martedì 17 ott
  • La mia opposizione all’aumento dell’addizionale Irpef

    La delibera di Giunta proposta dal Sindaco Cammarata al Consiglio Comunale di Palermo, in merito al raddoppio dell’addizionale IRPEF dallo 0,4 allo 0,8, è inaccettabile.

    Ci troviamo di fronte all’ennesima “trovata” di un amministrazione che anziché amministrare per la città e i cittadini, le escogita tutte per amministrare “contro” inventandosi, pur di far cassa a tutti i costi, provvedimenti che hanno nella vessatorietà nei confronti dei cittadini il loro minimo comune denominatore, gli ultimi in ordine cronologico: ZTL, TARSU e adesso IRPEF.

    Nonostante i reiterati inviti al dialogo di inizio legislatura e gli appelli a dare un colpo d’ali nella formazione di una Giunta di qualità composta da soggetti in grado di mettere in campo proposte ed azioni per uscire dalla crisi che attraversa la città, il Sindaco si è dimostrato succube dei partiti e prono alle loro scelte, aggravando di fatto una situazione già di suo drammatica.

    Il problema vero, che ormai è sotto gli occhi di tutti – anche di quanti in buona fede hanno rinnovato la loro fiducia a questo Sindaco in occasione delle ultime amministrative – è che questa città ormai è una nave senza timone priva di una guida autorevole che la rappresenti in città e fuori dai confini cittadini.

    Le ragioni del no, a questa ulteriore aumento della pressione fiscale, sono chiare e penso condivisibili da tutti, come è emerso anche da un tavolo a cui hanno partecipato le forze sociali, il provvedimento è inviso a tutti e non è giudicato necessario in un momento in cui il paese tutto – ma a maggior ragione le sue aree deboli, e purtroppo la Sicilia e Palermo si inseriscono di fatto a pieno titolo in questa categoria – attraversa una crisi generalizzata che colpisce soprattutto le famiglie e il reddito.

    La mia opposizione all’aumento dell’addizionale IRPEF, ultimo in ordine di tempo fra i provvedimenti succitati, trova le sue ragioni nel fatto che questo, come tutti gli altri, non ha il suo fine ultimo nel reperire fondi per attivare investimenti o partecipare a co-finanziamenti per acquisire risorse dall’U.E. ai fini della realizzazione di importanti opere infrastrutturali, ma servirebbe solo ed unicamente per tappare i buchi – fra l’altro in via del tutto provvisoria come già avvenuto con gli 80 milioni di € stanziati dal governo nel decreto mille proroghe e già fagocitati nella voragine di AMIA – causati da una gestione delle aziende che fin qui è stata deficitaria, sia per quanto attiene la scelta degli pseudo-manager dove il criterio di valutazione è stata l’appartenenza anziché la competenza, sia per quel che riguarda l’uso strumentale ai fini della politica che si è fatto di queste aziende.

    A proposito di uso strumentale delle aziende ai fini politici e origini del deficit – visto che il Sindaco Cammarata la usa strumentalmente -, è bene fare una piccola precisazione sulla vicenda dei precari che avrebbe ereditato dalle precedenti amministrazioni. Questo argomento è debole ed appare come la classica foglia di fico dietro cui ci si vuol nascondere, in ragion del fatto che al di là delle stabilizzazioni fatte negli ultimi otto anni che, è bene precisarlo,sono state effettuate con fondi che gravano sulla finanziaria nazionale e non sul bilancio Comunale come vogliono far credere; nelle Aziende Comunali, sono state fatte quasi mille assunzioni di cui la metà per chiamata diretta e gestite senza avvisi pubblici, e l’altra metà, avvenute in AMIA 20 giorni prima delle elezioni amministrative con il passaggio padre-figlio, operazione questa che insieme ad altre, che hanno visto il rilascio di proroghe per concessioni ecc…, ha provveduto a drogare l’ultima campagna per le amministrative.

