eteree/

    40. Comunque, vorrei fare delle considerazioni positive, stavolta:
      1° a Palermo c’è Rosalio.
      2° a Palermo abbiamo il mare e il sole
      3° a Palermo c’è l’associazione Antipizzo
      4° a Palermo ci sono tanti giovani di buona volontà
      che aiutano il prossimo
      5° a Palermo c’è voglia di CAMBIAMENTO
      6° a Palermo come in Sicilia si porta avanti un
      discorso sulla pace
      …e spero possiate continuare voi……..BUON ANNO !!!

    41. G-atmo .. la spesa e’ di 324mila euro .. ANNUI… cosi’ e’ scritto ..

    42. :)grazie per l’appoggio.
      E’ vero la classifica potrebbe non essere obiettiva, si sa che viene stilato tenendo conto di parecchie cose, ed evidentemente tante cose non funzionano, la maggior parte delle città sono nelle stesse condizioni,ma palermo mi sta troppo nel cuore per non sentirmi delusa e il menefreghismo di noi palermitani mi delude ancora di più ; forse parlo così perchè mi piacerebbe una svolta in positivo, parlare e sentir parlare sempre bene di palermo ma spero non sia solo un sogno.

    43. @Valentina
      Sul punto 5 ho qualche dubbio a volte, cioè sono sicuro che la grande maggioranza dei palermitani vuole cambiare, solo che nei fatti non lo dimostra.

    44. pigghiativi u sciampagnie e biniti a brinnari mpalermu unni si vivi si manci a e si ….tti

    45. x Calò: finalmente riesco a risponderti!
      Se vai a rivedere il post su Obama, vedrai dai commenti e le espressioni, quanta voglia di cambiamento c’è!ela!
      Il problema secondo me è che non si sa come e dove indirizzarlo!

    46. Abbiamo quello che noi stessi seminiamo…… mea culpa!!!…POVERA BELLA PALERMO…

    47. La tua satira è giustissima, ma secondo me i giornali sbagliano sai ? Cammarata non è neppure convinto che i sondaggi dicono che sia penultima. Ha ragione in un certo senso a dire che i sondaggi si sbagliano, sapete ?

      Infatti è ULTIMA !

      Ecco la mia prosa.
      O la si rende viva a colpi di cantieri, o la si abbatte a colpi di bombe con una ipotetica testata atomica da 10 megatoni a fusione termonucleare, SE PREFERITE! Se foste in un film ed uno zombie (un vostro caro parente che cammina da morto spiritualmente) vi viene incontro per sbranarvi sono convinto che la soluzione giusta è quella di spappolargli il cranio con un mazzuolatore (Mauler), tanto era già morto.

      Eppure Palermo è sempre “viva” nonostante “muore”.
      Già, come un morto vivente che minaccia gli abitanti vivi di atroci sofferenze subito prima della morte e gli effetti sono contagiosi !
      Ma a Palermo le sofferenze sono croniche e hai tutta una vita davanti per viverle o godertele prima di passare a miglior vita (o agli inferi se hai rubato, rapinato, spacciato, chiesto il pizzo, etc.).

      La soluzione ci sta eccome: Abandon Area !
      Evacuate la città; ora già si vede ad occhio nudo che il numero di abitanti è diminuito (e con esso un po anche i disagi) perchè c’è chi deve trovare lavoro oppure si è rotto le scatole dei disagi e disservizi oppure vuole farsi delle vacanze lontano dal traffico e dallo smog, disagi che non vengono ripagati neppure con la mobilità degli insufficienti trasporti pubblici. E sono sempre i migliori quelli che se ne vanno…

      Tutti piangono, ride solo lui: Mr. Diego Sorriso.

    48. Sarà una maledizione?

    Lascia un commento (policy dei commenti)