mercoledì 18 ott
  • Cammarata non fa la querela per l’Amia e le opposizioni occupano l’aula

    Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha deciso di non sporgere querela nei confronti degli ex dirigenti dell’Amia indagati dalla procura per falso in bilancio. Cammarata ha detto: «Non ritengo che vi siano i presupposti per presentare querela, ho consultato l’ufficio legale che sulla vicenda mi ha fornito un parere articolato e circostanziato. La decisione è frutto di un mio convincimento, assunta nella responsabilità della mia funzione e non si discosta comunque dalle indicazioni del parere. […] È mia ferma opinione che la mancata presentazione della querela non sia né ostativa all’accertamento di un eventuale danno patrimoniale né alla tutela dell’amministrazione, qualora il danno vi fosse. […] Sono cresciuto nella consapevolezza della tutela della legalità e su questo fronte non ho niente da imparare da suggeritori occulti o palesi».

    Ieri mattina al Consiglio comunale doveva tenersi una seduta dedicata al deficit dell’Amia ma la maggioranza ha fatto mancare il numero legale. Le opposizioni hanno occupato l’aula consiliare e hanno collocato nei banchi vuoti della maggioranza manichini di cartone con nastro adesivo sulla bocca.

    Palermo
  • 79 commenti a “Cammarata non fa la querela per l’Amia e le opposizioni occupano l’aula”

    1. SI COMMENTA DA SOLO…

    2. Se dei consiglieri comunali fanno un esposto alla Corte Dei Conti per danno erariale nei confronti del comune x la questione amia (si sente in giro), la figura istituzionale del sindaco e le relative responsabilità entrano nuovamente in gioco in un eventuale procedimento amministrativo che la Corte Conti potrebbe avviare?

    3. Io sono di destra ma adesso è troppo, veramente uno schifo. Mi pento della mia scelta!! Da oggi si cambia giuro!

    4. Anche sul mio blog personale mi sono dedicato ieri alla vicenda (ed anch’io sono un elettore di destra). Ecco l’incipit:

      “Io, cittadino ed elettore, voto un consigliere comunale affinché sia presente in aula per fare il suo dovere di rappresentante. Opto per un sindaco anziché un altro affinché persegua non tanto il bene mio o di chi mi sta accanto ma il bene comune, col compito di amministrare al meglio la città in cui vivo (Palermo)”.

      Ed ho concluso così:

      “In poche parole: anziché affrontare il problema (per risolverlo e chiarirlo), si è preferito eliminarlo, senza trattarlo”.

      Morale della favola: Palermo ha bisogno di un nuovo sindaco, di una nuova giunta e di un nuovo consiglio comunale. La mia critica e degli altri che hanno il mio medesimo orientamento politico è un palese sintomo del fatto che la nostra città ha il diritto di essere amministrata così come si deve, non contenti assolutamente di ciò che è stato fatto negli ultimi anni.

    5. mi siddia pure scrivere…sono parole buttate nel cassonetto (per rimanre in tema…
      Scrivo soltanto quello che provo

      V-E-R-G-O-G-N-A!!

    6. Carissimi, il nostro ha fatto la migliore scelta possibile (per lui). Secondo voi per quale motivo si sarebbe dovuto cacciare nei guai da solo ?

    7. antonio lo nardo
      vero, infatti tutti i colpevoli dicono sempre di essere… innocenti !

    8. @ Giannò. Non ho nulla da ridire sul fatto che sei di destra. La rotta di un mezzo di trasporto così come di una società richiede continui aggiustamenti onde per cui destra e a sinistra sono alternativamente necessarie. Quel che mi lascia perplesso è il tuo, il vostro distacco (di chi lo ha votato e ora scrive il suo dissenso) da questo sindaco in questa particolare circostanza. Ciò mi sembra inspiegabile: cosa è cambiato nel suo ensamble politico e nel di lui comportamento talché tu senta il bisogno di scrivere ciò che hai scritto? Ciò che a me risultava evidente 10 anni fa è evidente anche adesso, da un seme di pera non nasce una mela, nelle premesse ci sono le conseguenze.

