martedì 21 nov
  • 16 commenti a “Creatività”

    1. […]”Le volgari reazioni ed accuse di Vittorio Sgarbi alle nostre parole sull’iniziativa del suo assessore, Oliviero Toscani, di registrare il marchio M.A.F.I.A., suscitano in noi l’indifferenza e la compassione che un simile personaggio merita. Sgarbi, come di consueto, sproloquia con la sua solita volgarità di argomenti che non è in grado di comprendere.[…]

    2. A me sembra volgare la polemica.

    3. Ancora una volta Sgarbi mostra tutta la sua ignoranza e la sua arroganza: parlando di “professionisti dell’antimafia”, Sciascia si riferiva maldestramente proprio a Paolo Borsellino alla cui moglie ha offerto la cittadinanza ordinaria. E solo gli ignoranti possono essere ammaliati dal suo eloquio da strapazzo.

    4. A me sembra un volgare acronimo.

    5. guarda che Sciascia con “i professionisti dell’antimafia” si riferiva se ricordo bene a LEOLUCA ORLANDO, che Falcone anche accusava di spettacolarizzare sull’antimafia.
      Tuttavia, credo che adesso accusare un grande come Sciascia sia fuori luogo, io sono d’accordo con le sue espressioni, e non sono certo mai stato contro Borsellino, tutt’altro,è uno dei veri pochi eroi rispetto ad altri approfittatori.

    6. Ma quanto è “CREATIVO” il nostro caro sindaco “SALAMINO” 😀

    7. un’altra cosa: Sciascia con Borsellino si riconciliò e anche la vedova disse anni dopo che “Sciascia aveva capito tutto molto prima”, quindi il vero attacco era e rimaneva a Leoluca Orlando.

    8. Il problema qui alla fine non è mica Sciascia (ci mancherebbe altro) ma una becera trovata nata già con un sapore stantìo (caro Toscani ma lo sa quanti altri “creativi” hanno voluto coniare un marchio con la parola MAFIA prima di lei? Francamente noi siciliani ne abbiamo piene le tasche) e che aveva, fin dall’inizio solo lo scopo, come dicono a Milano, “di fare scrusciu”. L’impressione è quella di uno che è arrivato tardi ai saldi della creatività e ha preso quello che era rimasto…

    9. non saprei giuseppe…sembra che da qualunque altro punto di vista CINEMA, TEATRO, MUSICA, ARTE l’argomento Mafia non sia solo all’ordine del giorno in Sicilia, ma sia quasi obbligatorio, anche sfiorarlo, altrimenti quello che si fa “non attira”…io sarei il primo a non volere quello che ho appena detto, e mica difendo la scelta di Toscani, semplicemente mi sembra purtroppo continuo a una linea di condotta che non smette…

    10. la verità è comunque che l’antimafia è diventata ormai una professione per molti che all’ombra di iniziative anche lodevoli (vedi addiopizzo, ecc..) trovano modo per lucrare.

    11. Tutto cominciò con quella frase sui lenzuoli bianchi stesi: “per non dimenticare”, ma ora, con tutto questo dire, pro o contro che sia, stiamo solo rischiando di dimostrare. e aggiungo “pericolosamente”, che comunque NON SAPPIAMO FARE A MENO DELLA MAFIA”. Della serie: nel bene e nel male, purchè se ne parli…

    12. sono combattuto nel giudicare l’operato di Sgarbi, che tanto mi piace quando parla di quadri ed opere d’arte, tanto poco mi piace quando parla d’altro, soprattutto per i toni.
      Pero’, per quanto riguarda il marchio registrato da Toscani… mi chiedo come sarà mai usato questo “marchio” che anche senza essere mai stato registrato, sempre marchio era.

      Un paio di jeans “M.A.F.I.A.”?
      Un evento organizzato da M.A.F.I.A.?
      Un centro culturale voluto da M.A.F.I.A.?

      Personalmente mi oppongo e concordo con “tere” …della serie nel bene e nel male, purchè se ne parli.

    13. ah, il marchio M.A.F.I.A. no e tutte le serie tv da “La piovra ” a “Il capo dei capi ” si??? Non adoro Sgarbi, ma trovo alcune sue provocazioni interessanti, e ben venga anche Toscani. Affermo che sono nipote di una vittima innocente della mafia, rimasto ucciso anni fa in una sparatoria in luogo pubblico, e non vedo di che indignarmi se non dell’ignoranza generale che degenera in inutili polemiche.

    14. twister .. concordo con ciò che dici specie non ho compreso la replica de “il capo dei capi” … ma da qualche parte anche comincerei. il marchio mafia, però, fino ad ora, era soltanto infamante…
      Non discuto sulla cittadinanza o altro. Ma soltanto sulla scelta del marchio.

    15. si, sicuramente sto’ marchio stona, sono scelte estreme di un artista estremo per così dire, anzi direi che non è stata un’idea felice per niente, e penso che commercialmente e strategicamente gli si ritorcerà…
      però comincio a sorridere per quelli che danno addosso a una scemenza simile…ma indignatevi con altro, con i professionisti dell’antimafia!

    16. Sgarbi e Toscani hanno sortito l’effetto sperato: si è parlato di loro e di Salemi. Non credo proprio importi loro né della mafia né dell’antimafia.
      Sulla polemica relativa al fatto che ormai non c’è occasione in cui non si parli della mafia (in tv, sui giornali, nei convegni), non mi allarmerei troppo. Non vorremo mica tornare a venti o trenta anni fa, quando non si parlava affatto della mafia, nonostante la sua presenza ingombrante fosse sotto gli occhi di tutti, e si arrivava a dire che la mafia non esisteva?
      Bisogna parlare della mafia, il più possibile, ma sempre e solo alla scopo di sminuirla e screditarla agli occhi di tutti, soprattutto dei più giovani, che devono poter crescere avendo ben chiara l’idea che la mafia purtroppo esiste ma è un male da condannare nel modo più assoluto.

    Lascia un commento (policy dei commenti)