domenica 19 nov
  • “Pruvulazz”, l’inno dei fuori sede

    L’eclettico Luca Di Garbo, castelbuonese adesso in Canada a cercare fortune, ha confezionato una canzone che si candida a diventare un vero e proprio inno per gli studenti fuori sede a Palermo: Pruvulazz. Vi riconoscete? 🙂

    Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

    Pulizzia na sta casa un ci nn’é
    E u pruvulazzu arriva unni ié-jjè
    Nn’am-a ddari na bella rrigulata
    Scanci i babbiari, damiccilla na scupata!

    C’è u bagnu na ddra porta a destra
    Cocchi vvota rapiemila ssa finescia
    Pp’un parrari di ddri cosi di lavari
    No ogni misi ma ogni iournu l’amu a ffari

    Avissi a lavari
    Avissi a pulizziari
    Ma un fazzu a casalinga
    ia vinni pi studiari
    A munizza di ittari
    E nterra s’a scupari
    Ia chistu un lu fazzu…

    E studii nnô pruvulazz
    No pruvulazzu sguazz
    Studii nnô pruvulazz
    No pruvulazzu sguazz

    I pusati sunu tutti di lavari
    Mu vo diri tu com’è camu a manciari
    E ddra spugna mancu sacciu unni finivi
    E avi un annu c’ôn accattu u detersivi

    I mattonelli canciari di culuri
    Erani bianchi ora su marrò oscuri
    Nna ssa casa nun c’è nuddru ca si sbrazza
    Puri in terra pulizziamu ca sputazza

    Palermo
  • 13 commenti a ““Pruvulazz”, l’inno dei fuori sede”

    1. Questo è il frutto dello studio!?!?! eheheh!!
      Troppo carina..da fare ascoltare a tutti i fuori sede!!!

    2. …Bè, proprio fedele-fedele il quadretto!! Anche se le mie colleghe erano troppo duci!! =)

    3. senza parlare degli obblighi assolutamente allucinanti per un siciliano della raccolta differenziata.. persino nei comuni dell’hinterland milanese devi distinguere tra: carta, cartone (è diverso…), lattine, vetro, plastica, umido, pile, farmaci, sacco nero..

      Cammarata, non dico che a Palermo dobbiamo diventare così verdi, però…

      lucio

    4. “Persino nei comuni dell’hinterland milanese devi distinguere tra: carta, cartone (è diverso…), lattine, vetro, plastica, umido, pile, farmaci, sacco nero..”

      Anche a Castelbuono, il paese di Luca, già si fa in questo modo..

    5. Ma vorresti paragonare Palermo a Castelbuono? Castelbuono è troppo avanti!!!

    6. molto banale…

    7. @Amelia: Castelbuono è avanti e tu sei SCHIFOSAMENTE di parte!!!! ;9
      Bravo Luca cmq…lo sai che prima o poi ti scoppiamo posto casa vero a Toronto?

    8. ops…ho aggiunto un a toronto nel posto sbagliato 😀

    9. A Castelbuono fanno la differenziata con gli asinelli,a Palermo invece l’asino l’avemu rintra u municipio.
      Saluti da un palermitano in Irlanda,ancora per un mese!

    10. sono tropo di parte per commentare, ma credo che le parole rappresentano non solo l’inno dei fuori sede che studiamo, ma anche di quelli, per un motivo o per un altro vivono fuori casa. Che siamo 1 100 1000 km non importa, il problema è sempre quotidiano.
      saluti

    11. @ alessandro
      buanu buanu che risate!!! :o)

    12. ahaah!!bellissima davevro!un genio chi l’ha scritta!

    13. ahaah!!ragazzi troppo studio fa male, io l’ho semrpe detto!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

"Pruvulazz", l'inno dei fuori sede, 5.0 out of 5 based on 2 ratings