    9. Cammarata ha dato per l’ennesima volta la conferma di essere tra i peggiori sindaci che questa città ha avuto.
      Evidentemente, sapeva che insieme ai vertici AMIA, affondava pure lui.
      V E R G O G N A

    10. ensamble: rectius ensemble 🙂

    11. @Don Juan: Io posso parlare per me e non per gli altri, ovviamente. Come ben sa chi mi conosce, io ho appoggiato Cammarata sul web durante la fase della campagna elettorale. Ciò non significa che poi si debba accettare tutto in toto, perché non cammino di certo coi paraocchi, ma vivo di mente propria. La mia invettiva non deriva solo dalla questione Amia, ma da un insieme di decisioni e di non decisioni di questi anni. Ztl, ad esempio; ma anche la poca attenzione in problemi di cui mi sono occupato (come il pizzo dei posteggiatori abusivi – e si sono svegliati solo ora); ecc. Il problema non è tutto da concentrarsi solo su Cammarata (che è pur sempre il fulcro dell’amministrazione cittadina), ma sul resto della compagnia. E’ inammissibile l’errore commesso in relazione ai pass (com’è che nessuno si è accorto del problema che ha condotto al loro annullamento. Risposta? Incompetenza). Essere di destra o di sinistra non dovrebbe compromettere il livello dell’obiettività.

      Sono convinto, inoltre, che lo stesso Cammarata sia stanco di fare il sindaco (mio parere personale).

    12. Walter Giannò, condivido in pieno il tuo dire !
      @Paola, spiegati meglio !

    13. Direi ce il sindaco ha ampliamento dmostrato da che parte sta! Qui non è più una questione di destra o di sinistra, ma solo di buon senso e volere bene alla proria città. Palermitani possiamo ancora permettere questio scempio?

    14. @Giannò. Fa onore la capacità di distinzione e l’obiettività ma io non discuto di ciò e pur rivolgendomi a te ragiono più in astratto. Quel che non mi spiego è l’aspettarsi di raccogliere mele dall’albero di pere, l’incapacità di inferire le conseguenze dalle premesse senza attendere le evidenze, per esempio che nel termovalorizzatore si brucino rifiuti tossici perché conviene a tutti quelli che lo gestiscono (caso Colleferro) ed è riguardo a ciò che non ho avuto risposta.

    15. @ Walter Giannò
      Le tue parole meritano rispetto, tanto più che provengono da chi, appartenendo all’area del centro-destra, dimostra di “non camminare di certo coi paraocchi, ma vive di mente propria”.
      E’ palese a tutti i rosaliani che hanno seguito la vicenda AMIA e l’hanno variamente commentata in questi giorni lo stridore delle tue parole con il comportamento tenuto su questo blog, in particolare, da un esponente del centro-destra, l’avvocato Michele Pivetti.
      Concludo con le tue parole: “essere di destra o di sinistra non dovrebbe compromettere il livello dell’obiettività.”

    16. CVD – Come Volevasi Dimostrare. Grande sindaco e grande amministrazione. E noi paghiamo la Tarsu più alta d’Italia!

    17. …CHE DIRE…NON SI CONO PAROLE PER DESCRIVERE QUESTA VICENDA…MA TANTO COME AL SOLITO NON CAMBIERA’ ASSOLUTAMENTE NULLA…CAMMARATA CONTINUERA’ AD AMMINISTRARE (DISTRUGGENDOLA) INDISTURBATO QUESTA CITTA’ TRA UNA PARTITA AL CIRCOLO DEL TENNIS ED UNA CENA IN ALLEGRIA AL TRIBECA O ALLA CUBA…DEL RESTO COSA E’ SUCCESSO?!?…..

    18. cosa aspettarsi da gente che non ha nessuna dimestichezza con le regole democratiche che differenziano la civilta dall’inciviltà?
      del resto il suo capo S.B. insegna e i piccoli peones crescono.
      l’ultima che si è inventato sui pianisti è sconcertante
      questa è la classe politica che abbiamo, ma che abbiamo fatto di male?
      http://www.corriere.it/politica/09_marzo_10/berlusconi_regolamenti_parlamentari_dfbcf906-0d8f-11de-82af-00144f02aabc.shtml

    19. Isaia, penso che anche Cam se la rida, è sempre stato troppo tranquillo perchè sa di avere la copertura politica ; e poi lo conosci il detto : chi è causa del suo mal pianga se stesso ?

    20. E’ stupefacente che ancora ci si stupisca dei comportamenti di queste amministrazioni che si ripetono nel condurre allo sfascio le Istituzioni che rappresentano
      conquistando comunque successi elettorali incomprensibili.
      Stupisce altresì il vasto numero di illusi che si auguravano un sussulto di orgoglio,magari dovuto all’avvicinarsi dell’ora legale.Rimpiangeremo Lima e Ciancimino,vera espressione democratica del territorio.