    La via da seguire è quella dell’ottimizzazione delle risorse e del taglio delle spese superflue a partire dalle aziende partecipate che – voglio ricordare – versano tutte in condizioni economiche disastrose. Occorre dare un taglio deciso all’uso delle consulenze esterne laddove non servono. Negli ultimi otto anni si è fatto un “uso politico” delle consulenze elevandolo a “sistema” attraverso cui distribuire prebende a clientes ed amici. Carrozzoni come GESIP, vengono mantenuti in piedi solo perché sono strumenti attraverso cui si esercita controllo politico, occorre acquisire i lavoratori all’Amministrazione e liquidare le aziende improduttive dando un taglio ai costi dei CdA, e soprattutto si risparmierebbero milioni di € di Iva pagati allo stato. È una strada che alla Regione è già stata percorsa e si può fare anche al Comune. Vedo con favore la possibilità di un amministratore unico per le aziende e di una centrale unica per gli acquisti, tutte iniziative che farebbero risparmiare l’amministrazione senza vessare i contribuenti…

    Sull’IRPEF come già è successo per la TARSU, non ci sono margini e il Partito Democratico farà un’opposizione durissima per scongiurarne l’approvazione. Non è pensabile di poter continuare a usufruire delle tasche dei cittadini (i non evasori), come se fossero un bancomat da cui attingere con provvedimenti estemporanei. Il reperimento delle risorse passa anche dalla lotta all’evasione fiscale.

    Ospiti
  • 18 commenti a “La mia opposizione all’aumento dell’addizionale Irpef”

    1. Ringrazio il consigliere Faraone per il post e tengo a precisare che post analoghi sono stati richiesti a tutti i componenti del Consiglio comunale e che siamo disposti a pubblicare post che ci pervengano sia dai consiglieri che dagli amministratori, sindaco incluso.

    2. Al di là del merito del post – che condivido – mi sembra una buona idea quella di dare voce alle voci “inside” il palazzo. Spero che attraverso i mezzi che la tecnologia mette a disposizione si possa avviare un dialogo più profiquo e costante con i cittadini.

    3. Perché dentro i confini cittadini la rappresenta?
      Franz

    4. annullo non avevo letto bene franz

    5. A quando un post di Tantillo? 😀

    6. Io seguo le vicende del comunque di Palermo da qualche anno, approvo pienamente il vostro operato e vi auguro di aver successo nelle vostre future iniziative!
      Vorrei anche dare un piccolo consiglio:
      Molta gente si beve che l’origine del deficit è tutta colpa di Orlando che ha impiegato gli LSU (una signora con cui ho parlato al supermercato la pensava così) quindi vi invito a ribattere in altre piazze questo argomento come avete già fatto in questo post, perchè purtroppo l’uso strumentale dell’informazione paga!

    7. Consigliere Faraone,
      apprezzo e condivido gran parte del suo intervento. non capisco però bene il passaggio “occorre acquisire i lavoratori all’Amministrazione”. intende dire che i lavoratori della GESIP o di PAlermo Ambiente dovrebbero tutti essere integrati nel Comune? Se si, come pensa di garantire la sostenibilità finanziaria di società che a regime o non dovrebbero esistere (Palermo Ambiente) o dovrebbero funzionare con meno della metà degli attuali impiegati (AMIA)? Capisco che usare la parola “licenziamenti” non farà mai vincere nessuno (men che mai a Palermo) però è anche vero che non mi sembra esista un’alternativa…

      grazie

      luciano

    8. Consigliere Faraone, condivido il suo intervento, però mi spiega perchè lei è allo stesso tempo consigliere comunale e onorevole regionale? so che non è il solo a palazzo delle aquile ad avere due incarichi. Perchè vi è permesso di fare tutto ciò ? non sarebbe opportuno rinunciare a una delle due cariche?? o è sempre meglio appizzare in due minne diverse per mungere sempre di più.

