sabato 19 ago
  • 100 giorni da assessore a Balestrate

    Ebbene sì, sono trascorsi i primi 100 giorni da quando ho letto, nella stanza del segretario comunale, il giuramento che in pratica faceva di me ufficialmente un assessore comunale del mio paese. 100 giorni e son volati, fra i primi approcci con gli uffici e la conoscenza dei vari dipendenti comunali, non è facile districarsi fra i meandri della burocrazia, stretti fra determine, proposte, delibere, regolamenti, prassi e consuetudini…sarà per la giovane età, sarà per il modo di fare, ma devo dire che con gli impiegati e i dirigenti ho instaurato un buon rapporto fin da subito e questo mi ha agevolato nel capire come ci si muove fra una stanza e l’altra, anche se qualche “gaffe burocratica” era messa nel conto…e prontamente è arrivata. 🙂

    Già dai primi giorni mi son trovato a discutere di PIT, bilancio, ricorsi sul porto, strada di accesso al porto, scuola alberghiera, Piano regolatore generale e non sempre è facile comprendere i tecnicismi usati, saltando con la mente fra le mie nozioni giuridiche (discrete), economico-finanziarie (divertentissimo il calcolo per le spese di refezione scolastica!) e urbanistiche (no comment).

    L’obiettivo principale che mi sono posto è provare a far uscire al di fuori dal palazzo comunale tutto ciò che si fa, rendendolo più chiaro, più comprensibile, più “partecipato” a tutta la popolazione, dedicandomi in special modo a quella fascia giovanile così lontana dal mondo della politica e del “burocratese”, abbiamo messo mano, dal giorno dopo del mio insediamento, alle modifiche sul portale del comune (www.comune.balestrate.pa.it) vera e propria vetrina istituzionale, affiancandolo alla creazione della pagina ufficiosa del Comune di Balestrate e di un account Facebook (Cittadinanza Attiva Comune di Balestrate), creando un apposita pagina con le segnalazioni dei cittadini, che non ha fatto che aumentare l’interazione fra questi e l’amministrazione.

    Abbiamo approvato un importante atto di indirizzo che ci pone all’avanguardia rispetto a tante altre realtà siciliane, prevedendo l’attivazione di caselle di posta elettronica certificata e di firme digitali, indispensabili per predisporre il terreno alla cosiddetta “dematerializzazione”, con conseguente abbandono della carta e una conseguente velocizzazione delle comunicazioni e risparmio economico-ambientale, entro la fine di giugno prevediamo di dotare i nostri uffici di questi importanti strumenti.

    Forte è stato l’impegno per i giovani di Balestrate: con l’approvazione all’unanimità in Consiglio Comunale della “Carta europea di partecipazione dei giovani alla vita amministrativa locale e regionale” si sono gettate le basi per un reale ruolo da protagonisti dei ragazzi all’interno della nostra comunità, il primo strumento di cui il comune di Balestrate si doterà sarà il Consiglio dei Giovani, il cui relativo schema di regolamento è stato approvato in giunta proprio un paio di giorni addietro, composto da 15 ragazzi e ragazze di età compresa fra i 14 e i 30 anni, eletti dai propri coetanei, un organo ufficiale con funzioni non solo consultive, ma anche propositive nei confronti dell’amministrazione e del Consiglio Comunale, un’opportunità di crescita, di formazione e di partecipazione attiva all’interno della comunità, le elezioni dovrebbero svolgersi il prossimo autunno.

    Il processo di avvicinamento dei giovani al mondo delle istituzioni passa anche attraverso la realizzazione di una vera e propria giornata dedicata a tutti i neo maggiorenni, “18 volte cittadini” il nome dell’iniziativa, l’ingresso nel mondo degli adulti festeggiato con la consegna di una copia personalizzata della Costituzione della Repubblica e dello Statuto Siciliano.

    Importante l’iniziativa in favore dei giovani disoccupati, utilizzando l’ammontare delle risorse derivanti dal 5 per mille destinate al Comune di Balestrate verrà avviato, nella prossima stagione estiva, un progetto denominato Giovani e Attivi. I giovani ammessi in graduatoria utile, che avranno un compenso mensile di circa € 300,00, saranno avviati in vari ambiti: dalla manutenzione alla custodia di beni pubblici, da prestazioni di servizi ausiliari nel settore sociale a servizio di informazioni turistiche.

    Proveremo a liberare la creatività dei nostri giovani artisti, realizzando il concorso di idee per la creazione del logo ufficiale dell’assessorato alle Politiche giovanili del Comune (bando).
    Abbiamo lavorato, da protagonisti, alla costituzione del raggruppamento di Comuni, Associazioni e Cooperative per la partecipazione al bando Giovani protagonisti di sé e del territorio predisposto dall’Ass. regionale alla Famiglia, che se verrà finanziato vedrà nascere a Balestrate un centro di aggregazione giovanile, con annessi laboratori artistico-culturali ed internet point-free, oltre ad attività di prevenzione e salvaguardia della salute, sostegno alle attività sportive e alle realtà associative locali, nonché iniziative per l’educazione alla legalità.