    21. Stalker,loro dicono che già in Francia lo fanno, e la Francia è un paese democratico…

      Stalker,hai ragione , ma cosa abbiamo fatto di male ?

    22. vergognoso!!

    23. @W.Giannò. Spiego meglio i concetti di inferenza delle conseguenze a partire dalle premesse e di creazione del consenso grazie all’alterazione del senso prendendo ad esempio la vicenda del termovalorizzatore di Colleferro perché di munnizza stiamo trattando e un rischio del genere grava letteralmente sulla nostra testa. La normativa europee pone il trattamento termico al termine del ciclo di smaltimento dei rifiuti e inoltre menziona solo l’inceneritore (c’è una precisa ragione) e non il termovalorizzatore. A causa della prima premessa, all’inceneritore dovrebbero essere conferiti rifiuti poco pregiati dal punto di vista termico in quanto i materiali pericolosi (plastiche per esempio) o riutilizzabili dovrebbero essere separati a monte o recuperati, mentre per la seconda premessa l’inceneritore è una macchina antieconomica dal punto di vista termico. Allora in Italia cambiano il senso e adottano il termovalorizzatore cioè un inceneritore con recupero energetico (non è vietato dalla UE) e per sostenerlo creano una legge ad hoc per far rientrare queste macchine nel CIP6, cioè la classe dei dispositivi che funzionano con energie rinnovabili, anche se ciò è in contrasto con le direttive europee. Creando una modifica del senso si crea un consenso: chi è che vuole la munnizza sotto casa quando la possiamo bruciare per creare corrente elettrica? Per sviluppare la potenza necessaria a rendere remunerativa l’attività è necessario bruciare rifiuti pregiati dal punto di vista calorifico, altrimenti l’impianto funziona in perdita perché se non produce energia elettrica non recupera tramite incentivi CIP6, però questi sono anche i rifiuti più pericolosi oppure facilmente riciclabili. In Europa tassano la termovalorizzazione dei rifiuti, in Italia questa tecnologia è incentivata e grava sulla bolletta dell’energia elettrica. Se la premessa è che degli imprenditori convincono dei politici riguardo alla bontà delle soluzioni proposte (hai visto quanto poca cenere resta dentro il camino dopo che ci bruci legna per tutta la sera?) e se quei politici modificano il senso di un concetto per rendere conveniente a pochi ed desiderabile per molti l’impiego di quella tecnologia, la conseguenza è che i politici raccolgono consenso elettorale da parte di chi è mediamente informato o disinformato ma non vuole munnizza tra i piedi, gli amministratori pubblici risolvono in modo spiccio un problema altrimenti complesso quale è lo smaltimento dei rifiuti, e chi gestisce l’impianto fa di tutto per trarne profitto, anche ciò che non è lecito anzi è dannoso per la salute dei cittadini.

    24. cammarata non querela?
      ok, fin qui niente sorprese.
      E adesso che succede?

    25. Un sostegno ai Consiglieri di centrosinistra per quanto stanno facendo nonostante il nostro colpevole disinteresse. Vi ricordo che lottano per noi e per realizzare una Palermo migliore, più libera, giusta e solidale.
      Un abbraccio particolare ad Antonella Monastra.
      ws

    26. Vi invito a partecipare numerosi all’assemblea che terremo domani a Sala delle Lapidi a palazzo delle Aquile sul tema AMIA.
      vi anticipo che ri-presenteremo alla prima seduta utile come centrosinistra la mozione in cui chiederemo -stavolta a M. Caruso il nuovo Presidente AMIA-, di querelare gli ex vertici per gli anni incriminati…

      Davide Faraone

    27. Faraone ti meriti una pernacchia lunga e rumorosa, sei quello che ha dichiarato 5 giorni fa che i lavori del raddoppio del passante ferroviario non sono mai partiti… 🙂 fattelo ogni tanto un giro in città

    28. @Werner
      Si proprio così. Puoi dire ai signori che “vogliono una realizzare una Palermo migliore” di levare le loro macchine da piazza Bellini? Grazie. E magari di sparare meno balle, tipo quella che i lavori di passante e tram non sono mai iniziati.

    29. Scusate…sono imperdonabile…ho dimenticato gli interessi sul debito dell’AMIA…in 20 anni su 150 ml sono circa 60 ml.Ora potete sommare!
      ws

    30. werner scusa ma perchè mi accusi di avere astio nei confronti del centro sinistra?rileggi quello che ho scritto. Faraone ha dichiarato 5 giorni fa ad Epolis che i lavori sul passante ferroviario e tram non sono ancora partiti quando invece lavorano pure di notte (andate a vedere se non ci credete) da due anni. Che devo fare??? fare finta che non l’ha detto perchè è di centro sinistra???è colpa mia se parla senza sapere???