    9. Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    10. secondo me si sta girando attorno al problema, la verità è che la macchina comunale è fondamnetalmente una macchina fabbrica-clientele, invece di metterci la mani in tasca perchè chi governa e l’opposizione non incalza facendo notare che l’amia DEVE fallire e bisogna affidare il servizio ad una azienda privata esterna? Perchè non si fa notare che il servizo verbali della polizia municipale è stato mortificato e che quindi nessuno le paga le multe a Palermo? Senza considerare tutte quelle cose che avrebbero un basso impatto economico ma alto simbolico come le auto blu, i parcheggi garantiti e i pass per i consiglieri comunali e di circoscrizione o i doppi incarichi? Vero è che la maggioranza e il sindaco sono i responsabili ma l’opposizione non mi sembra incalzi l’amministrazione su questi temi ma su altri totalmente strumentali

    11. Oggi questa massa di precari grava sulle tasche di tutti noi cittadini e, visti gli impegni assunti alle nostre spalle da tutte le amministrazioni cittadine precedenti, in un modo o nell’altro è inevitabile che saremo chiamati a pagare. Che ciò avvenga o meno attraverso il tanto discusso aumento dell’Irpef, non mi pare una discussione decisiva.

      I politici locali alimentano il loro consenso con lsu, stabilizzazioni e assunzioni in varia forma senza concorsi.

      Anche Orlando, il migliore sindaco che Palermo si è potuta permettere, non ha resistito alla tentazione,e l’argomentazione che i precari di Orlando erano a carico del Governo nazionale non sposta minimamente i termini della questione: siamo sempre noi che, con le nostre tasse, sovvenzioniamo la beneficenza a persone che entrano nella pubblica amministrazione senza alcuno straccio di concorsi, occupando posizioni che invece sarebbero da assegnare con il criterio del merito. E poi: chi assicura che il governo nazionale continui ad assicurare permanentemente le risorse per finanziare questo spreco ?

      Insomma, ce n’è abbastanza per scoraggiarsi e cedere all’apatia politica. L’unica speranza è che venga fuori una nuova leva di amministratori decisa a farla finita con le “stabilizzazioni”, che dia un taglio netto, e per sempre, a lsu, nuovi precari, clientelismo, e che rappresenti gli interessi di tutta la comunità.

    12. Il problema é il meccanismo clientelare lo sanno ormai tutti, ossia il rapporto di stretta dipendenza voto-elettore-politico-lavoro pubblico.
      Il punto vero é che la macchina pubblica é già in esubero da tempo, e non ha bisogno di altre risorse, che diventano così solo spese a carico di tutti, ed innescano anche un meccanismo perverso anche nei singoli, che invece di cercare lavoro presso privati, o fare esperienza presso maestranze più esperte, entrano de facto solamente nel solo meccanismo clientelare perdendo la propria autonomia di persona e diventando dipendenti da politici in attesa di ‘posti sicuri’.
      Credo che questo secondo meccanismo sia davvero il peggiore in termini sociali. L’idea dell’impotenza personale e la contemporanea idea che trovare un padrone che nonostante numerose sfrustrazioni e cose inutili alla fine darà garanzie, che invece ci si dovrebbe costruire da soli.

    13. Posso invece chiedere al Consigliere Faraone una cosa?
      MI é stato detto che il famoso parcheggio del tribunale che doveva essere un arisorsa pubblica pr la città sia stato diviso un piano ad uso escuso del tribunale ed il resto venduto come box privati ai residenti in zona?
      Corrisponde a verità questa informazione?

    14. UMA ti confermo quanto hai appena detto e non solo, L’impresa ha anche fatto una rinegoziazione con i singoli compratori in quanto sostenevano che il prezzo pattuito r quando hanno venduto non era in linea sia con gli subiti dalle materie prime sia con il valore di mercato attuale. ma la cosa più incredibile che è stato fatto con soldi nostri.