    Per le associazioni, dopo un primo incontro “conoscitivo” a metà aprile, stiamo predisponendo la nascita del “Forum delle Associazioni”, con lo scopo di coordinare le tantissime attività del vero motore del nostro paese. Tante le iniziative delle associazioni promosse dall’amministrazione, dalla splendida edizione di Carnevalandia (III Millennio) alla festa di San Giuseppe (Pro Loco-Congregazione), dalla Via Crucis (Sac. F. Evola) alla StraBalestrate (Ass. Sportiva F. Evola) fino alla commemorazione per l’app. Bommarito e all’iniziativa “Mille fiori per mille bambini” (Auser), che ha visto i nostri bambini diventare per due giorni (30 maggio e 2 giugno) i protagonisti della comunità, rendendo più bello e pulito il nostro paese, piantando centinaia di fiori e piantine in tutte le aiuole.

    Tante sono le sfide che si avvicinano, dai cantieri di lavoro, che daranno un grande contributo ai disoccupati balestratesi e che permetteranno di realizzare diverse opere importanti per il nostro territorio, dalle opportunità offerte dal Fondo Sociale Europeo, alle iniziative per la realizzazione di un impianto di videosorveglianza che permetta di sconfiggere il vandalismo, alla realizzazione di una rete wireless, vera e propria rivoluzione culturale e tecnologica.
    Tanto può e deve essere fatto, sono consapevole che spesso non sarà facile (come è già capitato…) far “passare” la propria linea, ma sono ancora più convinto che le buone idee vanno sempre in porto , per questo spero nel supporto da parte di tutti i cittadini, perché non si ha la bacchetta magica e neanche si è scienziati, ognuno di noi può avere una, due, mille idee positive e valide che possono creare un vero sviluppo non solo per Balestrate. Il gioco di squadra quando si amministra una comunità è fondamentale, bisogna saper ascoltare le esigenze, le perplessità e le proposte dei cittadini, solo insieme riusciremo a far fare il salto di qualità al nostro territorio.

    Ospiti
  • 10 commenti a “100 giorni da assessore a Balestrate”

    1. Non mi interessa nemmeno sapere di quale gruppo politico tu faccia parte, ma mi piacciono le idee e mi piace questo modo di fare politica e darne evidenza ai cittadini…
      complimenti…
      Vito

    2. Quoto in pieno Vito Africa e auguro a Vito Rizzo ogni bene nella sua meritoria attività politica.

    3. I miei più grandi complimenti all’amico e al politico, sono sicuro che scriverai tante altre pagine ricche di spunti, di iniziative e soprattutto di successi. Continua così 😉

    4. sono una totuccia che in estate e a Natale sbarca a balestrate dove posseggo un appartementino da circa vent’anni.
      Devo dire che ultimamente i miei impegni non mi permettono più i tre mesi canonici, anzi, in qualche occasione nemmeno i tre giorni di ferragosto.
      Quello che voglio testimoniare è il cambiamento che ho vissuto in questo paesino.
      Vero è che tanto è stato fatto, ma è pur vero che qualche ideuzza per dare una spinta in avanti specie per quanto riguarda le idee estive ce l’avrei! vista l’apertura di vito (anche se penso che probabilmente qualcosa già gli frulla in mente) vorrei avere la possibilità di parlarne con qualcuno “sintùtu” e non solo per fare 4 chiacchiere in piazza o col vicino che finiscono per degradare balestrate anzicchè aiutarlo.
      Ti va, Vito?

    5. Il tuo sforzo sincero di comunicare e di condividere la tua esperienza amministrativa è veramente ammirevole.
      Ma leggendoti non posso fare a meno di notare che, in mezzo a tanta “fuffa” (forum, carte dei servizi, tavoli tematici), l’unica cosa che mi sembra di sostanza è l’impiego dei fondi del 5 per mille.
      Possibile che non ci sia altro ? Possibile che un Assessore possa contare solo sulla “questua” presso i contribuenti ?
      E tutte le risorse che le Amministrazioni incamerano con la fiscalità, come vengono impiegate ?
      Detto questo, in bocca al lupo e buon lavoro ?

    6. L’ultimo punto interrogativo è ovviamente un refuso.

    7. un grazie a tutti coloro che hanno commentato quest’articolo, in special modo a giovanni (l’unico che conosco fra questi!).
      rispondo a luisa dicendo che non c’è alcun problema anzi, ben vengano le idee di tutti per lo sviuluppo del nostro territorio, contattami su FB e ci organizziamo. Ad Antonio rispondo dicendo che quella che chiama “fuffa” per me è partecipazione attiva dei cittadini…in special modo dei ragazzi e delle associazioni di volontariato…ognuno di noi può dare un qualcosa, non sfruttare queste occasioni sarebbe un peccato, cmq che ci sia un “problema” di attenzione, in termini di risorse, verso le problematiche giovanili è arci-noto, stiamo provando a sfruttare tutte quelle opportunità messe a disposizione dalla regione e dall’UE per affrontare al meglio questa sfida, 3 esempi su tutti: i cantieri di lavoro, il fondo sociale europeo con il cosidetto work-experience, e l’APQ giovani

    8. Condivido pienamente tutti gli interventi…ma il primo mi ha colpito, e descrive meglio Vito nel suo modo di essere e di fare…complimenti!

    9. E’ difficile, non si ha la bacchetta magica, ne hai ancora strada da fare. Quello che è stato fatto a Balestrate è stato già vissuto in altre realtà e poi tutto è andato a perdersi. Hai ancora tempo per fare qualcosa di nuovo.
      Regala la connessione internet a tutti. L’informazione porta conoscenza, la conoscenza porta idee e benessere. Porta innovazione tecnologica con il wi-max, questa si sarebbe una vera rivoluzione.
      In bocca al lupo.

    10. sugl hot-spot gratuiti ci stiamo lavorando…spero di darne notizia a breve!

    Lascia un commento (policy dei commenti)