    31. Luftwasse & Calò, vedo che vi accontentate di molto poco
      anzi del nulla !cos’è un passante, di fronte allo zero mentale di chi ha governato per anni Palermo,del
      degrado e della corruzione dilagante.
      Vi fermate al passante, ma io preferirei farmi tutta la Sicilia a piedi ogni giorno al posto di vedere tutta questa gente di malaffare nella mia città.
      Si vede che non vi è rimasto più niente da commentare ormai !
      Fatevelo voi il giro della città, vah !

    32. @Werner
      Posso ribattere punto su punto senza problemi.
      Non sto difendendo l’amministrazione Cammarata, che ha fatto cose sbagliate e cose giuste(dal punto delle infrastrutture ha fatto meglio di tante altre amministrazioni comunali). Le cavolate fatte in questi otto anni da Cammarata e co in questi anni non sono assolutamente giustificabili. Ma bisogna saper essere obiettivi.
      Il sottopasso di via Perpignano sai perchè è fermo? Perchè l’azienda a cui è stato dato l’appalto ha avuto difficoltà finanziarie. Ora mi vuoi dire che colpe ha l’amministrazione comunale in questo caso? Poche.
      Lo stadio nuovo serve perchè l’attuale impianto pur essendo molto bello, non può ospitare grandi eventi(come gli europei di calcio che porterebbero un sacco di turisti a Palermo)in quanto non è totalmente coperto. In più è dagli anni 90 che è previsto lo smantellamento del secondo anello perchè crea impatto ambientale. Poi lo stadio nuovo lo vuole fare La società del Palermo calcio, che vuole investire trecento milioni euro. Ora tu rifiuteresti un’offerta del genere? assolutamente no. Certo se Zamparini non si sbriga a presentare il progetto sarà dura.
      E comunque se un privato mi dice voglio investire trecento milioni in città, a Palermo, non ci metto un secondo e dico subito si. Siccome a Palermo siamo dei fessi…..
      I ponti di Perrault sarebbero stati un vero simbolo di rinascita e invito qualunque amministrazione seguirà questa a riprendere il progetto, perchè un pò di architettura moderna ci vuole.
      Poi pienamente d’accordo sul fatto che l’amministrazione Cammarata è stata un disastro nel gestire le aziende partecipte del comune, che in alcuni casi andrebbero privatizzate come fatto in altre città d’Italia(tipo l’Amat che andrebbe privatizzata come la Gtt di Torino).
      Assunzioni senza motivo a cui hanno partecipato tutti i politici, mica solo quelli destra. Ora mi volete dire che i signori di centro-sinistra non sanno nulla di clientelismo e altro? Mi volete dire questo? mah!! A parte che la storia degli lsu è iniziata con Orlando, e qusto è un fatto, mica è una mia fantasia. La stabilizzazione va fatta, perchè da quanto so c’è una legge regionale che obbliga a fare questo. Se fosse per me li manderei tutti a casa, ma non penso che sia a sinistra sia a destra vogliano fare questo.
      Per finire, il signor Faraone insieme ai suoi amici di sinistra sono gli ultimi che mi possono a venire a fare la morale. Per il c… non mi faccio prendere più. tantomeno da chi distrugge una piazza trasformandola in parcheggio privato.

    33. @Valentina
      Che ci sia degrado e corruzione mi dispiace. Ma una grande opera come il passante ferroviario ti cambia una città. Che vi piaccia o no sono le grandi opere a cambiare la città. Anzì ringrazio il vecchio governo di sinistra che ha finanziato l’opera.
      Poi se vuoi vedere tutto nero è un altro discorso. Non ci posso fare nulla

    34. Quoto Werner e luftwaffe in merito le dichiarazioni (palesemente infondate e senza riscontro con la realtà) del Consigliere Faraone fatte su Epolis in cui parlava addirittura di realizzazione a rischio del tram(fra poco comincerà la posa binari), passante a rilento (fesserie, lavori a pieno ritmo!) e anello ferroviario intoppato (strano, appalto aggiudicato definitivamente circa 15gg fa).
      C’è anche da rabbrividire quando Alberto Campagna vuol far revocare i pass per le corsie preferenziali alle auto del car-sharing.Immaginate la sua vergogna nel vedere un privato camminarci dentro e lui no!

