lunedì 21 ago
  • Abbonati

    Lido a Valdesi

    È domenica mattina e il mercato non si è affatto svegliato (come invece vorrebbe una canzone) ma in compenso si sono svegliati quei non pochi palermitani che, dopo tanto tempo e tanta attesa, vogliono godersi il Nuovo Lido Valdesi.

    Per anni avevano commentato “Ma sempri ‘sti capanni? E quand’è che diventiamo come le altre città di mare e ci costruiscono il lido con le sdraio da affittare a giornata e gli spogliatoi??”.
    E gli altri avevano risposto: “Mah!! È ca s’ann’a manciari ‘i picciuli…”, che probabilmente in questo caso non c’entrava una mazza. Ma è frase consueta che viene spesso usata in tanti contesti. Ci sta sempre bene insomma.

    Anche il sottoscritto, armato di buona volontà e soprattutto rinunciando a una dormita più lunga, si è diretto alla volta del primo vero grande lido di Valdesi (il precedente era striminzito)…bello…bianco…attrezzato. Aaahhhhh già si pregustava un certo relax.

    Arrivati alle ore 9:45 ci precipitiamo alla cassa senza neanche ancorare bene lo scooter con misure anti-“gratteggio” e proprio lì arriva la sorpresa più brutta.
    Una ragazza abbronzata (quasi ti volesse far venire lo spinno del sole) ti dice: “ Si mette in lista?”.
    COMEEEEEEEEEEEEE?!??!?!!?!? IN LISTA?!?!??!?!?!
    Ma lista de che (o “lista pi cu?!?!” nel nostro slang)??
    Mentre ancora non connetto e guardo la spiaggia con almeno 30 ombrelloni e relative sdraio vuote, senza nessun cliente spaparanzato sopra, e mentre ancora mi stavo quartiando per vedere quale spazio puntare e fiondarmicisi sopra (usanza tipica), arriva sta botta a sangue freddo!

    Gli altri clienti che si erano già ripresi dalla notizia cominciavano a studiare valide alternative (poche) e cercavano di far stare fermi i picciriddi che erano già “smossi” e volevano giocare sulla sabbia con paletta e secchiello.

    Ovviamente come ogni buon palermitano che si rispetti occorre fare la domanda alla ragazza della cassa: “Signorina com’è che c’è il turno e tutti quegli ombrelloni sono vuoti?”.
    La signorina pronta risponde “Abbonàti !!!” (ma poteva anche essere letto “Abbònati” con un sottinteso “altrimenti non vedrai lustro”).

    Gli abbonàti hanno speso più di 200 euro per due settimane in modo tale da avere un “posto al sole”, come dicono su RaiTre. Gli abbonati sono con probabilità ex cabinisti ai quali è stato detto “da quest’anno non avrai più un cortile e un tetto sopra la testa”.

    E va be’…a quel punto…cosa gli vuoi dire? O ti metti in lista o “canci strata”.

    Ma no!!!! Iniziano a levarsi in coro proteste varie: “Qualcuno mi sentirà”, “So io con chi devo parlare! E faccio intervenire la polizia”, “Queste cose succedono solo da noi”, “È uno schifo, e a che ora ci dobbiamo alzare? Alle sette?”.

    All’ultimo cristiano magari non potrei dar torto. Non ho invece capito ancora cosa poteva ottenere la signora che voleva fare intervenire le forze dell’ordine.
    Voleva fare mettere in lista pure lo sbirro? Voleva fare arrestare la signorina della cassa? Boh!

    Attendiamo qualche altro anno se è vero com’è vero che toglieranno sempre più capanne per dare spazio a questo Grande Lido.

    BUONA ESTATE!!!!!

