lunedì 21 ago
  • Amare

    È sempre stato lì, per tutti questi anni, personaggio quasi scontato della mia quotidianità. Lo vedevo praticamente ogni giorno. A volte solo per pochi minuti, il tempo di uno sguardo sfuggente. A volte per giornate intere, persa nel suo abbraccio, ore ed ore. Il suo profumo inconfondibile, se pur a volte così diverso, mi ha sempre ridestato sensazioni di serenità, allegria, complicità. E ricordo perfettamente ogni tonalità della sua voce. Solitamente così soave, quasi un sussurro. Ma a volte così irruenta, capace di attirare l’attenzione di tutti i passanti su di lui. Non saprei dire quando ho iniziato ad amarlo sul serio. Probabilmente da sempre, anche se lui non se ne accorgeva. Alla fine lo conosco da una vita. Da quando da bambini giocavamo insieme pomeriggi interi. E quando da ragazzina saltavo la scuola per incontrarlo. E lui c’era sempre per me. Con quei suoi occhi blu, cangianti insieme al cielo, profondi quanto basta per perdercisi dentro. E solo adesso, che sono lontana, mi rendo conto di quanto davvero mi manchi. Di quanto vorrei poter scappare da lui, anche solo per pochi attimi. E aspetto, col cuore pieno di amore, il momento in cui potrò abbracciarlo di nuovo. Sicura di emozionarmi, come qualche tempo fa, quando tornando finalmente nella mia amata isola, l’ho rivisto. Lui, il Mare.

    Ospiti
  • 19 commenti a “Amare”

    1. E’ veramente bellissimo questo pezzo,lo leggo con le lacrime agli occhi…..quanto manca anche a me il mare!

    2. Gran bel pezzo, esprime perfettamente il sentimento di moltissimi siciliani emigrati in altre città.

    3. torna presto, io non mi muovo resto sempre qua ad accompagnare il l’alba e il tramonto… ti aspetto!

    4. Bellissime parole,piene d’amore…..

    5. Bellissimo, struggente.
      Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi.
      Brava!

    6. Mi è piaciuto molto, frasi così belle nascono solo dal cuore, vuol dire che lo ami davvero…anche per me è l’amore di una vita mi ha insegnato tanto e tanto ogni giorno ha ancora da dire a tutti noi. Nel creato è la meraviglia che più esprime l’onnipotenza e la magnificenza di Dio, capace come lui solo sa di farci sentire a volte grandi e altre piccoli… Ciao Alice grazie per le belle emozioni.

    7. Lui invece è sempre di fronte la mia finestra d’ufficio che mi guarda, mi guarda sempre fino al punto da dirgli “chi ci talìi? Non hai niente di meglio da fare?”
      ma lui se ne infischia di cosa gli dico, è prepotente ed invadente. Allora, quando mi sento troppo osservato abbasso la tenda “accussì ci finisci stu spettacolo”!
      Ma appena alzo di nuovo la tenda rieccolo. “Tinnagghiri tti ho detto!” Niente, fiato perso, non se ne vuole andare. Qualcuno lo vuole? Venitevelo a prendere, tanto io ormai sono stufo della sua visione. Ho la nausea di lui. Deformazione professionale? Boh, forse, di fatto non mi fa più effetto lui, il mare.

    8. Mi ci immergo e lo accolgo come figlia e madre. Mi lascio andare nella mollezza dell’onda calma e lui mi tiene su come un padre tiene la sua bimba. Quanta familiarità c’è nel mio mare.

    9. Grazie tantissimo Chiara, Immortal Bard,Rossella, Lisa Simpson e ObiOne! è bello condividere sensazioni Simili!Rob lo snob, io lo prendo volentieri 😛 Laura, davvero un bel modo di descriverlo!

    10. Peppe p. hai colto in pieno, grazie! S.Pister 🙂

    11. Come ti sento vicina, cara Alice..il mare manca tanto anche a me..è sempre stato la culla dei miei sogni, dei miei desideri, delle mie speranze.. Speranze.. Come quella di poter un giorno tornare da lui.. per non andarmene più..Ti abbraccio

    12. ma coooosa è quell’arrivo con l’aereooooo
      cosa è???

      bravissima alice!

      brava brava!

    13. quando lo vedi dalla finestra il mare è così, ci puoi fare poesia e dipingere quadri, perchè ne senti forse l’odore da lontano…quando gli stai dentro, nelle sue viscere, nel cavo dell’onda che senti con le orecchie e con il culo prima di risalirla, perchè già senti quella che sta arrivando dietro e la devi anticipare, e non vedi la terra perchè l’hai lasciata da tanto, puoi amarlo alla follia o pensare che sia uno stronzo traditore, a volte puoi quasi sentirlo un nemico, poi la sburianata passa e pensi che anche lui respira..a volte respira veramente forte, ed è giusto così…lui canta e ti chiama ma non ti obbliga a lasciare il porto….

    14. Forse=forte

    15. Stefania, ti abbraccio tanto anche io! Pollo, grazie mille 🙂 Stalker, bè interessante punto di vita 🙂

    16. no no…la SviSta viSta VITA ci stava tutta! 🙂
      ciao

    17. Ci sono periodi in cui mi manca così tanto che lo sogno la notte. Oppure lo vedo all’orizzonte anche dove non c’è!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Amare, 5.0 out of 5 based on 2 ratings