    35. Scusa valentina, non parlerò mai più male di un esponente del centro sinistra, così sei contenta. Faraone può anche dire che al politeama c’è la torre eiffel ma essendo un esponente del centro sinistra devo sorvolare sul fatto che questo non sia vero. “Se vuoi parlare di loro parlane bene, altrimenti non ne parlare affatto”; Stalin approva la tua condotta di sicuro.

    36. @Calò
      ottimo il contraddittorio dopo aver “cancellato le prove”. In merito a quanto scrivi, esistono responsabilità oggettive che nessuno potrà riuscire a nascondere: se un appalto non parte la colpa è di chi non lo ha saputo bandire, giusto per dirti la prima che mi ricordo. Per il resto solo annunci.
      complimenti!
      ws

    37. Luftwaffe, esagerato, collegarmi a Stalin, scusa ma chi è?
      Calò, attento, non è che non mi interessino le grandi opere o le piccole infrastrutture così necessarie, ma in questo momento mi pare superfluo attaccarsi al pelo, perchè l’argomento di cui si tratta è molto importante , qui si parla del BUCO di Palermo, anzi della GRANDE VORAGINE in cui siamo caduti tutti, e sottolineo TUTTI.

      Per il resto, che ci sia sempre chiarezza e verità sull’operato di tutti, appunto, ma ogni cosa a suo tempo, anzi, al suo post.

    38. Farei una distinzione tra semplice elettore e sponsor di politici. W. Gianno’ é uno sponsor, quindi altrettanto colpevole. Se non ha riflettuto a questo elemento evidente lo invito a farlo, poiché ora si sta lamentando come un “normale” cittadino elettore.
      A Palermo la politica vera non esiste, e questo si é capito, ma esistono uomini in cerca di sistemazione che usano la politica come opportunità di impiego.
      Non ci resta che sperare che per future elezioni il Signor Gianno’ abbia il talento necessario per scoprire e quindi sponsorizzarci un candidato che ALMENO UN POCO interpreti l’attività politica per quella che é realmente. Altrimenti il Signor Gianno’ sarà di nuovo complice dei danni fatti alla comunità palermitana da candidati pseudo-politici.

    39. Risposta alla domanda di Stefania Petyx: “E adesso che succede?”
      Adesso succede che mi sento autorizzato a non pagare la TARSU! Il Comune è azionista dell’AMIA? Io sono azionista del Comune!
      Ma soprattutto non intendo pagare una tassa (alla quale, ricordiamo, deve corrispondere un servizio) per un servizio inesistente! AndreA dixit A.D. MMIX

    40. Invito inoltre Rosalio a moderare i commenti in cui si diffama un commentatore per le idee espresse.

      Saluti.

    41. @Gigi.

      Io non sono uno “sponsor”. E’ un’accusa che mando al mittente. Aver fatto partecipazione politica attiva, non significa essere un mezzo per fare pubblicità altrui.

      Siamo in democrazia: bisogna rispettare sempre il principio di maggioranza. Non farlo è un comportamento autoritario e antidemocratico.

      Io non ho mai utilizzato l’attività politica per trovare un impiego. Sono stato precario di Wind, ho fatto il giro per i call-center, commesso in qualche libreria di corso vittorio Emanuele. Non ho mai avuto un “posto fisso” in qualche ente. Ed ora mi sto dedicando a ben altro, ad esempio scrivo contro la mafia in una rivista con nome e cognome, e via discorrendo.

      Un elettore non è mai “complice” dei misfatti di chi vota. Non è un reato “fare politica”, non è un reato “esprimere pubblicamente il proprio convincimento politico”.

      Signor Giannò…. Un certo Giovanni Falcone disse ad un certo mafioso che lui non era il “signor Falcone”… vedo che ci sono siciliani che utilizzano il “signor” proprio come loro…

    42. Ecco dalle parole di AndreA il più grande problema: la completa perdita di credibilità e autorità delle istituzioni.
      Con quale coraggio da domani la Finanza potrà presentarsi presso le aziende a confutare la regolarità delle scritture contabili!! Quando nelle aziende pubbliche si fa lo schifo che si vuole e si resta impuniti (o quanto meno c’è la volontà politica di provare a restare impuniti) !!
      Da ridere se non fosse da piangere.
      Massimo rigore con tutti tranne che nei confronti delle istituzioni che dovrebbero dare l’esempio!!!!
      Abbiamo i NOPA, l’ARPA e quant’altro per i privati nel frattempo la città è sommersa dall’immondizia.
      E’ un liberi tutti!!! la gente può sentirsi legittimata a non pagare Tarsu, multe, etc. Perchè il cittadino deve essere ligio e chi ci amministra fa quello che vuole con i soldi pubblici??!!!!!
      Il tutto magari con la ridicola scusante pseudogiuridica che abbiamo dovuto leggere anche su questo blog da parte di legali da….(lasciamo perdere), che – poichè i PM possono sbagliare – è una giustificazione il non intraprendere l’azione penale!!!! Che succederebbe ad applicarlo da domani per tutti.
      Siamo al delirio!!!!