    Ospiti
  • 9 commenti a “Abbonati”

    1. Beh…da un lato mica hanno torto…se allo stadio ci sono 10.000 posti e ci sono 9.000 abbonati verranno venduti 1.000 biglietti e se gli abbonati decidono di non andare allo stadio i posti restano vuoti anche perchè se poi uno che ha sborsato ‘rucianto euri per 15 giorni di “agrodolce” privilegio di un “posto al sole” (cifra scandalosa per il servizio offerto…sulu sulu che o arrivi in elicottero o arrivi in scooter e paghi pizzi vari o arrivi alle 5 ‘ra matina o ti fai 12 km a piedi) arriva e la giovine attrunzata gli dice “no mi scusi ma il suo posto ce lo siamo venduto”…quello chiama la Delta Force e chiede a Chuck Norris di smontare tutto il lido…
      Dall’altro lato è vergognoso che ad oggi tutte le strutture, capanne e sdraio, siano ancora in mano ad una sola società che, in questo modo, può permettersi di gestire la spiaggia come se fosse “cosa sua” imponendo prezzi e regole come meglio crede!

    2. Io ho rinunciato da anni ad andare a mondello,vado fuori città dove c’è acqua pulita e meno “tasciume”

    3. quoto beny!
      solo solo per l’immagine della Delta Force che smonta il lido a colpi di mitraglia, i gestori che rispondono a colpi di pannocchie e Chuck Norris che urla “kkissukkavuri sti polllaaaaanchi!”

    4. Alby, sei certo che nei posti fuori città dove vai, non sei tu ad essere considerato tascio?
      Io non vado a mondello perche’ e’ impossibile parcheggiare a volte neanche la motocicletta, perchè non ha senso per me la capanna ed il cortile e perchè la battigia pubblica è traficata più di via perpignano.
      Per il tasciume, premesso che ognuno ha un proprio parametro in tal senso, penso che anche andando a 300 km, ne troviamo “a tignite'” (kittascio…).

    5. si deve prenotare per andare al mare, si deve essere in lista per andare al mare, ci si deve alzare alle 7 del mattino per accaparrarsi un posto al mare e se vai a mondello il mare nemmano lo vedi perché ci sono le ringhiere e le capanne.
      che schifo, siamo su un’isola circondata dal mare e dobbiamo essere in lista per andarci.
      Anche la riviera romagnola è organizzata con i bagni, arrivi ti prendi il tuo lettino e il tuo ombrellone e ti metti sulla battigia a prendere il sole.
      Sì ho detto battigia, capisco che a mondello non si conosca il significato di questo termine, ma ve lo giuro esiste, io l’ho vista!
      Non sto elogiando il mare della romagna che fa schifo ed è verde, sto elogiando l’organizzazione di una regione che è riuscita dal mare a trarre benefici economici, e non solo, facendo pagare un lettino 3 euro (e dico 3 euro!!) tutta la giornata.
      Io personalmente continuerò ad andare agli scivoli, mi incazzerò per le bottiglie di plastica abbandonate, ma non dovrò essere in lista o ben vestito per farmi un bagno.

    6. @Alby: lo demoliscono con la XT nera con fari UV e missili!! Non so se hai presente…

    7. vedo che le novità di mondello offrono nuovi spunti, magari ne viene fuori un numero 2, una specie di continuazione, del mio precedente libro “Miracolo a Mondello”. 🙂

    8. Caro Marco,stai tranquillo che quando vado a mare o in qualsiasi altro posto non urlo,non parlo in dialetto stretto e non do fastidio a nessuno!!!

    9. io (quando posso!!) mi alzo presto, prendo l’806 e vado a capo gallo. Entro dagli scogli, senza pagare, perchè, non è x i 50 cent, ma mi pare assurdo pagare x camminare 50 mt; e mi cerco un posto sugli scogli piatti. Non sarà comodissimo, ma è gratis e c’è una certa pace; gente abbastanza poca, e tranquilla. Capisco che chi ha bambini piccoli non lo può fare, ma tanto io non ne ho!

    Lascia un commento (policy dei commenti)