    15. scusate la mia tastiera non funziona

    16. @Luciano La Vecchia
      gentile Luciano,
      penso che licenziare i lavoratori senza trovare una valida alternativa(non dimentichiamo che oparliamo pur sempre di famiglie), non sia una strada percorribile, pittosto si doveva pensare prima a non farne altri com e spiego nel post. A tal proposito ci tengo a sottolineare che io non ero in consiglio ne ai tempi delle coop sociali, nè quando furono fatti i pip, ed anziho denunciato le assunzionifatte in modo clientelare c/o le società partecipate del Comune, assunzioni per alcune delle quali ci sono ancora indagini della magistratura in corso…
      Ribadisco inoltre che se si è scongiurata una nuova potenziale infornata di precari nella P.A. nei giorni scorsi, è stato grazie ad un mio O.d.G. presentato in ARS sulla possibilità di fare le Work experience all’interno della P.A. che il Sindaco (in un sussulto di illuminazione) ha accolto.
      e cmq per tornare ai tuoi dubbi, il risparmio per l’amministarzionein caso di scioglimento di GESIP sarebbe notevolissimo.

      @ DAVIDE
      Gentile Davide,
      dal Comune non sono retribuito perchè ho rinunciato all’indennità.Ti invito a fare una valutazione di merito sul lavoro da me svolto, sia in Consiglio Comunale che in ARS, confronta e fai una media con chi ricopre un solo incarico. Atti e presenze parlano da soli.

      @JimmY Reptile
      Gentile Jimmy,
      se mi consenti, sei poco attento.
      Io penso che l’opposizione tutta, in questo momentostia lavorando benissimo, poi se ci si deve lamentare per partito preso questo è un altro discorso…Ti ricordo che abbiamo fatto saltare l’aumento della TARSU (a proposito tu c’eri alla manifestazione?); che abbiamo fatto saltare l’aumento dell’addizionale IRPEF, e che tutti gli atti vengono passati ai raggi X come non era mai stato fatto prima d’ora.
      Sulle auto blue i pass sono state condotte battaglie mai fatte prima, per tua informazione sono stato l’ultimo a ritirare il pass dopo mesi che gli altri Consiglieri lo avevano fatto, e solo dopo aver fatto una battaglia per far approvare il regolamento che ne disciplina l’utilizzo. Ti invito in merito a verificare chi ha fatto la denuncia sullo scandalo dei pass e poi ne parliamo…

      @UMA
      Gentile Uma,
      Sul parcheggio del tribunale è stato consumato un sopruso sulla testa di cittadini e soprattutto di quelli residenti in zona, a favore di GECOPRE/APCOA.
      La storia è articolata, per sommi capi, a fronte di una ri-negoziazione avvenuta fra il tribunale, il Comune e la società che ha realizzato il parcheggio, che vedeva quest’ultima cedere un centinaio di parcheggi (forse 128 o 148 non ricordo, agli uffici del tribunale, il Comune in seguito ad un contenzioso che era insorto per la perdita di questi posti coperti, ha ritenuto di compensare la società della perdita di questi posti, dandogli la gestione di circa 2770 stalli in superficie (la convenzione iniziale ne prevedeva circa 800..)

      scusate per il ritardo nelle risposte

      davide

    17. Carissimo omonimo, di nome, grazie per la risposta perchè non me l’aspettavo proprio. Mi fa immensamente piacere sapere che lei non percepisce nulla come consigliere comunale, ma mi fa sempre rabbia il fatto che possiate avere due incarichi. Non metto in dubbio il suo buon lavoro svolto in entrambi gli incarichi, ma se fossi io il legislatore limiterei a tutti quanti un solo incarico.
      E’ possibile avere un contatto privato con lei??? anche via email.
      Davide

    18. @davide
      le mie email e i miei contatti telefonoci sono pubblici cmq…
      davide.faraone@libero.it
      3355416614

    Lascia un commento (policy dei commenti)