    43. Ho detto fin dall’inizio di questa vicenda che i danneggiati siamo noi utenti, e quindi noi avremmo potuto querelare, cittadinanza contro comune.
      Per quanto riguarda la Tarsu, sono d’accordo a non pagarla più finchè non avranno liberato la città dalla immondizia e dalla sporcizia, e non avranno istituito la raccolta porta a porta della differenziata.
      I TURISTI NON VERRANNO PIU’ IN UNA CITTA’ SPORCA,
      così la vogliono aiutare questa città ?
      con le menzogne e il fetore ?

    44. “Il sottopasso di via Perpignano sai perchè è fermo? Perchè l’azienda a cui è stato dato l’appalto ha avuto difficoltà finanziarie. Ora mi vuoi dire che colpe ha l’amministrazione comunale in questo caso? Poche”

      ?

      Esistono da decenni in Italia delle aziende di investigazione commerciale nazionale ed internazionale che forniscono informazioni sulla solvibilità dei clienti e dei fornitori, sulla capacità di credito e di debito, sull’affidabilità e sulla puntualità storica, lo storico dell’attività, la composizione della compagine sociale e le situazioni a rischio per ciascuno dei soci etc etc etc

    45. Senza Parlare degli annunci sulla metrò automatica.Presto ne faremo un articolo.
      Sono solo chiacchiere.Si, il CIPE ha finanziato una parte dell’opera, ma al momento il progetto preliminare farà ping pong fra uffici regionali e progettista per chissà quanto tempo.Tutto il 2009 sicuramente

    46. torno adesso dall’assemblea cittadina a palazzo delle aquile sulla situazione dell’amia… doveroso partecipare, ma eravamo davvero in pochi (un centinaio), eppure lì mi si diceva che non si era mai vista tanta gente al consiglio comunale di palermo… se qualcuno volesse sapere dove nasce il male oscuro di questa città, qui la risposta….

    47. c’ero anch’io, alla fine dell’assemblea ho raccomandato di non far mancare l’informazione,(qui un’altra risposta ), perchè la gente sappia quello che si fa e
      possa così partecipare e sostenere.

    48. oggi sono andata all’assemblea cittadina, da cittadina.
      non vi conosco e magari non vi ho riconosciuti, ma a parte federico non ho visto altri.

      Rosalio è uno dei pochi luoghi in cui l’attenzione sulla città è alta.
      se nemmeno voi avete sentito la voglia di esserci….siamo messi male

    49. @Stefania, a Palermo ci si lamenta in tanti; ma pochi si lamentano della lamentela stessa.

      @Rosalio: alle 13.02 ho pubblicato il mio post di replica a tale Gigi. Sono le 21.37 ed è ancora in stato di approvazione. Quello delle 13.03 l’ho scritto poco dopo la mia doverosa risposta a chi mi ha accusato di essere uno “sponsor politico”.

    50. Proviamo un’aggregazione? Quanto meno ci si conosce…

    51. werner, forse eravate tutti li ma, non conoscendoci, non ci siamo individuati.
      allora proviamo così: “alzi la mano”..chi oggi era all’assemblea!

    52. Allora, mi sei passata davanti con Federico, credo, nel palco del pubblico. Di certo non passi inosservata!

    53. werner sono contenta di sapere che fossi li, mannagg!!! potevi fermarmi, mi avrebbe fatto piacere!

    54. io ero presente l’altra mattina quando non si è presentato nessuno della maggioranza..oggi stavo arrivando ma poi ho preferito andare alla presentazione del libro sul mistero della morte del giornalista MAURO DE MAURO e….contento di essere andato.qualcuno ha sentito parlare di mister x? e dell’avv.Vito Guarrasi? o.k. off topic!

      Quanto all’AMIA,che succederà? ho la senszione che la cosa andrà avanti ancora…speriamo!
      pequod

    55. Walter Giannò non vedo alcun commento diffamatorio, il canale per comunicare con me non è corretto (puoi usare l’e-mail, qui è off-topic) e ti invito a non ripetere tali affermazioni poiché esiste il reato di calunnia. Saluti.

