martedì 30 set
  • Verso il Lombardo bis

    Sono trascorse le 48 ore indicate dal presidente della Regione Raffaele Lombardo come tempo per la ricomposizione della crisi alla Regione. Lombardo aveva chiesto le dimissioni alla maggior parte dei suoi assessori e ieri ha ritirato le deleghe a chi non le aveva ancora presentate.

    Sono circolate indiscrezioni sulla composizione della Giunta e sull’assenza dell’Udc nella stessa ma si attendono le decisioni del vertice de Il Popolo della Libertà che è iniziato da poco a Roma. All’incontro sono presenti i coordinatori nazionali Ignazio La Russa, Sandro Bondi e Denis Verdini e i coordinatori siciliani Giuseppe Castiglione e Domenico Nania, oltre a Fabrizio Cicchitto, Italo Bocchino, Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello.

    Il presidente dell’Ars Francesco Cascio ha intanto convocato una seduta straordinaria d’urgenza per giovedì 4 giugno.

    AGGIORNAMENTO n.1: una nota dopo il vertice afferma che «il Pdl ritiene inaccettabili modi e tempi prescelti dal presidente Lombardo», che «il presidente Lombardo ha annunciato l’intenzione di procedere alla nomina di un nuovo governo regionale senza condividerla con la forza politica maggioritaria che lo ha eletto e che, in seguito, lo ha sempre sostenuto. Tutto ciò accade a pochi giorni dalle elezioni europee, mentre lo stesso Lombardo è alla ricerca del quorum elettorale del 4% per la propria lista». Il coordinatore siciliano Castiglione ha aggiunto: «Chiediamo una verifica il giorno dopo le elezioni. Vogliamo mantenere ferma la coalizione, ma bisognerà aprire un tavolo di confronto, convocare tutti gli alleati e concordare un programma. Un governo non può partire dalla nomina deglia assessori» e ha precisato che chi entrerà in Giunta adesso «lo farà a titolo personale ed è fuori dal partito».

    AGGIORNAMENTO n.2: Lombardo si è riservato di utilizzare ulteriori 48 ore e ha detto di essere in contatto con PdL, Udc e Pd.

    Sicilia
  • 9 commenti a “Verso il Lombardo bis”

    1. non sono uno di quelli che dice 12 volte al giorno “il governo dovrebbe dimettersi” (alla Veltroni…mo invece con Franceschini siamo scesi direttamente all’insulto personale…di bene in meglio)…anzi ste persone mi danno sui nervi!
      Tuttavia in un paese civile Lombardo avrebbe dovuto avere l’OBBLIGO di dimettersi e di rimandare il tutto al voto! Non hai più la maggiornaza di goversno, il tuo partito perde pezzi, vi scannate come i cani tra di voi…e lui che fa? Rimpasta il governo…BELLA SERIETA’

    2. Sbaglio o ieri Lombardo aveva al braccio destro un braccialetto rosso “antimalocchio”? :D

    3. Che nomini i nuovi assessori giovedì, pero’ che dalla prossima settimana (giugno), comincino a pubblicare i benedetti bandi del P.O. 2007-2013.
      A differenza della Sicilia e delle sue interminabili lotte politiche-partitiche intestine, guardate come prosegue spedita la Regione Puglia e quanti bandi pubblica:
      http://www.regione.puglia.it/index.php?page=curp&opz=lista&caid=101

      Da questo si vede quando una regione si da da fare per i propri cittadini e per le proprie imprese. E da null’altro!
      A sbloccare i miliardi di euro dei fondi FAS destinati alla Sicilia che ci pensi Lombardo direttamente con Tremonti e Berlusconi, ma sugli oltre 6 miliardi di euro del P.O. 2007-2013 che gli Assessori e relativi Assessorati e relativi dirigenti regionali comincino a lavorare sodo e duro.
      Entro luglio vogliamo vedere i bandi pubblicati. Senno’ questi fondi non spesi, nel 2014-2015 ritorneranno a Bruxelles senza pietà, come già tristemente avvenuto per il POR 2000-2006.
      Questo è quello che conta di piu ora, subito, il resto sono solo chiacchiere inutili.
      Perchè nel 2015 non ci saranno piu’ fondi FAS, ne’ altri Programmi Comunitari per la convergenza economica Sicilia al resto d’Europa.
      Cio’ significa ca n’ama friiri cu l’ogghiu ca avemu. E la la vedo molto molto dura per una regione che dalla nascita della Repubblica ha campato sempre di assistenzialismo.

    4. Ma del resto, dato che da noi si è già iniziato ad andare al mare, avremo anche il governo regionale “balneare”…

    5. @Tony: ce l’aveva il braccialetto, e in seconda serata, da Vespa, Casini ne aveva uno simile…

    6. sarà un’implosione terribile, ho già messo le assi alle finestre per resistere alla forza d’urto.
      SIENTI U BUOTTU ……..

    7. Sandra, concordo pienamente.

      Se Lombardo, con questo azzeramento riuscirà a formare una giunta che lavora per i siciliani, avrebbe centrato l’Obiettivo. Certamente penso abbia almeno l’obbligo di provarci.
      Se dopo non dovesse più trovare una maggioranza, ovvio, dovremo tornare a votare.
      Dovremmo però ricordarci i nomi di chi ha bloccato fondi, di chi non ha lavorato, di chi ha fatto ostruzionismo occulto.
      Senza farci ipnotizzare dagli amici e dagli amici-degli-amici.

    8. Oggi mi hanno dato l’incarico di Assessore regionale(Sicilia)alla famiglia(quella mia)

    9. E’ davvero una vergogna Sandra…mi viene da pensare che siano proprio i Fondi Europei a creare le crisi di Governo Regionale…e intanto la nostra Economia sta collassando definitivamente, i giovani non hanno altra prospettiva che quella di lasciare la loro terra e le imprese soccombono inesorabilmente…il tutto per il gioco delle poltrone che poco ha a che fare con i reali bisogni della nostra amata Sicilia…vergognatevi buffoni, ci state uccidendo!!!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.