    56. .. io c’ero!
      Stefania … mannagg .. non ti vitti

    57. Quale diffamazione? Ho scritto una cosa di una semplicità disarmante: chi sponsorizza un politico, specialmente se lo fa servendosi di un supporto mediatico, si deve sentire co-responsabile del comportamento tenuto dallo stesso candidato nell’esercizio delle sue funzioni, non puo’ dopo, quando il candidato eletto farà danni, venire a lamentarsi come se fosse parte danneggiata come qualsiasi cittadino semplice elettore. Deve, invece, assumersi le sue responsabilità per avere sponsorizzato uno che fa danni.
      Mi sembra pure che molti si candidano alle elezioni non per vocazione ma per fare carriera e eventualmente per gusto del potere. Come mi sembra evidente che il galoppino non esercita questo ruolo ingrato e umiliante per filantropia, ma per ottenere in cambio una ricompensa. Lo sponsor puo’ agire anche per convinzioni “ideologiche” (ammesso e non concesso che a Palermo esistano idee politiche e la politica stessa; ovviamente non esistono) ma poi deve assumersi vantaggi e insuccessi.

    58. Il reato di calunnia…

      Pronto ad essere denunciato.

    59. Le idee, politiche e non, fino ad oggi in questo Paese sono (ancora) libere.
      Se sono convinta di una idea politica e faccio “politica attiva” e mi fido di un candidato, sto esercitando un “diritto civico”, che (ancora) in questo Paese è garantito.
      Rimane (ancora) possibile criticare chi ha avuto la fiducia dei cittadini e l’ha tradita con comportamenti e decisione deprecabili. Questo atteggiamento di chi ha tradito la fiducia non rende colpevole chi si è fidato, altrimenti vorrebbe dire che se il marito tradisce la moglie, quest’ultima è colpevole perché se lo è sposato…

    60. ormai credo la cosa vada ben oltre amia, dove
      penalmente l’hanno scampata, ma resta il danno economico…
      Al di la di amia il comune ha ormai ha troppe falle.
      la sensazione è che dopo la festa sia arrivato il momento del conto.
      e non ce li vedo a lavare i piatti!

      @Goku….mannagg!!!

    61. @Stefania: non ti preoccupare.. i piatti li fanno lavare a noi! Li laviamo quando non abbiamo servizi, quando le strade sono un colabrodo, quando le strade sono la buio, quando aumentano la TARSU…tranquilla…infilati i guanti e comincia a stricare!

    62. Walter Giannò non credo che qualcuno abbia intenzione di denunciarti, né che qualcuno ti diffami. Ad ogni modo non è l’argomento del post e ti invito a rimanere in tema. Saluti.

    63. @stefania: tra poco ne vedremo delle belle all’AMAT e alla Sispi…

    64. Calunnia??
      Rosalio fai una cosa va sturiati u codice penale va….

      Giannò è un blogger serio che va rispettato

      all’assemblea cittadine non c’era nessuno o quasi perchè non avete capito che strumentalizzando i problemi della città non si va da nessuna parte. Per questo voi di sinistra siete inesistenti non parlate alla gente andate dietro alle proteste senza proporre niente…ciao ciao

    65. Adele il modo in cui ti rivolgi a me è fuori luogo e rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    66. Gianno’: “Come ben sa chi mi conosce, io ho appoggiato Cammarata sul web durante la fase della campagna elettorale.” Se vuoi giocare con le parole fallo con altri, per me é un gioco stupidino. Tu hai fatto pubblicità usando un mezzo mediatico conosciuto aperto al pubblico e frequentato da molti palermitani, probabilmente l’hai fatto pure in città usando altri mezzi, ma questo non posso affermarlo. Ripeto, chi fa campagna pubblicitaria (non intendo il professionista della comunicazione pagato per farla) garantendo per un candidato non puo’ essere paragonato al semplice elettore che si é fidato di un candidato. Io non lo so se tu ne hai tratto dei benefici, come potrei mai saperlo, ammesso che possa interessarmi? Ho invece esposto con semplicità cose di pubblico dominio che sono per molte persone evidenti, e l’ho fatto senza volermi riferire a qualcuno in particolare, se dovessi essere piu’ preciso e citare casi di mia conoscenza potrei parlare di galoppini abituali che in tempo di elezioni sono agguerriti ma poi tornano alle loro faccende private e quasi non riconoscono piu’ le loro prede elettorali, oppure citare un paio di casi di persone in cerca di impiego che si candidano alle elezioni confondendole per un ufficio di collocamento.
      In ogni caso, se non l’hai capito, ti faccio notare che io ho parlato solo di responsabilità morale, per la quale dovresti scusarti piuttosto che recitare la parte dell’elettore vittima.
      N.B. Signor Gianno’ vuol dire cio’ che é scritto e niente di piu’, i tuoi riferimenti a quel linguaggio da SOTTOCULTURA mafiosa non li capisco, dove sono io adesso (Parigi) se dici una cosa del genere sarebbero indecisi se ritenerla espressione surreale o espressione stupida, perché fuori da quella sottocultura non vuol dire proprio niente. Potrei fare deduzioni e giocare all’offeso o diffamato, ma non me ne frega nulla, tempo perso con i soliti bla bla…

    67. Rosalio neanche io gradisco leggere degli errori su un blog. Voi webmaster dovreste capire che oggi internet è come una nuova televisione e spesso chi legge attribuisce patenti di verità a ciò che legge sul pc.

      Con rifermineto al post invece dico che oramai ne potete/possiamo parlare per decenni tanto la querela non ci fu.

    68. Non c’è alcun errore e non è questo il tema del post. Saluti.

    69. Senza alcuna polemica, giuro, solo per la precisione

      La calunnia è il reato previsto dall’articolo 368 del codice penale italiano, ai sensi del quale:

      “chiunque, con denunzia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all’Autorità giudiziaria o ad un`altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, incolpa di un reato taluno che egli sa innocente, ovvero simula a carico di lui le tracce di un reato, è punito con la reclusione da due a sei anni.”

      Visto che hai parlato di calunnia con Giannò….

      Ritornando al post credo che Amia si risolleverà solo con un adeguato iano industriale che preveda l’ottimizzazione delle competenze e delle poche risorse a disposizione.

    70. Adele appunto. Ti ho già invitata fin troppe volte a rimanere in tema come fai soltanto parzialmente nei commenti.

    71. ‘nkia tutti potenziali sindaci su questo blog!!!
      avete la soluzione per tutto, non mi spiego come mai non siete a capo di una grossa amministrazione.
      Non mi spiego neanche come mai la città di Palermo abbia tutti questi problemi …eppure sembra così facile risolverli!
      Ma che dico risolverli …prevenirli!!!!!

      Detto questo ci tengo a precisare che trovo giustissimo, lecito ed (a livello di senso civico) quasi doveroso sottolineare quello che non va nella nostra città …ma convincersi di avere la medicina per ogni malattia è a dir poco presuntuoso, semplicistico e superficiale.

    72. Scusate, vi è venuta voglia di querele visto che con l’Amia non ci siamo riusciti ?
      Sarebbe il colmo !!!!!!!!1

    73. @adele
      hai ragione all’assemblea cittadina non c’era tantissima gente, ma soprattutto non c’era il sindaco che, chiamato in causa, farebbe bene a presentarsi a rispondere alle domande dei suoi concittadini, come succede in qualsiasi città “normale”, invece di eclissarsi con tutta la sua squadra impedendo addirittura la normale attività del consiglio comunale.

    74. @federico: credo di averlo visto al circolo, potrei sbagliarmi ma penso fosse lui…

    75. @stefania Petix
      Infatti adesso che abbiamo “eliminato” il penale, resta la possibilità del civile, che sebbene di lunga percorrenza, quando arriva può fare molto male alle tasche dei responsabili. Si deve continuare. I palermitani non devono pagare più di quanto non abbiano fatto sinora.

    76. io qualche dubbio sul fatto che sia stato eliminato il penale ce l’avrei… non è che la magistratura lavora alla luce del sole, io credo che ci sia ben altro che il falso il bilancio nel gioco delle tre carte delle partecipate palermitane… e comunque per pagare conti e stipendi alla fine ci vogliono i soldi veri, le chiacchiere servono a poco…

    77. Infatti la magistratura sta lavorando ancora e indubbiamente c’è molto d’altro e di peggio. Quello che ironicamente definivo l’eliminazione del “penale” in realtà era solo un modo per dire che al di là della querela vi sono altri spazi di azione legale. Ho avvertito questa necessità perchè parlando in giro molti considerano persa la partita e io sono d’accordo con Federico che la partita non è persa per nulla.

    78. […] Ispirato dalla recente vicenda che ha visto coinvolti il sindaco di Palermo e l’Amia (querela sì/querela no) la canzone è diventata Ca mma ra […]

    Lascia un commento (policy dei commenti)